Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Diario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

CACCIA, AMORE E GELOSIA


giovedì 9 luglio 2009
    

Lei era seduta perplessa, stupita, irritata, scacciata arrabbiata, proprio ‘nfufa, lui si era abbandonato con La testa sulla sua spalla e dormiva ronfando beato Anche stasera, ancora, questa era già la terza volta in pochi giorni.  E no con da I‘ua! Erano insieme da appena due mesi dopo un colpo di fulmine. Bruno si era trasferito per lavoro lì in paese, si erano piaciuti subito e da allora quando lui veniva a casa sua non era certo per dormire sul divano! Ed ora cos’era accaduto? Quella sera lei si era messa la camicetta rossa sbottonata maliziosamente sul balconcino nero che le era costato un occhio e che tra l’altro le provocava un prurito temendo con tutto quel pizzo, gli aveva preparato una cenetta e lui dormiva? La ragazza si alzò di scatto, lui piombò sul bracciolo della poltrona e si svegliò di botto —Scusa colpa del trasloco, devo sistemare casa, il lavoro nuovo.-  Le disse balbettando assonnato.  Lei gli sorrise, che muso da ebete! Pensò,
 

-Ci vediamo sabato, forse- disse spingendolo fiori dalla porta, negandogli il bacio della buona notte.
-Si buonanotte!- Che cosa accadeva? La passione si era già spenta? Non ci credeva, aveva incontrato un’altra? Lui era da poco in paese, lei gli aveva presentato degli amici con cui ora usciva di tanto in tanto.

Decise di indagare, tutti quei telefilm gialli alla tv sarebbero serviti. Il giorno dopo si recò al bar “Da la Morbiana” gestito da una signora dalle forme generose, sede del fans club di un famoso ciclista, sede della Pro Ioco, sede staccata del comune, il vice sindaco riceveva tutti i giorni al primo tavolino di sinistra, sotto la targa che il sindaco aveva conferito al gruppo cacciatori per le giornate ecologiche, il lavoro di bonifica dai rifiuti ingombranti lasciati nei boschi da qualche ignorante slandron.

Perciò il bar era sede anche dei cacciatori locali. Abbordò subito Ufo, chiamato così da quella volta che con la sua doppietta aveva sparato ad un pallone sonda per le previsioni metereologiche. Scapolo impenitente dava la caccia indifferentemente alle ragazze ed alla selvaggina, così lei prima provò con le smancerie, poi passò alle minacce fisiche ed Ufo confessò. Bruno era stanco perché era un appassionato cacciatore, aveva fatto amicizia col gruppo e da dieci giorni si alzava alle cinque per seguire un paio di femmine di capriolo gravide. —Perché non me lo ha detto?Esclamò lei. —Perché la sua ultima ragazza non sopportava questa passione e aveva paura che anche tu non la condividessi facendo storie!- Muso da dir musi, così non era un’altra donna da temere, ma un paio di capriole emminh di bestiole incinte.

Era sollevata. - - forse, già forse, lei era figlia di cacciatori, sapeva cosa voleva dire indossare la cartuccera, sentire la sottile tensione durante la ricerca dei selvatici, il rapporto di fiducia e di affetto col proprio cane e la sensazione di libertà nelle lunghe perlustrazioni nei boschi ricchi di profumi e suggestioni. — Bene, questa notte vengo anch’io, ma a Bruno non dite nulla.- Sentenziò la giovane. Il cielo cominciava a rischiararsi e la luna sbiadiva lentamente rotolandosi oltre i monti, il gruppetto scese dall’auto e fatti alcuni metri si appostò tra le siepi di noccioli in attesa Lei impugnava una piccola videocamera accesa sugli infrarossi.

Poco dopo arrivò la seconda auto, gli uomini si fecero un cenno di saluto in silenzio. Lei si girò con un sorriso smagliante. Bruno rimase sbalordito e per poco non lasciò sfuggire dalle mani il binocolo. Lei gli indicò il video che inquadrava una femmina che pascolava tra le piante, attorno, ancora mal fermi sulle lunghe zampe magre, un paio di cuccioli. Improvvisamente ne arrivò un terzo che si attaccò goloso alle mammelle. Ostrega. così stava documentando un parto eccezionale, tre piccoli non erano cosa da poco, gli uomini sorridevano eccitati. Bruno allungò una mano accarezzandole i capelli e regalandole un fugace bacio che suggellava una nuova complicità.

Cassadori! Pensò la donna sospirando. Il sole ormai dilagava dissolvendo le ombre della notte e tutti i dubbi mentre lei si spazzolava di dosso le foglie secche ed il muschio soffice. Bene ne era valsa la pena, aveva un bel filmato naturalistico da far vedere agli amici e... a si. - una nuova considerazione da parte di Bruno.
 

Chissà come avrebbe reagito scoprendo che lei sapeva sparare discretamente, che cucinava molto bene lepri e fagiani, ma questo se lo sarebbe tenuto in serbo per un’altra occasione. No se sa mai con sii c’meni!
 

Nerina Poggese

 

 

 

Concorrente al 18° Concorso Nazionale per Racconti di Caccia "Giugno del Cacciatore"

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...