Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Diario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerbone Il racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

La beccaccia


martedì 30 settembre 2014
    

I rintocchi di una campana in lontananza scandivano le ore in quella  grigia giornata di fine ottobre. Le foglie,imbrunite dalla stagione si arrendevano al vento, e lui, il vento,quasi come dispiaciuto  per il  loro destino,  le accompagnava  in quel  breve e unico viaggio facendole planare, adagiandole al suolo della madre terra con infinita tenerezza. Alcune raffiche più potenti invece le spingevano verso l’alto, per poi lasciarle cadere con armoniosa eleganza, in un tripudio di piroette e volteggi, inscenando quasi una sorta di coreografia. Ma le foglie, quella mattina, erano le uniche cose che si vedevano in cielo. Lorenzo aveva lasciato a casa il cane, perché colpito da una lieve infezione intestinale, e siccome era sotto antibiotici, non voleva farlo faticare correndo il rischio di peggiorare la situazione. Non era stata una scelta facile,sapeva quanto il suo setter amasse la caccia, ma allo stesso tempo sapeva quanto i cani  a volte in preda alla loro stoicismo riescono a ingannare i propri padroni fingendosi in ottima salute. Decise  cosi di andare a vedere se passava qualche colombaccio, e si era appostato sotto un piccolo boschetto di querce, un ottimo punto di ristoro per i selvatici. Ma Lorenzo non era lì solo per i colombacci; la campagna in quei periodi non regala solo emozioni venatorie, la natura in autunno regala emozioni a prescindere. E’ come se il buon Dio decidesse di prendersi un periodo di ferie, per dedicarsi  esclusivamente al suo passatempo preferito: la pittura. Eh si … perché trovarsi in autunno nel mezzo della natura è quasi come trovarsi in  un dipinto, dove ogni colore è messo sapientemente al posto giusto, con la giusta tonalità, con il giusto equilibrio, con quel calore che solo le mani operose di uno del mestiere riescono ad infondere. E’ una sensazione di pace che solo chi ama la caccia e la natura può comprendere in pieno. E Lorenzo amava la caccia, la amava cosi tanto che aveva deciso di lasciare gli agi della città per trasferirsi in aperta campagna, accettando tutte le difficoltà e gli imprevisti che quel tipo di vita spesso comporta.

Le cornacchie avevano lasciato gli alberi già da un pezzo, e il loro gracchiare era diventato oramai soltanto un flebile brusio. Lorenzo sapeva che subito dopo la sveglia dei corvidi, i colombacci, se mai ce ne fossero stati,  si sarebbero fatti vivi. Ma le sue aspettative si rivelarono deludenti; nel cielo continuavano a vedersi solo le foglie. Di tanto in tanto si udiva lo “ zip” di  alcuni tordi che iniziavano a entrare. Si ricordò di una mattina favolosa, quando lui, suo padre e un amico di famiglia assistettero ad un entrata di tordi fenomenale. A metà mattinata avevano finito le cartucce!  Bei tempi!, pensò, mentre i suoi occhi continuavano a monitorare il cielo alla ricerca di qualche colombaccio.  Quanti ricordi nella sua mente e nel suo cuore. Ricordi che in quel contesto disegnavano sul suo volto un velo di malinconia. Malinconia, non tristezza; la malinconia  non  è altro che la tristezza vestita di miele, l’aveva letta da qualche parta questa frase, e sembrava coniugarsi alla perfezione con quel momento. E quel miele per lui faceva una grande differenza, difatti non c’era un valido motivo per quel suo stato d’animo malinconico, ciò che lui ricordava erano momenti felici ma,  legati all’inesorabile scorrere del tempo, venivano metabolizzati dal suo essere, e ciò che ne scaturiva fuori era  malinconia. Ricordava il giorno del suo matrimonio, la nascita di suo figlio, ma quando i suoi ricordi si focalizzavano sulla caccia le sensazioni che viveva erano indescrivibili;  la caccia e le esperienze ad essa legate avevano un gusto diverso. La caccia è un mondo  diverso. Sorrise quando pensò alla frase che spesso ripeteva sua moglie :- Ti ricordi la cartuccia con la quale hai preso la tua prima beccaccia venti anni fa e non ti ricordi cosa ti ho regalato l’anno scorso per Natale!-  E poi, mentre era rapito dal suo ricordare, sentì un battito d’ali irrompere nell’armonia creata dal silenzio. Due colombacci solcarono il cielo passando sopra la sua testa. Il fragore dello sparo echeggiò nella valle. Uno dei due colombi chiuse le ali e cadde. Fu mentre si apprestava alla fase di recupero che accadde l’inaspettato. Dopo aver fatto alcuni passi lasciandosi indietro la sua postazione, una beccaccia sbucata come per incanto dalle viscere della terra si alzò nel cielo in tutta la sua magnificenza. L’inconfondibile battito d’ali suonò alle sue orecchie come la più dolce tra le melodie. Lorenzo la puntò e la seguì attraverso il mirino del suo fucile per alcuni interminabili momenti, poi invece di tirare il grilletto,sollevò l’arma e lasciò che la regina proseguisse nel suo andare. -Non è giusto senza cane- disse ad alta voce. Lo disse a se stesso, come se ce ne fosse  bisogno! La seguì ancora con lo sguardo fino a quando la fata non scomparve dietro le piante alte. Suo nonno sarebbe stato fiero di lui. Raccolse da terra il colombaccio e ritornò al suo appostamento. Era felice! Aveva rispettato il suo cane, aveva rispettato il selvatico. Aveva fatto ciò che ogni cacciatore, si augurava, avrebbe fatto.  Ecco che cosa era e cos' è la caccia. La sfida atavica tra l’uomo e il selvatico. Dove l’uomo consapevole delle sue possibilità lascia al selvatico una via di fuga. Aveva onorato la natura rispettando le leggi dell’uomo e quelle di Dio. Leggi non scritte da nessuna parte, ma tant’era. Si … suo nonno sarebbe stato fiero di lui. Suo nonno che andava a caccia con una doppietta ma metteva in canna solo una cartuccia.

– Se sbagli il primo colpo ha vinto il selvatico – era questa la sua severa regola, e Lorenzo, benché più volte avesse utilizzato anche il secondo colpo, cercava di trarre da questa “severità” la giusta unità di misura per rispettare la selvaggina e quindi la natura.

 Sparare a una beccaccia o a un fagiano, senza che questi fossero stati trovati dal cane, la vedeva come una situazione di svantaggio per gli animali e lui si era comportato di conseguenza; un po’ come fanno quei calciatori che accorgendosi dell’infortunio di un loro avversario fermano il gioco anche se potrebbero andare tranquillamente in rete. La caccia rispecchia inevitabilmente le regole della vita. Quelle regole che non si insegnano da nessuna parte,ma le trovi per strada o nei boschi,  nei racconti di chi ci sta vicino,o in quelle esperienze che nessun libro di testo riporta, quelle regole che i mezzi dell’istruzione ufficiale spesso non riescono a dare.

Fu una mattina, una di quelle mattine di fine ottobre, quando le foglie danzano nel vento e la nebbia leggera copre la campagna,cosi come farebbe una madre nel gesto amorevole di rimboccare le coperte al figlio mentre gli dà la buona notte … fu la mattina che  Lorenzo lasciò andare la beccaccia, sperando che l’indomani insieme al suo cane l’avrebbe ritrovata, ecco … fu allora che il giovane cacciatore ebbe la conferma di quanto aveva sempre sostenuto, ovvero di quanto forte sia il legame tra l’uomo e la natura, e che la caccia non è morte, contrariamente a quanto qualche bigotto poteva e può pensare, ma che la caccia è vita, è emozione, è poesia, è passione. E l’uomo si nutre di passioni, di poesia di emozioni. Rientrò a casa e trovò il suo cane ad aspettarlo scodinzolante, i due si guardarono e  nello sguardo si celava il racconto di quella fantastica esperienza. Quando si parla di caccia è più facile che si capiscano un cane ed un uomo piuttosto che due uomini, e infatti il cane aveva capito, e fu ancora più affettuoso con Lorenzo, quasi a volerlo rincuorare o, ancora meglio, quasi a volerlo ringraziare.

Nel frattempo la notte aveva guadagnato la sua posizione, e mentre Lorenzo si avviava verso il meritato riposo, il cane rimase sveglio a fissare i contorni del bosco, che si potevano intravedere grazie al riflesso della luna.  In quel bosco, dove anche nell’oscurità più profonda, la vita non smetteva mai di brillare.
 

Vincenzo Mazzone

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...