HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
La vendetta delle volpi Aria e Cicero: tra genio e follia UN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATO Il pero acerbone Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )


lunedì 1 agosto 2016
    

I cultori dell'arte venatoria che abitano terre prospicienti il mare, ricordano la caccia al piro-piro lungo la costa. Il piccolo trampoliere, soprattutto nei mesi estivi, settembre compreso, frequentava la battigia fra le basse scogliere del meridione. Gli antichi cacciatori delle città di mare, che possedevano come mezzo di trasporto solo le proprie gambe o, al massimo qualche bici, non potendo spingersi verso i boschi e le grandi distese pianeggianti dell'entroterra, si accontentavano di  praticare cacce specifiche come quella al tordo fra gli ulivi, ala lepre, e la caccia a mare a trampolieri ed anatre.

Questa però richiedeva una certa abilità nell'uso del fischio e soprattutto nel richiamo a trampolieri particolari come chiurli, pantane e pettegole. In verità i selvatici erano tanti che anche i fischi maldestri sortivano l'effetto sperato. Il richiamo per il piro-piro era elementare, come pi-pi-pi….e di conseguenza tale pratica venatoria era molto diffusa. Quando i selvatici pasturavano indisturbati e il cacciatore era nascosto nel capanno, si usava anche battere dei ciotolini  recuperati dalla battigia per sortire effetto dell'avvicinamento del selvatico, e quindi con la possibilità di incarnierarne molti con una sola fucilata. I più giovani invece preferivano spararli al volo, anche singolarmente, quando attraversavano la spiaggia, così da recuperarlo sull'acqua bassa. Era necessario l'uso di stivaloni da marinaio. Nel mese d'agosto molti amanti dell'arte di Diana correvano ad appostarsi lungo la costa dove si era sicuri di poter tirare a ripetizione ai piccoli volatili, allettati dal richiamo di latta, molto simile a quello delle allodole.

Già dalle ore antelucane si percepivano i pigolii degli uccelli dormienti fra gli scogli bassi e non appena l'aurora, col sole nascente, dava spazio alle speranze del nuovo giorno,i piro-piri erano già sulle ali, nella inquieta ricerca della pastura che la risacca della notte aveva preparato.  Si portavano in ogni dove, da ponente a levante, verso l'alto mare, per poi tornare a riva; Era una continua festa alla ricerca di quella minuteria alimentare che la spiaggia offriva. Quando le marine acque erano calme, si intravvedevano chiaramente le fucilate andate a vuoto, sparate dietro la coda dei volatili. L'anticipo non era mai abbastanza corretto per farli capitolare. Molti dei valatili si posavano nei tratti di spiaggia dove erano assenti i cacciatori e rimanevano per molto, fino a quando taceva la fucileria.

Caccia praticata anche da ultraottantenni che caricavano i vecchi catenacci con cartucce caserecce il cui piombo era derivato da fili di ferro tagliuzzati. Non si potevano permettere l'acquisto di piombo perché uomini poveri che a malapena sbarcavano il lunario. Sostenevano che la carne dei piro-piri, arrostita e condita a dovere, era molto simile a quella del maiale e quindi ottimo boccone per tempi di penuria. Bisognava unire utilità a passione. I più giovani la pensavano diversamente e preferivano al tiro da fermo, certamente più redditizio, il tiro a volo più sportivo.

Erano i figli della ricca nobiltà capitalista e terriera a cui la guerra non aveva arrecato danni e, fra l'altro, potevano permettersi l'acquisto di cartucce di fabbrica. A fine caccia i carnieri abbondavano di piro-piri, ma non mancavano chiurli, pantane, pettegole ed anche qualche piviere dorato o tortolino. Si trattava di una festa di caccia alla quale seguivano lauti pranzi di gruppo. Vera caccia d'altri tempi, quando le spiagge erano desolate e solo percepivi il lontano lamento del canto del barcaiolo.

Fu praticata soprattutto fra la prima e la seconda guerra mondiale, ma allo scoppio di quest'ultima i cacciatori sparirono dalle spiagge; molti giovani furono chiamati al dovere delle armi, e alcuni di essi non fecero più ritorno, mentre donne e madri con i più anziani, inabili al dovere militare, fuggivano di notte fra gli ulivi, fuori città, al suono lugubre dell'allarme di guerra. Furono anni di infinita tristezza in cui si pensava a ben altro che alla passione della caccia.

All'indomani  della Liberazione si respirarono aneliti di libertà e di pace e qualcuno, memore dell'antica passione, si riportò sulla spiaggia a caccia di trampolieri e con carnieri ancora consistenti. Si tirò avanti per anni e anni fino all'ultima legge sulla caccia, oggi vigente, quando quasi tutti i grandi e piccoli trampolieri furono eliminati dalle specie cacciabili. E ben pochi di quei volatili oggi frequentano le nostre spiagge, a causa anche della dissennata antropizzazione delle coste. In molti si sono improvvisati pescatori per diletto che lungo la battigia prelevano di tutto e di più.

La caccia al piro-piro quindi è finita per sempre, come quella ai vari trampolieri di passo sia estivo che invernale. Solo una specie pare che non sia mai in diminuzione: l'uomo, la più pericolosa del pianeta terra.
 


Domenico Gadaleta

Leggi gli altri racconti

3 commenti finora...

Re:LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )

... la caccia è un'esperienza intima e personale che si rinnova ogni giorno e non basta un libro per esplicitarla... certamente anche la caccia ha subito i nefasti effetti delle economie consumistiche, specie negli anni '60-80, ma proprio per questo non concordo con chi, soprattutto oggi, vuole ridurre la caccia a soli "polli da allevamento" (fenomeno che riguarda solo la piccola selvaggina stanziale, nella così detta quota "pronta-caccia", oggi da tutti biasimata e disincentivata), "richiami stereofonici" (vietatissimi dalla legge), fucili a ripetizione (oggi a non più di tre colpi, eccetto per la caccia al cinghiale), "appostamenti in cemento armato" (oggi non più possibili) ... occorrerebbe, quella sì, una maggiore cultura venatoria, non solo tra gli "addetti ai lavori", ma diffusa a tutta la nostra società, che passi attraverso un maggiore contrasto alla DISINFORMAZIONE imperante, di cui il libro "Il cacciatore pentito" è un limpido esempio ...... saluti

Voto:

da ERMES74 04/08/2016 15.02

Re:LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )

... la caccia è un'esperienza intima e personale che si rinnova ogni giorno e non basta un libro per esplicitarla... certamente anche la caccia ha subito i nefasti effetti delle economie consumistiche, specie negli anni '60-80, ma proprio per questo non concordo con chi, soprattutto oggi, vuole ridurre la caccia a soli "polli da allevamento" (fenomeno che riguarda solo la piccola selvaggina stanziale, nella così detta quota "pronta-caccia", oggi da tutti biasimata e disincentivata), "richiami stereofonici" (vietatissimi dalla legge), fucili a ripetizione (oggi a non più di tre colpi, eccetto per la caccia al cinghiale), "appostamenti in cemento armato" (oggi non più possibili) ... occorrerebbe, quella sì, una maggiore cultura venatoria, non solo tra gli "addetti ai lavori", ma diffusa a tutta la nostra società, che passi attraverso un maggiore contrasto alla DISINFORMAZIONE imperante, di cui il libro "Il cacciatore pentito" è un limpido esempio ...... saluti

Voto:

da ERMES74 04/08/2016 15.00

Re:LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )

Cacce che sortivano l'abbondanza del carniere,. al soffio del maestrale e per la gioia di chi prevedeva un lauto arrosto. Caccia amata soprattutto dai cacciatori rivieraschi e praticata prevalentemente nel mese d'agosto.

Voto:

da Amante della natura. 01/08/2016 20.35