HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
OCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Il vecchio del lago


lunedì 5 marzo 2012
    

Il vecchio camminava intorno al lago e fissava la distesa delle acque mentre sperava di trovare sulle sue sponde il selvatico di turno: sarebbe stata la pavoncella a concretarsi in vista delle terre da raggiungere e nelle quali avrebbe nidificato. Portava una vecchia doppietta a cani esterni e sul petto ciondolavano alcuni fischietti d'osso e di canna di bambù, per vari richiami a trampolieri ed anatre.


I suoi lunghi stivali, imbrattati di fango, non avevano un colore chiaro e definito anche Perché logori dalle dure battaglie del tempo e la sua cacciatora aveva perduto l'originaria morbidezza per divenire ruvida come le zolle della terra.

Il volto era in tono con tutta la persona: il naso un po' lungo e sottile, la bocca stretta, gli occhi piccoli e vivaci, i capelli radi e nascosti da un berretto che era un cimelio del tempo che fu, le orecchie a sventola, lo caratterizzavano in una fisionomia unica e irripetibile.

Ogni giorno, prima dell'alba, andava ad appostarsi nelle vicinanze del lago, sperando in qualche uccello di ripa o in qualche anatra di passo, perché quelle stanziali lo conoscevano da tempo e non osavano avvicinarsi al suo schioppo: qualche volta avevano sentito sibilare il piombo dei cartuccioni che si caricava. Era un poeta e per lui il lago, oltre ad essere un luogo di caccia, era anche un incontro concreto con la bellezza della natura; sosteneva che dopo morto il suo spirito sarebbe rimasto a circolare sulle acque e sulle rive. Si inebriava della distesa liquida e amava osservare l'airone, dal volo possente e lento, che sostava sulla fanghiglia per rifocillarsi di pesciolini e animaletti vari.


Il vecchio non aveva mai ucciso un airone perché riteneva inutile tirare giù un uccello che poi sarebbe stato inservibile e il suo punto di vista era assecondato da molti cacciatori indigeni che vedevano in lui un maestro di caccia; ed infatti Achille, questo era il suo nome, aveva costruito per essi vari richiami e quelli erano orgogliosi di possederli.

Presso il bar dei cacciatori Achille raccontava loro varie storie e famosa era rimasta quella dell'orso. Era ancora notte e s'era recato alla sua posta, quando vide un'ombra gironzolare nei dintorni e giocherellare con gli stampi, lasciati sul luogo dalla sera precedente.

Achille si avvicinò lento, ma anche timoroso e all'improvviso si trovò  di fronte un orso. - Mamma, l'orso! - gridò pavido, gli spianò il fucile contro, tenendolo tranquillo, sino a quando passò dalla stradicciola vicina un carrettiere che lo informò della fuga dell'animale da circo che era nel paese vicino. Era questa una storia spesso ripetuta e che nella fantasia di quelli che la raccontavano, dava spazio ad invenzioni e manipolazioni varie.

Era febbraio e il vecchio sperava in qualche gambetta o chiurlo fidente, traditore della sua natura e della sua sempiterna accortezza, ma spesso si dimenticava degli uccelli e nella posta meditava per ore intere. Era per lui il lago uno specchio di vita dove le onde s'increspavano alla brezza leggera e sottile, pungente e penetrante, che nasceva dai colli per scivolare sulle acque come uno spirito astratto. Di frequente amava uscire dal suo appostamento e affondare gli stivali nel bagnato per sentirsi vivificato e gustare quel venticello leggero che lo ristorava. Secondo lui quel febbraio avrebbe portato molta selvaggina perché sentiva già nell'aria il fantasma della gambetta, della pittima, del chiurlo, della pantana e pure la marzaiola, già alla fine del mese, sarebbe stata presente a pavoneggiarsi sulle acque; e queste previsioni erano tenute in considerazione dai cacciatori locali.


Sedeva nel suo appostamento fatto di paglie e di canne e guardava il verde grano dei campi silenziosi, accarezzati dal vento, tra colli sfumati di grigio, nello scenario di un sole invernale, lucido sulle acque, opaco nel cielo, umido nei suoi raggi penetranti. Tutto ciò era uno spettacolo che gli gratificava lo spirito; era un dono di una natura grande uscita dalle mani di un Dio generoso. Il suo volto di cacciatore esprimeva la ruvida saggezza dei contadini lucani e nei suoi occhi su erano per sempre stampate, come in una pellicola, le movenze di quelle bellezze profonde e significative, fisse e immutabili eppure eternamente nuove e cangianti. Era questo il lago del vecchio, il lago di Achille.


Morì e sulla sua tomba gli amici scrissero: “Visse di caccia e di poesia”. Ancor oggi si racconta che il tampoliere, quando sorvola il suo appostamento, esegue un mezzo giro di perlustrazione: pare che senta l'eco arcana del fischio di Achille a conferma che il suo spirito, vivo e immortale, aleggia nei dintorni.


Domenico Gadaleta

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...