HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

Il vecchio del lago


lunedì 5 marzo 2012
    

Il vecchio camminava intorno al lago e fissava la distesa delle acque mentre sperava di trovare sulle sue sponde il selvatico di turno: sarebbe stata la pavoncella a concretarsi in vista delle terre da raggiungere e nelle quali avrebbe nidificato. Portava una vecchia doppietta a cani esterni e sul petto ciondolavano alcuni fischietti d'osso e di canna di bambù, per vari richiami a trampolieri ed anatre.


I suoi lunghi stivali, imbrattati di fango, non avevano un colore chiaro e definito anche Perché logori dalle dure battaglie del tempo e la sua cacciatora aveva perduto l'originaria morbidezza per divenire ruvida come le zolle della terra.

Il volto era in tono con tutta la persona: il naso un po' lungo e sottile, la bocca stretta, gli occhi piccoli e vivaci, i capelli radi e nascosti da un berretto che era un cimelio del tempo che fu, le orecchie a sventola, lo caratterizzavano in una fisionomia unica e irripetibile.

Ogni giorno, prima dell'alba, andava ad appostarsi nelle vicinanze del lago, sperando in qualche uccello di ripa o in qualche anatra di passo, perché quelle stanziali lo conoscevano da tempo e non osavano avvicinarsi al suo schioppo: qualche volta avevano sentito sibilare il piombo dei cartuccioni che si caricava. Era un poeta e per lui il lago, oltre ad essere un luogo di caccia, era anche un incontro concreto con la bellezza della natura; sosteneva che dopo morto il suo spirito sarebbe rimasto a circolare sulle acque e sulle rive. Si inebriava della distesa liquida e amava osservare l'airone, dal volo possente e lento, che sostava sulla fanghiglia per rifocillarsi di pesciolini e animaletti vari.


Il vecchio non aveva mai ucciso un airone perché riteneva inutile tirare giù un uccello che poi sarebbe stato inservibile e il suo punto di vista era assecondato da molti cacciatori indigeni che vedevano in lui un maestro di caccia; ed infatti Achille, questo era il suo nome, aveva costruito per essi vari richiami e quelli erano orgogliosi di possederli.

Presso il bar dei cacciatori Achille raccontava loro varie storie e famosa era rimasta quella dell'orso. Era ancora notte e s'era recato alla sua posta, quando vide un'ombra gironzolare nei dintorni e giocherellare con gli stampi, lasciati sul luogo dalla sera precedente.

Achille si avvicinò lento, ma anche timoroso e all'improvviso si trovò  di fronte un orso. - Mamma, l'orso! - gridò pavido, gli spianò il fucile contro, tenendolo tranquillo, sino a quando passò dalla stradicciola vicina un carrettiere che lo informò della fuga dell'animale da circo che era nel paese vicino. Era questa una storia spesso ripetuta e che nella fantasia di quelli che la raccontavano, dava spazio ad invenzioni e manipolazioni varie.

Era febbraio e il vecchio sperava in qualche gambetta o chiurlo fidente, traditore della sua natura e della sua sempiterna accortezza, ma spesso si dimenticava degli uccelli e nella posta meditava per ore intere. Era per lui il lago uno specchio di vita dove le onde s'increspavano alla brezza leggera e sottile, pungente e penetrante, che nasceva dai colli per scivolare sulle acque come uno spirito astratto. Di frequente amava uscire dal suo appostamento e affondare gli stivali nel bagnato per sentirsi vivificato e gustare quel venticello leggero che lo ristorava. Secondo lui quel febbraio avrebbe portato molta selvaggina perché sentiva già nell'aria il fantasma della gambetta, della pittima, del chiurlo, della pantana e pure la marzaiola, già alla fine del mese, sarebbe stata presente a pavoneggiarsi sulle acque; e queste previsioni erano tenute in considerazione dai cacciatori locali.


Sedeva nel suo appostamento fatto di paglie e di canne e guardava il verde grano dei campi silenziosi, accarezzati dal vento, tra colli sfumati di grigio, nello scenario di un sole invernale, lucido sulle acque, opaco nel cielo, umido nei suoi raggi penetranti. Tutto ciò era uno spettacolo che gli gratificava lo spirito; era un dono di una natura grande uscita dalle mani di un Dio generoso. Il suo volto di cacciatore esprimeva la ruvida saggezza dei contadini lucani e nei suoi occhi su erano per sempre stampate, come in una pellicola, le movenze di quelle bellezze profonde e significative, fisse e immutabili eppure eternamente nuove e cangianti. Era questo il lago del vecchio, il lago di Achille.


Morì e sulla sua tomba gli amici scrissero: “Visse di caccia e di poesia”. Ancor oggi si racconta che il tampoliere, quando sorvola il suo appostamento, esegue un mezzo giro di perlustrazione: pare che senta l'eco arcana del fischio di Achille a conferma che il suo spirito, vivo e immortale, aleggia nei dintorni.


Domenico Gadaleta

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...