HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
QUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Al cinghiale turistico


giovedì 26 marzo 2015
    

Ricevo una telefonata di un mio amico di Milano “Vuoi fare una cacciata al cinghiale?”. Il tono era allusivo e provocatorio, io rispondo “Certo, è una domanda che non si può rifiutare! Ma la caccia è chiusa da tempo la carabina l’ho riposta,  pulita ed oliata ma vengo lo stesso”. “La cacciata” risponde  “E’ fissata in un’azienda turistica venatoria di grande nome, la caccia è aperta fino al 15 di marzo. Vieni ti divertirai. Ti mando per fax la località e una cartina per poterci arrivare agevolmente.”


E’ appena giorno, riesco a partire in macchina con le difficoltà di sempre avendo un risveglio lento e faticoso, la sera mi sono addormentato tardi con l’emozione di un inaspettato primo giorno di una caccia da poco finita. La strada è lunga ma le indicazioni molto precise. L’amico è un vecchio avvocato magro e curvo dalle passioni ancora vive e dal   cervello fino e dall’osservazione sagace. Era ad aspettarmi dinnanzi una casa di caccia affollata di cacciatori provenienti da ogni parte d’Italia che in quel momento avevano appena finito di fare colazione. Mi presenta alla guardia dicendo “Questo è un mio amico caro, bisogna farlo sparare” poi  sale sulla mia fuoristrada un po’ vecchiotta ma ancora valida  dopo aver combattuto grandi  battaglie è attrezzata per il trasporto di cani e fucili e cacciatori; seguiamo quella della guardia. Il paesaggio intorno è quello del Chianti; colline dolcemente digradanti coltivate a vigneti, divise da canaloni coperti di cerri e di pini. Arriviamo sotto un bosco di pini che dall’alto scende dolcemente verso un viale completamente recintato dove siamo noi; al margine  s’innalzano a pochi metri l’una da l’altra delle altane ben modellate di legno tinto di verde  cui si accede con piccole scalette ripide; ognuna è contrassegnata da un numero, per un gioco di fortuna o del destino la nostra porta il numero 14 “è una posta buona” sentenzia la guardia “Salite e in bocca al lupo!”. Sull’altana c’è possibilità di sedersi, sotto corre una stradetta campestre, di fronte il bosco che scende dall’alto della collina interrotto proprio davanti a me a circa 50 metri da una frana di terra gialla e grigia “I cinghiali o i daini scendono di li, o vengono dalla stradella” mi avverte l’amico; resto un po’ perplesso sono abituato ai cinghiali che escono da dove pare a loro, nell’imprevedibilità della loro natura e delle mille strade dei boschi. Aspettiamo: io e l’amico accanto; come ospite al primo cinghiale che si presenterà, dovrei tirare io, vedremo.

In alto verso il colmo della collina che ci sovrasta si sente il rumore di un camion, colpi di tavole battute e urla dei canai miste all’abbaiò dei cani “Via, via… passate via!” Dall’altana accanto e   da quelle più lontane comincia a rimbombare una serie di spari ecco un daino si affaccia timidamente alla frana cominciando a percorrerla, non ci penso due volte e sparo. Il daino colpito ruzzola giù ma accenna un lamento con la testa alzata. L’amico gli spara uno o due colpi, un altro colpo lo sparo anch’io,il daino smette di lamentarsi e muore.

Gli spari echeggiano e risuonano da tutte le parti sempre dalla frana cala veloce un cinghiale di media grandezza, sparo e anch’esso precipita e muore.

Subito dopo dalla stradetta escono due cinghiali , sparo e ne uccido uno, stò per sparare alla’altro ma l’amico mi ferma “quello è troppo piccolo non sparare”. Ora arriva con il suo galoppo saltato un daino, l’amico spara uno due colpi ma il daino rimane illeso,  io non sparo per favorire l’amico  che dopo aver sparato mi riprende “dovevi sparare!”. Sparo invece ad un altro cinghiale che scende dalla frana, lo colpisco nella parte posteriore sulla spina dorsale, riesce a rimanere in piedi sulle zampe davanti e tenta di allontanarsi trascinandosi. Nel frattempo la carabina mi si inceppa quando in quel momento passano tre cinghiali dalla stradella, tento di ricaricare non riuscendovi,  e sollecito l’amico a  sparare ma anche lui dice di avere il fucile bloccato e non tira. La sparatoria sembra calmarsi, l’amico mi dice: “C’è una pausa ora, viene la guardia con il trattore a raccogliere  gli animali”. In effetti dopo poco arriva, carica gli animali uccisi e prosegue verso le altre altane. Dopo circa mezz’ora si sente nuovamente il camion arrivare al culmine della collina sopra di noi e di nuovo le urla dei canai e l’abbaio dei cani. Ricominciano gli spari da tutte le parti ma gli animali sembrano evitare la frana dinnanzi a noi. Si sentono scendere lungo il bosco ed arrivare alle altre altane dove sparano a più non posso. Infine in cima alla frana si affaccia un cinghiale; ho sistemato il fucile e sparo immediatamente. Il cinghiale è colpito, ruzzola in  basso morto. Nel bosco si sentono i cani abbaiare poi appare sulla stradella una muta colorata di cani neri, bianchi e marroni di razza beagle, tutti uguali, molto pittoresca tra il giallo ocra della terra e i verdi scuri e chiari dei pruni e delle ginestre. Non si vede altro anche se le altre altane seguitano a sparare per un po’. Poi nella valle scende il silenzio rotto solo dall’abbaiare dei cani e dai richiami dei canai.

 E’ quasi l’una, si sente suonare un corno, la caccia è terminata. A pranzo in una grande  sala ben organizzata affollata di tavoli multicolori. Alle pareti fanno bella mostra di sé teste di daino, cervo e muflone imbalsamate e piccoli scudi guarniti di denti di cinghiali. I cacciatori sono tutti seduti, discutono tra di loro e sembrano eccitati dal ricordo dei tiri più o meno precisi della mattina. Qualcuno, oltre il mio amico ospite si reca alla cassa e paga con assegni buoni il divertimento della giornata. Il pranzo, devo dire molto ben fatto, cucina ben organizzata per rifornire perfettamente e abbondantemente oltre 50 cacciatori. Accompagno l’amico alla sua auto, lo ringrazio,  ma ho capito che oltre ai fagiani dromi esistono anche i cinghiali dromi.

Una bella giornata? Certo ho sparato, ma senza emozione e senza passione che ambedue rendano accettabile il sacrificio di tanti animali meravigliosi catturati e spinti violentemente verso una morte certa.
C’è da dire che con questo genere di cacciate si rende possibile a chiunque di sparare al cinghiale ed altri ungulati altrimenti irraggiungibili per i cacciatori non specializzati. E’ un lato positivo importante oltre a quello di fornire lavoro a tante persone e emozioni a giusto prezzo.

Ma la caccia ……

 

Alfredo Lucifero

Leggi gli altri racconti

2 commenti finora...

Re:Al cinghiale turistico

Ma la caccia è tutta un'altra cosa....

Voto:

da wp 26/03/2015 22.43

Re:Al cinghiale turistico

Probabilmente con il secchio del mangime, anche se si fosse inceppata la carabina, avreste preso anche gli altri cinghiali. hahahahaha

Voto:

da piccioccus de crobi! 26/03/2015 12.57