HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Aria e Cicero: tra genio e follia UN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATO Il pero acerbone Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

Al cinghiale turistico


giovedì 26 marzo 2015
    

Ricevo una telefonata di un mio amico di Milano “Vuoi fare una cacciata al cinghiale?”. Il tono era allusivo e provocatorio, io rispondo “Certo, è una domanda che non si può rifiutare! Ma la caccia è chiusa da tempo la carabina l’ho riposta,  pulita ed oliata ma vengo lo stesso”. “La cacciata” risponde  “E’ fissata in un’azienda turistica venatoria di grande nome, la caccia è aperta fino al 15 di marzo. Vieni ti divertirai. Ti mando per fax la località e una cartina per poterci arrivare agevolmente.”


E’ appena giorno, riesco a partire in macchina con le difficoltà di sempre avendo un risveglio lento e faticoso, la sera mi sono addormentato tardi con l’emozione di un inaspettato primo giorno di una caccia da poco finita. La strada è lunga ma le indicazioni molto precise. L’amico è un vecchio avvocato magro e curvo dalle passioni ancora vive e dal   cervello fino e dall’osservazione sagace. Era ad aspettarmi dinnanzi una casa di caccia affollata di cacciatori provenienti da ogni parte d’Italia che in quel momento avevano appena finito di fare colazione. Mi presenta alla guardia dicendo “Questo è un mio amico caro, bisogna farlo sparare” poi  sale sulla mia fuoristrada un po’ vecchiotta ma ancora valida  dopo aver combattuto grandi  battaglie è attrezzata per il trasporto di cani e fucili e cacciatori; seguiamo quella della guardia. Il paesaggio intorno è quello del Chianti; colline dolcemente digradanti coltivate a vigneti, divise da canaloni coperti di cerri e di pini. Arriviamo sotto un bosco di pini che dall’alto scende dolcemente verso un viale completamente recintato dove siamo noi; al margine  s’innalzano a pochi metri l’una da l’altra delle altane ben modellate di legno tinto di verde  cui si accede con piccole scalette ripide; ognuna è contrassegnata da un numero, per un gioco di fortuna o del destino la nostra porta il numero 14 “è una posta buona” sentenzia la guardia “Salite e in bocca al lupo!”. Sull’altana c’è possibilità di sedersi, sotto corre una stradetta campestre, di fronte il bosco che scende dall’alto della collina interrotto proprio davanti a me a circa 50 metri da una frana di terra gialla e grigia “I cinghiali o i daini scendono di li, o vengono dalla stradella” mi avverte l’amico; resto un po’ perplesso sono abituato ai cinghiali che escono da dove pare a loro, nell’imprevedibilità della loro natura e delle mille strade dei boschi. Aspettiamo: io e l’amico accanto; come ospite al primo cinghiale che si presenterà, dovrei tirare io, vedremo.

In alto verso il colmo della collina che ci sovrasta si sente il rumore di un camion, colpi di tavole battute e urla dei canai miste all’abbaiò dei cani “Via, via… passate via!” Dall’altana accanto e   da quelle più lontane comincia a rimbombare una serie di spari ecco un daino si affaccia timidamente alla frana cominciando a percorrerla, non ci penso due volte e sparo. Il daino colpito ruzzola giù ma accenna un lamento con la testa alzata. L’amico gli spara uno o due colpi, un altro colpo lo sparo anch’io,il daino smette di lamentarsi e muore.

Gli spari echeggiano e risuonano da tutte le parti sempre dalla frana cala veloce un cinghiale di media grandezza, sparo e anch’esso precipita e muore.

Subito dopo dalla stradetta escono due cinghiali , sparo e ne uccido uno, stò per sparare alla’altro ma l’amico mi ferma “quello è troppo piccolo non sparare”. Ora arriva con il suo galoppo saltato un daino, l’amico spara uno due colpi ma il daino rimane illeso,  io non sparo per favorire l’amico  che dopo aver sparato mi riprende “dovevi sparare!”. Sparo invece ad un altro cinghiale che scende dalla frana, lo colpisco nella parte posteriore sulla spina dorsale, riesce a rimanere in piedi sulle zampe davanti e tenta di allontanarsi trascinandosi. Nel frattempo la carabina mi si inceppa quando in quel momento passano tre cinghiali dalla stradella, tento di ricaricare non riuscendovi,  e sollecito l’amico a  sparare ma anche lui dice di avere il fucile bloccato e non tira. La sparatoria sembra calmarsi, l’amico mi dice: “C’è una pausa ora, viene la guardia con il trattore a raccogliere  gli animali”. In effetti dopo poco arriva, carica gli animali uccisi e prosegue verso le altre altane. Dopo circa mezz’ora si sente nuovamente il camion arrivare al culmine della collina sopra di noi e di nuovo le urla dei canai e l’abbaio dei cani. Ricominciano gli spari da tutte le parti ma gli animali sembrano evitare la frana dinnanzi a noi. Si sentono scendere lungo il bosco ed arrivare alle altre altane dove sparano a più non posso. Infine in cima alla frana si affaccia un cinghiale; ho sistemato il fucile e sparo immediatamente. Il cinghiale è colpito, ruzzola in  basso morto. Nel bosco si sentono i cani abbaiare poi appare sulla stradella una muta colorata di cani neri, bianchi e marroni di razza beagle, tutti uguali, molto pittoresca tra il giallo ocra della terra e i verdi scuri e chiari dei pruni e delle ginestre. Non si vede altro anche se le altre altane seguitano a sparare per un po’. Poi nella valle scende il silenzio rotto solo dall’abbaiare dei cani e dai richiami dei canai.

 E’ quasi l’una, si sente suonare un corno, la caccia è terminata. A pranzo in una grande  sala ben organizzata affollata di tavoli multicolori. Alle pareti fanno bella mostra di sé teste di daino, cervo e muflone imbalsamate e piccoli scudi guarniti di denti di cinghiali. I cacciatori sono tutti seduti, discutono tra di loro e sembrano eccitati dal ricordo dei tiri più o meno precisi della mattina. Qualcuno, oltre il mio amico ospite si reca alla cassa e paga con assegni buoni il divertimento della giornata. Il pranzo, devo dire molto ben fatto, cucina ben organizzata per rifornire perfettamente e abbondantemente oltre 50 cacciatori. Accompagno l’amico alla sua auto, lo ringrazio,  ma ho capito che oltre ai fagiani dromi esistono anche i cinghiali dromi.

Una bella giornata? Certo ho sparato, ma senza emozione e senza passione che ambedue rendano accettabile il sacrificio di tanti animali meravigliosi catturati e spinti violentemente verso una morte certa.
C’è da dire che con questo genere di cacciate si rende possibile a chiunque di sparare al cinghiale ed altri ungulati altrimenti irraggiungibili per i cacciatori non specializzati. E’ un lato positivo importante oltre a quello di fornire lavoro a tante persone e emozioni a giusto prezzo.

Ma la caccia ……

 

Alfredo Lucifero

Leggi gli altri racconti

2 commenti finora...

Re:Al cinghiale turistico

Ma la caccia è tutta un'altra cosa....

Voto:

da wp 26/03/2015 22.43

Re:Al cinghiale turistico

Probabilmente con il secchio del mangime, anche se si fosse inceppata la carabina, avreste preso anche gli altri cinghiali. hahahahaha

Voto:

da piccioccus de crobi! 26/03/2015 12.57