HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
La vendetta delle volpi Aria e Cicero: tra genio e follia UN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATO Il pero acerbone Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

Il ricordo


martedì 14 aprile 2009
    

Da diversi anni, ormai, ho appeso il fucile al chiodo: l’ultima licenza di caccia risale al 28 Luglio 1999,cioè, otto anni addietro. Tanti motivi mi hanno indotto a smettere l’attività venatoria.

Il motivo principale è stato l’istituzione del Parco Nazionale dell’Aspromonte, che mi ha precluso la possibilità di frequentare quei posti di caccia, che avevano allietato la mia vita di segugista: amavo ed amo l’Aspromonte perché nelle sue vallate ho trascorso gli anni più belli della mia vita, e la chiusura di quei posti di caccia mi aveva oltremodo indispettito.

L’altro motivo è stato determinato dal diffondersi della caccia al cinghiale, che mi aveva trovato consensiente nei primi anni della ricomparsa del suide nelle nostre cacciate, ma, poi, mi ha disgustato l’immissione in questo tipo di caccia di una massa di cacciatori vocianti, schiamazzanti ed invadenti, di altra provenienza, che disconoscevano completamente i buoni comportamenti da praticare nella caccia con il segugio, tanto da ritenersi- per il numero presente in una squadra- i padroni della montagna.

Poi, altri due motivi importanti mi hanno indotto a smettere l’attività di segugista: il primo è stato il fatto che non riuscivo più ad affrontare determinate fatiche; il secondo, è stato la scomparsa di quasi tutti i miei compagni di caccia, che, essendo più anziani di me, mi hanno preceduto nel trapasso alle praterie celesti.
Scrivo queste poche righe per ricordare, appunto, l’ultimo compagno di caccia che recentemente è passato a vita migliore; Ugo.

Il ricordo di Ugo, sicuramente, accompagnerà anche tutti gli altri segugisti che l’hanno conosciuto: è stato un ottimo cacciatore, un Signore, ma, principalmente, un amico verso tutti coloro che hanno avuto il privilegio di avvalersi della sua bravura di segugista e di abile canettiere: i suoi segugi erano molto ordinati ed era un piacere cacciare con lui.
La mia lunga esperienza di vita m’induce a dire: sono poche le persone che associano alla innata distinzione, quella bontà che porta a ben ricordare una persona che, per varie ragioni, hai conosciuto, praticato e stimato; fra questo ristretto numero devo, per motivi vari, annoverare anche, Ugo.

Voglio, brevemente, ricordare un episodio di caccia che lo riguarda.
Era notorio, fra i segugisti che frequentavo, il fatto che spesso (anche se mio malgrado ) “spadellavo” la selvaggina che sparavo.
Questo fatto mi angustiava moltissimo.

Non riuscivo, come non riesco ancora, a spiegarmi il perché: attribuivo il difetto al fatto che mi emozionavo in modo esagerato alla vista della lepre che sopraggiungeva, ma, non era questo il motivo; forse, il motivo principale era dovuto al fatto che arrivavo affannato all’appuntamento con il selvatico, perché praticavo questo tipo di caccia in un modo particolare: mi spostavo in continuazione per coprire la postazione, in montagna, dove ritenevo fosse diretta la lepre, che aveva fatto cadere in fallo i segugi che l’inseguivano.

Comunque: non ero un ottimo tiratore, e questo fatto era risaputo.
Consapevole di questa mia deficienza preferivo che fossero gli altri ad occupare le postazioni migliori, prima dello scovo. Un giorno, dopo l’ultima lepre da me” spadellata”, dovevamo iniziare una battuta di caccia in compagnia di Ugo.

Sulla macchina, si parlava di questo fatto, ed io ,conoscendo la bravura di Ugo come tiratore, lo avevo pregato di occupare una determinata postazione, anche perché sapevo che, una volta scovata, la lepre avrebbe imboccato quel viottolo. Ugo, non aveva opposto nessuna obiezione.
Raggiunta la radura, dopo aver constatato la presenza della lepre e sciolto i segugi, dovevamo prendere i posti.

A quel punto, Ugo, mi disse: “Senti, ritengo meglio che sia tu ad occupare quella postazione;anzi,pratica la battuta come abitualmente sei solito condurla quando cacci da solo. Vai tranquillo, alle tue spalle ci sarò io”. “Ma non ritieni che “Vai tranquillo!”
In altre parole mi aveva voluto dire:” Avrei piacere che fossi tu a sparare la lepre “.

Avendo capito il senso del discorso, seguivo i segugi da vicino mentre si spostavano dalla pastura verso il covo.
Essendoci imbattuti in una lepre, maschio, piuttosto grosso,come s’intuiva dalle fatte,l’accostamento era difficoltoso.

Dal” pianoro dell’acqua fredda” i segugi, imboccata la vecchia mulattiera, avevano iniziato a scendere verso il “Piano del previte”.
Avendo intuito che il lepre era sceso giù per soddisfare anche i suoi bisogni sessuali, essendo ancora il periodo degli amori,mi ero posizionato all’imbocco di un sentiero che congiunge la macchia sottostante con la mulattiera,in una posizione sopraelevata che permette di vedere il viottolo per un lungo tratto. Lo scovo tardava ad avvenire.

Dalla postazione in cui mi trovavo, conoscendo bene i posti, potevo seguire- dalla voce che davano i segugi- le varie fasi dell’accostamento.
Ad un certo punto ho sentito la flessione caratteristica della voce della cagna di Ugo che precedeva lo scovo che si spostava verso la macchia che sfocia nel viottolo in cui mi trovavo io. Avevo capito, subito, che il predestinato a sparare la lepre,ero, proprio, io.


Ho imbracciato, quindi, la” doppietta” mirando una pietra bianca che si trovava nel viottolo, preoccupandomi della giusta equilibratura dell’impostazione dell’arma, quando ho visto che stava per sopraggiungere, prima dello scovo,la lepre.

Poi, ho sentito le voci dei segugi, in seguita. Ho lasciato avvicinare la lepre a tiro e ho sparato: una, due volte. La lepre è caduta: stecchita!

L’ho presa da terra per non farla maltrattare dai cani, e, mentre stentavo a metterla nella capiente tasca della “ cacciatora”,dopo averla ripulita del sangue,ho sentito, alle mie spalle, la voce di Ugo che mi diceva: Bravo!” Si vedeva chiaramente, dagli occhi di Ugo, la contentezza.

Sono cose che non si possono dimenticare! e, che denotano l’altruismo di un animo nobile. Ho voluto, in questo breve racconto, ricordare un amico segugista scomparso da poco.

Anche nel mondo della caccia sono poche le persone che lasciano dei buoni ricordi, e, pertanto, sono proprio queste poche persone che, senza enfasi e senza esagerazioni- giusto anche come era nel loro carattere- vanno ricordate, affinché sia il loro ricordo la giusta ricompensa per quelle peculiarità comportamentale che li hanno contraddistinti nell’arco della loro vita.

Filippo Galati

Concorrente al 18° Concorso Nazionale per Racconti di Caccia "Giugno del Cacciatore"

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...