Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Il cinghiale e il lupoSognando HemingwayUna giornata in paludeLibecciataIl campo del peroLa fontana dell’Acqua ChiaraSapore AnticoIn onore di un sarciccioLuna di novembreCacciarella sibillinaSperanze d'autunnoLa quercia della crocePrego, spari Lei!Babboo… la lepre!Il linguaggio della naturaIo , Aston e la " nostra " prima coppiolaLa mia avventuraLe Lodole dell'AquilaiaMaremmaAlle porte di FirenzePane con l’olioIl nostro sentieroIl piccolo falchetto feritoMaledetta cacciaStarneRicordi di cacciatoreL'ultimo colomboIl lago San BernardoIl caneIl cuore del luccioIl “Filinguello”Il sentiero del ReLe cotorne di Piano MandorleDi notte a gambetteL’ultimo colomboAspettando l'autunnoDiario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Cacciarella sibillina


giovedì 10 ottobre 2019
    

La poltrona era comoda come poche altre volte mi era capitato e, fatta eccezione per l'energumeno addormentato che mi sedeva vicino, stavo per gustarmi una piacevole serata al Teatro dell'Opera. Mi sentivo fortunato a stare lì in platea e cercavo di catturare lo sguardo degli altri spettatori per capire se avrebbero intuito chi fossi: lavorare come critico musicale mi piaceva, ma per tanta gente ero soltanto un nome a cui poche persone avrebbero saputo associare un volto o una voce. Cercavo di ingannare il tempo con questi pensieri quando finalmente la sala diventò più scura: ero stato accreditato per la "Maria Stuarda" di Gaetano Donizetti ed ero emozionato e curioso perché in tanti anni non ero mai riuscito a vederla dal vivo. Il primo atto filò liscio come l'olio, nonostante qualche strattone per svegliare l'energumeno che aveva iniziato a russare già dalla sinfonia. Poco dopo l'inizio del secondo atto avvertii una sensazione particolare. Il soprano aveva appena terminato la sua cavatina e il suono delle trombe introdusse un coro:


Al bosco, alla caccia!
Il cervo si affaccia
Dal colle muscoso,
Poi fugge scherzoso
Del rivo alle sponde:
Si specchia nell'onde;
Correte veloci
Quel cervo a ferir.


Mi era familiare come pochi pezzi musicali, anche se facevo fatica ad associarlo a quella sensazione particolare. Lasciai terminare l'opera con l'ambascia nel petto e applaudii quasi distrattamente. Lo ammetto: ero più interessato a ricollegare il coro a un fatto che avevo vissuto personalmente. Il mattino seguente scrissi senza troppa convinzione la recensione per il mio giornale e all'improvviso una foto di mio nonno mi indirizzò nella direzione giusta, tutto fu immediatamente chiaro. Quel coro era la "canzoncina" che ascoltavo sempre da piccolo quando mio nonno andava a caccia.


Io, mio fratello e tutti gli altri nipoti salivamo sul vecchio carretto trainato dall'asina Filomena che sbuffava per il peso e la pendenza della salita: nonno Mimmo ci faceva salire volentieri prima di farci scendere, salutarci e addentrarsi nei boschi con le brocche piene di latte. Sui Monti Sibillini faceva freddo, ma eravamo ben coperti: a me, bimbo timido ma curioso, piaceva soprattutto pulire il cartello del paese dalla neve e scoprire il nome. SELVAPIANA: i miei occhi leggevano quasi con orgoglio quelle lettere e il guanto si muoveva lentamente per scoprirle una dopo l'altra. Nonno era un pastore sempre sorridente e riservato e amava raccontare davanti al camino la giornata trascorsa col gregge una volta tornato a casa. Ci coinvolgeva con quegli aneddoti montanari che accendevano la mia fantasia, mentre addentava una fetta di formaggio e richiudeva con cura il coltello. Per arrotondare lo stipendio andava a caccia: i boschi di Selvapiana erano pieni di cinghiali e non erano rari i caprioli, ma a nonno chiedevano soprattutto di catturare gli istrici di notte. Lo schioppettio dei ceppi che bruciavano interrompeva di tanto in tanto quei racconti e a me piaceva immaginare pastori e animali come protagonisti di una fiaba fantastica, quasi soprannaturali. Adoravo come poche cose al mondo la grande conchiglia che fungeva da corno e che nonno portava a tracolla per tenere lontani i lupi dalle pecore mentre si accendevano i fuochi. Era la stessa conchiglia che faceva iniziare la cacciarella e nonno ne parlava sempre quasi come di un gioco. Prima c'era il suono della conchiglia, poi si intonava il coro della Maria Stuarda, imparato chissà come da quei pastori marchigiani che non erano mai stati in un teatro d'opera, e infine cominciava la caccia vera e propria. Ora che ero cresciuto avevo imparato qualcosa di più su questa tecnica leggendo qualche libro specializzato, mi sarebbe piaciuto vivere in prima persona quei momenti. Nonno non c'era più da anni, ma sarebbe stato un bel modo per ricordarlo. Non chiamavo spesso al telefono mio fratello e infatti fu sorpreso nel sentire la mia voce: anche a lui erano rimasti i ricordi di quei racconti e non ci volle molto tempo per convincerlo a organizzare un viaggio fuori stagione nelle Marche. Chiamai anche i miei due unici cugini di primo grado e li convinsi senza difficoltà: eravamo tutti cacciatori, ma imbracciavamo il fucile quando il tempo ce lo permetteva. Vivevamo in città diverse e distanti tra loro, ma sapevamo di poter contare l'uno sugli altri. Ero riuscito a riunire una parte della squadra e ci salutammo silenziosamente una volta arrivati a Selvapiana. Il carretto c'era ancora, le poche case sparse non erano cambiate poi tanto in quegli anni e soprattutto era identica l'aria frizzante e fresca che si poteva respirare a pieni polmoni. Indossai i guanti e, come se fossi ancora un bambino, pulii dalla neve il cartello con la scritta del paese. C'erano proprio tutti, cacciatori, canai, battitori e capocaccia: il lungo silenzio che durava da ore fu interrotto dal coro che aveva segnato la nostra infanzia e che avevo "ritrovato" in un teatro. Anche i cani sembravano voler intonare le stesse note. La conchiglia di nonno Mimmo funzionava ancora perfettamente: un soffio di vento mi accarezzò le guance, la macchia era in vista e alla cacciarella mancava davvero pochissimo. Non eravamo molto diversi dai pastori dei decenni precedenti e prima di puntare il fucile ripensai a nonno e ai suoi occhi teneri che mi avrebbero osservato dal cielo terso sopra i Monti Sibillini.



Simone Ricci

 

Tratto da RACCONTI DI CACCIA, PASSIONE E RICORDI Raccolta di racconti in ordine di iscrizione al 3° concorso letterario “Caccia, Passione e Ricordi” A cura di: Federcaccia Toscana – Sezione Provinciale di Firenze [email protected] www.federcacciatoscana.it

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...