HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
QUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

LA MAESTRINA E LA CACCIA


mercoledì 22 maggio 2013
    

Nonno, perché vai a caccia? La maestra mi ha chiesto di scrivere un questionario sull’argomento.

“Perché amo la natura!”

“E perché catturi gli uccellini?”

“Perché sono un frutto della natura!”

Claudia, la nipotina che frequentava la terza elementare alla Giuseppe Verdi, quel mattino si recò a scuola convinta di far contenta la maestra con le sue risposte. Ma questa, anticaccia alla moda, non fu soddisfatta dalle parole del nonno e formulò alla piccola allieva altre domande.

“Nonno,la maestra mi ha detto che se tu ami la natura non devi catturare gli uccelli!”

“Ti ripeto,gli uccelli sono un frutto della natura  e, come l’agricoltore raccoglie quelli della terra, io raccolgo i selvatici del cielo”.

La bimba, con santa pazienza annotò la risposta e l’indomani si recò a scuola più convinta e sicura di soddisfare la maestra.

“Signora maestra- interloquì Claudia, nel bel mezzo della lezione- il nonno mi ha detto che quando va a caccia raccoglie i frutti del cielo, così come l’agricoltore raccoglie quelli della terra”.

“Ma gli uccelli non si uccidono”le rispose la maestra.

Il ritornello, in verità, faceva presa sull’innocenza della fanciulla e Claudia, che amava tanto il nonno, rimase interdetta e delusa. Ma poiché era dotata d’intelligenza precoce, non si diede per vinta. Poi il discorso sulla caccia fu lasciato; la maestra continuò le sue spiegazioni nelle altre materie che la piccola seguiva con attenzione e profitto. Giunsero le festività natalizie. Claudia e le sue amichette, com’è tradizione,pensarono di offrire dei doni all’insegnante. Proprio in quei giorni il nonno cacciando alla posta in quei punti  che soltanto lui sapeva, aveva messo nel carniere un paio di lepri. Vedendo la nipotina scervellarsi per il regalo alla maestra, le suggerì di portarle una di quelle splendide  lepri.

“Certo,anche se l’insegnante si è rivelata una fiera avversaria dei cacciatori”, disse con un mezzo sorriso il nonno che,appunto essendo nonno,la sapeva lunga sulle debolezze del genere  umano.

Così, quel mattino del dicembre avanzato,la piccola Claudia, andò a scuola col grosso fardello,ben preparato,nella cartella. Entrò con un po’ di ritardo,già sulla cattedra facevano bella mostra spumanti, panettoni,dolci e tante altre golosità tipiche del Natale.

E Claudia che cosa aveva portato? Le amichette si sbirciavano l’una con l’altra con curiosità quando, la piccola, trafelata, si fermò davanti all’uscio e con una certa fatica tirò fuori dalla cartella il fagotto che avvolgeva la grossa lepre che depose sulla cattedra. Curiosità,meraviglia,timore,interesse,furono le svariate reazioni dei fanciulli mentre l’insegnante rimaneva interdetta alla vista del selvatico. Claudia la fissava negli occhi, come a volerle leggere nell’animo. Il volto della maestra tradì incertezza alla vista di quella bella bestia e ricordando di quanti in paese le avevano magnificato le carni,sorrise. E,anche pensando che in fondo quella lepre era un dono che veniva dal cuore della piccola e della sua famiglia,schioccò un bacio a Claudia:” Ringrazia anche tuo nonno – le disse- e tanti auguri”.

Arrivarono le vacanze e la maestra preparò per la famiglia un ottimo salmì di lepre. Finirono le festività, dopo l’Epifania si tornò a scuola e l’insegnante riabbracciò le sue allieve.

“ Signora maestra – le chiese Claudia, non senza una certa arguzia – che ne ha fatto della lepre?”.

“Oh, Claudia,com’erano saporite le sue carni…Ringrazia ancora il nonno”.

E la nipotina le portò altre lepri fino a quando, un giorno, non la sentì mormorare: “ Ma perché non ho sposato un cacciatore?”.

 

 

Domenico Gadaleta

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...