HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

Il fagiano proibito


giovedì 22 novembre 2012
    

Quanto rammarico per essere dovuto scappare da quel podere forzatamente… sapeva tutto, anche il perché, e di quel fatto doloroso era comunque orgoglioso.

      In casa sua tenevano un fucile a bacchetta, mai però era stato tirato fuori da quell’armadio; se durante l’anno in famiglia mangiavano della selvaggina, quella era frutto del cappio di crine di cavallo o di qualche “panuzzola” vischiosa che troncava il volo di diversi uccelli catturati così, senza fracasso. Anche se bambino, portava dentro quell’amaro di tutti gli uomini di casa sua; il patto agrario vigente in quella fattoria negava ai propri mezzadri l’esercizio della caccia.

      In quella stessa annata ad un confinante della famiglia di Fosco, era stata data licenza dal podere, proprio a causa della caccia: uno dei giovani della famiglia Morganti era stato colto in flagrante mentre sparava ad una lepre, sul confine della riserva e pare che fosse recidivo. Dato che i Morganti a fine annata dovevano lasciare il podere, era risaputo che rasciugavano selvaggina a dispetto del guardia e del fattore.

      In casa di Fosco, anche se ardeva in tutti loro la passione della caccia, mai si erano azzardati ad imbracciare quello schioppo polveroso, da tempo riposto nell’armadio; rischiare il posto che sfamava la numerosa famiglia, per una lepre o un coppia di starne al canto, non  valeva davvero la pena.


      Da un paio di anni, nel territorio di quella riserva veniva tentata l’introduzione del fagiano, quel grosso uccello colorato ambito da tutti. I padroni furono fieri di poter invitare, di lì a poco, amici aristocratici e contraccambiare così le tante cacciarelle sui palchetti nelle immense tenute di Maremma, dimostrando che anche a poca distanza da Firenze si potevano organizzare le battute al fagiano, modello anglosassone, con al fianco il caricatore di fucile e di fronte, nei boschi, i classici battitori reclutati nelle famiglie dei mezzadri.

      I contadini, dal canto loro, ritenevano che una cartuccia la si poteva anche rischiare, per un quasi mezzo lucio*.    

E proprio lo zio di Fosco, vedendo un bel maschio di fagiano poco distante dall’aia di casa, non seppe resistere alla tentazione: corse in casa, prese dall’armadio il vecchio archibugio, vi versò dalla cima la dose della polvere, buttò all’aria cassetti per trovare il piombo colato che pensava di avere. Voleva far presto, frugava e pensava a cosa di alternativo potesse introdurre in quella canna damascata. Quando passò accanto ad un tavolino tarlato con sopra la forma ed il ferro da ciabattino, pensò subito alle semenze lì, in un barattolo: ne prese un pizzicotto e le ficcò dentro, poi la stoppa pressata dalla bacchetta. Fosco fu spettatore della frenesia di suo zio; lo attese dietro la porta della stalla, lo vide uscire con il fucile ed entrare nel rinserrato di canniccio che racchiudeva l’orto. Gli fu subito dietro e lo raggiunse in quella turata di canne, l’uomo gli fece cenno di stare zitto, ma Fosco sottovoce:


"Ma che fate, avete visto i ladri?"
 "Guarda là sotto la vite, lo vedi? è un fagiano".
"Ma zio, se vi sentano ci mandan via da podere".
"Macché, di sicuro daranno la colpa a i’ Morganti".

La fucilata, in quel momento di silenzio, tuonò rimbombando giù verso Bucotto. Sotto a quel chioppo il fagiano colpito dalle semenze si dibatteva. Fosco non attese l’ordine di suo zio, saltò il canniccio e si gettò su quel grosso uccello, gli serrava la gola con le dita, con l’altra mano lo teneva a se per non farlo dibattere. Rientrava guardingo verso l’aia da dietro il muro a secco, allorchè una voce lo raggiunse:
"Vieni ragazzo porta l’animale, son d’accordo con i’ tu’ zio"

      Era il Mancini capo guardia della bandita, Fosco e la sua famiglia a fine annata subirono la stessa sorte dei Morganti.. . . . 

 

* Lucio: Tacchino

 

Luigi Calonaci

Tratto dal libro La Sottana nella Bruscola

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...