HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Il cacciatore solitario La vendetta delle volpi Aria e Cicero: tra genio e follia UN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATO Il pero acerbone Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

La collina del ciliegio


mercoledì 1 febbraio 2012
    
Era una vecchia casa colonica, abbandonata ormai da molti anni. Si trovava in cima alla collina del ciliegio, cosi chiamata dagli abitanti della piccola frazione, per via del grosso albero che dimorava lì da secoli.

La vecchia e grossa porta di legno, oramai quasi completamente scardinata dal tempo e dalle intemperie, era reclinata su un lato, lasciando libero l’ingresso come se fosse un implicito invito.

Le finestre, raggiunte dai rampicanti, si intravedevano a malapena e il vecchio comignolo iniziava a perdere i pezzi.

Tutto intorno era un brulicare di vita silvestre e la cosa che colpiva di più era l’ordine che la natura aveva mantenuto; ogni cosa era al suo posto, dai meli selvatici ai roseti che abbracciavano il rovo vicino, al grande prato che si preparava ad accogliere l’arrivo dell’autunno e il vigneto abbandonato ma anch’esso in perfetto stato, il tutto come se il tempo si fosse di colpo fermato…e poi c’era lui: il grande albero. Testimone del tempo che scorre, era stato messo li dalla mano dell’Onnipotente come una firma, per attestare la sua opera. Sembrava un vecchio saggio circondato da giovani fanciulli intenti ad ascoltare le storie che egli raccontava.

Stefano di trovava a poche centinaia di metri dal vigneto, nascosto tra due piccole querce e alcune felci intrecciate ad arte; aspettava i tordi.

Era la fine di ottobre, l’estate era stata ladra rubando tempo all’autunno, ma i grossi nuvoloni e l’aria frizzante lasciavano presagire l’imminente arrivo della stagione vera e con essa l’arrivo dei primi “ zirlaioli”.

Qualche gruppetto era già passato ma erano troppo alti per sentire il richiamo.
Più in basso, verso il fiume, ogni tanto si sentiva l’eco di qualche fucilata, - forse scendono a riposarsi li - pensò ad alta voce, ma non fece in tempo a finire la frase che ecco spuntarne quattro da dietro il ciliegio, andavano verso la sua direzione. Rimase immobile e quando furono a tiro lascio partire il primo colpo: -  ecco il primo -  pensò mentre vedeva il punto dove stava cadendo l’animale. Poi lasciò partire il secondo colpo verso l’ultimo dei tre tordi che nel frattempo avevano subito cambiato direzione: -  ecco il secondo - questa volta era più soddisfatto, non tanto per la mira, quanto per la difficoltà del tiro.

Si spostò dall’appostamento per andare a raccogliere i tordi e mentre ritornava fu colto dalle prime gocce d’acqua.

Sbuffò, ma l’idea di lasciarsi intimorire da una leggera pioggia non la considerava affatto, aveva passato diverse giornate sotto la pioggia battente mentre cacciava le anatre; era allenato.

Passò un’ora e il numero dei tordi incarnierati era salito solo di due, in compenso quella che prima era una pioggia leggera adesso si era trasformata in un vero e proprio acquazzone.

Si ricordò della casa sulla collina e dopo aver valutato bene la situazione pensò di andare a rifugiarsi li, un conto è l’essere allenati, un conto è l’essere sprovveduti, e siccome il passo si era fermato, si incamminò verso la casa.

Giunse di fronte alla vecchia porta dopo circa un quarto d’ora di cammino, benché fosse provvisto di impermeabile aveva i pantaloni inzuppati e quando entrò dentro tirò un sospiro di sollievo.

Nonostante la casa fosse disabitata da anni, si respirava comunque aria di ospitalità e si percepiva uno strano calore…forse era il non trovarsi più sotto la pioggia battente, o forse era una recondita forma di rispetto... il rispetto di entrare in un luogo del quale nulla si conosce, un luogo dove in passato ci viveva gente e dove forse della gente era morta. Aveva il timore che la sua presenza potesse in qualche modo turbare la sacralità di quel luogo...forse era questo lo strano calore che sentiva.

Qualche pianta selvatica era riuscita a penetrare all’interno della casa, ma in generale, a parte la polvere, tutto il resto era perfettamente pulito.

Si tolse l’impermeabile e si sedette vicino alla finestra; guardava il cielo, guardava la pioggia cadere.
Un rumore attirò la sua attenzione, proveniva dal piccolo arbusto che si trovava vicino l’ingresso: - un topo!- pensò.

Si sbagliava.
Una beccaccia spuntò fuori e si fermo a pochi passi da lui.

Il cacciatore e la preda, in un momento di rispettoso armistizio.

Stefano non credeva ai suoi occhi; la beccaccia se ne stava li senza nessun timore, in quel momento erano di fronte due animali che, per necessità, condividevano la stessa tana.

La beccaccia fece compagnia a Stefano per alcuni minuti, poi, quando la pioggia rallentò i suoi ritmi, il selvatico salutò il cacciatore con un elegante battito d’ali e si allontano nel vento.

In quei minuti migliaia di pensieri affollarono la mente di Stefano, ma neanche per un solo secondo l’idea di una cattura era stata contemplata.

Forse i due si sarebbero incontrati d nuovo, magari in situazioni diverse e forse si sarebbero sfidati. L’uno con l’ausilio del cane, l’altra con la scaltrezza ricevuta in dote da madre natura.

Si racconta che un giorno, sulla collina del ciliegio, è accaduto l’impensabile.

Su quel luogo magico e misterioso, ancora una volta, l’Onnipotente aveva messo la sua firma.
 
 
Vincenzo Mazzone

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...