HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
QUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

La collina del ciliegio


mercoledì 1 febbraio 2012
    
Era una vecchia casa colonica, abbandonata ormai da molti anni. Si trovava in cima alla collina del ciliegio, cosi chiamata dagli abitanti della piccola frazione, per via del grosso albero che dimorava lì da secoli.

La vecchia e grossa porta di legno, oramai quasi completamente scardinata dal tempo e dalle intemperie, era reclinata su un lato, lasciando libero l’ingresso come se fosse un implicito invito.

Le finestre, raggiunte dai rampicanti, si intravedevano a malapena e il vecchio comignolo iniziava a perdere i pezzi.

Tutto intorno era un brulicare di vita silvestre e la cosa che colpiva di più era l’ordine che la natura aveva mantenuto; ogni cosa era al suo posto, dai meli selvatici ai roseti che abbracciavano il rovo vicino, al grande prato che si preparava ad accogliere l’arrivo dell’autunno e il vigneto abbandonato ma anch’esso in perfetto stato, il tutto come se il tempo si fosse di colpo fermato…e poi c’era lui: il grande albero. Testimone del tempo che scorre, era stato messo li dalla mano dell’Onnipotente come una firma, per attestare la sua opera. Sembrava un vecchio saggio circondato da giovani fanciulli intenti ad ascoltare le storie che egli raccontava.

Stefano di trovava a poche centinaia di metri dal vigneto, nascosto tra due piccole querce e alcune felci intrecciate ad arte; aspettava i tordi.

Era la fine di ottobre, l’estate era stata ladra rubando tempo all’autunno, ma i grossi nuvoloni e l’aria frizzante lasciavano presagire l’imminente arrivo della stagione vera e con essa l’arrivo dei primi “ zirlaioli”.

Qualche gruppetto era già passato ma erano troppo alti per sentire il richiamo.
Più in basso, verso il fiume, ogni tanto si sentiva l’eco di qualche fucilata, - forse scendono a riposarsi li - pensò ad alta voce, ma non fece in tempo a finire la frase che ecco spuntarne quattro da dietro il ciliegio, andavano verso la sua direzione. Rimase immobile e quando furono a tiro lascio partire il primo colpo: -  ecco il primo -  pensò mentre vedeva il punto dove stava cadendo l’animale. Poi lasciò partire il secondo colpo verso l’ultimo dei tre tordi che nel frattempo avevano subito cambiato direzione: -  ecco il secondo - questa volta era più soddisfatto, non tanto per la mira, quanto per la difficoltà del tiro.

Si spostò dall’appostamento per andare a raccogliere i tordi e mentre ritornava fu colto dalle prime gocce d’acqua.

Sbuffò, ma l’idea di lasciarsi intimorire da una leggera pioggia non la considerava affatto, aveva passato diverse giornate sotto la pioggia battente mentre cacciava le anatre; era allenato.

Passò un’ora e il numero dei tordi incarnierati era salito solo di due, in compenso quella che prima era una pioggia leggera adesso si era trasformata in un vero e proprio acquazzone.

Si ricordò della casa sulla collina e dopo aver valutato bene la situazione pensò di andare a rifugiarsi li, un conto è l’essere allenati, un conto è l’essere sprovveduti, e siccome il passo si era fermato, si incamminò verso la casa.

Giunse di fronte alla vecchia porta dopo circa un quarto d’ora di cammino, benché fosse provvisto di impermeabile aveva i pantaloni inzuppati e quando entrò dentro tirò un sospiro di sollievo.

Nonostante la casa fosse disabitata da anni, si respirava comunque aria di ospitalità e si percepiva uno strano calore…forse era il non trovarsi più sotto la pioggia battente, o forse era una recondita forma di rispetto... il rispetto di entrare in un luogo del quale nulla si conosce, un luogo dove in passato ci viveva gente e dove forse della gente era morta. Aveva il timore che la sua presenza potesse in qualche modo turbare la sacralità di quel luogo...forse era questo lo strano calore che sentiva.

Qualche pianta selvatica era riuscita a penetrare all’interno della casa, ma in generale, a parte la polvere, tutto il resto era perfettamente pulito.

Si tolse l’impermeabile e si sedette vicino alla finestra; guardava il cielo, guardava la pioggia cadere.
Un rumore attirò la sua attenzione, proveniva dal piccolo arbusto che si trovava vicino l’ingresso: - un topo!- pensò.

Si sbagliava.
Una beccaccia spuntò fuori e si fermo a pochi passi da lui.

Il cacciatore e la preda, in un momento di rispettoso armistizio.

Stefano non credeva ai suoi occhi; la beccaccia se ne stava li senza nessun timore, in quel momento erano di fronte due animali che, per necessità, condividevano la stessa tana.

La beccaccia fece compagnia a Stefano per alcuni minuti, poi, quando la pioggia rallentò i suoi ritmi, il selvatico salutò il cacciatore con un elegante battito d’ali e si allontano nel vento.

In quei minuti migliaia di pensieri affollarono la mente di Stefano, ma neanche per un solo secondo l’idea di una cattura era stata contemplata.

Forse i due si sarebbero incontrati d nuovo, magari in situazioni diverse e forse si sarebbero sfidati. L’uno con l’ausilio del cane, l’altra con la scaltrezza ricevuta in dote da madre natura.

Si racconta che un giorno, sulla collina del ciliegio, è accaduto l’impensabile.

Su quel luogo magico e misterioso, ancora una volta, l’Onnipotente aveva messo la sua firma.
 
 
Vincenzo Mazzone

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...