HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
QUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Il bambino e la beccaccia


lunedì 14 novembre 2011
    

Era una sinfonia che sentiva da sempre, e della quale non era mai stanco: suo padre a tavola la sera, che raccontava per  telefono al fratello lontano le astuzie della regina. Astuzie delle quali era stato vittima insieme al suo cane Argo, un setter bianco arancio che ormai era uno di famiglia, ribattezzato da tutti “faccia sporca” per via di quattro macchie grigio fumo stampate sul viso, che ricordavano delle macchie di olio per motori.

- E' pronta la cena di Argo? - chiedeva sempre l’uomo alla moglie. Perché prima doveva mangiare il cane, poi tutto il resto della banda.

Stefano, ancora dodicenne, fremeva. Era già uscito qualche volta col padre di domenica, ma non era soddisfatto. I tordi e le cesene non facevano per lui. Quell’immagine statica creata da un appostamento improvvisato non gli bastava.

Lui non voleva limitarsi ad ascoltare il racconto della domenica, lui voleva esserne parte.

Stefano la beccaccia l’aveva vista sempre e solo alla sera,quando rientrava il padre dalla caccia, e soprattutto quando il padre era riuscito a catturarne qualcuna. E la sua non era semplice curiosità. La fata lo aveva ammaliato.

- Ma c’è la scuola prima della caccia- diceva mamma Maria. E forse aveva ragione, o forse no.
Perché anche  la caccia insegna, Dio solo sa quanto!

Perché la vita non si spiega sui banchi di scuola, perché a volte, stare chini ore ed ore sulla propria scrivania serve a ben poco.

Lla vera conoscenza rifugge i testi e risiede solo nell’animo umano” l’aveva sentita spesso questa frase,e Stefano conosceva il suo animo. Era quello di un cacciatore, perché cosi era nato. Cacciatori non si diventa…si nasce.

Quell’anno aveva piovuto molto,i cercatori di funghi erano contenti. Ma Stefano lo era ancora di più. Suo nonno ( cacciatore anch’egli) ripeteva sempre- anno fungaio,anno beccacciaio.-

E chissà…forse era l’anno buono.

Forse era l’anno in cui sarebbe riuscito a vedere la beccaccia in volo,forse era l’anno in cui sarebbe riuscito a sentire il frullo in mezzo al bosco.

Faceva freddo quella mattina. Fuori era ancora buio. Ma Stefano era già sveglio.

Era stato svegliato dall’acciottolante suono delle tazzine del caffè,dalla frenesia di Argo che continuava a correre per casa. Dal leggero aprirsi della porta della sua stanza.

- Sei sveglio?- disse il padre-
- Si- rispose il bambino che era già fuori le coperte, e i suoi occhi emanavano luce.
- ti va di venire a vedere se alziamo qualche beccaccia?-
Il sogno si era avverato.

La chiamavano “la macchia della regina”, sarebbero andati li. In quel posto che Stefano aveva sentito solo nei racconti del padre, in quel posto che a detta dei cacciatori richiamava scenari degni di un film della Disney.

E in effetti cosi era: quel posto era la prova inconfutabile della Gloria di Dio. Lo sterminato faggeto, i rovi ed il piccolo torrente che scorreva ridente e silenzioso.

Argo correva come se li ci fosse nato,frugando in ogni anfratto,e mentre correva,maestoso,di colpo si fermò; la schiena curva,il tartufo sollevato…d’un tratto si era trasformato in una perfetta scultura.

Quell’attimo sembrava eterno. Stefano capì il cenno del padre,e si fermò dietro di lui.

Poi, quando gli occhi del cacciatore si incrociarono con quelli del cane, la beccaccia partì.

Dal mezzo di un cespuglio si sollevò maestosa, e con la stessa maestosità proseguì il suo volo, nonostante i due colpi partiti dalla doppietta.

Di nuovo un incrocio di sguardi,quelli tra il bambino e l’uomo,quelli tra il cane e la beccaccia,quelli tra la beccaccia e il cacciatore,quelli tra il bambino e la beccaccia.

Il sogno come per incanto si era materializzato e spalancava nuove porte. La natura ancora una volta era stata maestra.

La beccaccia volò lungo il suo faggeto,ma lasciò li la sua magia.

L’uomo ricaricò il fucile, e i tre ricominciarono a cacciare. Nessuna parola interrupe la melodia magica che la natura aveva creato.

E mentre la nebbia leggera,iniziava a diradarsi,quell’alone di mistero che regnava sulla macchia si arricchiva di nuove storie. Storie che sarebbero state raccontate per telefono,o più semplicemente,storie che avrebbero fatto crescere in maniera esponenziale dentro Stefano la sua passione per la caccia. Passione dalla quale avrebbe tratto quotidianamente  lo spunto per   trame sempre nuove che accompagnano da tempo immemorabile l’animo del cacciatore.


Vincenzo Mazzone
 

Leggi gli altri racconti

2 commenti finora...

Re:Il bambino e la beccaccia

VICENZO MI HAI FATTO COMMUOVERE .BRAVO .NON SEMBRA UN RACCONTO PER ME E' UNA STORIA DA RACCONTARE AI PROPRI FIGLI PRIMA DELLA BUONA NOTTE . COMUNQUE IO SONO LO STESSO PORTO QUANDO POSSO ANCHE MIO FIGLIO 8 ANNI AD ASPETTARE LE ANATRE .

Voto:

da BRICK 16/11/2011 12.02

Re:Il bambino e la beccaccia

Grande Vincenzo, complimenti vivissimi.

Voto:

da Nato cacciatore 14/11/2011 10.49