HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
QUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

L'anima del tordo


giovedì 24 novembre 2016
    
C'è un uccello nella natura che non ha uguali per l'istintiva e naturale generosità della sua anima sensitiva. Questo è il tordo e in modo più specifico il tordo bottaccio. Lo conoscono in molti soprattutto per la squisitezza e la bontà delle sue carni che gli antichi  romani prediligevano fra quelle degli altri migratori alati. “ Inter volatilia turdus, inter pisces triglia, inter legumina fava”. Per dire semplicemente che tra i volatili il più saporito è il tordo, mentre tra i pesci eccelle la triglia e tra i legumi, la fava. Queste affermazioni si possono discutere fin che si vogliono, ma è indiscutibile che le carni del tordo sono fra le più sapide tra i selvatici alati. Ed è forse per questa ragione che Madre Natura ha stabilito che doveva essere un selvatico generoso e a disposizione degli amanti di Diana.  

Tale volatile mostra la sua spiccata generosità soprattutto ai cacciatori. Dopo aver nidificato nelle alte pinete nordiche, migra verso le aree mediterranee, molto spesso credendo ai richiami e concedendosi facilmente all'abbattimento. La sagoma del tordo è quasi perfetta nella sua linearità, anche se non raggiunge la nobile bellezza della beccaccia, la sontuosa fattezza del chiurlo maggiore, la grazia paradisiaca del piviere dorato, e così via. Il bottaccio ha un'anima popolare, disposto a tutto. Ma attenti! Nel corso del tempo si è fatto furbo, sfugge facilmente a qualsiasi insidia, scomparendo dagli habitat tradizionalmente frequentati. Ha un elevato adattamento all'ambiente che frequenta. Ama i boschi regali, le ricche pinete transalpine, e sverna volentieri fra gli ulivi mediterranei, dove pastura nutrendosi con i sapidi frutti dell'ulivo. Non disdegna i vigneti dove pilucca acini antichi, dolci al palato. Ma appena percepisce che la sanità dell'habitat frequentato è stata compromessa, scompare irrimediabilmente.
 
E' ciò che succede ai nostri giorni, quando si irrora la terra con diserbanti che sostituiscono l'antica aratura, alterandone la qualità e la stessa pastura di cui si ciba. Così il selvatico si allontana alla ricerca di nuovi habitat, come boschi e pinete dove troverà una pastura diversa dall' oliva e dall'uva, ma certamente più sana. Affronta la sua fine con coraggio, ma non ama lasciare le penne per i veleni che gli incauti umani spargono dappertutto. Tale turdide così generoso e popolare, definito come il “ pane dei poveri” sia per la bontà delle carni che per l'onnipresenza in tutti gli ambiti di caccia, ha comunque dei nemici indegni, soprattutto fra coloro che non lo amano aggredire con onestà e a viso aperto. Penso a chi non lo caccia con sportività, a chi lo aspetta addirittura fra le tenebre per sparargli, o lo inganna con tecnologie illecite pur di impossessarsene ad ogni costo. L'umile tordo sa scoprire le insidie e non  si presenta più ai quotidiani appuntamenti. E così succede che dopo i primi giorni di passo i potenziali aggressori o nemici, restano con l'amaro in bocca per la sua assenza. Come principio generale dobbiamo riconoscere che la natura sa ripagarci dei danni che le infliggiamo, senza sobrietà e correttezza. E così il pane dei poveri comincia a scarseggiare. Amato tordo!
 

Domenico Gadaleta
Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:L'anima del tordo

Come si dice nel racconto descrittivo è più che giusto cacciare il tordo sportivamente, anche perchè è un migratore abbondante che ci rende piacevoli le nostre giornate di caccia.Se spesso non riusciamo a raggiungere il numero legale di venti tordi, accontentiamoci anche di una manciata di tali volatili,perchè poi ci saranno i giorni in cui i carnieri saranno gratificanti anche se nel limite consentito e venti tordi non sono poca cosa. In bocca al lupo a tutti i tordaioli.

Voto:

da Amante della natura. 24/11/2016 11.58