Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Diario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE


mercoledì 6 luglio 2016
    
Nel tempo che fu, che poi bello non fu perché i dolori, le sciagure e i danni che  hanno causato le due grandi guerre, si sono rivelati a volte insanabili, si praticava la caccia al chiurlo maggiore lungo la battigia. Il litorale  del basso adriatico pugliese, formato da pochi tratti di sabbia e soprattutto da basse scogliere  ricche di sassi e sassolini di tutte le dimensioni, era invitante èer i trampolieri di passo. Durante i periodi post-bellici gli appassionati della caccia a mare, in verità non molti, si portavano sulla spiaggia a fine ottobre e per tutto novembre, per tirare agli uccelli di passo.

Era la cosiddetta caccia a mare, che richiedeva il possesso di varie doti nel cacciatore, tra le quali innanzitutto la pazienza. Il selvatico bisognava aspettarlo, anche nello scorrere dei vari giorni, sin dal primo mattino, se non dalle ultime ore della notte. Non è stata mai caccia di quantità come quella ai tordi e alle allodole, ragion per cui molti si spazientivano e abbandonavano tale pratica. L'altra predisposizione in possesso dell'amante di tale caccia consisteva nel lento e lungo apprendimento dell'arte del fischio, senza del quale l'appostamento risultava del tutto vano. Si creavano richiami a fiato, costruiti in legno o in osso, che fiatati ad arte sortivano l'effetto dell'avvicinamento del selvatico all'appostamento. Vari cacciatori di veneranda età erano maestri nell'arte del richiamo e non lesinavano di fare scuola ai giovani, regalando loro fischietti e modalità operative.
Si iniziava col richiamo al piviere dorato. Ploi-ploi era la note di base articolata anche col trillo e alcune variazioni prodotte dal posizionamento delle dita intorno ai buchi del fischietto osseo o ligneo. I richiami di base erano di due specie: quello per il chiurlo maggiore che emanava solamente il verso del chiurlo, e quello per i rimanenti trampolieri chem emanava all'occasione i vari fischi. I principali trampolieri di fischio e di passo lungo le rotte marine, erano: il chiurlo maggiore, il chiurlo minore, la pettegola, la pantana, il piviere dorato, la pivieressa, la pittima reale, la pittima minore, il totano moro, il combattente o gambettone, e l'insieme di piovanelli, piro-piri e gambecchi che non avevano gran peso venatorio. Le varie tipologie di ardeidi e aironi non erano appetiti se non per scopo ornamentale. Le specie suddette oggi sono protette dalla vigente legislazione italiana, tranne il combattente che è vietato solo da alcune regioni compresa la mia Puglia.

Ed ora occupiamoci della caccia al chiurlo maggiore, conosciuto dai cacciatori di ripa e di palude ed anche dai cacciatori di mare. Uccello superbo, dal becco leggermente arcuato e dal fischio metallico potente, sdi notava lungo la costa e negli ambienti paludosi, soprattutto a partire da metà ottobre e per tutto novembre. A volte era anche svernante nell'entroterra meridionale. Proveniva dalle terre paleartiche dopo aver nidificato. Con  l'affacciarsi della stagione fredda giungeva nell'Europa giungeva nell'Europa       mediterranea e temperata  .Uccello  sospettoso che ad ogni pur minimo indizio di presenza umana,  si allontanava definitivamente. Al cacciatore bastavano solo alcune fessure predisposte intorno all'appostamento, per osservare il volo del selvatico, le virate e gli arrivi nelle azioni di richiamo.  Anche le canne dei fucili non dovevano sporgere perché il pur minimo luccichio metallico lo allontanava per sempre.

Nella lunga e spasimante attesa, nel silenzio appena rotto dallo sciabordio delle onde il suo coì – coì penetrante lo avvertivi da lontano senza percepire la sagoma dell'uccello, soprattutto se sulla  spiaggia si adagiavano nebbiose trasparenze che il sole nascente avrebbe dipanato. Quel- cooì- forte e potente portava con sé molti significati: dominio, avvertimento, richiamo al consimile, e indizio di fuga, di presenza e di passaggio. Come a dire: - sono qui, io, il re dei trampolieri. Allora bisognava rispondergli con un fischio più modesto, a convincerlo che non c'erano problemi in giro.
 
Un  -  cooì – lento e sommesso, senza accentuazioni e inquietudini, per un - “ Si accomodi Mestà “ E l'uccello dall'alto del cielo, ripeteva il suo verso, planando a spirale fino ad abbassarsi in volo e presentarsi all'appostamento. Sulla battigia non bisognava porre alcun tipo di stampo dal quale spesso il volatile era insospettito. Quando passava a tiro era il momento di decidersi immediatamente se colpirlo a volo, oppure aspettare che si posasse. I bravi fischiatori erano capaci di convincerlo all'atterraggio, per poi stenderlo con la fucilata che partiva da una delle finestrelle dell'appostamento. Ma qualche volta succedeva che il selvatico avvertiva la sorpresa e volava via con un – coì – di maledizione.

I cacciatori meno anziani, già adusi a tirare al volo a tordi e ad allodole, e fra questi c'erano anche tiratori di piattello, si spazientivano e non reggevano all'attesa della ferma. Non appena il volatile entrava nel raggio del tiro, con le ali arcuate, lo abbattevano. E notavi che il chiurlo maggiore capovolgendosi nel cielo, lanciava l'ultimo grido di rabbia al destino e alla sconfitta. Quando lo si recuperava, l'occhio ancora vivo ed accusatore ti lasciava perplesso. Il re dei trampolieri era caduto e chi lo aveva richiamato ed abbattuto si inorgogliva nell'anima perché non sempre l'uccello perdeva la sua battaglia.
 
Tante volte tirava avanti, nella memoria delle esperienze passate, e nessuno riusciva ad insidiarlo. Era una caccia praticata da pochi, perché spesso veniva meno la sapienza del richiamo. Oggi tale pratica venatoria è stata definitivamente cancellata. Forse anche la consistenza della specie si è ridotta. Allora dobbiamo ancora una volta sottolineare che il sedicente progresso, con l'eliminazione sistematica degli ambienti umidi e con l'eccessivo tasso di antropizzazione che ha investito il nostro pianeta, sta decisamente compromettendo la sopravvivenza di molte specie viventi. La mania trasformatrice a proprio uso e consumo da parte dell'uomo non è mai ferma. Quale sarà il destino di questo bellissimo uccello? Tutti lo possiamo, ma non lo vogliamo immaginare. In bocca al lupo, chiurlo maggiore!
 

Domenico Gadaleta
 
Leggi gli altri racconti

2 commenti finora...

Re:CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE

Veramente un bel racconto,romantico a suo modo. L'autore conclude rammaricandosi sia dell'ormai non più praticata (nè praticabile) caccia al chiurlo maggiore, ma soprattutto si rammarica della rarefazione di questa specie, dovuta anche alla scomparsa di buona parte del suo habitat. Noi di Wilderness Italia ci battiamo proprio per salvaguardare il più possibile gli ultimi lembi selvaggi di qualsiasi ecosistema. La salvezza di alcune specie (e di tutto ciò che gravita attorno, caccia compresa) dipende proprio dalla salvaguardia di quei paesaggi.

Voto:

da Giancarlo D'Aniello Presidente Wilderness Italia 08/07/2016 17.11

Re:CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE

Il racconto è un omaggio al chiurlo maggiore, nella memoria di una caccia passata che attirava i nostri nonni, cacciatori pazienti e maestri nell'arte del fischio.

Voto:

da Amante della natura. 07/07/2016 7.56