HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
QUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo


martedì 17 aprile 2012
    

La scorsa estate, mi trovavo in Brianza nel centro di questa terra per certi versi più dura e radicale di altre terre, molto più osannate in fatto di durezza e di caparbietà, era appena passato il temporale ed il soffoco che lo scroscio dell’acqua aveva generato,pareva servisse da stimolante alle zanzare… le tigre naturalmente, quelle che lasciano dei bubboni tremendi e pare vengano da altrove con buona pace della biodiversità!

Orbene io e un vecchio ometto poco più alto del mio bambino ,rigorosamente in pantaloni blu da lavoro, zoccoli e canottiera, la divisa del brianzolo che cura l’orto al crepuscolo e poi sistema i cani suoi e dei più fortunati che sono al mare,cominciamo a imbambolarci davanti alle evoluzioni delle rondini, le ultime rimaste, e di un paio di pipistrelli… (si noti che la rondine non è cacciabile ma, in diminuzione ogni anno di più, chissà come mai).

È una magia che si ripete ogni anno ,sbotta lui,dall’alto dei suoi 81 compleanni!

Ammicco io, è vero Luigi la natura è proprio perfetta e questo spettacolo si rinnova ogni giorno,la preda ed il predatore, è l’ossatura del mondo, senza questo concetto rifletto, non ci sarebbe neanche il piacere del mangiar funghi, che sebbene innocui devono vivere sottraendo qualche cosa alla pianta che li fa spuntare.

Ta ghèt resun (hai ragione) Giulio sei giovane e mi fa piacere che vedi il mondo dal lato giusto ,aggiunge, da cacciatore,perché devi sapere che il cacciatore è il primo vero ambientalista che veramente conosce l’ambiente ,conosce e rispetta il territorio, perché gli permette di cacciare e di allenare il cane, e perché no se ben curato lo fa sognare quando aspetta l’apertura e di sera và a vedere i fagiani che pascolano al crepuscolo, per poi tornare a casa con gli amici immaginando strabilianti giornate future…

Il cacciatore sai, proprio per quello che ti raccontavo prima è soprattutto rispettoso ,di uno degli animali più particolari che vivono sulla terra,L’uomo e la sua vita,l’uomo ed i suoi cuccioli!

Con un velo di tristezza e gli occhi vecchi, infossati, tumidi dall’emozione ma che sembrano il proiettore di tante avventure passate,mi dice: il cacciatore è l’unico essere al mondo che può ammazzare,togliere la vita, o se vuoi uccidere, non solo per mangiare! E tutto questo per diritto divino e per la lotta che lo ha portato ad essere un essere logico,con ancora nel dna istinti come la caccia!

Ed è per questo che più di ogni altro rispetta la vita specialmente dell’uomo,quando eravamo trattati non da esseri superiori ma da cacciatori,quando eravamo rispettati ,ed era una festa alla Domenica quando ritornavamo in paese,quando ci chiamavano per farla finita con il vecchio cane che soffriva e basta…quando gli animali erano trattati bene ,ma da animali…queste cose non succedevano!
Queste cose ? cosa intendi Luigi?

Ma ti pare giusto che un pensionato venga aggredito in paese dai cani randagi? E che un bimbo muoia in Sicilia divorato dai cani?

Ma varda (guarda) che una volta l’era minga insci (non era mica così) ti chiamava il sindaco la sera;e ti diceva: fa un giretto ghè in gir la ulp (fai un giretto c’è in giro la volpe) ,e il cacciatore partiva con il
doppiettone con gli azzalini esterni e sistemava le cose,riequilibrava il numero di prede e predatori,e non potendo fare vivere sulle palafitte la propria famiglia,o fare la trappole come gli uomini delle caverne ,sistemava i cani rabbiosi ,o comunque randagi,teneva sotto controllo le cornacchie e i tassi,riduceva a qualche volpe necessaria a far pulizia ,e sorvegliava il territorio.

Perché ,perché era giusto così perché i nostri cuccioli valgono molto di più dei cuccioli dei cani randagi,perché la battaglia con i lupi nei secoli scorsi ha già sacrificato le giuste vittime a farci vivere in pace.

Quindi una riflessione alla luce degli ultimi accadimenti ,un pensionato a Milano viene sbranato,un camionista l’altro giorno,in alta lago di Como dopo la neve branchi di cani scambiati per lupi,l’anno scorso in Sicilia un bimbo …e chi sa quanti altri ancora.

Basta l’homo sapiens sapiens dice basta ,chi è il vero ambientalista? Chi permette nel 2012 ad un cane di divorare il proprio bambino,o chi con una scarica di pallettoni traccia quel solco che ci ha permesso di scendere dalle palafitte e di non accendere fuochi intorno al villaggio?
Caro Luigi non si può,è disumano,contro le regole,barbaro…

Figliolo è vero ma,vallo a dire alle famiglie di chi queste cose le ha subite.

 


Giulio Ricca
(Coordinatore Regionale Lombardia
Partito Politico Caccia Ambiente)

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...