HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

Il Grande verro


martedì 22 maggio 2012
    

L’attesa telefonata dell’amico Giovanni mi aveva raggiunto nella tarda mattinata di quel freddo giorno di dicembre ed il mio cuore aveva già cominciato a battere forte, pregustando l’annunciata “passeggiata” in montagna, sulle tracce del re del bosco.

Nei giorni precedenti proprio Giovanni, accompagnato dai suoi fidi segugi, aveva rilevato la presenza di un consistente branco di cinghiali che si aggirava fra i querceti e le folte macchie che caratterizzano la mia terra, in provincia di Salerno, ed insieme avevamo deciso di effettuare una nuova ricognizione, armati di arco e frecce, per intercettare e seguire le tracce degli ungulati e tentare un abbattimento.

Giovanni, che è il presidente dell’Associazione Nazionale Arcieri Cacciatori (UNARC), è un vero esperto nella caccia al cinghiale effettuata con arco e frecce ed è per me un vero amico, oltre che paziente Guida venatoria e Maestro d’arte.

Così, nelle prime ore del pomeriggio, ci ritroviamo ad arrampicarci sugli irti crinali della montagna per poi addentrarci nel folto del bosco dove i segni del passaggio dei cinghiali erano più evidenti.

Arco in pugno, in silenzio e pronti al tiro, ci muoviamo sotto vento seguendo le impronte fresche di una scrofa con i suoi porcastri; ma a breve distanza ecco comparire sul terreno le tracce altrettanto fresche di un grosso verro che, evidentemente, segue il primo gruppo di cinghiali.

Mentre Giovanni mi indica sottovoce il tragitto da seguire per aggirare un folto roveto, possibile rimessa dei selvatici, mi ritrovo a sognare ad occhi aperti, colmo di emozione e di comprensibile tensione, ed a sperare ardentemente in un incontro ravvicinato con il grande verro.

Forse gli Dei della foresta hanno ascoltato le mie preghiere, ed in breve il mio sogno si è tramutato in adrenalinica realtà. Seguivo in silenzio il sentiero che si inerpicava lungo l’impervio crinale, mentre Giovanni, a circa 150 metri di distanza, sempre con gli occhi fissi sul terreno con la freccia già incoccata nel suo arco, scendeva in un profondo vallone.

Le tracce del grosso verro erano molto chiare sul terreno bagnato dalle abbondanti piogge dei giorni precedenti; sembrava quasi che il cinghiale le avesse lasciate lì apposta per me, quasi a voler sfidare il mio spirito di Cacciatore. Ed io le ho seguite.

All’improvviso, nel bosco un silenzio irreale; anche la brezza leggera che prima soffiava timida alle nostre spalle ora era del tutto sparita. Forse per istinto mi sono immobilizzato, guardandomi attorno circospetto e attento ad ogni più piccolo rumore e…. incredibile!! All’inizio non credevo ai miei occhi, ma poi ho messo meglio a fuoco l’immagine che si stagliava nell’ombra pomeridiana del bosco, a circa 20 metri dalla mia posizione: la sagoma inconfondibile di un grande cinghiale era comparsa improvvisamente dietro uno scomposto ammasso di arbusti e cespugli troppo piccoli per poterlo nascondere interamente. Vedevo chiaramente il muso sporgersi da una parte del cespuglio, mentre l’animale annusava l’aria perché evidentemente allarmato dalla mia presenza, mentre dall’altra parte sporgeva il posteriore del cinghiale con la coda già irta e pronto alla fuga o… alla carica.

Ho estratto piano una freccia dalla mia faretra e… ed ho commesso un errore: per incoccare la freccia, infatti, ho staccato per un attimo gli occhi da quella sagoma; un attimo solo, e la mia preda non c’era più, sparita silenziosamente come un fantasma, come un sogno, come solo un cinghiale sa fare.

Solo frazioni di attimi, prima che mi tornassero in mente le parole di Giovanni: “…tieni sempre sott’occhio il corridoio tracciato dal cinghiale”. Solo frazioni di attimi, interminabili. Mi sono girato lentamente, per guardare alla mia sinistra, e l’ho visto, enorme, con il muso puntato verso di me e le setole ritte sul groppone.

Non ho avuto il tempo di pensare e tutto si è svolto senza soluzione di continuità, in maniera estremamente naturale, come se appartenesse al mio essere ancestrale. La prima freccia, con un rumore secco, è penetrata sotto il muso del cinghiale, attraversandolo interamente fino a fuoriuscire in parte nella natica destra dell’animale che, nonostante fosse colpito a morte, ha emesso un urlo sinistro e si è gettato a capofitto giù nel crinale.

Sentivo l’odore del sangue e vedevo le abbondanti chiazze rosse che il verro aveva lasciato sul terreno durante la sua fuga precipitosa, ed avrei scommesso che l’animale si era diretto nella parte più bassa della foresta, dove mi era sembrato volersi dirigere, ma non era così e di lì a poco avrei imparato una nuova lezione. Infatti, quando ho chiamato Giovanni via radio per spiegargli l’accaduto, questi mi ha invitato prima di tutto a rimanere calmo e a non precipitarmi sulla via di fuga dell’animale, per evitare che il cinghiale, sentendosi braccato, potesse raccogliere tutte le sue forze per allontanarsi troppo; Giovanni, poi, mi ha spiegato che non bisogna fidarsi della direzione presa dall’animale in fuga, che quasi certamente cercherà di disorientarci (e di cambiare più volte direzione) per evitare di essere catturato. Abbiamo adottato, pertanto, la cosiddetta “Tecnica della Spirale”, che consiste nel segnare il punto del ferimento e di girare intorno ad esso disegnando cerchi sempre più ampi, fino a trovare le tracce più fresche del selvatico colpito. Ed in effetti in breve tempo abbiamo scoperto che il cinghiale ferito era fuggito nella direzione diametralmente opposta a quella che credevo io.

Tracciare il cinghiale ferito è stata un’esperienza unica e piena di emozioni contrastanti. Alla felicità incontenibile dell’incontro, infatti, si contrapponeva il timore di aver perduto definitivamente la mia preda più desiderata, e la tensione accumulata faceva tremare le mie mani, mentre un’abbondante ed improvvisa sudorazione (di origine nervosa) imperlava la mia fronte ed il viso con vistose gocce trasparenti. Il cuore continuava a battere mille, ma ho continuato a seguire le indicazioni e i consigli di Giovanni, fino a quando……. La seconda freccia ha raggiunto il costato destro del verro ormai rantolante che aveva cercato rifugio in un folto cespuglio spinoso.

Non so raccontarvi a parole ciò che ho provato quando finalmente abbiamo raggiunto il cinghiale che giaceva ormai privo di vita. E’ come se parte della sua grande energia fosse stata assorbita dalla foresta e dal mio stesso essere, dal mio spirito e dalla mia anima di cacciatore, ma anche di uomo che attraverso la caccia con l’arco ha scoperto un mondo nuovo e certi segreti equilibri presenti in natura sempre contrassegnati da emozioni forti, antiche ed ancestrali e che, forse, attraverso la cruda morte di una grande preda oggetto della nostra caccia, riconducono al vero significato della immortalità ed alla ricerca ed al recupero dei nostri più atavici istinti e delle nostre radici.

Quella giornata rimarrà per sempre nella mia memoria e nel mio cuore.


Carmine Aufiero

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...