Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Diario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Il Grande verro


martedì 22 maggio 2012
    

L’attesa telefonata dell’amico Giovanni mi aveva raggiunto nella tarda mattinata di quel freddo giorno di dicembre ed il mio cuore aveva già cominciato a battere forte, pregustando l’annunciata “passeggiata” in montagna, sulle tracce del re del bosco.

Nei giorni precedenti proprio Giovanni, accompagnato dai suoi fidi segugi, aveva rilevato la presenza di un consistente branco di cinghiali che si aggirava fra i querceti e le folte macchie che caratterizzano la mia terra, in provincia di Salerno, ed insieme avevamo deciso di effettuare una nuova ricognizione, armati di arco e frecce, per intercettare e seguire le tracce degli ungulati e tentare un abbattimento.

Giovanni, che è il presidente dell’Associazione Nazionale Arcieri Cacciatori (UNARC), è un vero esperto nella caccia al cinghiale effettuata con arco e frecce ed è per me un vero amico, oltre che paziente Guida venatoria e Maestro d’arte.

Così, nelle prime ore del pomeriggio, ci ritroviamo ad arrampicarci sugli irti crinali della montagna per poi addentrarci nel folto del bosco dove i segni del passaggio dei cinghiali erano più evidenti.

Arco in pugno, in silenzio e pronti al tiro, ci muoviamo sotto vento seguendo le impronte fresche di una scrofa con i suoi porcastri; ma a breve distanza ecco comparire sul terreno le tracce altrettanto fresche di un grosso verro che, evidentemente, segue il primo gruppo di cinghiali.

Mentre Giovanni mi indica sottovoce il tragitto da seguire per aggirare un folto roveto, possibile rimessa dei selvatici, mi ritrovo a sognare ad occhi aperti, colmo di emozione e di comprensibile tensione, ed a sperare ardentemente in un incontro ravvicinato con il grande verro.

Forse gli Dei della foresta hanno ascoltato le mie preghiere, ed in breve il mio sogno si è tramutato in adrenalinica realtà. Seguivo in silenzio il sentiero che si inerpicava lungo l’impervio crinale, mentre Giovanni, a circa 150 metri di distanza, sempre con gli occhi fissi sul terreno con la freccia già incoccata nel suo arco, scendeva in un profondo vallone.

Le tracce del grosso verro erano molto chiare sul terreno bagnato dalle abbondanti piogge dei giorni precedenti; sembrava quasi che il cinghiale le avesse lasciate lì apposta per me, quasi a voler sfidare il mio spirito di Cacciatore. Ed io le ho seguite.

All’improvviso, nel bosco un silenzio irreale; anche la brezza leggera che prima soffiava timida alle nostre spalle ora era del tutto sparita. Forse per istinto mi sono immobilizzato, guardandomi attorno circospetto e attento ad ogni più piccolo rumore e…. incredibile!! All’inizio non credevo ai miei occhi, ma poi ho messo meglio a fuoco l’immagine che si stagliava nell’ombra pomeridiana del bosco, a circa 20 metri dalla mia posizione: la sagoma inconfondibile di un grande cinghiale era comparsa improvvisamente dietro uno scomposto ammasso di arbusti e cespugli troppo piccoli per poterlo nascondere interamente. Vedevo chiaramente il muso sporgersi da una parte del cespuglio, mentre l’animale annusava l’aria perché evidentemente allarmato dalla mia presenza, mentre dall’altra parte sporgeva il posteriore del cinghiale con la coda già irta e pronto alla fuga o… alla carica.

Ho estratto piano una freccia dalla mia faretra e… ed ho commesso un errore: per incoccare la freccia, infatti, ho staccato per un attimo gli occhi da quella sagoma; un attimo solo, e la mia preda non c’era più, sparita silenziosamente come un fantasma, come un sogno, come solo un cinghiale sa fare.

Solo frazioni di attimi, prima che mi tornassero in mente le parole di Giovanni: “…tieni sempre sott’occhio il corridoio tracciato dal cinghiale”. Solo frazioni di attimi, interminabili. Mi sono girato lentamente, per guardare alla mia sinistra, e l’ho visto, enorme, con il muso puntato verso di me e le setole ritte sul groppone.

Non ho avuto il tempo di pensare e tutto si è svolto senza soluzione di continuità, in maniera estremamente naturale, come se appartenesse al mio essere ancestrale. La prima freccia, con un rumore secco, è penetrata sotto il muso del cinghiale, attraversandolo interamente fino a fuoriuscire in parte nella natica destra dell’animale che, nonostante fosse colpito a morte, ha emesso un urlo sinistro e si è gettato a capofitto giù nel crinale.

Sentivo l’odore del sangue e vedevo le abbondanti chiazze rosse che il verro aveva lasciato sul terreno durante la sua fuga precipitosa, ed avrei scommesso che l’animale si era diretto nella parte più bassa della foresta, dove mi era sembrato volersi dirigere, ma non era così e di lì a poco avrei imparato una nuova lezione. Infatti, quando ho chiamato Giovanni via radio per spiegargli l’accaduto, questi mi ha invitato prima di tutto a rimanere calmo e a non precipitarmi sulla via di fuga dell’animale, per evitare che il cinghiale, sentendosi braccato, potesse raccogliere tutte le sue forze per allontanarsi troppo; Giovanni, poi, mi ha spiegato che non bisogna fidarsi della direzione presa dall’animale in fuga, che quasi certamente cercherà di disorientarci (e di cambiare più volte direzione) per evitare di essere catturato. Abbiamo adottato, pertanto, la cosiddetta “Tecnica della Spirale”, che consiste nel segnare il punto del ferimento e di girare intorno ad esso disegnando cerchi sempre più ampi, fino a trovare le tracce più fresche del selvatico colpito. Ed in effetti in breve tempo abbiamo scoperto che il cinghiale ferito era fuggito nella direzione diametralmente opposta a quella che credevo io.

Tracciare il cinghiale ferito è stata un’esperienza unica e piena di emozioni contrastanti. Alla felicità incontenibile dell’incontro, infatti, si contrapponeva il timore di aver perduto definitivamente la mia preda più desiderata, e la tensione accumulata faceva tremare le mie mani, mentre un’abbondante ed improvvisa sudorazione (di origine nervosa) imperlava la mia fronte ed il viso con vistose gocce trasparenti. Il cuore continuava a battere mille, ma ho continuato a seguire le indicazioni e i consigli di Giovanni, fino a quando……. La seconda freccia ha raggiunto il costato destro del verro ormai rantolante che aveva cercato rifugio in un folto cespuglio spinoso.

Non so raccontarvi a parole ciò che ho provato quando finalmente abbiamo raggiunto il cinghiale che giaceva ormai privo di vita. E’ come se parte della sua grande energia fosse stata assorbita dalla foresta e dal mio stesso essere, dal mio spirito e dalla mia anima di cacciatore, ma anche di uomo che attraverso la caccia con l’arco ha scoperto un mondo nuovo e certi segreti equilibri presenti in natura sempre contrassegnati da emozioni forti, antiche ed ancestrali e che, forse, attraverso la cruda morte di una grande preda oggetto della nostra caccia, riconducono al vero significato della immortalità ed alla ricerca ed al recupero dei nostri più atavici istinti e delle nostre radici.

Quella giornata rimarrà per sempre nella mia memoria e nel mio cuore.


Carmine Aufiero

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...