Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Le cotorne di Piano MandorleDi notte a gambetteL’ultimo colomboAspettando l'autunnoDiario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

S'apre la caccia


giovedì 30 settembre 2010
    

Non mi vesto da gran cacciatore a nuovo. Tutto quello che è nuovo, mollettoni o fasce e, peggio, gambali a tromba, o gambali non a tromba, di gomma o di pelle robusta nel contempo che morbida, foderata, alla araba, di soffice pallettina gialla: anche i pantaloni da cavallo, se nuovi, anche i tasconi, la bandoliera o il carniere e perfino i fischietti e i richiami, robe nuove, mai usate, non vanno bene in battaglia: le mollettiere nuove si sfasciano non avendo ancora presa bene la forma della gamba: pantaloni da cavallo: crak! Si scuciono, si strappano: è roba da ridere! Non avete mai visto cacciatori che tornano con i calzoni cucini alla meglio dalle fantesche di Diana?

Fantesche di Diana stanno per osterie rustiche, quelle dove si vende la coda del baccalà, o la mezza paletta appiccicata allo stipite dell'uscio o ai ferri dell'architrave, insieme a rotole di formaggio, e a mezze scatole di pomodoro, e a stoppini di fiore di zolfo per cantinieri, e a gomitoli e mazzi di spago, a codette di fruste.

Osteriole delle fantesche di Diana: Fantesche di Diana! Ma il mondo è perduto pei forti ed anche per i cacciatori; perduto siffattamente che si van facendo, radissime, anche le osteriole di campagna; quelle col carrettiere sull'arco della porta e il carro fermo e il vino che scintilla dal litro al bicchiere. Si fan più rare e non c'è più religione di amore di natura.

Osteriole, una volta, con la frasca secca allo spigolo di casa; tendine rosse ai vetri e il cartello del vino. Si entrava e: drin! Suonava un vecchio campanello: appariva l'ancella Diana, in maniche di camicia, in veste rosea, col neo qui, a peli lunghi e biondi: carne, qualche volta, veramente bella, orli al collo della camicia, centinati e candidi. Ragazze dell'ostessa, di quelle belle e dagli strani rustici estatici visi! Beltà nativa, sempre in fiore, sempre desiderata dai cacciatori.

Poi si sbriscolava a carte napolitane, più o meno unte ed ingobbate. S'accendeva, a sera, il lume a petrolio, e s'udivano gran colpi di vecchi pugni, e callosi, da far tremare, tintinnare i bicchieri. Si mangiava: salame e prosciutto o frittata col pomodoro, le cipolle e il pepe, uno spizzico di erba di basilico e, maccheroni, dico meglio, pasta alla matriciana, di quella fatta con le chiare d'ovo, impastandovi, tantissimo a lungo, la farina; si condiva con lardelli di prosciutto magari rancidi o, frizzanti un poco. Si imbiancava, la pasta di formaggio, s'anneriva di pepe. E, se non stava bene di sale, se ne metteva dell'altro.

Questo mondo – o mi sbaglio? - (fu il mio mondo, fu il nostro?) è scomparso: il suo dolce clamore s'è attuito fino a spegnersi. Non si fa più baldoria. Non siamo più allegri. Stiamo tutti col muso, oggi.

Dico d'andar solo il giorno che s'apre la caccia; ma poi, quando incontrerò, come negli anni passati, gruppi di cacciatori, e specie se avrò ucciso qualche uccellino anch'io, farò volentieri lega coi cacciatori.
E, a sera, cammineremo per strade piane; incominciando quei discorsi che ho detto dinanzi: se si incontrano cacciatori buoni è un piacere starli ad ascoltare. Narrano con arte, e ci vorrebbe un piccolo grammofono buono a raccogliere i loro racconti: taluni dei quali provengono dai giorni di Orfeo in terra. Parlano a grande e sincero cuore; si inebriano di quel che dicono. Si sente, nelle loro parole, un accento che non è quello dei rapporti quotidiani fra uomo e uomo. Le frasi hanno espressione di cordialità, impossibile negli altri trecento e passa giorni dell'anno.

E donde è che io sto più ad ascoltare che ad aggiungere parole ai loro discorsi. Lascio che parlino; in questo giorno d'apertura sembrano (mentre sono uomini di quaranta cinquanta anni), fanciulli, che parlano con fanciulli, dei loro giochi.

Per l'apertura di caccia gli uomini, i cacciatori, parlano l'uno a l'altro come fratelli, e come una volta ai tempi primi, quando l'uomo abbassava meno la schiena sotto il peso delle macchine, ed era più buono.
Cacciatori sono uomini dal cuore buono, gli unici uomini ad anima aperta che siano rimasti ancora al mondo.

(Tratto dal libro L'Orso di Luigi Bartolini, ed. Vallecchi, 1933)

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...