Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Le cotorne di Piano MandorleDi notte a gambetteL’ultimo colomboAspettando l'autunnoDiario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Il cappello a galla


lunedì 15 settembre 2008
    

Nel gergo degli Alpini, "mettere le scarpe al sole" è un detto reso famoso dall'omonimo bellissimo libro di Paolo Monelli, che significa morire in combattimento. Nel molto meno famoso gergo venatorio della mia costiera toscana, lasciare "il cappello a galla" vuol dire cadere a caccia in un padule profondo, dal barchino o scivolando da un argine; se poi questo ci succede con sul groppone tutto il peso di armi, munizioni e balle degli stampi e richiami vari la cosa, oltrechè antipatica, può diventare pericolosa, infatti se di solito il tutto si risolve in un bel bagno e qualche sacramento, c'è anche quello che ci ha lasciato le penne, ma non quelle del cappello alpino: le sue!!. Tra gli altri detti cari ai cacciatori palustri spicca quello del "salto del boddo" o "dell'abboccata". I boddi, in Toscana, sono quei grossi panciuti rospi che troviamo sulle strade con le prime piogge, in parte affaccendati in un quanto mai pericoloso attraversamento; gli altri già tramutati in sogliole dalle automobili. Il boddo è goffo, ed il suo salto è tragicamente corto. Il salto del boddo quindi, è quando mal si calcola la larghezza di quello che ci pare un fossetto da niente, e invece ci si finisce fino alla cintola, fra le risate e gli sberleffi dei colleghi. L'abboccata è quella sgradevolissima sensazione di gelata infiltrazione subito sotto lo scroto, e poi giù per la gamba dentro lo stivale a coscia fino al piede, quando bastava ancora un metro per raccogliere quel beccaccino caduto proprio al centro del laghetto. Abboccare per una buona preda può anche andar bene, ma farlo per un porciglione o peggio per una gallinella d'acqua è da fessi; comunque per la verità, alzi la mano chi non gli è mai capitato. D'altronde alla passione non si comanda, come quando il "Gebo" si spogliò e si tuffò, e nuotò 200 metri per una coppiola di folagacce che la corrente si stava portando in mezzo al mare. La storia del cappello a galla è una storia vera, protagonista il sottoscritto, lo sfondo il padule di Castiglione della Pescaia, Grosseto, fine anni '80.
Con Giorgio, senza fare sopraluoghi preventivi ci avventurammo a buio in un posto per noi fino a quel momento sconosciuto, in base a indicazioni molto vaghe che ci aveva dato il Diavolo... ma non il Guardiano degli Inferi, il Diavolo è un amico cacciatore, quello che dal suo capanno tirò giù, di quinto colpo, un aeroplanino radiocomandato da un babbeo che voleva disturbare la quiete del padule.. ma questa la racconto un'altra volta. Quindi, folgorati entrambi sulla via di Damasco palustre, io e giorgio, parcheggiata la macchina e attraversata la pineta, un cielo pieno di stelle in quella freddissima mattinata novembrina, ci trovammo a brancolare per sguazzi e argini, fino trovare le paline della vecchia
autogestita, descritta anche dal Mazzotti nel suo "cacce di valle e di palude". All'alba, preceduti dal consueto frusciar di ali in avvicinamento, fummo sorvolati da un primo branchetto di fischioni, e ne buttammo giù uno, che fu l'unico, perchè gli altri branchi, veramente numerosi, passavano tutti parecchio lontano. Col giorno scoprimmo che anche più in là, dove erano passati tutti quegli uccelli si poteva cacciare: appostamenti e bossoli vecchi a terra lo testimoniavano, ma non c'era nessuno. Gli animali di "becco schiacciato" erano entrati forse quella notte stessa dal mare. Così, per alcuni giorni ci divertimmo davvero, una varietà impressionante di anatre: codoni, germani, alzavole, fischioni. Poi, inevitabilmente, cominciammo a trovarci gente, sempre di più, fino a che bisognava arrivare sul posto alle 2 di notte per trovare un posto che non fosse in quarta fila. Quella ormai famosa mattina, in compagnia di un altro amico, tale Stenio che mi aveva corteggiato più che la sua fidanzata affinchè ce lo portassi, prestissimo eravamo già con i piedi in guazzo. Mattinata dolce di scirocco, poco vento, cielo nuvoloso. Mentre lui si accoccola nella sua postazione per passare quelle due orette prima del
momento buono anche io vado al mio posto, ma non ho sonno, sono distante da lui un cinquanta metri...mi guardo un pò intorno. Di là dall'argine, oltre una specie di fiume, in un vascone per l'allevamento del pesce, soltanto una luce lontana, tenue e baluginante, si rifletteva sull'acqua. Mentre mi accendo una Camel, nel riflesso di quella luce vedo e conto, in fila indiana, sette anatre. Mi viene da
fare una bracconata, nel vascone non si può certo cacciare, è una follìa ma sto bruciando: se passo questo fosso e riesco a vederle faccio una strage. Lì vicino un ombra confusa, oltre le paline, un grosso mezzo meccanico fermo, forse una ruspa. Penso che sono le 3.30, chi mi vede a quest'ora? A lui non dico niente, tanto starà già ronfando. Carico dolcemente l'automatico, vecchio e fedele Breda a mollone di tante battaglie, mi avvicino al fosso, accendo la lampadina mirando in terra e nell'aqua, sono riparato dall'argine alto, cerco un passaggio e quando ormai sto per rinunciare vedo un'isoletta. Con un primo balzo ci posso arrivare, dopodichè sarà un giochetto toccare l'altra sponda. Mi prende l'orgasmo, vedo già la faccia del mio amico, che mi raddoppia sempre anche adesso, quando gli scodellerò 4 o 5 fischioni nel capanno, o forse colliverdi...mi sembravano belli grossi... Prendo 3 metri di rincorsa e salto sull'isola, che non era un isola. Era un semplice concentrato galleggiante di cannucce e falasco. Quell'ombra confusa, quel mezzo meccanico era una benna che aveva appena ripulito e dragato il fosso: c'erano 3 metri di fondo. Vado giù come un piombo, sento il gelo nei capelli; ho il fucile in una mano e la torcia nell'altra, vado sotto un bel pò...una sensazione unica. Come riemergo lancio il fucile sull'argine e quello, scivolando nel fango in discesa, mi ritorna indietro di punta!! Se parte un colpo mi ammazzo col piombo del 4, prima ancora di affogare, che soddisfazione!! Ce la faccio ad arrivare all'argine ma non faccio presa, gli stivali pieni d'acqua mi tirano giù a bestia, poi, non so come, riemergo grondante, raccolgo quell'ammasso di fango che poi è il fucile, la torcia non funziona, porto d'armi mutande sigarette cartucce, tutto fradicio. Avanzo verso Stenio che non dormiva ed era incuriosito, aveva sentito un grosso SPLUNF e dopo un pò uno SCIAC SCIAC SCIAC in avvicinamento: ero io ed i miei stivali pieni d'acqua.
Nonostante le sue sollecitazioni ad andare via rimasi, gocciolante, a caccia. Quell'alba feci uno stacco ad un fischione di quelli da cineteca, glielo bruciai sulla testa, che veniva di dietro e lui lo vide solo cadere.
Raccogliamo la preda e ci incamminiamo, ho resistito anche troppo, lo scirocco ha permesso di rimanere; se era grecale o tramontana lo vedi che corsa alla macchina, forse stasera avrò la febbre, cosa importa? Un ultimo sguardo, da lontano, alla benna, al vascone, al fosso...c'è qualcosa laggiù, in movimento sull'acqua, un fagotto, forse..ma sì sembra un anatra. Dietrofront, "gattonata" di 300 metri, ci avviciniamo dietro le cannucce senza fiatare, mi tremano le gambe per la stanchezza ma anche per la nuova emozione, ci affacciamo pronti al minimo movimento, il respiro si fa più pesante, il dito sul grilletto... guardiamo meglio: da dietro un cespuglio la corrente sta trasportando
lentamente il mio cappello....a galla!!!

 Alessandro Fulcheris

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...