HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

L'occhio della beccaccia


lunedì 15 dicembre 2008
    

Foresto è un piccolo paese proprio nel mezzo dell’Appennino centrale, poche case di contadini e boscaioli. E’ ormai spopolato. Tutti i giovani si sono trasferiti e quei pochi rimasti fanno i pendolari con la città. Solo in autunno al tempo del passo, il paese si popola di cacciatori che vengono dai dintorni. Macchine cariche di cani e di fucili. Ne scendono uomini vestiti nelle fogge più strane e si dirigono subito nei posti che sanno solo loro alla ricerca della regina beccaccia.
Rino ha dodici anni. E’ uno dei pochi bambini rimasti a Foresto. Vive con la nonna, dato che i genitori sono morti, quando aveva pochi anni, e il nonno amatissimo è mancato anche lui lo scorso anno. Il nonno che lo portava a caccia nei boschi intorno al paese con Vespina, la bravissima bastardina che aveva evidentemente nel suo sangue progenitori grandi beccacciai, perchè, mentre durante tutto l’anno non faceva che dormire accanto alla mucca nella stalla, quando era il momento del passo in autunno, diventava frenetica, si affacciava di buon mattino alla porta della stalla, annusava l’aria, quasi a sentire l’odore della regina e cominciava ad uggiolare, saltava di qua e di là dal camino al tavolo della cucina dove il nonno si beveva il caffelatte e si accendeva la pipa. Non gli dava tregua fin che non lo vedeva calzare gli scarponi da montanaro, staccare il fucile dal chiodo e avviarsi con suo passo lento e regolare su per lo stradino del bosco.
Ora anche Vespina non c’è più. Da quando il nonno era malato a letto, lei gli stava ai piedi e lo guardava fisso, quasi a dargli forza e compagnia. Il nonno non aveva voluto farsi portare all’ospedale. — Che ci vado a fare-, ripeteva spesso, - almeno qui sento gli odori della mia casa che sono quelli della mia vita, e accarezzo la testa di Vespina che così mi ricorda gli autunni felici che ho passato nei miei boschi. Dopo la morte del nonno, se n’era andata anche lei. Non aveva voluto più mangiare, quasi a voler dire che senza il suo padrone, non c’era più vita, non c’era più l’odore del bosco e della beccaccia. Rino aveva toccato con mano, quello che aveva sentito dire tante volte:
l’amore del cane per il padrone è così forte che senza di lui la vita non vale essere vissuta.
Pino è rimasto drammaticamente solo. Non più il nonno, non più Vespina, non i boschi tanto amati in autunno, l’odore delle cartucce appena sparate, il caldo della beccaccia appena presa. La calma del nonno che, ad ogni cattura, invece di ripartire frenetico, si sedeva per accendersi la pipa con studiata lentezza, e gli diceva- della caccia ti devi godere tutto con calma, anche la sosta, il silenzio, l’occhio che guarda dappertutto, la carezza sulla testa di Vespina che è sempre agitata.-.
Pino per non perdersi questo mondo, inforca spesso la bicicletta e scende nella cittadina a valle per andare nel negozio di caccia dove, di sera si danno sempre convegno i cacciatori per sentire almeno le loro storie, per respirare almeno in parte un mondo che crede di aver perso.
Quando una sera un gruppo lo osserva incuriosito:
“E questo chi è?” chiedono all’armaiolo.
“E’ il nipote di Gustavo, il vecchio cacciatore di Foresto, che è morto l’anno scorso”
“Quello che sapeva tutti i posti delle beccacce?”
“Si, proprio lui”.
“E tu, Pino, li conoscevi i posti del nonno?”
“Certo andavo sempre con lui!”
“Allora domenica veniamo su a Foresto. Tu ci accompagni, che dopo ci sarà una buona mancia per te”
Detto fatto la domenica successiva arriva un enorme fuori strada con quattro cacciatori e altrettanti cani. Rino, intimidito, gli accompagna dove andava sempre con il nonno, nel valloncello degli orti, e qui rimane come tramortito perchè incomincia una caccia alla quale non era abituato. Urla, fischi, strepiti, cani che vanno da tutte le parti, uomini che corrono come invasati, accerchiamenti di boschetti. Sembrava una guerra. Pino se ne scappa e li abbandona. Passa due valloni e vede nel bosco di fronte un cacciatore solitario che, da lontano gli sembra proprio uguale al nonno. Si mette sulle sue tracce, senza farsi vedere, perché non sa se la sua presenza è ben accettata. Striscia come un indiano e finalmente vede lo spinone del cacciatore che rimane in ferma. Il vecchio, ripone con calma la pipa, e si avvicina al cane, gli si mette di fianco e fa un lieve sibilo. Questi, come se aspettasse l’ordine obbliga la beccaccia a partire. Rino vede il vecchio che cerca con l’arma il selvatico tra i rami che ha davanti, e gli molla una botta precisa. Lo spinone riporta e si siede davanti al vecchio. Questi la ripone nella cacciatora dando una breve carezza al cane. Poi si siede, si accende la pipa, si gira nella direzione di Rino e gli dice:” Vieni, vieni, ti ho visto che mi seguivi da un p0’. Tu sei il nipote di Gustavo, vero? gran cacciatore, grande signore. Vieni con me ora da nonno ti faccio io.” Da quel giorno fu così.
Sono passati quattro mesi. Ora siamo ai primi d’aprile, ma Rino continua andare per boschi. Questi sono i suoi posti. Questa è la sua vita. Un giorno, in un posto dove a novembre spesso trovava beccacce, improvvisamente davanti ai piedi ne salta una che invece di andare lontano fa solo un breve violetto. Rino torna sui suoi passi perché ha intuito il mistero. La beccaccia ha il nido e lui lo vuole scoprire. Infatti, vicino a dov’era partita lo trova. Dentro ci sono quattro uova con tutti i colori del bosco. Rino si allontana perché se che non bisogna disturbare una mamma in cova. Ma la curiosità è troppo forte. Il giorno dopo ritorna, e ancora la beccaccia riparte per un breve volo. E così la terza volta. 11 ragazzo si avvicina con grandissima cautela e finalmente la vede ferma sul nido. Il suo occhio dilatato lo guarda, quasi l’avesse riconosciuto, quasi sapesse di avere un amico fidato. Così nei giorni a seguire, la beccaccia lo osservava sempre con il suo grande occhio vigile ma non spaventato. Fin che un giorno Rino arriva e il nido è vuoto. Solo le uova spezzate sono il segno evidente che la natura ha fatto il suo corso. Rino sta fermo immobile fin che la vede. E’ sempre lei che lo guarda, con le ali un po’ aperte, dove dopo un poco compare una piccola testa curiosa, poi un’altra, poi un’altra e un’altra ancora. Come rinfrancata, la madre li lascia liberi e loro cominciano subito a correre qua e là cercando con il loro piccolo becco. La beccaccia lo osserva ora tranquilla. Pino è come fulminato. Non si muove e guarda con estasi. Lo spettacolo dura alcuni giorni, poi improvvisamente la famiglia scompare.
L’autunno successivo Rino è a caccia con il suo nuovo nonno che l’ha adottato e al quale ha raccontato il meraviglioso incontro della primavera precedente. Vanno naturalmente a visitare i posti buoni e vocati per le regine fin che arrivano vicino al posto dove Pino ha trovato il nido. La spinona diventa subito cauta dato che conosce i posti, e va presto in ferma.
“Nonno è proprio questo il posto!
Rino si avvicina al cane in ferma e davanti al muso la vede tutta rannicchiata, come in allarme. Ma come un lampo, una luce, un messaggio, vede il suo occhio che lo guarda, come a dirgli- non mi riconosci? sono proprio io! -
“Nonno, nonno, non sparare, è la mia beccaccia!
E il nonno, quando la regina parte, non spara, ma si avvicina a Pino, lo abbraccia e lo bacia sulla testa. “Diventerai un uomo giusto”, gli dice.

Giorgio Bracciani

 

 

Primo classificato al 18° Concorso Nazionale per Racconti di Caccia "Giugno del Cacciatore"

 

Leggi gli altri racconti

9 commenti finora...

Re:L'occhio della beccaccia

Mi sono realmente emozionato! Già Ti conosco come magnifico scrittore ma, con questo racconto, hai superato Te stesso facendo trasparire la Tua vera sensibilità di Uomo, anche Cacciatore, ma soprattutto UOMO. Gipo Siletti

Voto:

da lucanus@tele2.it 24/04/2009 20.25

Re:L'occhio della beccaccia

da questo si capisce che il cacciatore è il più naturalista deinaturalisti

Voto:

da Franco BG 05/04/2009 18.12

Re:L'occhio della beccaccia

mi so venuti i brividi..

Voto:

da francesco 01/04/2009 18.41

Re:L'occhio della beccaccia

a Montori Giacomo che come prevedibile non lascia un recapito: ti rigrazio del tuo giudizio molto negativo, anzi schifoso sul mio racconto, detto da te non puù che farmi piacere. Giorgio Bracciani

Voto:

da bracciani.giorgio@tiscali.it 28/03/2009 19.15

Re:L'occhio della beccaccia

questo articolo fa veramente schifo

Voto:

da montori giacomo 21/03/2009 14.28

Re:L'occhio della beccaccia

questo articolo fa veramente schifo

Voto:

da montori giacomo 21/03/2009 14.28

Re:L'occhio della beccaccia

non riesco a trovare le parole per commentare questo racconto perchè non sarebbero all'altezza dello stesso.posso dire solo che mi sono commosso

Voto:

da lillo06@alice.it 28/01/2009 10.26

Re:L'occhio della beccaccia

racconto meraviglioso.tutto quello che un vero amante della regina ha provato e prova .sempre con la stessa forza.l'amore per il bosco,per tutte le sue creature.? la regina che ci f? buoni al punto di sentire nostalgia anche di un cerrro,di una quercia.e poi siamo tutti sognatori e i sognatori nel nostro paese sono in estinzione. grazie regina.sei sempre nei ns.cuori.

Voto:

da domeni 26/12/2008 15.41

Re:L'occhio della beccaccia

Una cosa meravigliosa. Perchè quei tali che si atteggiano a grandi animalisti e ambientalisti non leggono queste cose stupende e riflettono su cos’è la caccia, quella vera quella che nasce e muore nel cuore del cacciatore gentiluomo invece di profanare l’altrui morale in ambienti intellettualoidi sfoggiando una sorta di snobismo moralistico, dietro lo stemma del panda? Già, stemma del panda, nuova svastica in cerca di nuovi ebrei !!!

Voto:

da ninohunter.07@katamail.com 21/12/2008 15.06