HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

AL PASSO DEI TORDI


mercoledì 30 ottobre 2013
    

E’ tempo! Il migratorista si scompone,è inquieto, pensa e ripensa al tordo. Il sassello è fuori speranza  se l’inverno non sarà rigido. La sicurezza viene dal bottaccio, ma una certezza non esiste sull’inizio del flusso migratorio. Può essere tramontana, può essere scirocco.Sono imprevedibili i migratori, seguono delle logiche a noi sconosciute. Nelle regioni del sud, quasi sicuramente, è da aspettarlo dopo la prima decade di ottobre. E l’uomo venatico entra in fibrillazione. Passerà domani, dopodomani. Se mai piove, chissà! Forse.

Qualcuno già si è visto. Si attende il miracolo. Nella personale memoria storica, dopo giorni di pioggia continua, apertesi le cateratte del cielo, apparso il sole, da lontano si annunciò il profumo delle ali; gruppetti di sei, otto, dieci, più o meno, apparvero. Erano bottacci, alti, imprendibili anche al chioccolatore esperto. Lo conoscono dalla notte dei tempi, lo hanno assorbito nel codice genetico.

Comunque, per chi usa il chioccolo è necessario scomparire dietro un grosso ceppo d’albero, fissare il levante, evitando gli acuti raggi del sole. Signor tordo transiterà tranquillo, per guadagnare le terre dove svernare. Nella solatia Puglia del tempo che fu i turdidi svernavano in quantità impensabili. Poi giunse il veleno sotto forma di preparati chimici e quella terra ricca di secolari ulivi, florida e lussureggiante, fu lentamente ed inesorabilmente abbandonata dai tordi. Così lo scenario è cambiato; gli uccelli si fermano per qualche giorno, percepiscono il malessere e tirano avanti. Il verde tappeto che si crea nei campi a seguito delle benefiche piogge, nel giro di pochissimi giorni viene bruciato da diserbanti ed erbicidi. E il tordo celeste vi lancia un sibilo d’accusa, il suo caratteristico zirlio, e fugge. Fugge per non subire la pena capitale. Guadagna le plaghe boschive e si fermerà dove nessuno osa, dove, dicono i benpensanti, la natura è rimasta incontaminata.

Di certo la quantità dei tordi che resta per svernare si è assottigliata terribilmente, e forse ciò avviene in tutta la penisola. Bisogna così saper trarre profitto da quei pochi giorni segnati dal destino, che sono i giorni del passo; attivandosi col chioccolo, in un gorgheggio suadente, blando e sommesso, che può convincere il selvatico ad abbassarsi di quota. Anche lo zip ligneo o in sacca di pelle potrebbe essere efficace, se usato con discrezione ed intelligenza.Si fa convincere facilmente soprattutto l’uccello smarrito che vola fra gli ulivi alla ricerca dei consimili. Mentre sicuramente, gli uccelli che volano alti, in rotta, trascureranno i richiami. Chi a caccia non ha mai sbagliato un tiro a volo al tordo, alzi la mano. Se al gorgheggio il selvatico tende ad abbassarsi di quota, conviene sparargli a volo, non appena si staglia nel cielo e tende ad elevarsi. E’ inutile attendere che si posi fra i rami, facendosi invisibile.
Sarà così per vari giorni. Con l’aurora imperante i tordi appariranno all’orizzonte levante, come puntini neri, a gruppetti, e lì ci sarà anche il cacciatore speranzoso. In certe particolari giornate di furia transiteranno sino al tramonto. E se c’è pazienza e volontà di attendere, il carniere si arricchirà. Il bottaccio è la passione del migratorista puro, del suo amore venatico,del cacciatore semplice, senza pretese, umile, che conosce il suo destino.

Felicemente qualcuno ha definito i tordi “ il pane dei poveri”. Una volta tale caccia era facile perché i tordi svernanti abbondavano e si concedevano a tutti. Oggi non più perché i terreni avvelenati hanno reso impraticabile la pastura e quelli fuggono verso plaghe più accoglienti, forse anche fuori dall’Italia che salutano sorvolando e portandosi là dove il turismo venatorio la fa da padrone. Comunque bando al pessimismo, anche se il pane dei poveri scarseggia. Tiriamo fuori la speranza, smettiamola di avvelenare la natura, e – Viva il tordo! -



Domenico Gadaleta

Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:AL PASSO DEI TORDI

Il tordo, signore dei migratori, è amato da tutti i cacciatori migratoristi. E' caccia di antiche tradizioni, soprattutto per la bontà delle sue carni. " Nihil melius turdus " magnificavano i romani. E' la tipica caccia d'aspetto e quindi di pazienza. E' una vera scuola per l'uso del chioccolo, soprattutto per chi si avvicina all'arte venatoria.

Voto:

da Amante della natura 01/11/2013 8.47