Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Diario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

La nostalgia di una battuta di caccia


lunedì 24 agosto 2009
    

Un forte boato mi sveglia improvvisamente, corro alla finestra e intravedo un grosso autocarro allontanarsi, dopo aver divelto vari paletti lungo il marciapiedi, eretti a difesa del pedone. Non si saprà mai chi era al volante. Ritorno a letto e seduto con il cuscino sotto la testa, mi guardo attorno, guardo l’ora e nell’angolo della stanza un armadio contenente quattro fucili e munizioni.
 

Sono le 5 del nuovo giorno, fuori la notte è ancora padrona ma la vista dell’armadio mi illumina gli occhi, ma anche un velo di tristezza si impadronisce di me e mi fa chiudere gli occhi mentre un mare di ricordi risveglia antiche immagini, quando alla stessa ora operavo frettolose alzate, rapida vestizione, prendere la cartucciera, la licenza e poi correre verso il box, avviare il motore e alla massima velocità consentita, andare al punto di incontro con gli amici cacciatori.

L’incontro è come sempre festoso con scambio di saluti e convenevoli, mentre a levante spuntavano le prime tremolanti del nuovo giorno.
 

Alla presenza di tutti, il capo caccia stabilisce per ognuno la posta, quindi con l’augurio di in bocca al lupo, si partiva prendendo il sentiero verso la montagna. Mentre l’aurora inizia il suo metodico avanzare, si fa sempre più vivo nel mio sognare, il ricordo di quel sentiero diretto verso l’alto, attraversante una stupenda piantagione di ulivi, in silenzio, nel quale si sente il vibrante fruscio metallico delle fronde e del loro respiro. È un punto di così stupenda natura, dove sarebbe bello fermarsi, attorno ad un tavolino ben imbandito e conversare a cuore aperto con tanti amici in un silenzio, dove tutto si può dire e nulla potrebbe essere detto al dialogo con se stessi. Si sale sempre più in alto e gli ulivo sempre più in basso e lontani, al riparo dall’egoismo del mondo; si entra poi in una bella pineta, quindi un castagneto e infine un bosco di roveri, faggi e piante varie, dopo aver attraversato piccole piane e grossi ammassi di pruni selvatici e di erbacce spinose, così intricati da essere impraticabili anche ai cinghiali. Il percorso è sempre più duro, tuttavia con ostacoli superabili anche da uomini che hanno superato il meriggio della vita, ottantenni! Finalmente dopo la bella marcia, e piuttosto faticosa, specie l’ultimo tratto di un fitto bosco di querce e faggi, si apre davanti al cacciatore una larga piana circondata da boschi. Le tenebre sono ormai un ricordo ed uno splendido sole illumina le cime circostanti e varie valli, dalle quali ogni tanto giungono rintocchi di campane, si vedono sparse qua e la casette, formando uno spettacolo stupendo che premia la fatica fatta e invita a pensare alla infinita grandezza del creatore. In pochi minuti il cacciatore sceglie il punto più adatto come vista e facilità di sparo, quindi attende l’inizio della battuta, quando il capo caccia libererà i cani. Un leggero venticello muove le fronde degli alberi, fa freddo ma i primi raggi del sole daranno sollievo e faranno si che l’attesa sia meno dura; un gorgolio di acqua fa compagnia in un ruscelletto, sul quale è posto un tronco d’albero quale ponte.

Nell’attesa il cacciatore ha tutto il tempo per fare un esame su vari problemi e sulla condizione trascendentale personale dell’umanità, nel contesto della sopravvivenza dell’uomo, esame che improvvisamente verrà interrotto dall’abbaiare dei cani che si avvicinano sempre più alla posta. L’abbaiare dei cani è sempre più vicino, la calma precedente diventa una emozione, il cuore batte sempre più forte, lo sguardo è puntato allo sbocco del bosco e dopo pochi secondi ecco sbucare un grosso cinghiale, punta il fucile, attende che sia a tiro quindi spara il primo colpo, il cinghiale rotola a terra, si dibatte, si contorce, poi si ferma nella staticità della morte. I cani sopraggiunti gli piombano addosso e leccano il sangue. Dopo la tensione, un sorriso appare sulle labbra del cacciatore, che con il cellulare avverte il capo caccia che la preda è pronta per essere portata a valle. Il capo caccia conferma che altre tre prede sono pronte, in quanto abbattute dai colleghi in altre poste.

Tutti gli esami mentali che si dibattevano nel cervello del cacciatore in attesa, sono spariti ma pensa solo a liberarsi dall’orpello di regole e del dispiegarsi di ciò che opprime la vita. Incontra i portatori e poiché sono già le tredici, si avvia con essi verso il ristorante dove solitamente, alla fine di ogni battuta, consumano al cena. La marcia in discesa è molto meno faticosa dell’andata e prima di sedersi a tavola, provvederanno a dividere i quattro cinghiali in parti uguali per i diciotto componenti la squadra. L’appetito si fa sentire, per cui tutti a tavola dove troveranno tutto ciò che server a smorzare la fame, la sete e la stanchezza.

La cena è finita e mentre nel cielo cominciano a spuntare le stelle e la luna si alza verso il cielo, terminati i discorsi di successi, di padelle e varie storie romanzate, si ripetono i saluti e si torna nel tempio della propria famiglia, cioè quell’istituzione sociale che oltre ad essere un patrimonio dell’umanità è una inesauribile risorsa, che nel bene implicito a se stessa, coincide perfettamente con il bene della comunità  e della Patria. Ora le mirabili vie dei ricordi si fermano e scompare la galoppante fantasia di un passato remoto che sicuramente non si ripeterà, ma si appella alla cruda realtà che obnubila, ma non cancella ogni cosa, ma che ti riporta al presente mondo babilonico e ai molteplici problemi che domani saranno affrontati con la stessa forza e volontà.

Giovanni Marabotti

Concorrente al 18° Concorso Nazionale per Racconti di Caccia "Giugno del Cacciatore"
 

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...