HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Aria e Cicero: tra genio e follia UN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATO Il pero acerbone Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

Fra le quaglie oltre il dolore


martedì 2 aprile 2013
    

Antonio quella notte d'aprile era nella sua residenza a mare. Un immobile a servire i campi, ereditato dal nonno che ad ogni costo aveva voluto il nipote dedito al lavoro dei campi. Se per gli antichi contadini la vita nella natura è stata una ragione, sia pure sofferta, di qualche guadagno; per le successive generazioni ha rappresentato una soluzione estrema da accettare, con dolente rassegnazione, e con dentro la speranza di un futuro migliore. Ma quando Tonio ricevette la notizia della morte del figlio alla prima guerra mondiale, lasciò per strada speranze e futuri e si attaccò all'immediato esistenziale, maledicendo vita e morte, bestemmiando tutto e prefigurandosi solo notti insonni e giorni vuoti e disperati.

Eppure la doppietta fissa al chiodo gli sollecitò dentro qualcosa che sapeva di luce e di vita. Ripercorse l'arco dell'esistenza che sarebbe stata ancora lunga, e si rivide accanto al nonno a cercare quaglie nei grani di proprietà. Rivisse i giorni di caccia con l'avo e per lui il senso della vita e della morte si rimisero a braccetto, come a significare che esistere non è solo vivere, ma anche morire e che se c'è un senso della vita, che determiniamo e accettiamo anche dal destino, ci deve essere un senso, sia pure sconosciuto, alla morte che lo stesso destino ci impone. E si ricordò di quel “Lassù qualcuno mi ama” e ripensò il nonno ad indicargli la via della caccia come immediato rimedio alla disperazione e al dolore. Madre Natura gli venne incontro con un sole rosso e ricco di quotidianità che tramontava sontuoso alle sue spalle, nell'Adriatico di levante. Poi percepì il verso della quaglia e fu sorpreso. Era la fine di aprile. La brezza di levante portava il profumo di alghe oltre ai canti delle quaglie che si posavano a sera per recuperare la stanchezza della lunga migrazione. Zoppicante un cane lo seguiva, spinone non di sangue puro che per le circostanze simulava essere guardiano della notte. L'animale levava la testa a guardare Tonio, che a dirgli: - Non disperare, qualche quaglia domattina , te la indico io. Solo portami con te! I cani non saranno dei dialettici, ma di certo, istintivamente, provano a capire i profondi sentimenti dei loro amici padroni. E che nome aveva questo cane? Per ora nessuno, perchè Tonio non ricordava nemmeno di avere un cane guardiano nei suoi campi, tanto era forte ancora il dolore per la perdita del figlio. E lo ribattezzò Marea perchè l'animale nelle tranquille notti d'aprile era solito correre tra gli scogli che la bassa marea faceva riemergere dalle acque, per catturare un po' di tutto; dai granchi ai pesciolini, ai piro piro che gli sfuggivano con il moltiplicarsi dei pigolii. Marea, come a presentire i pensieri del padrone, era scomparso. Lo ritrovò sulla spiaggia in attesa che qualche uccello venuto da lontano, si posasse.

Tonio rammentò che l'animale era monocolo. L'occhio destro glielo aveva strappato l'airone cinerino, quando s'era appostato col nonno a fischiar chiurli e pivieri, uno degli ultimi novembre della vita dell'avo. Marea era corso lungo la spiaggia disattendendo l'ordine del padrone che lo richiamava vanamente. La sagoma del cane si bloccò fra gli scogli neri della spiaggia, in quelle ore antelucane che stentano lungamente a far largo alla luce. Ed ecco che un guaito lungo, segno di un dolore lancinante, lo proiettò verso il padrone che intuì il dramma non appena intravide l'ombra lenta e sinistra dell'airone al grido, allontanarsi dalla spiaggia. Quel becco lungo a pugnale aveva strappato l'occhio destro del cane che si lamentava ai piedi del nonno incapace di riparare alla sofferenza dell'animale. Il danno fu irreparabile perchè l'occhio era perduto per sempre e Marea s'era adattato nella residua esistenza a percepire la vita con un occhio solo. Ma in quei pochi anni che gli restavano aveva ricevuto dal destino, perchè anche i cani hanno un destino, il compito di dare speranza alla vita. E come? Avrebbe aiutato Tonio nella caccia, poiché il ritrovato cacciatore non aveva sostanze per l'acquisto di un cucciolo di razza e di sangue. Era necessario adattarsi a Marea. E questi non deluse.

La notte la trascorse a richiamare quaglie che senza soluzione di continuità si lasciavano cadere nel grano, come a precipizio, anelanti al riposo perchè sarebbero subito ripartite per nidificare fra i silenzi delle colline dell'entroterra. Quante quaglie! Tonio dimenticò la morte per vivere la vita, il dolore per la gioia. Si ammantò di speranza, spogliandosi dell'abito terribile della disperazione.


Pregò per il figlio morto, ma che sperava vivo nel regno della vita dove intravedeva un'unica certezza: - non ci sarà più guerra!

La mattina, dopo un breve riposo, e dopo aver lanciato un bacetto simbolico alla foto del giovane figlio e guerriero scomparso, si rivide insieme al cane a racimolare qualche quaglia. Quello scorrazzava dappertutto. Non riusciva a fermarle se non di rado. Era confuso da tanto ben di Dio e le quaglie prillavano ovunque. Povero cane! Pensava Tonio, è già molto quello che fa. Ha solo un occhio ed è carico di anni. Quaglia dopo quaglia il carniere diveniva consistente. Merito anche di Marea. Ma soprattutto si dilatava nel cuore del padrone la speranza e la gioia di vivere. La caccia quando non dà carniere dà speranze di vita. Eppure in quel mattino i due volti della speranza si addizionarono. E l'uomo ritornò al lavoro e alla caccia riproponendosi una nuova esistenza e dimenticando il suicidio e la morte.


Domenico Gadaleta

Leggi gli altri racconti

3 commenti finora...

Re:Fra le quaglie oltre il dolore

complimenti:ai miei occhi i vostri racconti,appaiono come una musica struggente.. che mi commuove sempre.entrambi stupendi,quindi grazie sia a domenico,che all'amante della natura!

Voto:

da elena 05/04/2013 20.35

Re:Fra le quaglie oltre il dolore

"...La caccia quando non dà carniere dà speranze di vita".Un universo in una frase!

Voto:

da pietro 2 04/04/2013 15.32

Re:Fra le quaglie oltre il dolore

Altri tempi. Ma la caccia di una volta apparteneva anche ai poveri e ai disperati. A coloro che tornavano dalla guerra senza un futuro. Eppure la caccia serviva a qualcosa. A vivere. Anche se possedevano cani non di sangue nobile, questi facevano il loro dovere. Tempi passati per sempre! Ma forse più gioiosi nell'umiltà e nella semplicità dell'essere cacciattori.

Voto:

da L'Amante della natura. 03/04/2013 8.41