Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Aspettando l'autunnoDiario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

L'OMBRA DELL'ORSO


martedì 7 giugno 2016
    

Ancora giovinetto Leopoldo volle seguire il padre nell'arte venatoria. Implorò tanto il nonno perché gli regalasse la doppietta belga con cui l'avo si era cimentato nell'arte  del tiro e della caccia. Poi  l'aveva appesa al fatidico chiodo perché  gli anni più non gli permettevano mobilità e acutezza visiva. L'arma ricevuta gli accese dentro il sacro fuoco di Diana.

Correvano i tempi del primo dopoguerra (anni venti) e Leopoldo ogni giorno, sin dalle ore antelucane, si recava sulla spiaggia, ad appostarsi e a tirare a tutto ciò che volava. Il padre,ricco proprietario terriero, voleva che il figlio studiasse per intraprendere la carriera forense. Ma il giovane preso e compreso dalla forte passione per il tiro e la caccia, non voleva saperne di studi, né di curare le proprietà paterne. Amava cacciare ogni giorno. Di mattina lungo la spiaggia ad anatre e trampolieri, e di pomeriggio a tordi e ad allodole. Il padre Andrea si pentì amaramente di averlo iniziato all'arte di Diana. Sperava che il figlio, prima o poi capisse che quella passione doveva lasciare spazio anche al difficile mestiere di vivere. Niente da fare. Leopoldo imperterrito, alle quattro si levava da letto per figgire verso quel tratto di spiaggia del medio Adriatico. Gli stampi non erano mai rimossi, ben posizionati con astine di ferro che nemmeno le furibonde onde del maestrale riuscivano a scardinare. Simulavano gambette, pivieri, pantane, pettegole e qualche chiurlo. Leopoldo si preoccupava solo di posizionarli contro vento. Prima che sorgesse l'alba si cimentava con vari fischi che non conosceva bene. Ma tant'è. Erano tempi in cui i selvatici abbondavano ed anche dei fischi maldestri erano accattivanti per i volatili. Rari anche i cacciatori. Bisonava lenire le ferite di guerra e sbarcare il lunario per vivere alla giornata, soprattutto per chi doveva sfamare una famiglia numerosa. Problemi che non si ponevano né per Leopoldo né per il padre.


Un bel dì il figlio gli annunciò che avrebbe abbandonato la casa paterna per vivere da solo. E per papà Andrea, uomo buono e generoso, fu quasi disperazione e depressione. Ma se l'uomo propone il destino dispone. Così un bel mattino di un freddo novembre, giorno che si annunciava ricco di voli e di tiri, il nostro cacciatore, mentre si portava sulla spiaggia, da lontano intravide, fra le nere ombre della notte pennellate da qualche raggio di luna, un'ombra d'animale che si aggirava fra gli stampi. Perplesso, si fermò a scrutare i movimenti della bestia che non riusciva a individuare. Nel suo  animo si insinuò  una qualche paura e aiutato da una flebile lampadina si avvicinò lentamente ed in assoluto silenzio. L'arma era caricata a numero sette, ma non avrebbe mai sparato senza vedere e capire, come dovrebbe comportarsi qualsiasi cacciatore che si ritenga tale. Ed ecco l'animale andargli incontro con un grugnito di protesta.


Si trattava di un orso.

Tramortì dalla paura. La  bestia era ferma fra scogli e stampi a scrutare le mosse del cacciatore. Nella   più assoluta indecisione  il giovane percepì lo stridio delle ruote di un carro che si recava al lavoro. Tenendo sotto controllo l'orso, si avvicinò al mezzo in movimento, fermando carrettiere e cavallo. Senza saluti e convenevoli, tanta era la paura e la confusione mentale,esclamò – C'è un orso sulla spiaggia! - La risposta fu secca e chiarificatrice: - E' fuggito dal circo!


Immediatamente ci si accordò sul da farsi e mentre il carrettiere col cavallo al galoppo si portava verso le maestranze del circo per il recupero della bestia fuggita, Leopoldo controllava l'orso. Ma nell'attesa degli eventi  viveva l'eternità della paura. La bestia  ciondolava col capo incerta sul da farsi. Attimi terribili in cui il cacciatore dimenticava la caccia pur se da ogni dove avvertiva fischi di trampolieri e richiami di anatre.


E se l'orso mi aggredisce!
Che fare?


Fuggire, sparare, gridare. Ahimè, il cuore gli batteva forte, mentre la fantasia ingigantiva il tutto fra le ombre antelucane. E ripensava al padre ignaro degli eventi. Il genitore tante volte lo aveva ammonito: - A caccia, mai da solo. - Ora il figlio viveva la verità di quell'avvenimento: - Mai da solo. -


Leopoldo avrebbe voluto in quegli attimi rivedere il genitore ingiustamente abbandonato. Intanto da parte dei responsabili dell'attività circense si recuperò l'orso.Il cacciatore salutò amorevolmente il carrettiere per poi recarsi verso la casa paterna. Raccontò il tutto ai familiari che lo riabbracciarono, ammonendolo. Si ricompose l'armonia perduta. Il padre ritornò a caccia con il figlio che ritornò al lavoro con il padre. Leopoldo continuerà a praticare l'attività venatoria, ma non più da solo, perché  l'ombra dell'orso gli rimarrà dentro per l'intera esistenza, perseguitandolo spesso nelle concitate ore della notte.

 

Domenico Gadaleta

Leggi gli altri racconti

2 commenti finora...

Re:L'OMBRA DELL'ORSO

E' vero. A caccia bisogna recarsi con l'amico, chiamato impropriamente amico di caccia. E questo perchè nell'attività venatoria non sempre gli eventi sono favorevoli al cacciatore che sente il bisogno di condividerli con amici e cacciatori, nella gioia e nel dolore, con dignità e rispetto delle regole dell'arte venatoria. In bocca al lupo!

Voto:

da Amante della natura. 08/06/2016 7.53

Re:L'OMBRA DELL'ORSO

Complimenti all'autore x l'articolo che, mi fa tornare indietro di 25 anni ,quando nella mia zona circolava un orso fuggito chissà da dove.....x mesi semino' terrore nelle aziende zootecniche,uccidendo bestiame x nutrirsi......lo cercarono x mesi e a caccia andavamo con un po' di paura ,nonostante il fucile.........poi nn si seppe più nulla di tale bestia.......probabilmente il s'antarrangiati aveva fatto la sua strada...........

Voto:

da Lisandru 07/06/2016 19.26