Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Le cotorne di Piano MandorleDi notte a gambetteL’ultimo colomboAspettando l'autunnoDiario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Il racconto di Zaccaria


lunedì 20 marzo 2017
    

Era nato da genitori agricoltori e pastori che coltivavano grano e praticavano la pastorizia sui terreni della Murgia barese. Nella stagione autunnale raccoglievano carboncelli e funghi di ferula per venderli a cacciatori di passaggio presso la masseria, dove si potevano acquistare anche latticini vari. Il piccolo Zaccaria era destinato a diventare pastore e coltivatore come suo padre.

Già dall'età di dieci anni si allontanava con gregge e cani guardiani per pascolare. Di tanto in tanto riposava, sedendosi su grossi massi di pietra che popolavano quella terra. Il riposo non era noia e inattività perché il fanciullo oltre a seguire il pascolo, era attento a quanto succedeva intorno. Ad ottobre si incuriosiva agli stuoli di allodole di entrata che avrebbero svernato nelle stoppie, ne approfondiva il volo ondulato, gli scarti aerei e gli intermittenti pigolii. Imparò a richiamarle stringendo le labbra ed emettendo il caratteristico tio–tio. Perfezionò i suoi richiami vocali quando riuscì ad attirare la curiosità degli alaudi col caratteristico trillo.

All'arrivo dei cacciatori dava informazioni sul passo, indicando loro i terreni dove gli uccelli pasturavano in abbondanza. Si interessava alle civette e a tutto quanto riguardava la caccia. Insomma era diventato amico dei cacciatori e dei raccoglitori di funghi. Nel mese di novembre, quando la caccia era ancora in atto, Zaccaria era attratto dalla presenza di uccelli di cui non conosceva il nome, ma dei quali aveva appreso il caratteristico fischio: erano i pivieri dorati. Per richiamarli adoperava un tronchetto di canna di bambù, adattato al fischio del piviere dal nonno paterno. Aveva conosciuto anche la lepre che pensava fosse un coniglio dalle orecchie lunghe e dal pelo rossiccio. Era la tipica lepre murgiana, piccola, veloce e scattante, che spesso gli sfuggiva di sorpresa, impaurendolo.

Passarono gli anni e il bambino di una volta si fece giovane, desideroso di cacciare col fucile che il genitore possedeva come arma di difesa. Finalmente si convinse a frequentare la scuola, sia pure quella serale. Imparò a scrivere, a leggere e a far di conto. E non solo. Condivideva con gli amici tutto ciò che apprendeva dalla natura. E lo stesso insegnante era curioso di ascoltare i racconti del ragazzo. Erano narrazioni ricche di notizie e conoscenze assimilate nella terra natia. Si dimostrava molto versatile nella descrizione dei particolari tanto che l'insegnante consigliò i genitori a lasciarlo proseguire negli studi. Si laureò in filosofia, ritenendosi sempre un appassionato naturalista e cacciatore.

Col padre organizzò un'azienda agricola nella quale lavorava, anche se durante la settimana si inventava ritagli di tempo per dedicarsi all'attività venatoria. Non aveva bisogno di spingersi lontano. Ad ottobre aspettava le allodole che cacciava nei terreni di sua proprietà. Lasciava marcire le stoppie fino a tutto novembre, e quando i campi si riempivano di alaudidi, invitava gli amici alla caccia. Pretendeva però la correttezza nel rispetto delle regole del calendario venatorio regionale. Se qualcuno usava in tale caccia i richiami illeciti, era allontanato.

Nelle sue riflessioni sosteneva che la caccia alle allodole, fatta con arte, ti riporta all'essenza stessa della libertà dei cieli, alle immagini sconfinate delle verdi pianure della Murgia. A fine novembre lasciava la caccia alle allodole per dedicarsi ai trampolieri novembrini e cioè pivieri e pavoncelle che dai vari appostamenti di canne e frasche attirava con fischi e stampi. Anche in queste cacce non mancavano gli amici. Il freddo mese dei morti lo rimandava indietro nel tempo, nel ricordo degli avi pastori e agricoltori che gli avevano parlato dei pivieri come forieri del freddo e della neve, e dei chiurli portatori di inverni lunghi e uggiosi, ma anche delle graziose pavoncelle non sempre facili al tiro per quel volo con scarti imprevedibili.

Gennaio era per Zaccaria il mese più freddo dell'anno che lo riportava con tristezza al tempo che passa. Aspettava stuoli di germani reali e fischioni e codoni per i quali aveva preparato degli specchi d'acqua ben curati. Ma gennaio era anche il mese delle oche per la cui caccia era necessario preparare gli appostamenti interrati, così da non suscitare il minimo sospetto. Ma se gli inverni non si annunciavano rigidi, le oche non sarebbero arrivate. Questi uccelli dal volo lento e possente lo riportavano alle solitudini nordiche, ai freddi glaciali dove non esiste ombra umana, al senso stesso del nulla.

Poi si chiudeva la stagione della caccia e Zaccaria non dimenticava di essere cacciatore, trasmettendo ai giovani il suo patrimonio di cultura naturalistica e venatoria. Così da prepararli bene all'esame di abilitazione venatoria. E lo faceva con passione e senza compensi, in modo del tutto gratuito. Tirava avanti i suoi giorni, convinto di non legarsi a nessuna donna per non mettere al mondo figli che sarebbero stati degli infelici, dando credito alla filosofia di Schopenauer. Molti amici anche se non condividevano tale scelta, la rispettavano.

Cacciatore, agricoltore e filosofo, Zaccaria era a suo modo felice. Incominciò ad adombrarsi e intristirsi quando leggeva della Murgia come possibile Parco nazionale. I terreni di proprietà sarebbero rientrati nel parco e sarebbe stata la fine delle sue cacce. Comunque tirò avanti per molti anni ancora. Il parco dell'Alta Murgia era di là da venire. E partecipò come proprietario a convegni, discussioni e incontri, sostenendo che nei parchi era possibile una caccia sostenibile, soprattutto nelle sue terre dove i migratori erano di passo, e dove si sarebbero potuti cacciare almeno una volta la settimana con tutto il rispetto dell'ambiente.

Ma si imbatteva contro il muro di gomma degli ambientalisti che non avrebbero mai permesso tempi e spazi alla caccia. Zaccaria sosteneva che l'uomo è natura nella natura, che non può essere considerato il non io assolutamente antitetico alla natura, bensì momento dialettico nella vita evolutiva della natura. Ma le sue tesi non erano ben viste soprattutto dalla intransigenza monolitica degli avversari. In realtà nel corso della progettazione dell'area protetta, si ridusse l'estensione e si concepirono delle zone a macchia di leopardo, per lasciare spazio anche alla caccia.

Ma le sue terre erano il cuore del parco e non ci fu niente da fare. E Parco fu di sessantamila ettari. Zaccaria accusò il colpo e si lasciò andare ad una inesorabile depressione che lo portò alla morte. Là dove l'uomo, il cacciatore e il filosofo voleva sobrietà, intelligenza e riflessione, oggi abbondano sconsideratamente cinghiali, lupi, cani randagi che addolorano i pastori soggetti ad aggressioni e sottrazioni. Presenze eccessive e pericolose. Il parco, come voleva Zaccaria, deve essere un ambito dove devono crearsi equilibri e sobrietà senza nulla escludere.

Prima di morire ripeteva spesso a se stesso: Meditate gente,meditate! Fatti non foste per viver come bruti ma per seguir virtude e canoscenza.

 

Domenico Gadaleta

Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:Il racconto di Zaccaria

Il racconto di Zaccaria ci pone di fronte alla valenza, l'utilità e la gestione dei parchi, ove si esclude in assoluto qualsiasi presenza umana, sia pure con discrezione, intelligenza e sobrietà. Anche la caccia potrebbe essere tollerata se praticata con discrezione, limiti e controlli opportuni. Purtroppo!!!

Voto:

da Amante della Natura. 22/03/2017 8.07