HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

La Caccia nel cuore


mercoledì 23 luglio 2008
    

Sono passati oramai tanti anni eppure ripensando alla mia infanzia ed alla mia fanciullezza niente mi è più nitido seppure velato di tristezza de i mille momenti in cui la caccia è rimasta viva nella mia mente ed ancor più nel mio cuore;una caccia fatta di sensazioni straordinarie che ancora oggi a distanza di tanto tempo mi danno la consapevolezza di cosa si perdono tanti giovani d’oggi che presi dalla tecnologia e da mille altre cose non hanno mai assaporato il ‘Profumo della caccia”.
Il maestro di caccia era mio nonno materno che, adoperava una doppietta calibro 28, le cartucce le facevamo in casa e quasi tutte le sere dopo cena era tempo di caccia e mentre lui raccontava le tante avventure venatorie si preparavano le cartucce per i giorni a seguire. Ricordo i bossoli erano i mitici “GIULIO FIOCCHI” in cartone che a furia di sparare e calibrare diventavano sempre più corte, le polveri erano le oramai dimenticate “ACAPNIA,RANDITE,e UNIVERSALE” dai colori sgargianti che con l’arrivo del freddo venivano messe da parte e al loro posto si caricavano la “SIPE,DN e SIDNA”. inutile nascondere che nella mia mente di bambino aspettavo con ansia di diventare grande per poter divenire un vero cacciatore, nonostante ciò non c’era alba ( scuola permettendo) in cui non seguivo mio nonno a caccia, quando faceva freddo per paura che mi lasciasse a casa mi addormentavo nei suo letto. Si partiva prima dell’alba per raggiungere a piedi i posti migliori per aspettare la beccaccia alla posta (allora era consentito); un’emozione straordinaria con un adrenalina che cresceva insieme alla speranza che l’arcera spuntasse da levante e con la sua inimitabile sagoma raggiungesse la nostra postazione, una fucilata ed il tonfo che sembrava non arrivasse mai, la mia corsa nel buio per paura di perderla e la gioia immensa quando finalmente con l’aiuto del cane era nelle mie mani. Fatto giorno si cambiavano le cartucce e le corazzate, le mitiche “LEON BEAUX” di colore blu venivano sostituite con le nostre per poter tirare ai tordi. Passavano le stagioni, cambiava la selvaggina ma non le emozioni. A maggio dal mare arrivavano le quaglie fino a mezzogiorno e noi lì ad aspetta ne le vedevamo giungere da lontano, avvicinarsi, infine posarsi. Era vietato non dalla legge ma dal loro codice d’onore andare subito per farle involare perché erano stanche inoltre non si sparava alle femmine perché secondo loro giù “chiocciole». A settembre, si passava più in collina ricordo con piacere la colazione fatta con pane casereccio e fichi selvatici, le quaglie soprattutto di mattina presto a causa dell’umidità non si involavano ed io con un ramo di mirto cercavo di sostituire il cane.
A febbraio poi in quelle giornate di “scirocchetto” arrivavano i tordi di ripasso,ma. . .anche in estate si andava a caccia non con il fucile ovviamente ma con la falce e l’accetta si tagliava l’erba che serviva per le mucche e si preparavano i cassoni che contenevano le quaglie di richiamo. Ogni gruppo di cacciatori si puliva la propria zona e nessuno invadeva la zona altrui; ogni gruppo di amici aveva la propria “parae1la”l capanno) che con amore curava tutto l’anno potando e piantando nuovi alberi ed arbusti da bacca, ad agosto poi si riprendeva il fucile con l’arrivo di tortore, rigoli e beccafichi. Questi ultimi nelle giornate di festa finivano cotti sotto la cenere avvolti nelle foglie di fico... una leccornia!
Ad ottobre da nord arrivavano i tordi,i  merli colombacci e la ruota delle emozioni continuava a girare in un susseguirsi di emozioni … cose semplici per gente semplice. Non avevamo i vestiti firmati , i fucili  supermagnum, i  fuoristrada, ma quel bambino è diventato un uomo anzi cacciatore», eppure raramente riassapora quelle emozioni, la mia terra devastata dall’abusivismo e dai  parchi (boscaglie impenetrabili) e la mia caccia profanata dei “benpensanti” non hanno più la stessa faccia, Io stesso colore, lo stesso profumo.
Quante volte soprattutto la sera, mentre con il bilancino preparo le cartucce per il mio calibro 20, mi fermo e ripenso ai tanti aneddoti sempre legati alla mia fanciullezza,alle tante marachelle, alle tante ‘padelle’ alla prima beccaccia, agli sfottò con gli amici molti dei quali oramai hanno “lasciato perdere”,e viene quasi inconscia la paura “e se succede anche a me la stessa cosa?” Che vita sarà senza la caccia, la mia caccia.. .poi risvegliandomi dal torpore dico a me stesso che questa, non è la mia caccia ma che comunque sono orgoglioso di essere un cacciatore e lotterò sempre affinché Dio mi darà la forza di rimanere tale, e chissà che magari un giorno (forse quando cambierà il vento) potrò riassaporare la mia caccia.

Toni Trapani

concorrente al 18° Concorso Nazionale per Racconti di Caccia "Giugno del Cacciatore".

Leggi gli altri racconti

14 commenti finora...

Re:La Caccia nel cuore

Condivido pienamente.

Voto:

da Pio 24/02/2009 13.59



Voto:

da anonimo 31/08/2008 15.01



Voto:

da anonimo 31/08/2008 15.01



Voto:

da anonimo 31/08/2008 15.01



grande

Voto:

da anonimo 28/08/2008 14.09



Voto:

da anonimo 27/08/2008 18.41



Voto:

da anonimo 27/08/2008 10.52



Voto:

da anonimo 23/08/2008 8.07



Voto:

da anonimo 22/08/2008 13.29



ciao appena ho letto vadevo qualcosa di familiare infatti la nostra provincia cmq strano un siciliano che nn caccia conigli cmq beato tu hai potuto as

Voto:

da anonimo 13/08/2008 11.14



Voto:

da anonimo 13/08/2008 11.04



Voto:

da anonimo 13/08/2008 8.05



Voto:

da anonimo 09/08/2008 13.04



Voto:

da anonimo 09/08/2008 9.15