Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Le cotorne di Piano MandorleDi notte a gambetteL’ultimo colomboAspettando l'autunnoDiario di una cacciatriceIn attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

La beccaccia dell’avvocato


giovedì 15 gennaio 2015
    

Il richiamo d’ottobre è forte e l’avvocato ha deciso: domani si va a beccacce in Appenino sul valico della Bocchetta della Scurosa, lo accompagneranno Nando il professore di educazione fisica e Lu Nicchiu che sarebbe Antonio il ferroviere. È stata una levataccia ma tutti sono puntuali; Glen, l’imponente bracco tedesco dell’avvocato s’acciambella nella 500 sulla coperta stesa al posto del sedile che è stato tolto, Nando sale con Antonio dove già si agita Artù, un bel setter bianco e nero.

Quando svalicano Colfiorito si rendono conto che il tempo non promette nulla di buono, ma di tornare indietro nemmeno se ne parla. Arrivano sulla Bocchetta che è giorno pieno, li attende una pioggiarella fine ed insistente che dopo un’ora circa si tramuta prima in un violento acquazzone poi in una grandinata che imbianca le colline a mo’ di neve. Il professore è il primo ad arrendersi, bagnato e infreddolito prende un bastone e scrive sulla grandine: “Non ne posso più, vado via”.


L’avvocato e Antonio lo seguono poco dopo. Giunti alle macchine inforcano, mentre continua a diluviare, la carraia che porta a valle, la 500 davanti, la Giardinetta dietro. Dopo qualche tornante l’avvocato, mentre sbircia dal finestrino, vede levarsi da una siepe, a pochi metri dalla strada, una beccaccia che si rimette poco più avanti. La frenata fa sobbalzare Glen che lo segue di malavoglia, mentre imbracciato il fucile, senza cappello, sotto l’acqua incessante si porta nella direzione giusta. La sfortunata si alza da sola a pochi metri dall’avvocato che la fulmina; Glen, bontà sua, la riporta e via di corsa alla macchina.
Nel frattempo Antonio e Nando, che si erano attardati per le bizze di Artù, arrivano sul posto mentre l’avvocato sta lisciando le penne della regina. Il professore non si trattiene ed esclama: “Che culo! Credevamo che avessi sparato ad un merlo”. Comunque ripartono rinfrancati. Glen riprende il suo posto e la beccaccia è poggiata sul sedile posteriore vicino al fucile ed al bossolo religiosamente conservato. L’avvocato è di buon umore, fischietta mentre sta arrivando al bivio della strada carraia con la statale della Val di Chienti, frena
38
ovviamente per dare la precedenza e... succede il finimondo.
La beccaccia, che deve essere resuscitata, si lancia verso il vetro davanti per ritrovare la libertà, Glen con uno scatto da pantera cerca di riabboccarla, a stento l’avvocato riesce a bloccarlo prendendolo per il collo, mentre con l’altra mano cerca di acchiappare la beccaccia che svolazza impazzita sbattendo da tutte le parti. Come Dio vuole riesce a prendere quel satanasso che a un primo esame, ancorché sommario, sembra indenne da qualsiasi pallino di piombo. Riuscito anche a tranquillizzare Glen, non trovando di meglio avvolge la beccaccia accuratamente nella giacca sotto lo sguardo vigile del cane, mentre gli amici si stavano domandando il perché di quel lungo stop, visto che non transitava nemmeno un mulo.


Arrivati a casa avviene il gran consulto. Accertato che la beccaccia è sana come un pesce, Nando propende che sia svenuta per la paura; Antonio, per il quale è importante soprattutto averla presa, propone di tirargli il collo pensando al succulento salmì; l’avvocato decide di tenerla in casa per accertare eventuali ricadute. La beccaccia nei giorni seguenti si adatta magnificamente alla vita domestica gironzolando impettita e incuriosita per la casa in attesa che il padrone gli riporti la solita abbondante razione di lombrichi acquistati al negozio di caccia e pesca, che divora di gusto. Non passa giorno che Nando e Antonio non facciano una capatina dall’avvocato per salutare la beccona. Nando ha smesso di fare battute, ad Antonio non frulla più per la testa quell’idea, così alla fine decidono, di lì a qualche giorno, di liberla nella zona di ripopolamento e cattura, sperando che ci rimanga fino alla chiusura della caccia; perché si sa, i miracoli avvengono una sola volta e questo lo dovrebbero sapere anche le beccacce.


Vladimiro Palmieri

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...