HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

UN MARZO LONTANO


lunedì 17 marzo 2014
    

Il giorno s’annunciava sereno vezzeggiato da una tenue brezza primaverile. Il sole s’era levato dall’oriente. Millenaria apoteosi dimenticata dall’uomo nella ritornante festa della vita. Le flessuose linee dei colli già lasciavano trasparire la luce, pallida e vereconda.

Qualche trattore tubava lontano sulle zolle della terra cretacea,ai confini tra la Puglia e la Basilicata, dove s’incontrano due popoli affratellati dalla durezza dell’antica miseria della terra. Un solo gabbiano proveniva dal lontano mare risalendo il fiume. Lontani spari annunciavano la festa della caccia, ultimi giorni di speranza alla ricerca d’incomprensibili e furtive felicità. Antichi stampi erano stati disposti nel più saggio dei modi, a dare reale credibilità agli uccelli che avrebbero girato nella zona. Nelle prime ore del mattino sfreccianti gambette si presentavano sugli stampi a sfidare l’inesperienza di Carlo. Due colpi e niente venne giù. Il nonno diede coraggio al ragazzo.

Aspetta che gli uccelli si posino e gli sparerai da fermo. L’uomo stringendo le labbra fischiava i trampolieri. Il suo chioccolio prolungato si disperdeva dolce e moriva  nell’aria piacevole di quel giorno marzolino. Così la gambetta planava le ali, volteggiando sugli stampi per poi virare di scatto e fermarsi guardinga. Da lontano i colpi dei cacciatori erano solo un fuoco pirotecnico ad uccelli impossibili. Non una gambetta era caduta in quelle prime ore e nella naturalezza istintiva degli uccelli, gli spari erano allarmanti riflessi condizionati. Sul più tardi, prima del mezzodì, nonno sbirciava un volo di dieci pittime reali. E questa volta si ricordò del fischietto di stagno che aveva adoperato per tanti anni a pavoncelle e che era buono anche per attirare le pittime. Diede fiato ad un rauco e modulato pe-pe-pe nasale che attirò freneticamente gli uccelli i quali cambiarono direzione e vennero agli stampi. Planavano in lente spirali. Dal cielo quel pe-pe-pe nasale ritornava più vero ed autentico.

Bravo nonno! sussurrava Carletto. Vengono giù. Gli tiro, gli tiro! Solo una pittima reale, bella e pettoruta, cadde. Il nonno si compiacque col nipote anche se uno di quegli uccelli sarebbe stato sufficiente ad allietare una giornata di caccia. Giunsero ancora altre due pittime. Il nonno diede fiato al richiamo; ma gli uccelli guardinghi, si posero all’estremo margine dello stagno.

Uno di essi zampettò e beccò. L’altro restava immobile. Due colpi lontani ruppero la quiete e i volatili ripresero il volo nel cielo. Poi per molte ore fu silenzio nella piana. I cacciatori non c’erano più;solo Carletto e il nonno. Una grande nube oscurò il cielo,presagio di pioggia. Ma la pioggia non venne. Furono le gambette a scivolare sfreccianti sugli stampi. Il fucile del ragazzo,nell’immane silenzio, tuonò più volte. Cosa accadeva? Perché gli uccelli si lanciavano con furia sulle sagome delle pavoncelle?

Inspiegabile per Carletto. Per il nonno tutto era chiaro: un raggio di sole colpiva basso gli stampi dando ad essi una verosimiglianza efficacissima. Già tre gambette e una pittima reale facevano parte del carniere del piccolo e promettente cacciatore. Doveva imparare i fischi gli sussurrava il nonno,per divenire un provetto cacciatore di trampolieri. Nel pomeriggio la grande nube dileguò lontano, mentre subentrava magica la sera. Qualcuno si riaffacciava al lago,credendo nella marzaiola. Nemmeno una era stata avvistata  nella mattina. Cos’era la marzaiola! Chiese Carletto al nonno. Era l’anatra di marzo,la variopinta giocherellona dello stagno,la più felice risultanza della natura primaverile. Solo una al tramonto, risalì alta il fiume. Così a sera si levava rosea la luna piena e con essa finiva il giorno,finiva il sogno.

 

Domenico Gadaleta

Leggi gli altri racconti

4 commenti finora...

Re:UN MARZO LONTANO

Cacce bellissime, avare di carniere, ma struggenti, oggi vietatissime, mah! Confesso che mi mancano. Chi ha beneficiato della chisura?

Voto:

da Arrabbiato 61 19/03/2014 8.28

Re:UN MARZO LONTANO

Complimenti x il racconto,mi riporta indietro nel tempo,quando a Marzo mi dedicavo (stufo dei tordi di febbraio)alle anatre,beccaccini,trampolieri marzolini,in quelle gg soliane ma fredde che ,solo marzo sa darti,,,,,,,,,,,,,era una caccia diversa x me ,sconosciuta xchè nn tradizionale,ma la curiosità,la voglia dei 20 anni,la passione fortissima mi portavano ,con il mio amico di sempre(mio padre da buon sardo snobbava tali selvatici),a vagare x rii e prati allagati,dove tutto era in equilibrio con la natura e noi integrati in essa.................ricordi bellissimi che ,solo marzo sapeva darti..............Nanneddu meu,nanneddu meu,nanneddu meu su mundu er gai, a siccuterat,a siccutterat,a sicutterat no torrat mai,,,,,,,,,,,(mio Nanneddu ,il mondo è cosi,come era prima,nn tornerà più):-(.............adiosu!!!!!!!!!!!

Voto:

da Lisandru 18/03/2014 22.25

Re:UN MARZO LONTANO

E' un racconto bello e pieno di vita, non solo per la caccia, ma la vita stessa nella natura primaverile, fra il verde dei prati,sotto un sole tiepido che incomincia a farsi piacevole. E' un canto alla vita all'aria aperta.E' un canto al Creatore.

Voto:

da Titti. 18/03/2014 10.09

Re:UN MARZO LONTANO

Marzo, oggi non più permesso alla caccia, era un mese di sogno perchè il cacciatore si dedicava soprattutto ai trampolieri marzolini e alle piccole e graziose anatre quali le marzaiole. Purtroppo sono solo ricordi, ma piacevoli a conforto che la caccia esiste ancora con la speranza di vivere d'autunno giornate solatie e primaverili come quelle di marzo.

Voto:

da Pino. 18/03/2014 10.04