HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
QUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Il saluto delle pettegola


lunedì 13 febbraio 2017
    
C'era una volta la caccia marzolina che si protraeva con la primavera nascente e per tutto marzo. In tale mese i cacciatori si preparavano a dare l'addio alla stagione di caccia dedicandosi soprattutto alla ricerca dei migratori d'arrivo che già dalla metà di febbraio si presentavano nelle italiche terre. Si trattava di uccelli di ripasso che sostavano per un certo periodo primaverile per poi ripartire verso le terre di nidificazione. Erano soprattutto limicoli che si fermavano presso paludi e stagni anche occasionali, creatisi a seguito delle ultime piogge invernali. I cacciatori più giovani preferivano dedicarsi a tordi ed allodole, col rischio di restare improvvisamente delusi dalla loro assenza perché a marzo buona parte dei turdidi è tornata alla terra natia, e le allodole si spostano verso i campi vicino al mare, per ripartire.

I cacciatori d'annata preferivano frequentare le acque interne o le spiagge, dove era possibile incontrarsi con trampolieri d'ogni specie: combattenti chiamati anche gambette o gambettoni, pantane, pettegole, pivieri, chiurli, beccaccini e così di seguito. Fra gli uccelli di fischio la faceva da padrona soprattutto la pettegola che ci teneva a salutare il cacciatore levandosi per pirma dallo stagno, dal pantano o dalla ripa, per portarsi nell'alto col suo fischio vario e ripetuto che spesso imitava anche altri trampolieri.
 
Sembrava sparire nei cieli, con un saluto definitivo; ma così non era perché il cacciatore esperto si riponeva dentro un canneto ad attendere il suo ritorno che avveniva immediatamente a breve, ma sempre fuori tiro. Il verso della pettegola s'intervallava e si ripeteva senza soluzione di continuità. A volte capitava d'incontrare veri e propri stuoli che si incrociavano nel cielo a debita distanza di tiro. Se la posta era ben nascosta anche il semplice fischio con le bocca poteva attirarla, ma lei a volte ti sfrecciava sul capo, in segno di provocazione. Il cacciatore accettava la sfida con passione e divertimento, come deve essere la vera caccia. E consumava la giornata col chiodo fisso della pettegola che si percepiva da ogni dove, col verso variegato simile ad un chioro – chiò, chioro – ro -ro. E poi ancora, fino a disperdersi all'orizzonte pder ripresentarsi alla sfida, fino a sera, a tramonto avvenuto, quando l'uccello emanava l'ultimo saluto alla palude e al creato con un allungo che sfumava nelle tenebre: chioroooooo.

Il cacciatore andava via deciso a ritornarci nelle ore antelucane del giorno seguente, per affrontare nuove provocazioni. Era stato ammaliato. M il giorno dopo nessun fischio si percepiva nel cielo. I trampolieri erano spariti e la pettegola era lontana, molto lontana, intenta agli amori. Bisognava attendere la stagione successiva. Ti viene di pensare a quegli incontri casuali con belle ragazze che vorresti trattenere per carpirne la grazia, ma che improvvisamente, con un saluto appena abbozzato, ti lasciano e non le rivedi più. Era l'ultimo giorno di marzo permesso all'attività venatoria.

Oggi la caccia alla pettegola non è più permessa, ma quand'anche lo fosse, di pettegole se ne vedono pochissime, per non dire niente, almeno nelle nostre terre, perché l'andare dell'uomo ha operato trasformazioni ed alterazioni, cancellando paludi e acquitrini e non dando più spazio alla formazione di acque spontanee. Sulla faccia della terra ce ne saranno ancora di pettegole, ma per chi sogna cacciando o caccia sognando, quelle provocazioni sono finite per sempre. Addio pettegola!
 
 
Domenico Gadaleta
Leggi gli altri racconti

2 commenti finora...

Re:Il saluto delle pettegola

Marzo ....che bei tempi ....l'ho conosciuta aperta fino alla 1^ decade ,periodo in cui la maggior parte di noi andavano a tordi,volpi,oppure appendevano il fucile xche ' sazi.....a me è il mio amico d'infanzia,ancora oggi mio compagno di caccia,andare dietro a beccaccini ,anatre ,pavoncelle,trampolieri strani e di tutti i generi, incuriosiva,NN essendo tradizionale ,dalle mie parti nn le cacciava nessuno....,,bei tempi,altri tempi,altri selvatici....una vita fa'!!!!! Complimenti all'autore ,sempre preciso e puntuale con bei pezzi!!!!!

Voto:

da Lisandu 16/02/2017 18.04

Re:Il saluto delle pettegola

Uccello simpatico la pettegola, come del resto tutti i trampolieri, che a marzo d'un tempo si presentavano negli acquitrini , negli stagni o nelle paludi dando vita ad una caccia di merito perchè se non avevi una pur minima cognizione nel fischio, era difficile aggredirli.Quelle cacce marzoline non torneranno più,ma i ricordi rimarranno per sempre in coloro che un tempo le hanno praticate. Viva la caccia e in bocca al lupo a tutti.

Voto:

da Amante della Natura 14/02/2017 7.13