HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
QUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Il racconto di un volo


mercoledì 17 febbraio 2016
    
E’ il bottaccio uno dei più nobili migratori della natura. La sobrietà e la bellezza della linea è quella di un signore alato, pronto a sfidare nemici ed elementi avversi. Possiede un volo imprevedibile e multiforme, adatto a tutte le circostanze e ad ogni ambiente che frequenta. Gli è caro ottobre, suo mese migrante per eccellenza. Tale volatile non teme viaggiare sia di notte che di giorno, anche senza soluzione di continuità. Nelle ore antelucane, quando i barlumi delle tenebre non sono del tutto spenti, questo migratore si annuncia dal lontano levante come un piccolo puntino nero nel rosso profondo del cielo. Vola a piccoli gruppi, ma anche da solo, emettendo, di tanto in tanto, il suo fatidico zirlio che è il verso di crociera. Ad ali battenti e con ritmi immutabili, avanza con un volo non molto veloce, ma ritmico e sostenuto. Vola con un atteggiamento guardingo, non dando credito a nessun richiamo, e tira avanti convinto di raggiungere le terre di svernamento. Se durante il viaggio si abbassa di quota è perché vuole conoscere gli ambienti che scruta dall’alto, se sono ospitali o no. Allora rallenta il ritmo alare quasi fermandolo per planare e posarsi sugli alberi. Se è poi assolutamente sicuro dell’assenza di pericolo, svolazza di caduta sul terreno per rifocillarsi e poi riprendere la rotta migrante che ha nel codice biologico.

Chi scrive ha praticato la caccia al tordo soprattutto fra gli ulivi del sud, dove l’amico ha sempre svernato. Ahimè, la realtà dell’oggi è profondamente cambiata, e fra gli ulivi il nostro selvatico sosta per pochissimo, per poi riprendere il volo con uno scatto alare repentino, e portarsi in alto e scomparire nelle diagonali celesti. Se il cacciatore ha individuato l’albero dove si è posato il selvatico e crede di aggredirlo di sorpresa, si è sbagliato, perché il tordo ha intuito in tempo la situazione di pericolo e sfrascando con volo invisibile, è scomparso. Nei mesi svernanti, quando il selvatico ha conosciuto nuovi ambienti, lo scatto alare si adatta alle circostanze. Di primo mattino si presenta guardingo e con volo non molto veloce, ma se è sorpreso dallo sparo e non ha lasciato le penne, fugge con battiti repentini per dileguarsi. Fermerà il suo volo là dove non avverte pericoli, per una pastura sicura. Fra gli alberi folti, come gli ulivi secolari, farà voletti di spostamento con scatti e schizzi senza farsi mai sorprendere. Per l’intera giornata non si sposterà più se non quando, con l’approssimarsi delle tenebre, ha deciso di rientrare per passare la notte. E il rientro può avvenire ovunque e soprattutto dove ci sono boschi, pinete, ed anche folti e grandi ulivi. Al rientro il suo battito alare cambia modalità. Se deve guadagnare una grande distesa boschiva, ama volare alto, con volo lento e circospetto, e giunto nella centralità dell’area boschiva, chiude le ali per catapultarsi come un siluro nel folto. Se è disturbato dal vento, è costretto ad un volo basso, quasi a mezzo metro dal terreno, con un battito d’ali velocissimo che sorprende irrimediabilmente il cacciatore. Il volo di rientro può anche non avvenire perché il tordo ha trovato riparo fra bassi cespugli ed alberi folti. Se vuole potrà guadagnare il bosco nella tarda notte, quando nulla potrà preoccuparlo. E lo farà con un battito d’ali più lento e tranquillo.

L’eccessivo tasso di antropizzazione delle nostre campagne, unito all’uso di diserbanti che hanno sostituito l’aratura, hanno causato la diminuzione degli uccelli svernanti nei territori liberi alla caccia. Molti di essi preferiscono svernare nei parchi, nelle oasi, e in tutti quegli ambiti protetti dove si sentono al sicuro. In tali ambiti il tordo pratica voli tranquilli di continuo traccheggio, alla ricerca di pastura. Di certo quei cieli d’un tempo, pieni di tordi ad incrociarsi nei cieli con sibili e zirlii di richiami, non esistono più e sicuramente perché le alterazioni ambientali hanno costretto i selvatici verso terre sconosciute e ignote, ma sicure ed accoglienti. Quelle presenze di turdidi fino alla fine di marzo sono finite per sempre. Ciò che ci conforta è che questo signore alato, il tordo, fa parte di una specie formidabile, non destinata a scomparire, che si protrarrà fino alla fine dei tempi.
 

Domenico Gadaleta
Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:Il racconto di un volo

Il tordo, da alcuni considerato il pane dei poveri, pare che non ami più sostare nelle nostre terre, ed in particolar modo fra gli ulivi d'Italia. Non trovano più una pastura sana e ricca come una volta. Le ragioni sono ovvie a tutti. E così abbiamo deprivato i nostri cieli di un migratore signore e generoso qual è il tordo.

Voto:

da Amante della natura 18/02/2016 11.49