HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
OCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

E' finita la festa delle allodole?


giovedì 4 febbraio 2016
    
E cominciava la festa verso la metà di ottobre, con lo spirare dei venti propizi, come la brezza del maestrale che allietava lo spirito. Per intere giornate sugli italici litorali danzavano le allodole appena giunte dalla lunga ed estenuante migrazione. Salutavano la raggiunta terra con voli di ricognizione. Giravano nel cielo, si abbassavano sulla battigia, sfioravano le onde; allegre, sfarfallanti anche se stanche. Poi alla vista dei terreni adiacenti le spiagge, sostavano per poco. E ritornavano in volo perché dovevano guadagnare le terre di svernamento: le amene colline dell'entroterra per cercare e ricercare la pastura. Attratte dalle stoppie ricche di vecchi semi appetitosi.

E per tanti e tanti giorni si avvicendavano gli stuoli d'entrata. Continui pigolii celesti allietavano i barcaioli che salutavano i nuovi arrivi. Tra quei pescatori non mancavano gli amanti della caccia. In fondo pesca e caccia sono la stessa cosa; cambia la forma non la sostanza. E al dondolio delle barche sulle abbozzate onde del maestrale, continuava la festa e per tutto ottobre e buona parte di novembre sulle colline si partecipava a continui voli e pigolii e fuochi d'artificio ad intermittenza. Erano le terre degli antichi pastori che consumavano la vita e il lavoro e spesso incontravano cacciatori amici. La quantità dei voli illudeva l'allodolaro a credere nella facilità del tiro. Ma così non era e non è, perché l'ondeggiare delle allodole celesti, snerva, irretisce e spesso confonde il tiro. Tanti sono i figli di Diana che tirando ai piccoli volatili che girano intorno agli specchiettì, non riempiono i carnieri, ma svuotano le cartuccere. Danze continue intorno alle civette d'un tempo.

Molte ci lasciavano le penne, quelle del destino. Sì perché l'allodola, forse più del tordo, è stata sempre una preda ambita. E c'era chi sosteneva con arroganza che il piccolo volatile non valeva la cartuccia. Ahimè, non aveva previsto l'oggi, col declino che la caccia ha subito anche per la prepotenza umana che ha distrutto e avvelenato ambienti dove una volta vivevano uomini e bestie. Oggi contiamo sulle dita le allodole che si presentano ai richiami. La civetta viva bob è più permessa alle feste e alle danze. E si ricorre a specchietti avveniristici e a civette di plastica, col meccanismo delle ali battenti. Il piccolo fischetto a bocca, d'ottone, non è più attraente, se non è usato da quei pochi maestri del richiamo, che riescono a produrre pio- pii e gorgheggi sopraffini.

E veniamo all'oggi. Dov'è finita la festa? Dall'Adriatico selvaggio che per il poeta è verde come i pascoli dei monti, più non giungono stuoli massicci e continuativi, come una volta. Solo qualche stuoletto smarrito fra le nebbie e le trasparenze autunnali, va alla ricerca di una festa che più non trova. Ma quali sono le ragioni di tali assenze? E' vero come dicono gli osservatori che negli ultimi lustri la consistenza della specie trovasi in uno sfavorevole stato di conservazione? Per i calendari venatori degli ultimi anni, in tale pratica venatoria, non si devono superare i dieci capi giornalieri, per un numero limite di cinquanta capi stagionali. Com'è scoraggiante partecipare ad un rito che non c'è quasi più. C'è da chiedersi: - cosa succede nelle terre nidificanti? Lontane terre euroasiatiche forse avvelenate dalle tecniche agricole.

E così è finita la popolare festa di massa; il pane dei poveri non è più alla  portata di tutti. E quindi è un grave errore accanirsi per una caccia di quantità. Bisogna stare alle regole per non deludere le future generazioni, e per far sì che la festa continui, anche se in dimensioni ridotte. Se non esistono regolamenti internazionali sui carnieri, bisogna attuarli. Ne sono responsabili coloro che governano il mondo. Sarebbe sbagliato abolire la caccia alle allodole, perché sarebbe veramente la fine. Sempre ad ogni  abolizione, subentrano riduzioni estreme di specie.
E che la festa continui per sentire e risentire il gioioso e festoso pigolio nei nostri cieli. In bocca al lupo, allodola!  


Domenico Gadaleta
Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:E' finita la festa delle allodole?

Se ci mettiamo buona volontà e correttezza sia a livello nazionale che europeo, la festa delle allodole potrebbe continuare. Per tale selvatico l'Europa dovrebbe avere dei calendari uniformi che diano ossigeno alla specie che per tante ragioni, fra cui le tecniche agricole, gli inquinamenti e via dicendo,ne sta risentendo in consistenza. In bocca al lupo allodola e sempre arrivederci!

Voto:

da Amante della natura. 06/02/2016 7.45