HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
  Cerca
La vendetta delle volpi Aria e Cicero: tra genio e follia UN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATO Il pero acerbone Il racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDA Il saluto delle pettegola Gli stivaletti neri In valle Per un pugno di beccaccini L'anima del tordo Allodole La prima caccia Quando arriva l'autunno CHE C’È IN ALASKA? 17 settembre 2006: l' apertura LA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU ) CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIORE L'OMBRA DELL'ORSO “Braccino” il bracconiere Tre germani per amici VOLI DI PRIMAVERA Passeggiata a caccia chiusa Migrazione d’autunno a mare L’annuncio della pantana Il racconto di un volo E' finita la festa delle allodole? GLI AIRONI DI TEO L’avventura dell’alzavola LE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteri LE DUE OCHE Il cinghiale e gli occhiali da sole Risveglio Due cinghiali OGGI VOLANO I TORDI AL CAPANNO CON... LE SPIE UNA CACCIATA DIFFICILE AMEDEO E LE OCHE Aspetto al cinghiale a caccia chiusa LA BEFFA DELLA BECCACCIA Un lupo LA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIA Al cinghiale turistico Nostalgico ripasso GIGI CACCIATORE La cinghiala e i daini GLI INQUILINI DELL’EUCALIPTO Una cacciata al cinghiale de “La Disperata” Profumo di resina La beccaccia dell’avvocato IL CINGHIALE DEI POVERI Caro Babbo Un capanno ai colombacci HERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPA IL MESSAGGIO DEL PIVIERE IL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghiale Preludio d’inverno La beccaccia Brindisi alla passione In un giorno di pioggia Il fatidico giorno Reietto a riva Beccaccino Silenzi di luglio L'ultima caccia SIMEONE IL FISCHIATORE Per il cinghiale Nuova primavera Primavera stonata SOGNANDO LE OCHE Sorpresa a Pasquetta Fluttua il vento Torna la stagione bella Ricordo Gavetta UN MARZO LONTANO Magico momento E' sorta l'aurora REGERMANO Cala il sipario… LA LEPRE INSPERATA CAMPANO All'inverno I miei umili versi L'ultima beccaccia Ignaro giovincello Tom Antichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRA ANTONIO E LE OCHE AL PASSO DEI TORDI LA FESTA DELLE ALLODOLE Amore sincero Per l’Autunno CACCIA D’ALTRI TEMPI Apertura Al Fischio FINE SETTIMANA DI CACCIA Destino umano A caccia, alla ricerca del tempo perduto Mi sembra ieri Nonno Vincenzo IL PRIMO TORDO LE CINQUE MARZAIOLE Primizie di tortore LA MAESTRINA E LA CACCIA Lascia che vada E IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLO Tormento d’amore DANZA D’AMORE E DI MORTE Fra le quaglie oltre il dolore Sogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIO Un omaggio alla vespina Anatra volatrice fatata L'ultimo tordo Tris, amico mio Scusami amore Uomini valenti Giravano fra gli ulivi i tordi L’incanto Il fagiano proibito Quando nel cielo danzano le allodole STORIA DI UN MONDO ANTICO Il richiamo del bosco Autunno restio Mentre vivo la caccia Tempo di caccia Per questo… Vola verso l'Africa All’ombra di un carrubo CACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIA Diana Sulla pianura verde Al grido dell'ultima pavoncella Maggio Il Grande verro Passavano le tortore Il ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomo Versi…d’amore Una chiusura con i "botti" Il vecchio del lago Ai colombacci Beccacce dell'Altopiano In montagna a cesene e sasselli La collina del ciliegio LA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA Sospiri Un felice anno Sinfonia Il re silvano Sulla Murgia Linguaggi Il bambino e la beccaccia Mentre... Come un figlio Alla scuola del padre Sensazioni d’autunno Per l'Autunno Ulivi Con le stelle d’autunno Biviere* Tempo di caccia Gambette! Dischiudendo le ali L’abbaglio Sulla caduta della Natura A caccia inibita Migratore Nella poesia dei ricordi Istinto di caccia Fischiò il chiurlo Che male ho fatto Mal di caccia Transumanza Piviere L’arte della ricarica Quaglie d'epoca Stupefacente… Caccia Rosso, l'airone solitario Emigranti e migratori Ultimo ripasso Mistero L'ultima sfida Avevo una casetta... In morte di Zorro Il fantasma della pineta Buon Natale Concerto grosso L'addio del beccaccino Fotomemoria Sognando la caccia Oggi comprendo Evviva il migratore! Riconoscenza (in versi) S'apre la caccia Il breve racconto del chiurlo Transumanza (In versi) La mia anima è ... la caccia Campione di corsa sui campi arati Robertino e la caccia. Un viaggio meraviglioso Brezze di caccia Nell’eco di un antico rito Amico bretone Il viaggio delle quaglie Come Vincent … Il lavoro è una chimera... Le anatre che non migrarono più La passerella Quaglie latitanti Prego Marzo Robertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa" Natura morta ASIA, LA PRIMA VOLTA Alpha Dog Della libertà dei cacciatori La beccaccia Natale Mentre avanzo... Poeta e poesia Il cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto" Welcome UN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLA Finalmente... L'AROI Un grosso errore di un giovane cacciatore Sul davanzale (in versi) La nostalgia di una battuta di caccia Un cammino senza fine La casetta a fianco (in versi) Ricordo di una mattinata di ottobre Ognuno il suo castello (in versi) Il regalo di Filumena CACCIA, AMORE E GELOSIA UNA STORIA QUALUNQUE Il flusso (poesia di Umberto Clausi) A CACCIA IN SPIDER CRISTIANO Un giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele) La cosa più bella Il canto di amore e morte dell'urugallo Brodo d’incoscienza (Umberto Clausi) Ti aspetto al balzello Il ricordo Il Profumo dell’aratro Attento attento (in versi) Canto di Primavera GRAZIE, CACCIA! ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile) Il cinghiale al "richiamo" Per colei che ho tanto amato (in versi) Un giorno memoriale (in versi) L'ultima volta Robertino e la caccia: gli uccelli da richiamo Cleto e Bonaparte Di neve e di camosci L'ultimo caschè (in versi) Scena di Natale L'occhio della beccaccia Onirico ed epico racconto di una scena di caccia E per un giorno... La beccaccia si racconta I fischietti di Romeo La prima volta Il cercatore di funghi Tempo di “passo”…. tempo di Beccacce! L'arte del movimento (in versi) L'autunno (in versi) Lepri di Lorenzo Ricordi dell'apertura della caccia (anni fa) Il cappello a galla Roberto Baggio cacciatore - Il sogno più grande Urlo d'amore A Folaghe sul lago Di un Cacciatore Squadrina La Caccia nel cuore

Racconti

E' finita la festa delle allodole?


giovedì 4 febbraio 2016
    
E cominciava la festa verso la metà di ottobre, con lo spirare dei venti propizi, come la brezza del maestrale che allietava lo spirito. Per intere giornate sugli italici litorali danzavano le allodole appena giunte dalla lunga ed estenuante migrazione. Salutavano la raggiunta terra con voli di ricognizione. Giravano nel cielo, si abbassavano sulla battigia, sfioravano le onde; allegre, sfarfallanti anche se stanche. Poi alla vista dei terreni adiacenti le spiagge, sostavano per poco. E ritornavano in volo perché dovevano guadagnare le terre di svernamento: le amene colline dell'entroterra per cercare e ricercare la pastura. Attratte dalle stoppie ricche di vecchi semi appetitosi.

E per tanti e tanti giorni si avvicendavano gli stuoli d'entrata. Continui pigolii celesti allietavano i barcaioli che salutavano i nuovi arrivi. Tra quei pescatori non mancavano gli amanti della caccia. In fondo pesca e caccia sono la stessa cosa; cambia la forma non la sostanza. E al dondolio delle barche sulle abbozzate onde del maestrale, continuava la festa e per tutto ottobre e buona parte di novembre sulle colline si partecipava a continui voli e pigolii e fuochi d'artificio ad intermittenza. Erano le terre degli antichi pastori che consumavano la vita e il lavoro e spesso incontravano cacciatori amici. La quantità dei voli illudeva l'allodolaro a credere nella facilità del tiro. Ma così non era e non è, perché l'ondeggiare delle allodole celesti, snerva, irretisce e spesso confonde il tiro. Tanti sono i figli di Diana che tirando ai piccoli volatili che girano intorno agli specchiettì, non riempiono i carnieri, ma svuotano le cartuccere. Danze continue intorno alle civette d'un tempo.

Molte ci lasciavano le penne, quelle del destino. Sì perché l'allodola, forse più del tordo, è stata sempre una preda ambita. E c'era chi sosteneva con arroganza che il piccolo volatile non valeva la cartuccia. Ahimè, non aveva previsto l'oggi, col declino che la caccia ha subito anche per la prepotenza umana che ha distrutto e avvelenato ambienti dove una volta vivevano uomini e bestie. Oggi contiamo sulle dita le allodole che si presentano ai richiami. La civetta viva bob è più permessa alle feste e alle danze. E si ricorre a specchietti avveniristici e a civette di plastica, col meccanismo delle ali battenti. Il piccolo fischetto a bocca, d'ottone, non è più attraente, se non è usato da quei pochi maestri del richiamo, che riescono a produrre pio- pii e gorgheggi sopraffini.

E veniamo all'oggi. Dov'è finita la festa? Dall'Adriatico selvaggio che per il poeta è verde come i pascoli dei monti, più non giungono stuoli massicci e continuativi, come una volta. Solo qualche stuoletto smarrito fra le nebbie e le trasparenze autunnali, va alla ricerca di una festa che più non trova. Ma quali sono le ragioni di tali assenze? E' vero come dicono gli osservatori che negli ultimi lustri la consistenza della specie trovasi in uno sfavorevole stato di conservazione? Per i calendari venatori degli ultimi anni, in tale pratica venatoria, non si devono superare i dieci capi giornalieri, per un numero limite di cinquanta capi stagionali. Com'è scoraggiante partecipare ad un rito che non c'è quasi più. C'è da chiedersi: - cosa succede nelle terre nidificanti? Lontane terre euroasiatiche forse avvelenate dalle tecniche agricole.

E così è finita la popolare festa di massa; il pane dei poveri non è più alla  portata di tutti. E quindi è un grave errore accanirsi per una caccia di quantità. Bisogna stare alle regole per non deludere le future generazioni, e per far sì che la festa continui, anche se in dimensioni ridotte. Se non esistono regolamenti internazionali sui carnieri, bisogna attuarli. Ne sono responsabili coloro che governano il mondo. Sarebbe sbagliato abolire la caccia alle allodole, perché sarebbe veramente la fine. Sempre ad ogni  abolizione, subentrano riduzioni estreme di specie.
E che la festa continui per sentire e risentire il gioioso e festoso pigolio nei nostri cieli. In bocca al lupo, allodola!  


Domenico Gadaleta
Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:E' finita la festa delle allodole?

Se ci mettiamo buona volontà e correttezza sia a livello nazionale che europeo, la festa delle allodole potrebbe continuare. Per tale selvatico l'Europa dovrebbe avere dei calendari uniformi che diano ossigeno alla specie che per tante ragioni, fra cui le tecniche agricole, gli inquinamenti e via dicendo,ne sta risentendo in consistenza. In bocca al lupo allodola e sempre arrivederci!

Voto:

da Amante della natura. 06/02/2016 7.45