HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
QUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Tris, amico mio


mercoledì 6 febbraio 2013
    

Quando mi fosti proposto ero un po’ scettico: un cocker che non riporta, da addestrare bene?? Però cerca, ha un gran naso, insomma ti regalavano. Ti chiamavi TRIS, per il tuo colore pezzato bianconero con sopracciglia rosse, mi venisti incontro subito scodinzolando, fu un colpo di fulmine.

In prova, ti buttai giù un tordo lontano, cadde in un forracone di rovi, ti tirai il sasso e sparisti subito, non ti sentivo più, ti chiamavo disperato dicendo dentro di me “Vai, ora l’ho anche perso, che cavolo gli dico al padrone??”. Ti trovai accucciato nella posta, mi aspettavi col tordo in bocca chissà da quanto. Mi dissi che eri mio per sempre.

Da quel giorno furono anni meravigliosi, goduti, col miglior cane che avessi mai avuto tra le mani, scovavi di tutto, battaglie coi porciglioni e gallinelle, beccaccini, fagiani e migratoria al passo. Eri grande. Nella macchia avevi perfino imparato, in vagante, a fare il giro largo e poi tornarmi incontro mandandomi in bocca sasselli e bottacci, e anche qualche colombo, piacevi da morire ai bimbi, giocavano tantissimo con te nell’erba, in garage, sulle scale di casa, come tutti certo, ma te eri te e non ti avrei cambiato con nessun altro.

Poi quel giorno con Alvaro, mentre gli scodinzolavi vicino ecco la prima crisi epilettica: uno strazio a vederti, Alvaro diceva questo cane ti muore, e invece dopo un po’ tutto passò ma non fosti più lo stesso. Ti curai come potevo ma il veterinario scuoteva la testa, le crisi epilettiche si susseguirono sempre più frequenti. Non mi riconoscevi quasi più, prendevi la strada e andavi via così al piccolo passo, senza guardarti intorno, inebetito. Dovevo rincorrerti e riportarti nel box, ma continuavo anche a portarti a caccia, nella vana speranza di un miglioramento. L’ultima volta, alla solita posta, mi sembrava che stavi meglio, davi retta, correvi su per lo stradello come ai bei tempi, non eri vecchio infatti, eri solo malato. Ti accucciasti nel tuo solito posto, dietro di me e a quell’unico tordo che passò e che cadde, ti alzasti di scatto vedendo come sempre dove era caduto e mentre ti aspettavo fuori della macchia, sentii di nuovo qualcosa di strano. Ti trovai nel mezzo di un’altra crisi, penosa, col tordo lì in terra.

Arrivò febbraio, caccia chiusa come tutti gli anni, ero al lavoro e mi chiamò Simone consigliandomi di portarti a far reprimere, ti vedeva anche lui, anche lui ci pativa, non ebbi il coraggio, non ce la facevo, non sapevo cosa fare, e a morsi e bocconi passò la primavera e iniziò la tua ultima estate, finchè ti trovai, lì fermo, come uno straccio. TRIS!!! Bello!! Provasti ad alzare la testa, ma ti ricadde subito. Dopo un ora era tutto finito. Ti misi in una carriola, ormai leggero, consumato dalla malattia, inerte. Da una parte mi sentivo come liberato da un peso, mi dicevo che avevi finito di soffrire, trovai un piccone e provai a fare una buca lì, vicino al tuo box, il terreno era di marmo, niente da fare. Chiamai Luciano, caro amico imprenditore agricolo con podere in pianura e una bella quercia proprio in mezzo al campo a un 100 mt da casa. Mi sentì subito al tono della voce: “Vieni Ale, lo mettiamo sotto alla quercia grande”, e venne anche Federico, il mio bimbo quello più piccolo, Riccardo era a scuola.

Ho sempre insegnato ai bimbi che l’uomo non piange, deve essere duro e superare le avversità. I miei figli non mi avevano mai visto piangere. Faccio una grande fossa, è pronta. Prendo un sacco di juta lì nel podere e ti ci metto dentro, piano, sei ancora caldo, o sarà questo caldo schifoso di agosto, sono madido di sudore, bestemmio.

Ho già chiuso il sacco con uno spago, ma lo riapro, voglio vederti ancora un ultima volta, mi ripassano davanti tante scene vissute insieme, io e te e le foglie secche, quando mi riportasti quel fagiano in padule, quel giorno che ti dissi vedendo cadere un tordo impossibile: “se mi riporti questo vado in pasticceria e ti compro una pasta” e dopo 5 minuti tornasti vincitore e la pasticcera che rideva……..e ora sei lì dentro al sacco. Ti accarezzo la testa, Federico mi guarda e prorompo in un pianto disperato, mi squassa la cassa toracica, Tris amico mio, il sole a piombo, il sudore, la quercia ferma, il vento trai suoi rami, un babbo e un figlio affranti che ricoprono dolcemente di terra fresca un canino dolce e bravissimo.

Quanto è il bene che un cacciatore arriva a volere al suo cane? Io ci ho pianto anche ora, sono passati quasi 10 anni da quel giorno. Giudicate voi.


Alessandro Fulcheris

Leggi gli altri racconti

2 commenti finora...

Re:Tris, amico mio

ho sempre fatto una tombina,a tutte le piccole o grandi creature che mi hanno adottata.la vita è un viaggio, e come tutti i viaggi si compone di ricordi... nessuno potrà mai rubare i nostri ricordi... un racconto da cui traspare l'amore, molto commovente, e molto bello grazie.

Voto:

da elena 68 06/02/2013 10.56

Re:Tris, amico mio

Sicuramente nessun altro può capire e provare lo stesso dolore, lo so bene io che ho passato e provato le stesse emozioni e lo stesso dolore per la perdita dei miei primi due setter una inglese ed una irlandese spettacolari a caccia. Ho pianto come un bambino quando ho perso prima l'irlandese per la lehismaniosi e poi l'inglese per avvelenamento ed ancora oggi quando penso a loro mi viene il magone. Bellissimo racconto un saluto Luca dalla prov. di Lecce

Voto:

da Luca dalla prov. di Lecce 06/02/2013 10.31