Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
In attesa delle prime beccacceUna storia comuneI primi colpiQUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di Zaccaria IL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Canto di Primavera


lunedì 23 marzo 2009
    

Quella mattina, incastonata nei giorni festosi profumati di Pasqua, è ormai molto lontana, ma è fissata in un calendarietto che un cassetto della scrivania ha conservato in solitudine. Era il diario di un.. tempo giovane e spensierato nel quale annotavo gli effimeri avvenimenti della giornata. Quella mattina di marzo aprii la finestra e subito il sole, ancora debole e reso pallido dalla nebbiolina, illuminava con i suoi raggi obliqui un paesaggio che si stava ricoprendo di tenero verde.

Il ciliegio, nell’orto, aveva mutato il bianco della neve in fiori. Piccole ombre veloci si infilavano nella siepe di biancospino ai margini dell’orto con lieve pigolio. Era tempo di nidi.

Quale forza segreta e potente aveva vinto l’austerità dell’inverno? La natura, si era risvegliata in un’estasi silenziosa e noi dobbiamo ringraziare l’ordine divino che ha permesso il miracolo,che da millenni e millenni si ripete, per la felicità del creato.

Fu allora che un cuculo,nella pienezza della luce del mattino,fece udire il suo canto,un po’ vieino, un po’ lontano. Un soffocato richiamo, ripetuto senza riprendere fiato.
L’uccello poco si mostra, ma la sua voce sonora è  quella che apre le porte alla nuova più viva luce della dolce stagione.

Per il buon profitto scolastico mi era stato regalato un fucile monocanna calibro 28, nonostante non avessi ancora l’età per usarlo. Il babbo, fu prodigo di consigli, e mi ripeteva con gravità: ”Non puntarlo mai sulle persone, anche scarico, perche sono i fucili ritenuti scarichi che provocano tragedie, la canna sempre rivolta in alto o in basso, mai caricano in casa e togli le cartucce prima del rientro.” Io promettevo di essere prudente e non vedevo l’ora di correre nel bosco in cerca di pettirossi, aliuzze, bucasiepi, merli, ghiandaie.

Sul calandarietto segnavo le catture e sotto la data. Trovo: 20 marzo un merlo, un fringuello maschio con le ali colorate; 21 - 22 marzo vento e pioggia, 23 marzo e già primavera un cuculo. L’avevo sentito cantare, mi ero vestito in fretta ed ero corso nel bosco incantato da quell’invito. Cessavano al mio passaggio i canti e la ghiandaia emetteva il suo grido d’allarme rendendo inutili i miei tentativi di avvicinarla. In fondo al sentiero che divideva in due la boscaglia, sorgeva una graziosa cappelletta in mattoni chiari, nella nicchia, protetta da una grata di ferro,  c’era una Madonnina venerata in modo particolare dalle  donne del paese, meta per il rosario nelle tiepide sere di maggio.

All’improvviso un grosso uccello, con volo erratico, si posò su un vecchio faggio ancora spoglio, proprio dietro all’edicola che mi nascondeva alla sua vista. Batteva ancora le ali per ritrovare l’equilibrio sul ramo e io avevo già levato il fucile e lasciato partire il colpo. L’uccello cadde. Andai a raccoglierlo. Mi pareva un falco pellegrino, stesse ali appuntite, coda lunga, livrea marrone – bianco chiazzata, ma il becco non era adunco da sparviero, non aveva artigli ma unghie. Fiero della mia preda rientrai subito a casa per mostrare lo strano uccello a mio padre che, invece di’ rallegrarsi, mi disse con tono di rimprovero: “E’ un cuculo che tu hai ucciso”. Mi sentii avvampare e andai, a testa bassa, a riporre il fucile, amareggiato.

Il giorno dopo c’erano ancora i segnali della primavera, ma nel coro degli uccelli mancava il canto pieno di lontananza del cuculo. Mi sentivo colpevole come se, uccidendo quel messaggero innocente nei giorni stessi che portava l’annuncio liberatorio della bella stagione, avessi distrutto un po’ dell’allegria della natura.

Se avessi saputo allora qual è il comportamento del cuculo in natura l’alone poetico costruitogli intorno da poeti e innografi sarebbe caduto come le foglie secche in autunno e io non mi sarei pentito di quel colpo di fucile.

Il cuculo è un solerte assassino. Dopo il canto primaverile né il maschio,né la femmina di cuculo fanno coppia come gli altri volatili, ma preferiscono un turbine di incontri amorosi poi ciascuno va per i fatti suoi. Fatto eccezionale nel mondo dell’avifauna, la femmina non mostra alcun amore materno per i figli, ma esattamente come fanno alcune donne perdute che depongono i figli sui banchi delle chiese o, peggio, li lasciano sulla strada alla pietà dei passanti, la femmina del cuculo, dopo aver deposto l’uovo fecondato sul terreno, allarga il becco a dismisura e lo ingoia. Poi vaga per i boschi in cerca di un nido di pettirosso, capinera, passera dove la femmina abbia già deposto le uova e, in sua assenza piazza il suo in mezzo agli altri. E s’invola senza curarsene più.

Gli uccelli non sanno contare e l’uovo ospite non ò riconosciuto come un intruso e viene amorevolmente covato. Si schiuderà prima degli altri. Ne uscirà un piccolo mostro con il dorso incurvato, un terribile uccelletto che, ingrossandosi più degli altri mentre reclama sempre cibo che i genitori adottivi si affannano a procurargli, occuperà tutto il fondo del nido. Gli altri neonati gli scivoleranno sul dorso e verranno con bruschi movimenti espulsi dal nido. Cadranno ai piedi dell’albero o del cespuglio preda di arvicole, cornacchie e formiche.

Questo curioso artificio della natura assicura la sopravvivenza di una specie, quella dei cuculi, il cui misterioso e affascinante canto primaverile, prelude ad una strage di innocenti.

Giuliano Patella

 

Concorrente al 18° Concorso Nazionale per Racconti di Caccia "Giugno del Cacciatore"

Leggi gli altri racconti

0 commenti finora...