HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
QUAGLIA IN LOTTAOCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

CRISTIANO


lunedì 8 giugno 2009
    

Cristiano al compimento del dodicesimo anno d’età non ricevette in regalo una bicicletta o un paio di pattini, ma. una bellissima carabina calibro 22-250, completa di ottica! Perché Cristiano fin da piccolo aveva sempre accompagnato il papà a caccia nelle pianure, tra i boschi e sulle montagne ed un bel giorno si ritrovò con una vecchia doppietta tra le mani, proprio mentre una grossa lepre stava uscendo dal bosco.

Da quel momento la sua vita non fù più la stessa. Il ragazzino mantenne sempre un buon rendimento a scuola, riordinò puntualmente la sua cameretta, continuò a tirare calci al pallone e a giocare a figurine con i suoi coetanei, ma c’era sempre un’immagine scolpita nella sua mente e nel suo cuore che lo perseguitava: quella di una lepre che cadeva, centrata in pieno da una rosa di pallini. Il papà, vecchio ed esperto cacciatore quale era, vedendo la metamorfosi che stava subendo suo figlio, ebbe delle emozioni molto contrastanti.

Avrebbe dovuto assecondare l’innata passione che stava stregando il ragazzo (la stessa che tanti. anni addietro s’era impossessata di lui e prima ancora .di suo padre e di suo nonno), oppure doveva frenare quell’eccessivo entusiasmo? “Cacciatori si nasce, non si diventa”. Questo è un assioma inconfutabile. Possiamo allevare un lupo e tenerlo in giardino assieme a conigli ed agnelli, ma poi non ci stupiamo se un brutto giorno accade una piccola tragedia.

La passione per la caccia, o meglio l’istinto del cacciatore, deve essere innanzi tutto accettato, poi compreso e assecondato, perché è nella natura umana. Cristiano quell’istinto l’aveva nel DNA e visto che ormai s’era guadagnato con onore la sua prima, -prestigiosa preda, perché non poteva aspirare a catturare qualcos’altro? A undici armi, anche se madre natura l’aveva dotato di un fisico da adolescente, non poteva certo andare a caccia da solo, così il padre continuò a portarlo sempre con sé, anche quando decise di appostare il Re della macchia! La prima sera andò a vuoto, così pure la seconda e la terza, ma la quarta I cinghiali arrivarono che non ci si vedeva quasi più. Da dietro una murcia di sassi, dov’erano appostati padre e figlio, non si udiva un sol respiro.

Lo scaltro genitore aveva consigliato al giovane figlio di togliere la sicura alla doppietta appena. il sole sarebbe sceso “nel sacco” e quando vide il suo cucciolo d’uomo portarla alla spalla, gli occhi di divennero lucidi. Cristiano, per essere certo di non sbagliare, terrorizzato dalla paura di deludere il padre, appoggiò l’astina sopra ad una pietra, prese attentamente di mira un cinghiale poco discostato dal branco, chiuse un occhio (o forse tutti e due), trattenne il respiro e tirò il primo grilletto. Una palla Maremmana calibro 12 genera un rinculo violento, ma se Cristiano l’avverti non lo diede a vedere. Si voltò invece verso il padre con tante tacite domande negli occhi. L’ho sbagliato? L’ho preso? Spero di non averlo ferito. Il responso arrivò presto, con un sorriso ed una pacca sulle spalle. Un abbraccio o un bacio sarebbero state cose da femminucce. Il ragazzo aprì la doppietta, restituì al padre la cartuccia carica e mise in tasca il bossolo di quella sparata. Poi, con calma, raggiunsero insieme l’animale morto.

Cristiano o accarezzò, s’inebriò del suo odore forte e acre, controllò. dove lo avéva colpito è cércò anche di stimarne il peso. Con il padre si accordarono per cinquanta - sessanta chili, anche se l’animale non arrivava neanche a quarantacinque! Poi, emozionato ma sereno, s’inginocchiò per ricevere il “battesimo” che gli avrebbe fatto il padre, pronunciando delle frasi solenni mentre gli avrebbe tracciato dei segni su] viso con il sangue ancora caldo del suo primo cinghiale.

Semmai ci sarebbe stata una remotissima possibilità che Cristiano non diventasse un cacciatore,quella sera, dopo quell’episodio, era scemata per sempre. Quando hai già abbattuto un cinghiale ed una lepre, fai presto a prendere anche un fagiano, delle tortore, dei colombacci e qualche tordo; e sempre con la vecchia doppietta di tuo padre, che prima ancora era stata di tuo nonno. Ma gli avrebbero mai permesso di usare anche la carabina calibro 270? Quella americana con il cannocchiale lungo e nero che Cristiano ammirava ore ed ore attraverso il freddo vetro della rastrelliera? Il suo sogno si avverò un cupo e piovoso pomeriggio di fine inverno quando, sempre incollato alla giacca di fustagno del genitore, caricò zaino, binocolo e.. .carabina sul fuoristrada. Il ragazzo non sapeva né dove stavano andando né cosa speravano di. cacciare, sapeva soltanto che andavano nel bosco, tutto il resto non aveva importanza. Giunti in prossimità di un esteso prato incolto, il padre di Cristiano parcheggiò il fuoristrada, ed anche se non ce n’era assolutamente bisogno, si portò il. dito indice della mano destra sulla punta del naso.

Da quel momento in poi ogni rumore sarebbe stato sacrilego. Cristiano mise lo zaino in spalla, mentre il papà prese la 270 ed il binocolo. Camminarono furtivi lungo il confine. del bosco finché, quasi di scatto, il genitore s’immobilizzò. Alzò il binocolo, osservò un punto preciso. del prato per diversi secondi e poi lo passò al figlio sussurrandogli. “Le vedi laggiù quelle tre sagome scure? Sono caprioli. Quello più grosso a destra è un maschio. Non perderlo mai di vista”.

A Cristiano cominciarono a tremare le gambe, ma riuscì ugualmente a seguire il padre in una manovra d’avvicinamento. Procedevano piano, controllando dove mettevano i piedi e la direzione del vento, e quando raggiunsero un piccolo dosso si fermarono. I caprioli, apparentemente ignari del pericolo, distavano non più di cento — centoventi metri. Il padre si fece consegnare dal figlio lo zaino, lo mise a terra, ci adagiò delicatamente sopra la carabina e con un movimento al contempo fluido e silenzioso fece scorrere in canna una cartuccia dorata. A Cristiano batteva talmente forte il cuore che se ne vergognò. Ebbe quasi il sospetto che anche suo padre riuscisse a sentirlo, ma senza farsi incitare si posizionò dietro l’arma come gli era stato insegnato tempo prima.

La impugnò stretta, sistemò bene il calcio contro la spalla e prese a traguardare il maschio di capriolo direttamente attraverso le lenti del cannocchiale. “Non avere fretta. Sfiora il grilletto solo se il reticolo è nel punto giusto. Soltanto allora”, gli sussurrò suo padre alitandogli nell’orecchio sinistro. Passarono pochissimi istanti ed uno sparo ruppe il silenzio che regnava nel bosco. Spense una vita e ne segnò inesorabilmente un’altra.

Mario Benecchi

Concorrente al 18° Concorso Nazionale per Racconti di Caccia "Giugno del Cacciatore"

Leggi gli altri racconti

1 commenti finora...

Re:CRISTIANO

emozionante

Voto:

da alex 79 17/06/2009 13.39