HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
OCCHIO DI SPINONEIl cacciatore solitarioLa vendetta delle volpiAria e Cicero: tra genio e folliaUN BRACCO VENUTO DAL FREDDO... HEINAROON TORTA AL CIOCCOLATOIl pero acerboneIl racconto di ZaccariaIL POSSESSO DELLA PREDAIl saluto delle pettegolaGli stivaletti neriIn vallePer un pugno di beccacciniL'anima del tordoAllodoleLa prima cacciaQuando arriva l'autunnoCHE C’È IN ALASKA?17 settembre 2006: l' aperturaLA CACCIA AL PIRO PIRO ( DEL TEMPO CHE FU )CACCIA CHE FU - IL CHIURLO MAGGIOREL'OMBRA DELL'ORSO“Braccino” il bracconiereTre germani per amiciVOLI DI PRIMAVERAPasseggiata a caccia chiusaMigrazione d’autunno a mareL’annuncio della pantanaIl racconto di un voloE' finita la festa delle allodole?GLI AIRONI DI TEOL’avventura dell’alzavolaLE VOLPI DI SIMONE Caccia al cinghiale e … misteriLE DUE OCHEIl cinghiale e gli occhiali da soleRisveglioDue cinghialiOGGI VOLANO I TORDIAL CAPANNO CON... LE SPIEUNA CACCIATA DIFFICILEAMEDEO E LE OCHEAspetto al cinghiale a caccia chiusaLA BEFFA DELLA BECCACCIAUn lupoLA CACCIA AL PIVIERE, FRA RICORDI E POESIAAl cinghiale turisticoNostalgico ripassoGIGI CACCIATORELa cinghiala e i dainiGLI INQUILINI DELL’EUCALIPTOUna cacciata al cinghiale de “La Disperata”Profumo di resinaLa beccaccia dell’avvocatoIL CINGHIALE DEI POVERICaro BabboUn capanno ai colombacciHERMANN HESSE - IL LUPO DELLA STEPPAIL MESSAGGIO DEL PIVIEREIL GIORNO DEL FISCHIONE Emozioni - dalla beccaccia al cinghialePreludio d’invernoLa beccacciaBrindisi alla passioneIn un giorno di pioggiaIl fatidico giornoReietto a riva BeccaccinoSilenzi di luglioL'ultima cacciaSIMEONE IL FISCHIATOREPer il cinghialeNuova primaveraPrimavera stonataSOGNANDO LE OCHESorpresa a PasquettaFluttua il vento Torna la stagione bellaRicordoGavettaUN MARZO LONTANOMagico momentoE' sorta l'auroraREGERMANOCala il sipario…LA LEPRE INSPERATACAMPANOAll'invernoI miei umili versi L'ultima beccacciaIgnaro giovincelloTomAntichi primi freddi LA FEBBRE DELL’ANATRAANTONIO E LE OCHEAL PASSO DEI TORDILA FESTA DELLE ALLODOLEAmore sincero Per l’AutunnoCACCIA D’ALTRI TEMPIAperturaAl FischioFINE SETTIMANA DI CACCIADestino umanoA caccia, alla ricerca del tempo perdutoMi sembra ieriNonno Vincenzo IL PRIMO TORDOLE CINQUE MARZAIOLEPrimizie di tortoreLA MAESTRINA E LA CACCIALascia che vadaE IL VENTO MI REGAL0’ IL CHIURLOTormento d’amoreDANZA D’AMORE E DI MORTEFra le quaglie oltre il doloreSogni senz’ali L'AMPUTATO COLOMBACCIAIOUn omaggio alla vespinaAnatra volatrice fatataL'ultimo tordoTris, amico mioScusami amoreUomini valentiGiravano fra gli ulivi i tordiL’incanto Il fagiano proibitoQuando nel cielo danzano le allodoleSTORIA DI UN MONDO ANTICOIl richiamo del boscoAutunno restioMentre vivo la cacciaTempo di caccia Per questo…Vola verso l'AfricaAll’ombra di un carruboCACCIA AL CAPRIOLO IN SCOZIADianaSulla pianura verdeAl grido dell'ultima pavoncellaMaggioIl Grande verroPassavano le tortoreIl ruolo del vero ambientalista, del cacciatore, che rispetta l’animale uomoVersi…d’amoreUna chiusura con i "botti"Il vecchio del lagoAi colombacciBeccacce dell'AltopianoIn montagna a cesene e sasselliLa collina del ciliegioLA BEFFARDA INTRIGANTE CREATURA SospiriUn felice annoSinfoniaIl re silvano Sulla MurgiaLinguaggiIl bambino e la beccacciaMentre...Come un figlioAlla scuola del padreSensazioni d’autunno Per l'AutunnoUliviCon le stelle d’autunno Biviere*Tempo di cacciaGambette!Dischiudendo le aliL’abbaglioSulla caduta della NaturaA caccia inibitaMigratoreNella poesia dei ricordiIstinto di caccia Fischiò il chiurloChe male ho fattoMal di cacciaTransumanzaPiviereL’arte della ricarica Quaglie d'epocaStupefacente…CacciaRosso, l'airone solitarioEmigranti e migratoriUltimo ripassoMisteroL'ultima sfidaAvevo una casetta...In morte di ZorroIl fantasma della pinetaBuon NataleConcerto grossoL'addio del beccaccino FotomemoriaSognando la cacciaOggi comprendo Evviva il migratore!Riconoscenza (in versi)S'apre la cacciaIl breve racconto del chiurloTransumanza (In versi)La mia anima è ... la cacciaCampione di corsa sui campi aratiRobertino e la caccia. Un viaggio meravigliosoBrezze di cacciaNell’eco di un antico ritoAmico bretoneIl viaggio delle quaglieCome Vincent …Il lavoro è una chimera...Le anatre che non migrarono piùLa passerellaQuaglie latitantiPregoMarzoRobertino e la caccia: "sparare è l'ultima cosa"Natura mortaASIA, LA PRIMA VOLTAAlpha DogDella libertà dei cacciatoriLa beccacciaNataleMentre avanzo...Poeta e poesiaIl cacciatore Robertino e la caccia "per me era tutto"WelcomeUN PITTORE A CACCIA DELLA SCOLOPAX RUSTICOLAFinalmente...L'AROIUn grosso errore di un giovane cacciatoreSul davanzale (in versi)La nostalgia di una battuta di cacciaUn cammino senza fineLa casetta a fianco (in versi)Ricordo di una mattinata di ottobreOgnuno il suo castello (in versi)Il regalo di FilumenaCACCIA, AMORE E GELOSIAUNA STORIA QUALUNQUEIl flusso (poesia di Umberto Clausi)A CACCIA IN SPIDERCRISTIANOUn giorno di caccia (Poesia di Emmanuele Emanuele)La cosa più bellaIl canto di amore e morte dell'urugalloBrodo d’incoscienza (Umberto Clausi)Ti aspetto al balzelloIl ricordoIl Profumo dell’aratroAttento attento (in versi)Canto di PrimaveraGRAZIE, CACCIA!ANITO, IL POSTINO (racconto di Franco Nobile)Il cinghiale al "richiamo"Per colei che ho tanto amato (in versi)Un giorno memoriale (in versi)L'ultima voltaRobertino e la caccia: gli uccelli da richiamoCleto e BonaparteDi neve e di camosciL'ultimo caschè (in versi)Scena di NataleL'occhio della beccacciaOnirico ed epico racconto di una scena di cacciaE per un giorno...La beccaccia si raccontaI fischietti di RomeoLa prima voltaIl cercatore di funghiTempo di “passo”…. tempo di Beccacce!L'arte del movimento (in versi)L'autunno (in versi)Lepri di LorenzoRicordi dell'apertura della caccia (anni fa)Il cappello a gallaRoberto Baggio cacciatore - Il sogno più grandeUrlo d'amoreA Folaghe sul lagoDi un CacciatoreSquadrinaLa Caccia nel cuore

Racconti

Onirico ed epico racconto di una scena di caccia


martedì 9 dicembre 2008
    

Mentre lo sciabordio delle onde seguitava implacabile sulla battigia, di colpo aprii gli occhi, mi guardai intorno, la spiaggia era ormai deserta ed il sole si spegneva pian piano nel mare tra il rosso del tramonto e l’oscurità della notte che inesorabile arrivava. Un occhiata veloce verso la boscosa montagna che cadeva a picco sul mare, un saluto all’acqua, alla sabbia, all’odore della salsedine ed alle dune profumate di ginepro, poi via di ritorno verso casa. Corsi su per la scaletta di legno che sormontava le dune, presi la vecchia bicicletta e pedalai attraversando il ponte sul lago sino alla casa di mia nonna che se ne stava immersa tra i lecci da quasi mezzo secolo.
Avevo preso appositamente un po’ di ferie per stare lontano dal lavoro e per rilassarmi nel luogo dove avevo passato tutte le mie estati da bambino, e dove il riposo era assicurato. Durante l’ultima settimana ero stato alla spiaggia ogni giorno. Avevo pensato alla mia vita tirandone le somme, avevo dormito come un barbone su quella sabbia che ormai conoscevo in maniera così perfetta dal distinguerne ogni granello di quarzo. Nella solitudine di quei giorni la nostalgia alle estati passate era inevitabile. Quello era un luogo incantato, ricco di natura, ancora e nonostante tutto, di natura e di un sano mistero legato al Monte Circeo, dove si dice approdò l’eroe greco Ulisse ormai 3300 anni fa.
In quella sera di novembre, tornando a casa dalla spiaggia, cominciò a ronzarmi nella testa un pensiero, che vorticoso mi riportava a ritroso nel tempo sino a quando ero solo un bambino. Le note nostalgiche del giradischi riuscivano ancora ad infondermi un senso di pace e l’odore di pane bruciato che proveniva dalla cucina mi regalava il ricordo impagabile di un nonno che non racconta favole ma storie ricche d’avventura, natura e di arcani accadimenti. Arrivò la notte e mi addormentai con quel pensiero che galleggiava nel mio cervello come una barca a vela che vento in poppa mi portava verso la meta, verso un luogo che racchiudeva segreti e misteri. Sognai. Quando gli uomini sognano possono vedere gli eventi passati, quelli futuri oppure possono attraversare la storia andando indietro nel tempo interagendo con l’avventura, con la poesia e con il desiderio di vivere il sogno. Quello che andava tramutandosi nel mio viaggio onirico era il ricordo di un racconto che mio nonno mi faceva da bambino ed oggi, a quasi trentaquattro anni, stavo per viverlo.
Camminavo lungo il litorale in direzione del Monte Circeo che pian piano diventava sempre più grande mentre io, sempre più piccolo, giungevo al suo cospetto. Al mio fianco il nonno mi guidava e con passo svelto in un momento giungemmo ai piedi del monte. Lì finiva la spiaggia e cominciava la scogliera, poco più in alto la fitta macchia. Il sole del mattino cominciava a scaldare ogni cosa e nella vampa di calore la mia attenzione venne colta da un sospettoso stupore. Di fronte a noi un gruppo di uomini anticamente vestiti uscivano dal bosco portando della legna asciutta per accendere il fuoco. Altri portavano otri ripiene d’acqua e si dissetavano, altri ancora costruivano capanne e rifugi di fortuna, probabilmente per ripararsi durante la notte. Improvvisamente ebbi paura e decisi di fermarmi, mio nonno invece continuò ancora per qualche passo poi si girò verso di me e mi invitò a seguirlo indicandomi la grande ed antica nave che era ancorata al largo. La lucidità di quel momento mi rese cosciente pur restando nel sogno, ormai troppe cose erano fuori posto: mio nonno era morto da almeno quindici anni e poi quella nave e quelle persone sembravano appartenere ad un’altra epoca. Sorpassati i momenti d’indugio avanzai verso mio nonno che non curandosi dell’operosità di quegli uomini mi invitò a seguirlo, dapprima arrampicandosi sulle rocce e poi fin dentro la macchia. Seguitavo tranquillo e come Dante alle porte dell’inferno mi lasciavo guidare dall’insolito Virgilio. Ci trovammo nel fitto del bosco. Dalla nostra posizione potevamo vedere una casa dalla quale usciva del fumo e poco distante un uomo con una lancia di bronzo in mano.
Ormai avevo capito, stavo passeggiando all’interno di un sogno, dentro un racconto che mio nonno mi narrava spesso. Sapevo che quell’uomo con la lancia era Ulisse, così come sapevo che la casa nel bosco era abitata dalla maga Circe. Ed io spettatore osservavo impaziente come quando da bambino ascoltavo la voce rassicurante di mio nonno in attesa della fine della storia. Oggi però potevo vedere con i miei occhi. Ulisse avanzò verso la casa poi ad un tratto esitò. Sapevo che non sarebbe entrato perché era da solo e perché doveva tornare al campo dai suoi uomini che lo aspettavano affamati. Infatti tornò sui suoi passi e si diresse verso il campo, noi lo seguimmo fino a quando la sua corsa rallentò. Poi fermo, immobile, si accovacciò a terra. Aguzzai la vista anch’io e vidi che dall’altra parte del fiume, che attraversava la selva, c’era un cervo che senza timore si avvicinava all’acqua per bere. Un bellissimo cervo maschio dal palco ben ramificato. Io feci un passo ed il cervo alzò lo sguardo verso di me. Ebbi appena il tempo di cercare con gli occhi l’uomo di Itaca. Lo guardai alzarsi in piedi, fece un passo in avanti caricando con il braccio destro la lancia dietro le spalle. Un istante e vidi la lancia sganciarsi dalla sua mano, ne seguii la parabola fino a quando la punta non si conficcò nella schiena dell’animale passandolo da parte a parte. Un bramito verso il cielo ed il cervo cadde a terra. Con un soffio leggero la vita della grande bestia volò via mentre un raggio di sole penetrò nella selva illuminando il Dio Hermes compiaciuto che aiuterà più di una volta Ulisse nel suo lungo viaggio verso Itaca. Il raggio di sole divenne un bagliore diffuso e raggiunse anche i miei occhi attraversando la persiana della stanza nella quale dormivo.

Davide Zanin

Concorrente al 18° Concorso Nazionale per Racconti di Caccia "Giugno del Cacciatore"

Leggi gli altri racconti

4 commenti finora...

Re:Onirico ed epico racconto di una scena di caccia

Caccia onirica ed epica... Interessante!

Voto:

da Ulisse Re di Itaca 22/11/2009 12.32

Re:Onirico ed epico racconto di una scena di caccia

Complimenti, ottimo racconto, non ti conoscevo in veste di scrittore, bravo davvero.

Voto:

da R. Z. 31/01/2009 11.27

Re:Onirico ed epico racconto di una scena di caccia

Veramente un bel racconto. complimenti!

Voto:

da A.C. 24/01/2009 21.36

Re:Onirico ed epico racconto di una scena di caccia

...molto epico. Bello

Voto:

da B.B. 22/01/2009 11.16