Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<dicembre 2019>
lunmarmergiovensabdom
2526272829301
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
Mensile
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
mar4


04/03/2011 16.34 

 
 
 
Nel nostro Paese la caccia a palla con la carabina si potrebbe suddividere in quattro specialità: la battuta al cinghiale, la caccia ai piccoli selvatici nocivi come corvidi e volpi, la caccia in alta montagna e quella di Selezione.
 
Queste pratiche venatorie si differenziano tra loro sia per tecnica sia per metodi di tiro, ma sono accomunate tutte da una costante: l’abbattimento, in ogni caso, è auspicabile che sia sempre netto e pulito. In battuta si spara a selvatici in movimento e a breve distanza a braccio libero, in montagna di solito si tira sempre con un buon appoggio, spesso offerto dallo zaino adagiato sopra  una roccia, a lunga distanza ad animali fermi, mentre nella caccia di contenimento e Selezione il tiro può essere effettuato sia da un’altana sia da un appostamento a terra, dove l’appoggio è spesso precario o scomodo.
 
In alcune province italiane, anche se in forma piuttosto limitata, è possibile  praticare la caccia di Selezione alla cerca e i pochi fortunati che hanno avuto il piacere di praticarla ben sanno che non è facile trovare velocemente un valido appoggio per la carabina proprio quando ci appare il capo assegnatoci dal piano d’abbattimento. Quindi, per cercare di cogliere al meglio l’attimo fuggente, ognuno improvvisa come meglio può. Nel corso degli anni ho visto dei colleghi cacciatori portarsi dietro di tutto: treppiedi per la cinepresa,  rest  artigianali usati per la taratura delle carabine, le classiche tre canne “africane” legate  con un elastico e persino uno zaino da sessanta litri imbottito di stracci.
 
A pochi è venuta l’idea di utilizzare un piccolo accessorio costruito proprio per questo scopo, che molte armi militari hanno già adottato con successo da anni: il bipiede. Criticato dai puristi, ma osannato ed apprezzato dagli eserciti e dalle forze di polizia di tutto il mondo, il bipiede viene sempre più spesso montato anche sulle carabine destinate all’impiego venatorio, ma nonostante le sue ottime caratteristiche, ancora a non tutti piace. Non possiamo negare che è un accessorio pratico, leggero e compatto, relativamente economico, di facile montaggio e che può fornire all’arma  una stabilità difficilmente raggiungibile con altri tipi di appoggi.
 
Purtroppo c’è chi invece lo vede come il peggior nemico alla “etica venatoria”, chissà perché. Il bipiede, se usato correttamente, permette di spremere al trinomio arma – ottica - munizione delle prestazioni difficilmente raggiungibili con altri tipi di appoggi e di garantire abbattimenti netti e puliti fino alle massime distanze di tiro. Oggigiorno per esercitare la caccia a palla è necessario avere armi molto precise, vuoi per la diffidenza dei selvatici che per la necessità di abbattere proprio il capo giusto. In teoria, la maggior parte delle carabine tuttora in produzione sono tutte in grado d’ingaggiare con successo bersagli a lunga distanza, ma credetemi, nella pratica è tutto un altro paio di maniche, specialmente se a tirare è un cacciatore medio che in poligono “brucia” meno di cento colpi l’anno. Per sparare bene, almeno fino alla soglia dei fatidici duecentocinquanta metri (distanza che, per un sicuro abbattimento non dovrebbe mai essere superata), occorre curare fondamentalmente tre fattori: la precisione dell’arma, l’esatta stima della distanza e l’appoggio.
 
Diamo per scontato che la nostra carabina spara bene e che è perfettamente tarata,  con l’avvento dei nuovi telemetri laser conoscere la distanza voluta non è più un problema, cos’altro ci rimane da curare? L’appoggio. Personalmente, dopo aver superato le trenta licenze e dopo aver tirato diverse migliaia di colpi di carabina, tutte le volte che vedo un capriolo uscire dal bosco al crepuscolo mi emoziono ancora come un novellino. E l’emozione, si sa, altera  il sistema nervoso, la respirazione e nelle persone più emotive fa tremare anche le mani. Questi  sono  tutti fattori  negativi che, anche non volendo, noi trasmettiamo all’arma al momento dello sparo.  Lo sapevate che un buon bipiede è in grado di eliminarli quasi del tutto? Attualmente sul nostro mercato sono reperibili diverse marche di bipiedi. Sono tutti ottimi prodotti con delle caratteristiche particolarmente  interessanti ed io, che ho avuto modo di provare diversi modelli sul “campo”, oltre a valutarne pregi e difetti, mi sono accorto di esserne rimasto favorevolmente impressionato.
 
Sono disponibili diversi adattatori che consentono il montaggio del bipiede su qualsiasi tipo di arma sia corta sia lunga, da caccia e sportiva, compresi tutti i fucili d’assalto e i loro derivati. Su quasi tutti i modelli in commercio il montaggio viene eseguito in pochissimi minuti, usando nella maggior parte dei casi i comuni attacchi delle magliette porta cinghia a sgancio rapido. A differenza di tutti gli altri tipi di appoggi inimmaginabili, il bipiede è indubbiamente il più pratico, il più preciso e il più stabile. Ha peso e dimensioni talmente contenuti che può essere tranquillamente lasciato sempre montato sull’arma. Non compromette molto né il peso né l’ingombro e quindi neanche la maneggevolezza della carabina, anche durante il trasporto.
 
Esistono modelli corti, medi, lunghi ed extra lunghi che permettono addirittura di sparare stando in piedi e tutti sono stati progettati per essere trasportati comodamente ripiegati paralleli all’arma. Il bloccaggio delle aste nelle posizione volute avviene mediante degli agganci a scatto con denti di ritegno, oppure agendo su delle ghiere di bloccaggio a frizione. I limiti di utilizzo del bipiede tattico sono condizionati dalla configurazione del terreno dove vorremmo o dovremmo utilizzarlo, perché per quanto sia un accessorio versatile, è evidente che in fase di appostamento dovremo scegliere una zona pianeggiante o, meglio ancora,  leggermente rialzata rispetto al nostro angolo di tiro. Inoltre, se intendiamo sparare sdraiati, sarà necessario verificare che non ci siano ostacoli sulla traiettoria della palla, perché l’ottica a medio o forte ingrandimento non rileva gli ostacoli a breve distanza e potrebbe capitarci di colpire involontariamente un arbusto o un piccolo rilievo del terreno che non abbiamo visto, ma che si trovava a pochi metri dalla volata della nostra arma. Io non biasimo i miei amici (e non sono pochi) chi si ostinano a ritenere ancora il bipiede come un accessorio demoniaco che mal si abbina al magico mondo ed al fascino della caccia a palla, ma detto tra noi, mi fanno alquanto pena! In particolare quando li vedo portarsi sempre dietro uno zainone imbottito di stracci e gommapiuma (come fa Snoopy con la sua coperta!) per appoggiarlo sul cofano di un fuoristrada in terra da qualche parte. Ammetto i cacciatori di camosci, che prima di eseguire il tiro hanno tutto il tempo necessario per prepararsi un appoggio “eticamente corretto”, ma paragonare lo zaino con un bipiede è veramente fuoriluogo.
 
Così a chi proprio si ostina a non usare il bipede, si oppone chi invece non ne può più fare a meno, come il sottoscritto, che è riuscito a montarlo anche sulle carabine semiautomatiche e sui kipplauf! Concludo ricordando che il bipede, indipendentemente dai gusti e dalle opinioni personali,  è indubbiamente un accessorio molto utile con grandi potenzialità, ma capisco che come tutte le novità, necessita di un minimo di pratica per essere adoperato correttamente. Voi date retta a me, provatelo e poi sono sicuro che mi ringrazierete, perchè una volta  montatone  uno buono sulla vostra arma, sono convinto che le vostre capacità come tiratori miglioreranno notevolmente.

 

 
Gli altri blog pubblicati:
 

 

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


173.245.54.61
Aggiungi un commento  Annulla 

30 commenti finora...

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

Ho una K95 Blaser , basculante, e preferisco non fissare un bipiede all'astina già piuttosto esile e quindi poco adatta allo scopo. Uso perciò un bipiede telescopico che porto abitualmente nella tasca esterna dello zaino ( caccio ungulati sulle Alpi ).
E' un Vanguard Scout B62 ( tutto chiuso è lungo 50 cm ) e posso dire che mi consente di fare dei tiri precisi in tutte le condizioni ... la forcella rotante e le due aste telescopiche mi aiutano molto a trovare un valido appoggio ...

Saluti e "in bocca al Lupo" !

da Gottrik  24/01/2016 19.04

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

Ottimo articolo,
coglie appieno le problematiche della caccia di precisione,
per l'appunto ho studiato e brevettato un sistema di appoggio
leggero flessibile che si adatta al cacciatore e non viceversa
con un peso di circa 3 kg sta in uno zaino e puoi sparare da seduto
in terra o seduto sopra uno zaino o sedia o da in piedi.
Il sistema di puntamento e' agevole e regolabile a seconda del tiratore.
Il tempo tra sparare da in piedi a sedere e' di circa 20 sec
e' stabilissimo volendo su richiesta puo' diventare in bipiede
o diventare un appoggio per poligono e' dotato di regolazione milllimetrica
per l'alzo e sempre su richiesta si da in dotazione l'aggancio per il cannocchiale
per l'individuazione della preda .
Se siete interessati contattatemi
via mail [email protected]

da lorenzo a.  27/06/2013 0.08

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

la fotografia di introduzione all'articolo poi, è tutto un programma. Carabina in sintetico con bipede e 3° appoggio, sistemata sul cofano dell'auto: questa è l'immagine della caccai che si vuole propagandare e che, secondo me, con la caccia c'entra come i cavoli a merenda. Quesat è tecnica d'abbattimento, NON di caccia!

da Tiroler  22/04/2011 12.44

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

Per prima cosa, ripeto come in altri post, è giusto che, nei limiti della legge, ognuno vada a caccia come desidera ma, per piacere, non degradiamo sempre la caccia a mero aspetto tecnologico. Noto sempre di più che si sponsorizzano mimetiche in goretex, ottiche avveniristiche con minicomputer incorporati, telemetri, bipedi, armi da sniper in sintetico, insomma attrezzatura da guerra. Cosa ne è rimasto e cosa c'entra la caccia con tutto questo? Non vogliamo proprio sbagliare? E non mi si dica che questo evita ferimenti e permette abbattimenti puliti perché non è vero in quanto si aumenta sempre di più il limite e poi - si sa come vanno queste cose - si "provano" tiri impossibili, oltre che fuori norma, anche del tutto anti etici. Andare in montagna o nel bosco, secondo me, è come andare in chiesa... non in un sobborgo dell'afghanistan. Aggiungo, se mi è concesso, che i tiri che mi hanno sempre dato più soddisfazione, sono quelli in appoggio sull'Alpenstock, a 100-150 m con il mio bel Bock...


da Tiroler  22/04/2011 12.40

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

Ca pe tav 20 - 22 MAGGIO, saluti

da CARLO 62  21/03/2011 8.06

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

...carlo 62,facci sapere la data precisa della fiera a Bastia Umbra,può essere che un salto ce lo facciamo pure con famiglia a presso per una domenica diversa e senz'altro rilassante.
ok?
saluto a tutti.

da colombaio senese  20/03/2011 19.33

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

Buona sera a tutti quelli che leggono e intervengono, un saluto al Toscano (colombaio), un saluto particolare a Marco Bemecchi che ci ospita, Marco, verso la fine di maggio c'è un'interessante fiera a Bastia Umbra (PG), sarai partecipe? io visto il kilometraggio da casa mia, ci sarò. Una domanda personale, a Vicenza mi hai detto tu sei quì a visitare, io soprattutto per lavoro, non voglio entrare nei particolari, ma di cosa ti occupi? Sicuramente sarai dell'ambiente....
E' un mese chela selezione è incominciata, nella mia zona ancora non si è sparato un colpo, i cinghiali sono come le mosche bianche, eppure siamo in 15 con 20 postazioni di tiro, sti furbacchioni neanche in pastura vanno, la vedo proprio brutta fino a maggio. Di nuovo saluti a tutti i cacciatori.

da CARLO 62 (AN)  15/03/2011 16.51

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

il solito psicopatico ambientalista , cagasotto!

da Marco Fabbri Caccia +  14/03/2011 17.15

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

Sig. Dandi, la mia indole è tranquilla , ma mi fanno incazzare le persone che prendono spunto come Lei per attaccare la gente, ci conosciamo? allora mi raccomando, lascia perdere, tue firme da queste parti mi sembra che non ne abbia mai viste, oppure anche tu ti NASCONDI come faccio io per attaccare tutti e tutto?
I miei commenti sono sempre più pacati di quelli dei quattro st.zi talebani sui blog naturalisti, Perchè se leggo che un Sindaco o una Brambilla di turno, obbliga gestori o esercenti a non vietare l'ingresso ai cani nei loro negozi, posso esprimere tutto il mio disdegno per questa cosa? ti saluto e non far morale, già di moralisti ne abbiamo molti. Per il mestiere che faccio, mi so difendere da solo OK!......................Saluti Toscano, io non voglio arrabbiarmi, ma o non so scrivere, oppure parlo arabo.

da CARLO 62  14/03/2011 8.19

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

Forza ragazzi che ad ASPIRANTE CACCIATORE voglio rispondergli io visto che tocca a me fare gli onori di casa. Caro ASPIRANTE CACCIATORE, ci chiedi (parlo al plurale perchè noi CACCIATORI, siamo una grande famiglia!) quali armi utilizzare per "cacciare i cacciatori"?.
Se tu alle 0.31 di notte non hai altro da fare che visitare siti internet che non condividi, penso che più di un'arma avresti un serio bisogno di una donna o di un buon dottore, ne conosco parecchi, anche molto bravi.
Saluti
Marco

da Marco Benecchi.  14/03/2011 7.16

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

..x bernardino breccia....se pur lontano appena capita l'occasione,e se non capita cerchiamo di crearla, con la mia "truppa" facciamo certamente un salto.
Stamani in Val d'elsa abbiamo già cominciato ad esplodere i 6 colpi a 50 metri in movimento al cinghiale corrente.Direi anche in maniera non affatto male.
Aspettiamo che il tempo si butti al bello,così da poter vedere cosa fare.
saluti

da colombaio senese  13/03/2011 18.44

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

buonasera, io vorrei dedicarmi alla caccia ai cacciatori, che armi mi consigliate? Grazie!

da aspirante cacciatore  13/03/2011 0.31

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

a tutti gli amici appassionati di caccia al cinghiale che vogliono divertirsi nel periodo di caccia chiusa.gestisco un campo da tiro su sagome di cinghiale da me inventato,ho cercato per quanto è possibile ricreare una situazione di caccia ,su un fronte di cira cinquanta metri ho piazzato sei sagome che il tiratore non puo vedere,a comando su richiesta del tiratore entrano in funzione una alla volta,una rappresenta il cinghiale che corre su un dosso,tipo montagne russe,una corre per dieci metri , unaltra simula il cinghiale che viene di fronte una lo attraversamento di una strada e due compaiono e scompaiono entro un secondo e mezzo simulando il cin ghiale cheappare e scompare in mezzo alla macchia.siamo nei pressi ORVIETO UMBRIA. email [email protected] 336 773519

da bernardino breccia  12/03/2011 20.51

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

x ELIO DADDI.....a me sembra che il tono del suo ultimo post.sia un pò diverso dal primo intervento ..o sbaglio ???? Così è piacevole pure cercar di dare spiegazioni......
Per quanto mi riguarda la priorità assoluta in ogni conversazione è il rispetto delle idee altrui e l'educazione,cosa che in queste pagine il sig,CARLO 62 HA SEMPRE MANTENUTO,anzi.......se poi da altre parti usa comportamenti poco civili (ne dubito) son affari suoi.E poi per dirla tutta,con le tecnologie attuali l'anominato resta tale fino a che qualcuno di competenza NON vuole andare in fondo.A quel punto si scoprono tutti gli altarini........
Poggibonsi l'ho ad un tiro di scoppio,ma il pomeriggio per fortuna lavoro e quindi ringrazio,ma devo dar picche all'invito,credendole sulla parola.
saluti.

da colombaio senese  11/03/2011 17.16

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

Vedo che ci sono anche gli "avvocati" che prendono le difese di altri.
Ha detto bene che il nik è prassi comune per scambiarci idee e altro amichevolmente ed educatamente, ma quando l'anonimato serve, come ha affermato il Suo amico, per quando gli ribolle il sangue e rispondere a qualcuno che la pensa diversamente, non va più bene.
Di fantocci maleducati ne sono pieni i blog, ed è giusto che se qualcuno vuole calcare la mano, debba anche risponderne senza nascondersi. Ripeto sono affermazioni del Suo amico, col quale unitamente a Lei, se vuole, e se siete dei paraggi, prenderei volentieri un caffè insieme alla pasticceria p.le Agip al centro di Poggibonsi, (sono lì sempre nel primo pomeriggio) dove sono sicuro che alla fine la penseremo tutti in modo uguale, e così si toglierà anche il dubbio sulla mia identità
Saluti

da Elio Daddi  11/03/2011 16.47

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

Mi permetto di replicare prendendo le difese di Carlo 62..........caro sig.ELIO DADDI, l'anonimato se viene usato per conversazioni piacevoli e amichevoli non ha niente di meno del firmarsi proponendo insignificanti insinuazioni e sciocche considerazioni che niente hanno a che vedere con lo spirtio amichevole con cui parliamo quì dentro.
ammesso e non concesso che la firma sia veritiera.

da colombaio senese  11/03/2011 15.14

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

bravo carlo 62, purtroppo ce ne sono molti come te, che si nascondono vigliaccamente dietro l'anonimato senza metere faccia e nome, perchè non hanno il coraggio delle proprie azioni

da Elio Daddi  11/03/2011 15.01

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

tToscano, colombaio, springer, tutti abbiamo una seconda personalità, io pure ragazzi negli altri blog ho un nik niente male, di la però è solo per arrabbiarmi e rispondere a gente o commenti che magari mi fanno ribollire il sangue, di qua cerco di essere più serio , perchè in fondo c'è sempre da imparare e i consigli sono sempre ben accetti, io amici miei esco oggi sperando di almeno vederli, dato che ancora devo abbattere due piccoli prima di passare ad un sub o adulto (cinghiale), salutoni a tutti.

da CARLO 62  11/03/2011 14.11

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

..SPRINGER TOSCANO..vero..... mai rinnegare la provenienza!
Per restare in tema,domani sera ometto l'uscita al capriolo-daino per poter andare con tutta tranqulillità a visionare da sopra un quercione,la conformità del terreno per il nuovo capanno dei colombi.Meteo permettendo.
Scatanando le "perplessità" del babbo .....che invece non molla..........
Domenica mattina ad esplodere qualche colpo al poligono di Certaldo per vedere "cosa è successo" alla 270w....(certamente un giretto alla sagoma corrente lo faccio purecon la 30.06) e poi domenica sera,casomai proverò ad insidiare un palancone o balestrone.Moglie e e figlio permettendo. @:)
Resterò fedele al 6X42 del Falchetto,riconoscendo che il variabile sempre della stessa,è un'altro pianeta........però se solo riuscissi a metter su un reticolo più sottile del 4,sarei contento....
saluto.

da colombaio senese  11/03/2011 13.58

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

Colombaio...si dai mi piace di più questo nik....pensa un pò che c' azzecca lo SPRINGER (il mio vecchio nik era solo SPRINGER poi era nato un omonimo e ho aggiuto così il nome della razza di sangue che mi scorre nelle vene!!!???) con i caprioli???!! ".....ne terrò solo quello del RE dei CERRI..." MAI RINNEGARE O NASCONDERE LE PROPRIE ORIGINI!!!!!
Salutoni
P.S.
SWAROSKI 6X42 è ancora ottimo e in grado di dire tranquillissimamente la sua!!! Chiaro che un variabile, se ben usato, è più polivalente (io ho un DOCTER 2,50-10X48) ma....

da SPRINGER TOSCANO  11/03/2011 10.27

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

...SPRINGER....in effetti hai ragione,è che quì da Marco sono entrato con quel nik fin dall'inizio e son rimasto con quello......poi parlando in altri blog della mia prima e grande passione ho adottato il Colombaio senese.......
cmq devo darti ragione......ne terrò solo quello del RE dei CERRI...(speriamo che qualcuno continui a darmi relazione essendo in zona "canna rigata"[email protected]:))))))))))
saluto al Carlo e a tutti voi.

da colombaio senese  10/03/2011 19.59

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

Marco ti ringrazio per il consiglio, mi informerò di sicuro con ra sport, comunque io seleziono solo cimghiali fino ai 50kg. più o meno, un mio collega infatti spara con una 270W e mi ha detto che non esistono problemi, rimangono lì sul posto con palle monolitiche da 130gr.Saluti Toscano, Saluti Marco B

da CARLO 62  10/03/2011 15.39

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

Ciao Toscano Elsa (mi devi spiegare perche sugli altri blog ti chiami COLOMBAIO SENESE.........) la padella???!!!! Dai, anche se a 150 mt può considerarsi "reale", son cose che capitano e anzi....sai come la penso......se andasse sempre tutto come previsto avrei smesso già da tempo di andare in giro per le nostre colline quando con il remigton quanto col benelli!!!!
Concordo in pieno con te sul 270W (anche io caccio con tale calibro) ma per il capriolo forse il più specifico è il 243w calibro che mi piace tantissimo!!
Saluti

da SPRINGER TOSCANO  10/03/2011 14.22

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

Buoin giorno Carlo, e scusa il ritardo ma ero per Boschi!!!. Come già detto in mille altre occasioni, non è il calibro a fare la differenza ma il tipo di palla. Se hai probblemi "ecologici" e devi usare solo le monolitiche, prova le nuove Nosler E-Tip, io le ho provate ieri sera!!!!!!!. Ottime.
Se poi vuoi un calibro più piccolo, io non mi muopverei da 270 Winchester (dalla tua lettera pero non capisco bene a cosa ti dedichi . Se caprioli o cinghiali!!! Il 270 va MOLTO bene per entrambi, ma se tu vuoi dedicarti soltanto ai cinghiali sceglierei un 30.06 con palle da 150 - 165 grani (non di più). Per l'ottica il discorso è molto semplice: nei variabili devi scegliere bene l'ingrandimento MINIMO e non il MASSIMO. Per la caccia vera, partire da 6 x è un po' troppo. Personalmente ritengo il 3 - 12 x 50 (56) tuttora il miglior cannocchiale da caccia in assoluto. Chiama la RA Sportr di Manerbio, di a Mauro Redolfo che ti mando io e fatti fare un buon prezzo per un CBX illuminato, che li ha in offerta. Un abbraccio
Marco

da Marco Benecchi  10/03/2011 7.36

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

Salutoniiiiiii......sai Carlo ognuno ha le sue preferenze,le sue "patologiche simpatie",personalmente stravedo per il 270w con la bolt all'aspetto,mentre ritenengo insuperabile il 30-06 in battuta al nero.Sabato ho macchiato il 270w con una "padella reale" ai 150 metri,in realtà una delle poche ma sempre padella è.......pensa che sopra ho ancora montato un 6x42 dello Swarovsky risalente al 1993...anno in cui fui abilitato per la selezione.Altresì vero che il 308w è il signor calibro per eccellenza,se non erro usato ancora dagli snipers dei marines ..quindi è tutto un dirsi.
Secondo me,su quelle distanze,come giustamente dice Marco Fabbri,hai di che sbizzarrirti.....
Buona serata a tutti......
ps.e cmq il Marco Benecchi padron di casa,certamente è il più ferrato in materia e di consigliarti certo non si perita.....

da toscano elsa  08/03/2011 19.10

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

Sig. Carlo per tiri sui 120 metri basta un ottica fissa per esempio un 8x56 come calibro , personalmente, opteri per il 308 ma anche 240 dipende dai gusti.
saluti

da Marco Fabbri Caccia +  08/03/2011 18.03

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

bipiede si!!! ne ho di tutte le misure..come poter farne a meno ora che l'hanno inventato!
Ciao Marco ricordati le foto..famose
Grazie

da alessio bitossi  08/03/2011 17.20

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

Ciao Marco, Ciao Toscano, anche io ho iniziato la mia selezione nel Parco Gola della Rossa (AN), primi abbattimenti ogni 2 piccoli (entro l'anno di età) un subadulto. peccato , non faccio altro che foraggiare adulti, essendoci poi la rotazione delle postazioni, sicuramente quando apriranno agli adulti, chissà dove saro', a parte questo, comunque mi diverto nel vederli mangiare, la mia domanda è questa, ripeto per l'ennesima volta che posseggo un calibro esuberante (300 WM) ma i piccoli e quindi quelli dal peso intorno ai 25/30 kili, con palle monolitiche obbligatorie, non si rischia di fare solo feriti? avendo un po di budget, volevo farmi un calibro inferiore, mi consigli un 270 o un 308, e l'ottica a me piacerebbe un 6x24x50 sono troppi gli ingrandimenti per tiri intorno ai 100/ 120 metri? Attendo impaziente le Vs risposte e i Vs consigli Saluti di nuovo ai miei amici cacciatori.

da CARLO 62  08/03/2011 14.08

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

Ciao Marco
Senza ombra di dubbio :Bipiede si ! Una carabina senza e come "zoppa" ed oltre a questo " ABBIAMO DUE PUNTI CERTI DI APPOGGIO" Io dico che entro i 200/250 mt. senza nessuno appoggio per il calcio non si sbaglia un colpo. Invece , dai 250 /350 mt ( sempre con lìimpiego del bipiede) "SERVE L'APPOGGIO DEL CALCIO E DEL GOMITO" ... oltre ... chiamiamo ERMES... ! Oggi si va caccia ... con stoi diavolo di tempo non sono riuscito a completare il mio piano... saluti a tutti!
Marco

da Marco Fabbri Caccia +  07/03/2011 9.04

Re: Bipiede sì bipiede no. L'accessorio più controverso della caccia a palla

Ciao Max, come stai?
Da noi (come del resto in tutta Italia) la pioggia non ci ha dato tregua. Speriamo che il tempo si rimetta almeno proviamo a completare i piani di abbattimenti a caprioli e daini. Da quel che ho sentito, siamo tutti un po indietro.
Poi cominceremo a fare il solito "pensierino" per una bella gita in Ungheria


Saluti
Marco

da Marco Benecchi  07/03/2011 7.39
Cerca nel Blog
Lista dei Blog