HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani |
  Cerca
nuovo blog curato da Mario Biagioni sul cane da ferma

La cinofilia venatoria è una patologia insidiosa a decorso progressivo (e incurabile). Ho iniziato ad allevare ed addestrare i cani nel 1953 (prima licenza) andando a caccia con i cani (inglesi) di mio padre, che poi (bontà sua!) mi ha consentito di allevare e addestrare i cani nella sua riserva...

Leggi »


Cane da fermaLa ferma conclude il lavoro del cane da caccia e da quel momento il successo dell'azione venatoria dipende dal cacciatore, dalla sua tecnica di avvicinamento, dalla sua esperienza e anche dal suo "sesto senso". con ciò non voglio negare che in alcuni casi il comportamento del selvatico sia impreved...

Leggi »


I cuccioli, specialmente se allevati in casa dai cacciatori (come ora è d'uso), sono autodidatti, non hanno più bisogno dell'addestramento preliminare alla caccia ma devono solo essere educati all'obbedienza, cosa che può fare chiunque abbia tempo, pazienza, e una certa conoscenza...

Leggi »


In un'altra nota ho avuto occasione di ricordare che un tempo (prima degli anni '80) i cuccioloni dovevano subire un tirocinio addestrativo preliminare alla caccia pratica, mentre oggi essi sono in grado di svolgere un buon lavoro già dopo le prime esperienze senza alcuna pressione didattica o addestrativa...

Leggi »


Cane da fermaPer “ferma utile” intendo la capacità di alcuni cani (particolarmente dotati) di indurre la selvaggina alla difesa passiva dell'immobilità a terra (protratta fino all'arrivo del cacciatore) in una percentuale di casi superiore alla media generale. E' un fenomeno che a mio avviso obbliga a ripensare la ferma del cane in termini di ...

Leggi »


CaniIl cane è stato il primo animale ad essere domesticato per la straordinaria capacità di adattamento ereditato dal suo progenitore (probabilmente il lupo) e per la sua plasticità neuronale che, essendo assai sensibile alla pressione selettiva, consente di ...

Leggi »


Il 19 aprile del 1969 a Kevelaer (Germania), nei favolosi terreni ricchi di starne e di troppo fagiani, venne disputata una memorabile edizione di Coppa Europa.
La squadra italiana, selezionata dall'avv. Giovanni Radice, era composta dai setters Arno di Valdidice del dott. Malagola condotto da Botto e da Trueba della Fagiana di Chiostrini condotta da ...

Leggi »


La definizione, ottocentesca, è di Bonaventura Crippa, e non potrebbe essere più efficace.
Si legge nel numero di ottobre de “I nostri cani”, organo ufficiale dell'ENCI, in un bel servizio sullo spinone. E finalmente si torna a parlare di una magnifica, antichissima razza italiana e di un vero ...

Leggi »


 Un po' di discrezione

Piero Renei della Rena, raffinato cinofilo e cinotecnico, che ci ha lasciato nel 2010, non ha parlato solo di levrieri, e chi ha avuto la fortuna di ascoltarlo sapeva già, per sommi capi, cosa avrebbe scritto nel suo bellissimo libro (I levrieri. Edit. Olimpia), quello che nella preparazione definisce “questi miei appunti”. I disegni invece, semplici ed efficaci, furono ...
Leggi »


Cerca nel Blog
Lista dei Blog