Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<dicembre 2019>
lunmarmergiovensabdom
2526272829301
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
303112345
Mensile
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
set22


22/09/2010 15.58 

 
Qualche giorno fa sono andato a tarare una bella carabina  in calibro 9,3 x 62 di un mio caro amico e, per l’occasione, ho voluto dare una controllatina anche al mio kipplauf in calibro 5,6 x 50 R Magnum. Con sei colpi la sua era a posto, mentre il mio  sparava esattamente come lo stesso giorno che l’avevo tarato, alcuni anni prima. Purtroppo però non sempre è così. A volte assistiamo a dei fenomeni a cui non sempre si riesce a dare una spiegazione logica.
 
Sono sicurissimo che sarà capitato anche ad alcuni di voi che, alla vigilia dell’apertura della caccia, nel ricontrollare la taratura dell’ottica della carabina vi accorgete che non è più la stessa! Eppure ricordavate bene di non avergli fatto prendere brutte botte, che tutto l’impianto arma - attacchi – ottica era ben fissato con delle robuste viti impregnate di resine epossidiche e che avevate usato lo stesso lotto di munizioni. C
 
ome già accennato, simili variazioni della taratura a volte sono inspiegabili, ma se l’esperienza insegna, credo che quello sia un fenomeno più diffuso nelle armi nuove che, a ragione, hanno ancora bisogno di un periodo di “assestamento” prima di “stabilizzarsi” definitivamente. Le carabine con il calcio in materiale sintetico ne risentono in modo minore perché se l’accoppiamento tra la meccanica ed il calcio è  solido e senza incertezze, non dovrebbero più subentrare fattori negativi. 
 
Per quanto riguarda i calci in legno, il discorso è ben diverso, perché il legno è, o almeno era, una cosa viva. Una volta per costruire i calci si usavano delle tavole stagionate e opportunamente trattate, oggi invece il 90% delle calciature sono prodotte industrialmente in grossi quantitativi e vengono “stagionate” artificialmente.
 
Purtroppo il risultato di un simile trattamento non sempre è perfetto e questo credo proprio che sia uno dei motivi del perché, “inspiegabilmente”, una carabina dopo essere stata un anno in rastrelliera non tira più bene come il giorno che l’abbiamo tarata. Io di solito quando monto un’ottica sopra ad un’arma rigata mi procuro almeno cento cartucce perfettamente identiche prima di andarla a tarare e, specialmente se è nuova, a distanza di qualche mese ripeto l’operazione ricontrollando i punti di contatto tra la canna e la calciatura ed il tiro delle viti di collegamento.   Inoltre dò per scontato che il montaggio dell’ottica e degli attacchi sia  stato eseguito a regola d’arte e che tutte le viti presenti siano state prima sgrassate e poi cosparse di un liquido frena filetti. Non ci crederete mai di che cosa siano capaci di fare le vibrazioni provocate da un costante e robusto rinculo, fenomeno non certo trascurabile nei medi – grossi calibri e specialmente se ci siamo innamorati di un’ottica variabile di 700 – 800 grammi di peso!
 
Al momento dello sparo le sollecitazioni in gioco sono notevoli e mettono a dura prova qualsiasi accoppiamento. Le armi concepite per il tiro di precisione devono essere ricontrollate con una certa frequenza e con un occhio ad alcuni piccoli particolari, se  vogliamo che siano sempre perfettamente efficienti. Questi particolari sono costituiti dalle viti che stringono il tubo dell’ottica e dalla pulizia della canna. Le viti di accoppiamento dei due semianelli, essendo di piccole dimensioni, devono essere molto robuste e quindi costruite con un acciaio ad alta percentuale di carbonio. In questo modo sono resistenti a certe sollecitazioni ma purtroppo meno resilienti ad altre. Lo conferma il fatto che spesso alcune viti si spezzano di netto dopo pochi colpi sparati. Se quando le viti si rompono ce ne accorgiamo subito poco male, in un modo o nell’altro riusciamo a sostituirle, ma se invece andiamo a caccia con qualche perno in meno non credo che sia una cosa buona e giusta.
 
E poi c’e l’eterno dilemma della pulizia delle canne, uno dei temi più scottanti che gravitano intorno al magico mondo della caccia a palla. L’olio nella canna ci si può mettere, oppure bisogna cercare di evitarlo? Io non ce lo metterei neanche per tutto l’oro del mondo. Lo so, forse faccio male, ma proprio non me la sento di avere per la testa un tarlo che prima di una battuta di caccia mi mormora di continuo: “Come sparerà l’arma stamattina? Sei riuscito a rimuoverlo bene l’olio dalla canna?”.
 
Se non siete dei grandissimi bruciatori di cartucce, di quelli che sparano con la stessa arma centinaia e centinaia di cartucce l’anno, limitatevi a pulire la canna con uno scovolino ramato oppure con uno in semplice setola, una volta al mese. Sarà sufficiente a rimuovere dall’interno delle canne quel poco ossido (se si è formato) e qualche piccola particella di polvere. Posso ancora ammettere l’uso di un leggero strato di solvente molto volatile, ma anche in quel caso tutte le volte che dovrei usare l’arma contro un essere vivente (e non contro un bersaglio di carta!!), prima avrei sempre una voglia matta di ricontrollare la taratura. Purtroppo ho visto come tira una carabina con ancora delle tracce di olio nella canna. Non posso negare che la “ramatura” (il deposito di lega di rame lasciato dal rivestimento dei proiettili), i residui della combustione e quelli ancora più nocivi generati dagli inneschi a lungo andare potrebbero diventare un problema, ma tutto dipende dall’uso che facciamo della nostra arma.
 
La ramatura, ad esempio, è dannosa se raggiunge uno spessore notevole, ma se spariamo meno di cinquanta cartucce l’anno mi sono quasi convinto che forse è in grado di proteggere la canna dalla ruggine, molto più fastidiosa e dannosa. Comunque il discorso sulla pulizia delle canne lo riprenderemo un’altra volta, perché quello che mi sono riproposto di ricordare in questa occasione ai miei colleghi cacciatori è quello di mantenere sempre perfettamente efficienti le proprie armi con dei controlli periodici prima di andare a caccia.
 
Le verifiche andrebbero fatte a caccia chiusa e alla vigilia dell’apertura. Sono più di trent’anni che gironzolo per i boschi: vado a caccia, eseguo i censimenti e le catture e spesso e volentieri faccio anche l’accompagnatore. Credetemi, in questo ruolo le ho visti veramente di tutti i colori, come quello che accadde una tiepida sera di ottobre! Su sua specifica richiesta, avevo lasciato un simpatico anziano signore tutto solo sopra l’altana. Era appostato già dal primo pomeriggio in attesa che si presentasse l’occasione buona per tirare ad un daino o ad un muflone da trofeo. Io ero a “distanza d’orecchio”, in attesa degli eventi, quando mezz’ora prima del calare del sole sentii tre “cannonate” ben distanziate le une dalle altre. Il fatto mi incuriosì talmente tanto che decisi di andare a vedere cosa fosse successo.
 
Ero quasi certo che l’anziano cacciatore aveva ferito un animale e quindi volevo sfruttare la poca luce rimasta per tentare subito il recupero. Il baldo “Nembrotto”, quando mi vide da lontano, a gesti mi fece capire di allontanarmi perché quella era l’ora buona e che “io”, con la mia presenza, avrei potuto disturbare la caccia! A quel punto capii subito cos’era successo e raggiunta l’altana gli chiesi “sottovoce” a cosa avesse sparato. Lui, innocentemente mi rispose: “ Non ricordavo se la carabina era tarata bene così ho tirato tre colpi a quel sasso laggiù. Adesso stiamo zitti e attenti che tra poco arrivano gli animali!!”. Sembra una favola, ma purtroppo è una storia vera e credo che a parecchi colleghi accompagnatori sia capitato di assistere a simili comiche. Non pretendo che noi tutti diventiamo dei paranoici, sempre in apprensione sull’efficienza delle nostre armi, ma visto a cosa servono (ad uccidere, ma non lo dite a nessuno!!) è bene che vengano trattate con il dovuto rispetto e che svolgano sempre impeccabilmente  il gravoso compito che gli verrà assegnato.

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


172.69.63.171
Aggiungi un commento  Annulla 

13 commenti finora...

Re: CACCIA A PALLA: Controlli e verifiche prima dell'apertura

MA VA' A CACA'

da LELLO  24/09/2014 16.14

Re: CACCIA A PALLA: Controlli e verifiche prima dell'apertura

Toscano, sabato scorso 09, giornata di passo memorabile, io con le mie 30 licenze, non ricordo una mattinata del genere, forse ai primi anni settanta quando seguivo mio padre, si vedevano cose del genere, allo spollo, noi lo chiamiamo così, dalle sette e un quarto fino a verso le nove, saranno passati almeno trenta branchi di palombe, il cielo era sereno, solo alcuni di questi hanno creduto, gli altri ci vuoleva la mitragliatrice, bottino 27 colombacci a terra, ieri invece un pò più calmo il passo ma solo 6 presi, durante la giornata, non si è mosso nulla, però ci sarà da rivedere molte cose, l'appostamento è giovane, e noi dovremo correggere alcuni errori.
Ti saluto, ora mercoledì prima del lavoro un paio di ore andrò, a risentirci.

da CARLO 62  11/10/2010 7.12

Re: CACCIA A PALLA: Controlli e verifiche prima dell'apertura

..ricambio il grande in bocca al colombaccio (NON rammentarmi scissioni e licenziamenti da appostamenti 30ennali.....smaltisco ora con questo nuovo qualcosa del genere)

a risentirci presto.....

da Toscano elsa  07/10/2010 18.40

Re: CACCIA A PALLA: Controlli e verifiche prima dell'apertura

Noi abbiamo chiesto una nuova concessione in un posto ad hoc, dà su una vallata stupenda, da poco sono stati sistemati i capanni, è successo come nel pdl, scissione e quindi nuovo appostamento, pensavo di non andare, ma visto che la caccia al cinghiale inizia a fine mese( apertura 2 ottobre, ma le squadre tutte d'accordo iniziano il 30 ottobre) potrò dedicarmi al colombaccio, per il momento non c'è passo, solo quelli del posto, e che figli di putt....na, non danno retta per nulla. Ti saluto Toscano, un grosso in bocca al colombaccio, finchè ci mandano a caccia sti politici.

da CARLO 62  07/10/2010 16.16

Re: CACCIA A PALLA: Controlli e verifiche prima dell'apertura

..sai che penso Carlo ?? dar dell'animale a certi individui è come far loro un complimento.....a questi molestatori ben inteso.In natura non esistono tali comportamenti.

ti saluto Carlo...ps il nuovo appostamento di colombacci,ad ora,si stà dimostando una piacevole sorpresa.

da Toscano elsa  07/10/2010 16.04

Re: CACCIA A PALLA: Controlli e verifiche prima dell'apertura

Amico mio, un pazzoide ha bestemmiato in questo blog, io mi sono arrabbiato ........diciamo così, e la redazione giustamente ha tolto il tutto,ho provato in tutti i modi di contattarla ma non esiste un numero verde, il brutto di tutto ciò è che la mail è stata sul blog più di mezza giornata, va bene che tutti ce l'hanno con i cacciatori, ma questo animale ha passato il limite.

da CARLO 62  07/10/2010 8.25

Re: CACCIA A PALLA: Controlli e verifiche prima dell'apertura

mi devo esser perso qualcosa.....raccontatemi ragazzi

da Toscano elsa  06/10/2010 18.06

Re: CACCIA A PALLA: Controlli e verifiche prima dell'apertura

GRAZIE REDAZIONE,

da CARLO 62  06/10/2010 16.24

Re: CACCIA A PALLA: Controlli e verifiche prima dell'apertura

REDAZIONE BIGHUNTER MAGAZINE. Questa redazione ha dovuto eliminare un commento che offende oltre che il credo religioso di molti anche la pubblica decenza. Riteniamo doveroso richiamare l'utente in questione (che non ha specificato il suo nome) ed invitarlo ad astenersi in futuro dal postare questo genere di esternazioni del tutto fuori luogo in questo blog e deprecabili da ogni punto di vista.

da REDAZIONE BIGHUNTER MAGAZINE  06/10/2010 16.13

Re: CACCIA A PALLA: Controlli e verifiche prima dell'apertura

Carlo 62, cerca di avere pietà di questa povera creatura.
Hai a che fare con uno "sfortunato", un complessato oppresso dalla vita, una persona pesantemente disturbata.
Se così non fosse non andrebbe per forza a leggere discussioni che poi lo "turbano" e gli fanno perdere il sonno, o no?
Abbi pietà di lui...e non commentarlo che non ne vale la pena.

da Sauer  06/10/2010 9.48

Re: CACCIA A PALLA: Controlli e verifiche prima dell'apertura

NON MERITI NESSUNA RISPOSTA, ANZI REDAZIONE DI BIG HUNTER, SE RIUSCITE A FARE QUALCHE COSA ANCHE DENUNCIA FATELO, QUESTO ESSERE, NON MERITA NEMMENO DI CHIAMARSI PERSONA.
DENUNCIATELO. CI VORREBBE PROPRIO DIO A CANCELLARTI DALLA FACCIA DELLA TERRA.

da CARLO 62  06/10/2010 8.46

Re: CACCIA A PALLA: Controlli e verifiche prima dell'apertura

Buona sera CARLO, per il cal.12,per quanto concerne la mia modesta esperienza,NON puoi pretendere di andare oltre i 50 mt nella taratura,intesa come tale,seduto con bench,insomma come si deve.Nel poligono che frequemto io,abbiamo la linea del cinghialino corrente ai 50 mt ed è lì che anche con il cal.12,diamo il meglio di noi stessi sia in movimento che a fermo.(ps il campionato italiano FITAV si svolge anche per cal.12 sui 50MT).Naturalmente palla GUALANDI per la precisione.
Per quanto concerne il 444 marlin non avendo esperienza a proposito,non mi azzardo in discorsi fuori luogo.
Mi sà che sia un calibro che cala tanto tanto........
Ti saluto

da Toscano elsa  24/09/2010 18.49

Re: CACCIA A PALLA: Controlli e verifiche prima dell'apertura

Visto che si parla di controllo armi prima dell'apertura ad ungulati, faccio una o due domande ai miei amici cacciatori:
1) ho un benelli m1 cal.12 con mirino olografico, la taratura (io lo avevo tarato a 50m)?
2) ho un marlin 444 (quello che amo di più ho letto i giornalini di tex fino a qualche anno fa tarato ugualmente a 50m mirino olografico)
Quale potrebbe essere il tiro utile però sempre entro i 100 m per queste 2 armi? tiri più a lungo li lascio ai cecchini, tranquillamente risistemerei le tarature, ditemi la vs.
saluti ai miei amici.

da CARLO 62  24/09/2010 10.47
Cerca nel Blog
Lista dei Blog