Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<marzo 2021>
lunmarmergiovensabdom
22232425262728
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930311234
Mensile
marzo 2021
febbraio 2021
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
ott6


06/10/2009 16.23 

 

Nell’immediato dopo guerra, la caccia a palla nel nostro paese era praticata prevalentemente sull’arco alpino e sporadicamente nell’appennino tosco-emiliano e in qualche riserva privata del centro Italia. Le specie cacciabili erano il camoscio, il capriolo ed il cinghiale. Le popolazioni di cervi dopo un periodo non particolarmente felice, erano soggetto di una massiccia reintroduzione che negli anni a venire portò i suoi frutti, il daino considerato alla stregua di un animale semi domestico cominciava a diventare un problema, grazie soprattutto alla cattiva abitudine di effettuare dei lanci a scopo “ornamentale” in piccole zone cintate. Solamente abbastanza di recente, grazie alla passione di pochi ma validi cacciatori-naturalisti, un altro splendido ungulato, selvatico e combattivo, fece la sua timida apparizione nei nostri boschi: il muflone.

Qualche dato sulla specie è d’obbligo, perché  ogni cacciatore dovrebbe sempre conoscere bene le caratteristiche morfologiche del selvatico che si appresta a cacciare. Il muflone ( Ovis ammon musimon ) appartiene alle seguenti categorie: regno Vertebrati; ordine Artiodattili; super ordine Ungulati; sottordine Ruminante pascolatore; famiglia Bovidi. E’ un selvatico simile ad una pecora di medie dimensioni, dal corpo massiccio e compatto che sta nel “quadrato” (altezza uguale alla lunghezza). Al garrese  raggiunge i 90 centimetri di altezza e può arrivare a 50 chili di peso per 130 centimetri di lunghezza totale. Ha il manto colore marrone bruno tendente al rossiccio e come quasi tutti gli ungulati, va in muta due volte l’anno, in primavera e in autunno. I maschi in muta invernale hanno il collo ornato da una folta e lunga criniera di peli quasi neri, che unita alla sella dorsale bianca, sono caratteristiche degli esemplari “puri” di età superiore ai tre anni. I vecchi e vigorosi arieti sono portatori di grosse corna cave a spirale, solcate da anelli ornamentali e di accrescimento annuo, che come nei camosci e negli stambecchi,  permettono con facilità di determinarne l’età. Non sono rari trofei di 80-90 centimetri di lunghezza (misurata sulla curvatura esterna), mentre  poche sono le femmine che hanno delle piccole corna, che non superano mai i pochi centimetri.

Originario della Sardegna e della Corsica, in un tempo relativamente breve, il muflone è diventato croce e delizia di molti cacciatori sia italiani che europei. Selvatico robusto, scaltro ed imprevedibile si è guadagnato un posto d’onore nella selvaggina nobile,  tanto da essere una delle prede più ambite anche in quei paesi dove la sua introduzione è stata possibile solo dalla grande volontà  di pochi, singoli privati.

Ci risulta che, nel lontano 1731, il principe Eugenio di Savoia importò alcuni mufloni corsi nel giardino zoologico di Vienna. E da lì sembra siano partiti tutti i capostipiti delle attuali  popolazioni Europee, che nel 1980 raggiunsero i quarantamila esemplari. Paesi come: la Francia, la Germania, la Spagna, la Slovacchia, l’Austria, l’Ungheria, la Slovenia, la Russia e la Polonia, dove la selvaggina ungulata non mancava di certo, grazie agli sforzi di molti appassionati cacciatori, attualmente possono vantare delle meravigliose popolazioni di mufloni. Popolazioni sempre in costante aumento, per merito della caccia di Selezione e del corretto prelievo degli “interessi” maturati dal loro patrimonio venatorio. Nella penisola italiana, il muflone è stato immesso soltanto negli anni sessanta ed oggi è presente in buon numero sia sull’arco Alpino che in tutto l’Appennino. Persino nelle isole di Montecristo, del Giglio e dell’Elba, si è ripopolato con successo creando delle grosse colonie. Oggigiorno, dal Gargano alle Dolomiti non esiste riserva privata, demaniale o A.V.F. che non possa contare su una discreta presenza di mufloni,  sempre regolamentata, con giudizio, dalla caccia o dalle catture. Le popolazioni più antiche e rappresentative sono quelle di MIEMO, voluta e creata dal Professore Baldacci, e della VACCHERECCIA di Civitella Cesi  del Dott. Leonardo Chiri, che vanta mufloni di ceppo Corso, particolarmente forti e belli, dal trofeo scuro e regolare. Dove il numero dei mufloni ha raggiunto i limiti consentiti dall’Ecosistema, la caccia non solo è consentita, ma è anche necessaria.                                                                                                  

Specialmente in montagna il muflone è entrato in competizione alimentare e territoriale con il camoscio, creando non pochi problemi all’equilibrio naturale della specie autoctona.
La buona espansione di questo ungulato è dovuta principalmente al suo spirito di adattamento e alla sua forza fisica, che come per il cinghiale, sono veramente fuori dal comune.                                                     

Lo si trova in pianura, con climi miti e fin  troppo caldi, come in alta montagna, dove la sua folta pelliccia lo protegge dalla rigidità dell’inverno e la sua tenacia gli permette di sopravvivere anche con la neve alta e con relativa carenza di cibo. I mufloni vivono in grossi branchi spesso composti da più di cinquanta capi. Non hanno abitudini notturne e cominciano la “transumanza”, per recarsi a pascolare, all’alba molto presto per fermarsi poi solo a notte fonda, sempre in fila indiana e spostandosi molto lentamente.

Durante le ore più calde della giornata, i mufloni si rintanano nel bosco per riposare all’ombra,  altrimenti sono perennemente in movimento, ma senza allontanarsi di molto dai loro territori abituali.  Di solito è una vecchia femmina che guida la fila, ma non è la capo branco. Il capo è invece il maschio dominante, che segue gli altri ad una certa distanza ed arriva in pastura sempre per ultimo. Così facendo, controlla il suo gregge  assicurandosi che non ci siano ritardatari e che non ci sia nessun pericolo nelle vicinanze.  Questo è un particolare importantissimo, perché quando andrete a caccia di mufloni, dovrete ricordarvi che l’ariete dal trofeo migliore arriverà mentre voi ne avrete già preso di mira un altro. Il muflone è un animale di una resistenza eccezionale tanto che io, scherzosamente, da anni, l’ho  soprannominato il “Bufalo cafro” della selvaggina italiana.

Chi ha già provato l’esperienza di cacciare il muflone, si sarà sicuramente reso conto di come questo animale incassi ai colpi di carabina. Personalmente, dopo averlo cacciato per tanti anni, posso dire di aver visto delle cose incredibili se paragonate agli altri selvatici.  Forti maschi, come giovani “muffle”, pur colpiti bene con dei buoni calibri (medi), hanno percorso  cinquanta, settanta  ed anche più metri prima di cadere. Tempo fa sorpresi al tramonto un grosso ariete solitario (medaglia d’oro) e  lo colpii di punta, in pieno petto, con una 160 grani Nosler Partition sparata dal mio 7 mm R Magnum. Non accusò minimamente il colpo e corse in salita per una cinquantina di metri prima di darmi la certezza e la soddisfazione di aver conquistato quello splendido trofeo. La palla lo aveva attraversato per tutta la sua lunghezza!!!

Adesso che ci siamo resi conto con chi abbiamo a che fare e viste le caratteristiche strutturali del selvatico, passiamo all’argomento che più ci interessa: La Caccia. In Europa lo si può cacciare già dal primo di agosto, mentre in Italia, salvo regolamenti particolari, l’apertura di solito è il primo di ottobre. In autunno le femmine hanno tutte partorito ed i maschi  hanno completato la muta. Il muflone può essere cacciato con successo sostanzialmente in tre modi: all’aspetto, alla cerca e in girata, detta anche “guidata”. In Spagna ed anche in qualche riserva italiana, viene cacciato nelle battute stile “Monteria”, ma io che non la considero una forma di caccia specifica per il Muflone,  non la tratterò in questa occasione, tanto bene o male, tutti sanno come si svolge una battuta. Le prime due tecniche di caccia le discuteremo più avanti, mentre la terza, non essendo molto praticata in Italia, vediamo subito in cosa consiste.

La girata non è altro che una battuta molto tranquilla, a “basso volume” e senza l’ausilio dei cani. Si pratica di solito dove il terreno è molto fitto, come ad esempio la macchia mediterranea, e non permette di praticare gli altri tipi di caccia. La girata non s’improvvisa. Deve svolgersi in una zona che si conosce molto bene, da pochi ma affiatati battitori, consapevoli di come e dove muoversi sempre in sincronia. L’intenzione è quella di spingere i mufloni verso le “poste” ad una andatura non troppo veloce, che permetta ai tiratori di valutare il capo con sufficiente approssimazione prima di tirargli. E’ una forma di caccia inconsueta ma abbastanza valida, specialmente se si è costretti a praticare una selezione “quantitativa” più che “qualitativa”. I cacciatori (o anche un singolo cacciatore) si devono piazzare in prossimità dei sentieri comunemente usati dai mufloni, ben coperti e possibilmente su altane o palchi sopraelevati. Il muflone ha i sensi acutissimi: olfatto, vista e udito non hanno niente da invidiare a gli altri selvatici e, come poi accade per tutti gli animali che si muovono in branco, cacciandoli dobbiamo fare i conti con tante narici, tanti occhi e tante orecchie.

Un giorno ho “gattonato” un piccolo branco per alcuni minuti, portandomi a tiro di un bel maschio. Quando  finalmente ero pronto per il tiro, con lo stecher già armato della mia CZ Stutzen calibro 270 W, il fischio d’allarme di una femmina alla mia sinistra, che non avevo visto, ha messo in fuga tutto il branco lasciandomi a bocca asciutta. La caccia all’aspetto e alla cerca sono sempre legate tra loro. La tradizione mitteleuropea impone l’aspetto mattutino seguito dalla “Pirsch” e l’aspetto serale.

L’appostamento al muflone viene praticato all’alba ed al tramonto, dove si incrociano più sentieri di transito, magari nelle vicinanze di una salina, di una mangiatoia con del fieno (micidiale in inverno con la neve) o di un distributore di cereali. La natura nomade del muflone lo spinge a muoversi in continuazione ed è per questo motivo che il cacciatore deve essere veloce sia nella valutazione del capo che nell’eseguire il tiro (di norma entro i cento metri). La caccia alla cerca in ambiente montano può essere paragonata alla caccia al camoscio, ma, a differenza di questi, il muflone è più diffidente ed ha una vista molto più acuta. Quando i mufloni si trovano in spazi aperti, abbatterli richiede un tiro lungo e preciso, mentre se la cerca si pratica in collina, nell’alto fusto o nella macchia mediterranea, il tiro  difficilmente supererà i  cento-centocinquanta metri.  Ed eccoci arrivati alle armi ed ai calibri che ritengo idonei per la caccia al muflone. In alta montagna, l’arma d’elezione è la carabina Bolt Action ad otturatore, dotata di una buona ottica di gran marca a 6 , o ad un massimo di 8 ingrandimenti con reticolo N° 4 ,4A o 8. La  preferisco ai monocanna e alle armi miste combinate perché permette, all’occorrenza,  una veloce replica del colpo, magari per finire un muflone colpito male  o per  impedirgli di allontanarsi ferito. E’ chiaro che chi possiede ed è affezionato ad un elegante Kipplauf o ad un polivalente combinato può usarli senza riserve.

Nella caccia alla cerca in ambiente boschivo e nella girata, la scelta dell’arma è più vasta.
In tal caso, oltre alla classica “Bolt”, ammessa anche in versione da battuta e a canna corta, possiamo includere: gli Express ed eccezionalmente anche le carabine semiautomatiche, ma per carità, che non somiglino ad un Kalashnicov e che conservino almeno un certo stile.                                              

Buone sono: le Browning Bar, le Remington 7400, le Heckler & Koch e le Voere 2185.
Queste armi dovranno essere dotate di ottiche da 4 a 6 ingrandimenti fissi oppure, se si pratica anche la girata,  molto utile può tornare un variabile 1,25 – 4 X oppure un 1,5 – 6 X 42, ingrandimenti maggiori non servono ed inoltre restringerebbero troppo il campo visivo.
Quale calibro dobbiamo utilizzare per dare la caccia al  più coriaceo dei selvatici italiani?
In termini metrici, un buon calibro per la caccia al muflone parte dal 6,5mm per arrivare all’8mm.

Personalmente ne ho abbattuto qualcuno anche con il 243W. con palle da 95-100 grani, ma siamo proprio ai limite minimo, e non sempre  garantisce un abbattimento netto e pulito.


In pratica  tutta la gamma dei calibri 6,5, dal  6,5 X 55  Sweeden al 6,5 X 68 Shuler è molto buona, utilizzando palle da 125-140 grani di media robustezza come le Nosler Partition, le RWS KS e le Hirtenberger ABC. Ottimo in ogni occasione è il 270 Winchester ( in montagna va bene anche il 270 W. M.) con palle da 130 grani,  Barnes-X,Sierra, Hornady, Speer e Norma Soft Point.                                                                    

Mentre i magnifici 7 millimetri, dal 7 .08  fino al 7mm Remington Magnum con palle di peso non superiore ai 160 grani svolgono egregiamente il proprio lavoro anche sui capi più grossi e resistenti.                                                                                                                     

Nei calibri 7,62 consiglierei senza riserve, il 308 W. e il 30.06 Spring. impiegando palle da 150 – 165 grani di ottima fattura, come le TIG, Le Speer Grand Slam e le Teilmantel Spitzer .                            Tra gli 8 millimetri come dimenticarsi dell’8 x 57 JS-JRS? Pur considerando il muflone un eccellente incassatore, ho menzionato solo qualche calibro Magnum, perché non va dimenticato che un grosso ariete non supera i cinquanta chilogrammi di peso e i trentacinque centimetri di larghezza toracica. In compenso mi sono preoccupato di raccomandare delle palle relativamente dure, che ad una buona espansione abbinano una forte penetrazione. Cacciando il muflone, a discapito della cessione di energia,  preferisco una palla che trapassi l’animale provocando così un  “doppio foro”.                                                                                              

In questo modo ho maggiori probabilità, che una fuoriuscita di sangue più copiosa, mi aiuti nella ricerca di un animale ferito. Purtroppo, in parecchie occasioni, ho potuto constatare che dal solo foro di entrata di un proiettile ad alta velocità esce ben poco sangue, e solo dopo molti metri dall’Anschuss. E’ sottinteso che tutti quei calibri che non ho menzionato, ma che hanno le caratteristiche balistiche simili a quelli sopra citati, vanno più che bene per la caccia al Muflone, a patto di usare una munizione idonea allo scopo e solitamente di peso medio nello Standard  del calibro.

 

                                                          
 Marco Benecchi

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.62.245
Aggiungi un commento  Annulla 

8 commenti finora...

Re: Il muflone: tecniche di caccia, armi e calibri

come chiesto precedentemente :
ho una winchester model 70 264 wm tarata a 200mt con palla barnes ttsx da 100 gr. pemsate che abbia abbastanze energia per abbattere un muflone a distanze dai 200 in su? fino a che distanza la palla pobbe avere energia per abbattere?

da vegetainfinity  19/03/2012 16.35

Re: Il muflone: tecniche di caccia, armi e calibri

Ciao Marco , sono Ercole di Biella . Caso mai ti fossi dimenticato , sono quello a cui non hai mai spedito il trofeo del capriolo anomalo che ho abbattuto una sera con te a Capalbio . Tu sai quanto sia importante un trofeo ,o almeno dovresti saperlo . Mi rimane una splendida foto che conservo con cura ,ma mi fa rabbia pensare che qualcuno si sia appropriato del mio trofeo ,forse per te insignificante ,ma non per me .Comunque questo mi fa capire che non solo all'estero non bisogna mai fidarsi . Ti auguro buona giornata e la prossima volta che ci incrociamo allExa a brescia non ti eclissare ,non ne vale la pena comportarsi in questo modo . Un sincero saluto e se vuoi rispondermi la mia e-mail è : [email protected]

da ercole triacca di biella  28/02/2011 18.36

Re: Il muflone: tecniche di caccia, armi e calibri

egregio .marco benecchi ultimamente seguivo un filmato su sky esattamente caccia e pesca te scusa se ti do del tu ma penso che tra noi cacciatori non ci siano problemi danilo liboi modugno etc.etc avete parlato di balistica terminale e te e liboi avete espresso due linee di pensiero diverse in materia poiche tu asserivi che preferivi che la palla per cedere energia non deve uscire o meglio trapassare il selvatico ora vedo che scrivendo sulle specifiche della caccia al muflone ti contraddici ma allora che pensare non me ne volere e se non credi alle mie parole riguardati il filmato scusami un abbraccio attilio e weidmannsheil

da attilio  21/12/2010 20.39

Re: Il muflone: tecniche di caccia, armi e calibri

HAH AHA AHAHAHAH HAHAUAHAHAHAH A AHAHAHAHAHAH A A AH AHAHAHAHA AH FATTI UNA CAMOMILLA.

da toro seduto X MUFLONE  24/06/2010 17.38

Re: Il muflone: tecniche di caccia, armi e calibri

Imparate a colpire per bene, gli animali e lasciate stare le teorie !!! le armi son tutte armi e vanno bene tutte a meno che non vogliate prendere un animale direttamente da casa vostra seduti in poltrona, per l occasione sono uscite le nuove carabine con monitor, praticamente funzionano cosi': seduti a casa vostra davanti al computer potete sparare al camoscio o al cinghiale tramite delle telecamere, ahhaah,,,,,,, una volta colpito lanimale verra anche spellato e sezionato e un facchino ve lo recapitera a casa in pochi minuti, siete contenti?

da Cacciaturiddu  24/06/2010 14.04

Re: Il muflone: tecniche di caccia, armi e calibri

Preg.mo Sig. Benecchi,
leggo con interesse i suoi articoli che trovo molto interessanti.
Vorrei porLe una domanda circa il calibro 243 W, che ho comprato (Steyr) come prima carabina. A leggere le recensioni non cè accordo. Si passa dalla capacità di ancorare un cervo maschio o un cinghiale ungherese di 120 Kg a chi lo usa solo per la caccia al capriolo. La mia convinzione attuale è che per selvatici fino agli 80 Kg. (es. cervo femmina)possa essere adatto, oltre tale peso non sono sicuro, fermo restando che non tutti sono in grado di colpire sopra la spalla. Per quanto riguarda il calibro 9,3x62 con carabina semiautomatica (ho una HK) lo trovo eccellente per la caccia al cinghiale in braccata o in battuta, usando palle round nose da 232 grani Oryx. Sono micidiali senza danneggiare eccessivamente la carne, consentendo qualche sbavatura nella capacità di tiro in movimento. Lei cosa ne pensa in merito, in riferimento ai più usati 30.06 e 308.
Cordiali saluti

da saverio cipri  19/10/2009 15.22

Re: Il muflone: tecniche di caccia, armi e calibri

REDAZIONE BIGHUNTER MAGAZINE. Commento Censurato. Non tollereremo più coloro che usano questi spazi solo per denigrare ed offendere. Speravamo che ci fosse la maturità per un giusto confronto ma se così non è a causa di pochi, agiremo in merito. Quindi ogni volta che accadrà in futuro provvederemo percorrendo ogni strata che la Legge concede, sia a noi che ai diretti interessati destinatari dell'offesa. Cordialità.

da muflone_incazzato_nero  12/10/2009 15.12

Re: Il muflone: tecniche di caccia, armi e calibri

A "Muflone incazzato Nero.............
Se di domenica sera alle ore 21,51, non hai altro da fare che scrivere simili stupidaggini (un pochino vigliacche visto che non hai il CORAGGIO DI PRESENTARTI!) allora più che rabbia, mi fai pena.
Sicuramente hai dei seri probblemi. E ti consiglio di farti visitare da un buon dottore. Ce ne sono di ottimi in grado di curarti.
Ciao e fatti qualche amico e divertirti un po in giro. Almeno la domenica sera.............

da Marco Benecchi  12/10/2009 10.07
Cerca nel Blog
Lista dei Blog