Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Bilancio sociale Fidc "raddoppia impegno sociale dei cacciatori"Mazzali: animalisti distruggono un altro capannoToscana. Consiglio di Stato respinge ricorso animalistaAcma: in Toscana recuperato beccaccino con trasmettitore satellitare del 2021 Fauna selvatica: Governo annuncia la riforma della legge 157/92Pac, cacciatori partner dei miglioramenti ambientali per la selvagginaCA TO3: "cacciatore circondato da lupi, prestare attenzione"In Gazzetta Ufficiale l'avvio della sperimentazione su contraccettivo GonaConSpiedo bresciano in lista prodotti tradizionali lombardiSimiani (Pd): ripristinare Comitato Faunistico Venatorio nazionaleParlamento UE chiede modifica status grandi carnivoriCaretta: proposta ministro Lollobrigida primo passo concreto su fauna selvaticaLollobrigida in Parlamento "occorre modificare legge 157 per emergenza cinghiali"Rendicontazione storno Toscana, nuove dateBruzzone (Lega) interviene su questione PSA Piemonte e LiguriaFidc: riprendono i monitoraggi sulla migrazione della beccacciaVaccari PD interroga il Governo sull'emergenza cinghialiPSA: Liguria snellisce procedure per i cacciatoriCommercio di animali selvatici: FACE si unisce a partner e governi alla conferenza globaleRegione Marche si adegua a ordinanza Consiglio di StatoColdiretti Torino chiede l'intervento dell'esercito contro i cinghialiDisturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autoritàFirenze: nasce Unione Cacciatori Toscani UCTAnlc Marche "sul Calendario attendiamo giudizio di merito"CNCN protesta per gli attacchi animalisti ai cacciatori all’Isola del GiglioMarche: Consiglio di Stato ordina rispetto parere IspraAnziano in fin di vita dopo l'attacco di un cinghiale. Coldiretti "solo la punta dell'iceberg"Lombardia: sdegno dalle associazioni venatorie per voto in CommissioneLombardia: FdI protesta per gli emendamenti sulla caccia bocciatiMinistro Lollobrigida affronta la questione fauna selvaticaBruzzone "Regole cinghiale Liguria dissuadono la caccia, Ministro intervenga"Mazzali "ferito un anziano da cinghiale nel mantovano. Azioni inadeguate"Toscana: Entrano in attività i Centri di Assistenza VenatoriaConfagricoltura Liguria "inaccetabile la protesta dei cacciatori"Langone "i cacciatori andrebbero pagati altro che tassati"FACE: tolleranza zero sui crimini contro la fauna selvaticaAnuu "38 anni di raccolta ali tordi"Anuu: "una calda migrazione post nuziale"Trieste: celebrata la storica messa di San UbertoMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Perugia, nuovo corso per il controlllo del cinghiale


venerdì 11 luglio 2014
    

Benecchi La carabina a leva L’Ambito di Caccia PG 2, in collaborazione con la Provincia di Perugia servizio Gestione e Programmazione Faunistica, sta organizzando il primo corso per l’abilitazione al controllo-contenimento del cinghiale. L’iniziativa, dichiara il Presidente dell’A.T.C. Luciano Calabresi, “è rilevante e lodevole tanto che il mondo venatorio umbro sta rispondendo in massa avendo già inviato, al nostro ufficio, circa cinquecento domande di partecipazione e contiamo che altrettante ne arrivino nei prossimi mesi.

All’organizzazione di questo corso e di quello sulla manipolazione delle carni, che si è svolto agli inizi di giugno, ha contribuito anche l’approvazione del nuovo Piano Faunistico della Provincia di Perugia, avvenuta lo scorso Aprile, che prevede tra le tante novità anche la formazione del cacciatore con specifici corsi; così facendo stiamo cercando di dare continuità alla linea tracciata dal nuovo Piano”.

"L’organizzazione del corso - spiega
Stefano Alemanno uno dei promotori dell’iniziativa e membro del comitato di gestione dell’A.T.C. PG2  - si è resa necessaria per tentare di risolvere gli squilibri ecologici della specie cinghiale e tutte le conseguenze ad essi connessi e quindi, per provare a ridurre i danni alle culture agricole che comportano un esborso economico, da parte dell’A.T.C., in continua crescita.  Solo nel 2013 infatti la somma dei danni accertati dall’A.T.C. alle culture causati da fauna selvatica, in particolar modo dal cinghiale, è stata uguale a circa 168.000,00 euro. Una cifra rilevante ed economicamente insostenibile  in un periodo difficile  come quello che tutto il paese sta attraversando”.

Il corso si tiene a Spoleto presso i locali della Comunità Montana Monti Marani, Serano e Subasio  per i mesi compresi tra Giungo 2014 e Marzo 2015 eccezion fatta per Agosto 2014 ed avrà un costo di € 40,00 a partecipante( quale rimborso che l' ATC PG 2 sostiene per le spese del suddetto corso). Le lezioni si svolgeranno in un unico giorno e si terranno l’ultimo venerdì di ogni mese, avranno una durata di 8 ore e vedranno la partecipazione oltre che dei due tecnici della Provincia di Perugia, Dott. Convito Luca e Dott. Michele Croce anche del Veterinario dell’ASL Dott. Cambiotti Fausto, del rappresentante Urca Argenio Alfredo e dell’Avv. Paolo Spantini.

L’esame, per conseguire l’abilitazione, si svolgerà invece il venerdì successivo a quello delle lezioni e prevede una test scritto e una prova orale; al superamento di quest’ultime l’aspirante selettore, non abilitato alla caccia con metodi selettivi,  si dovrà recare  al Campo di Tiro di Spoleto, Via Tiro a Segno 8,  e svolgere una sessione teorica dedicata alle  norme fondamentali per operare in sicurezza; subito dopo la parte teorica ci sarà anche una  “ prova di tiro” la quale, è bene chiarire, ha lo scopo di verificare il maneggio delle armi in sicurezza, ulteriore tassello, come detto, verso la preparazioni di operatori coscienti e responsabili.

Le strutture del TSN (tiro a segno nazionale) sono, come noto, gli Enti cui la legge stessa affida il compito della verifica della presenza della IDONEITA’ al MANEGGIO delle ARMI (legge 28 maggio 1981, n.286) nei soggetti richiedenti i vari titoli abilitativi in materia di armi, sicché è parso quanto mai opportuno all’A.T.C. PG2 richiedere ai partecipanti un’ulteriore verifica su tale importantissima qualità che, gli operatori abilitati al controllo degli squilibri faunistici, debbono avere, poiché alle volte sono costretti, sotto la guida dell’Autorità preposta, ad operare in ambienti difficili e, potenzialmente, pericolosi, ragion per cui, l’A.T.C. PG 2 ha ritenuto suo compito imprescindibile quelli di insistere verso tale aspetto.   

Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:Perugia, nuovo corso per il controlllo del cinghiale

ma la preapertura quand'è?

da OLIVA 11/07/2014 11.47