Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Cacciatori ambientalisti, la Francia ci insegna a fare sistemaMastrovincenzo (PD Marche): Situazione critica su cinghiali nelle aree urbaneBelluno, popolazione ungulati stabile. Coperto 83% piani di prelievoFiocchi risponde a Corriere della Sera "basta accostamenti caccia - bracconaggio"Cacciatori impegnati nella tutela ambientale e per il sociale in tutta ItaliaSalta l'esame della Pdl Bruzzone in CommissioneFortunato Busana confermato alla guida di CPA LombardiaConvegno Anuu su fauna e ambiente della Val di SusaSalvadori confermato alla guida di Fidc Toscana UctA Caccia, Pesca e Natura mix perfetto tra scienza, cultura e tradizioneFidc: crescono le adesioni a "Paladini del territorio"L'Associazione dei Cacciatori danesi diventa membro di IUCNBuconi: "Regioni al lavoro sui Calendari Venatori, chiesta modifica Key Concepts italiani"Rimandata ancora discussione in aula della Pdl BrambillaPSA, censimenti e Intelligenza Artificiale. Focus a Longarone sabato 13Toscana, vicini alla distribuzione degli anelli per richiami viviPd reagisce ad accuse Enpa e ribadisce propria contrarietà a Legge BruzzoneDa Lega umbra un incontro su caccia pesca e agricoltura con l'On. CarloniIl punto di Enalcaccia sui lavori del Comitato Tecnico Faunistico nazionaleVandalismo animalista. Bruzzone interroga il Ministro "responsabili siano puniti"In Commissione Giustizia riprende l'esame della legge BrambillaAnche in Liguria arrivano gli incentivi per chi abbatte i cinghialiCommissione Agricoltura respinge altri emendamenti del M5SDepopolamento cinghiali, a che punto siamo? La Pietra risponde ad interrogazione del PDMa quale caccia libera!Valichi montani: respinta istanza contro divieto di caccia in LombardiaFACE: le modifiche alla PAC sono cattive notizie per la selvagginaFdI Veneto sollecita la Giunta sulla caccia in derogaCia Toscana su Piano faunistico "riportare fauna a livelli sostenibili"In Francia in 140 mila (40 mila bambini) all'iniziativa dei cacciatori per l'ambienteEmilia Romagna, Calendario Venatorio 2024 - 2025 come passata stagioneIn Campania 750 mila euro per bioregolatori cinghialeCalendario Venatorio Campania 2024 - 2025 va al Comitato Tecnico NazionaleRaid animalista nel bresciano: la condanna delle associazioni venatorieEcoterrorismo: Bruzzone interroga il Ministro Piantedosi sui fatti di Urago D'OglioPichetto Fratin "su Infrazioni Ue Caccia chiesta proroga di un mese"Caramiello, Cherchi, Costa (M5S): "in trincea contro proposta Bruzzone"Massardi (Lega Lombardia) condanna ennesimo atto vandalico contro i cacciatori Raid animalista devasta le strutture del Quagliodromo d'Urago d'Oglio (BS)Calendario Venatorio Campania 2024 - 2025, definite linee guidaBruzzone: "prosegue esame riforma 157, nessun emendamento M5S è stato approvato"Caretta (FdI): Cacciatori italiani e Cà Foscari per la ricerca nel mondo venatorioPresentata a Longarone "Caccia, pesca, natura" Emilia R. Pompignoli "ottimi segnali su nuovo Calendario Venatorio"In Commissione prosegue esame modifica legge sulla caccia (157/92)Liguria, nuovi criteri per ripartizione tasse cacciatori agli AtcAl Tg1 un servizio positivo sulla cacciaArci Caccia Massa Carrara: "no a divieto nuovi appostamenti fissi in area costiera"Umbria, consiglieri Lega chiedono più coraggio su Calendario Venatorio"Trasmissioni denigratorie", Cabina Regia Unitaria Mondo Venatorio chiede intervento RAI A Campagna Lupia l'evento "L'arte dei fischi a bocca"Arci Caccia Lazio commenta proposta Calendario VenatorioSu PSA Fidc Calabria interviene con il Commissario StraordinarioBruzzone "fermata in Commissione ennesima follia 5 Stelle su protezione topi, talpe e nutrie"Marche: approvato Piano operativo controllo cinghiale MacerataSparvoli "fuori l'attivismo animalista dalla Rai"Allargata zona di restrizione PSA Milano e PaviaNei Paesi Bassi si parla di inserire la protezione degli animali in CostituzioneRoma: "Iniziativa di Federcaccia per parlare di emergenza PSA"Caretta scrive alla Commissione di Vigilanza RaiCinque Stelle: "contro la legge Bruzzone siamo soli"Umbria, Consulta Calendario Venatorio. Puletti "si richieda caccia in deroga"Confagricoltura Emilia R.: contenimento cinghiali fermo per mancanza delle attrezzaturePeste Suina, cacciatori sempre più consapevoli della loro importanzaKey Concepts: Bruzzone chiede a Ministro Pichetto Fratin revisione dei dati italianiMercoledì 27 riprende l'esame della modifica della 157/92Dai referendum anticaccia alla lotta al "patriarcato" con l'antispecismoPrimi risultati Operazione Paladini del Territorio: I cacciatori donano 600 ore di volontariatoA "Indovina chi viene a cena" la solita portata anti cacciaCinghiale: CIA Puglia sollecita azioni concrete al tavolo della RegioneArci Caccia e Fondazione Una monitorano i rapaci a MassaMartedì una conferenza stampa alla Camera contro la proposta BruzzoneDl Brambilla, rimandato l'esame in aulaMarche, Presidente Consiglio Regionale accoglie richiesta pluralismo Arci CacciaAppello da 42 consiglieri lombardi al Governo: "ISPRA sia organismo scientifico e non politico"Fidc Lombardia: basta soldi della Regione ai Cras del WwfFACE: Prossimi passi per la conservazione e la gestione del lupo in EuropaBasilicata: ok dalla Giunta a nuovo Piano Faunistico VenatorioInammissibile la proposta di vietare importazioni trofei di cacciaGuardie zoofile, no a proposta Brambilla per vigilanza anche venatoriaPompignoli "serve contenimento cinghiali, uscire da immobilismo animalista"Lazio, presentate proposte su nuovo Calendario VenatorioIn Francia beccaccia di 11 anni catturata per la terza voltaCacciatori Danesi contro Ue: "eliminare requisito 4% farà perdere habitat per la selvaggina"Cia: "Cinghiali fuori controllo. Immobilismo per non scontentare gli animalisti?"Cpa invita Regioni a presentare richieste caccia in deroga ad IspraCabina regia Toscana: importante archiviazione su "atteggiamento di caccia"Face: "I francesi dicono sì alla caccia"Primo parere ufficiale sulla caccia del CTFVNIn via di commissariamento i 10 Atc lazialiTar respinge ricorso Arci Caccia su rappresentanza nel Comitato faunistico nazionaleBerlato: oltre 2500 cacciatori all'incontro sul calendario venatorio

News Caccia

Su PSA Fidc Calabria interviene con il Commissario Straordinario


giovedì 28 marzo 2024
    
 
Riceviamo e pubblichiamo:
 
 
Organizzato da Federcaccia Nazionale presso la sede di Roma, si è svolto lo scorso martedì 26 marzo il seminario “PSA e Piano straordinario di depopolamento: esperienze e strategie di intervento”, rivolto ai dirigenti della Federazione e a quanti per il loro ruolo si confrontano con le tematiche gestionali e faunistiche e in vario modo coinvolti dalla emergenza sanitaria.

Intervenendo ai lavori, il Vice presidente nazionale e Presidente regionale Giuseppe Giordano ha avuto modo di confrontarsi direttamente con il Commissario straordinario alla PSA Dott. Vincenzo Caputo, ospite dei lavori, esponendo alcune considerazioni e richieste specifiche sul tema e sul Piano di eradicazione della PSA in Calabria e della relativa Circolare Operativa, che possono essere considerate delle priorità imprescindibili per sperare in una soluzione efficace del problema PSA nella regione e più in generale sul territorio nazionale.
In primo luogo, ha sottolineato la necessità di supplire alla carenza dei punti di raccolta delle carcasse, dei centri di sosta attrezzati e dei centri di lavorazione delle carni di selvaggina dislocati sul territorio in modo tale che siano fruibili dalle squadre e da tutti i cacciatori/bioregolatori impegnati nell’urgente depopolamento del cinghiale in primis sul territorio metropolitano di Reggio Calabria. Per la loro realizzazione il Presidente Giordano ha sollecitato la predisposizione di un adeguato investimento, considerati i costi, che non possono essere lasciati a carico delle squadre di caccia, tenuto conto delle dimensioni necessarie per lo stoccaggio delle carcasse in attesa di conoscere i risultati delle analisi sanitarie e delle specifiche dotazioni igieniche di prevenzione. A tal uopo ha sollecitato il Commissario all’adozione in Calabria delle già annunciate convenzioni tra la struttura Commissariale e gli AATTCC.

Giordano ha poi affrontato il delicato tema delle zone di restrizione, chiedendo per il territorio della Città Metropolitana di Reggio Calabria la revoca dell’attuale Zona di restrizione III e la sua riclassificazione in parte in Zona II e in parte in Zona I, a seconda del rischio e dell’andamento epidemiologico nei singoli Comuni. Ed in attesa degli atti necessari, ha chiesto l’immediata modifica del Piano di Eradicazione approvato con il DCA 33 del 6 febbraio u.s., estendendo nella zona III le attività di depopolamento consentite in zona II, come peraltro contemplato dall’Ordinanza 5 del Commissario Nazionale PSA.

Nelle Zone di restrizione II e III, fino a non meno di 10 Km dal confine con Zona I, date le previsioni già contenute nell’Ordinanza 5 e soprattutto, considerate, la particolare morfologia del territorio e l’attuale organizzazione delle squadre di caccia al cinghiale, che sono l’asse portante per qualsiasi attività concreta di depopolamento della specie, appare indispensabile attivare quanto prima almeno le cosiddette “battute o mini-battute”, ovvero una forma di prelievo intermedia tra la braccata vera e propria e la girata. “Ciò consentirebbe – ha sottolineato il Presidente regionale – anche di valorizzare i cani specializzati per la caccia al cinghiale, evitando che tale patrimonio, su cui le squadre hanno investito decine di migliaia di euro ognuna, venga dissipato, depotenziando irreparabilmente la loro operatività sul terreno, così come purtroppo è già avvenuto ad esempio nella zona infetta in Liguria. Fondamentale è poi la concessione di consentire l’autoconsumo controllato dei capi abbattuti in Zona di restrizione II/III. Anche questa richiesta si basa sull’esperienza acquisita in Liguria poiché i cacciatori/bioregolatori possono essere in tal modo maggiormente motivati nelle attività di depopolamento del cinghiale, evitando la termo-distruzione o l’interramento delle carcasse, con lo sciupio di una pur sempre risorsa che può invece essere “valorizzata”.

 Sia pure con tutte le precauzioni del caso occorre che le modalità operative possano essere ricondotte a forme di prelievo già consolidate, altrimenti si rischia, come più volte paventato, un vero e proprio fallimento degli obiettivi”. 

Sempre allo scopo di sostenere l’attività delle squadre e potenziare il depopolamento della specie cinghiale, alla Regione Calabria, Giordano ha avanzato la richiesta di promuovere e sostenere la nascita di una filiera pubblica delle carni di cinghiale bene organizzata, opportunamente dislocata sul territorio e potenzialmente attrattiva per il conferimento delle carcasse.

Altro punto toccato è l’altrettanto urgente azione di depopolamento nell’area di competenza dell’Ente Parco dell’Aspromonte, rispetto al quale di fatto non si hanno notizie dell’avvio attività.

In considerazione della dislocazione geografica del Parco e della sua notevole estensione, la mancata attivazione porrebbe sistematicamente a rischio l’efficacia degli interventi anche all’esterno dell’area protetta. Si chiede pertanto alle Autorità competenti di verificare ed intervenire affinché gli obiettivi del Piano di depopolamento abbiano concrete possibilità di riuscita” ha concluso.
 

Successivamente all’incontro con il Commissario straordinario, Federcaccia Calabria ha provveduto a inviare una ulteriore nota, reiterante, le sopra espresse proposte, alla Regione Calabria e a tutti gli Assessorati ed ai Dipartimenti regionali competenti, assicurando nell’occasione la piena e costruttiva collaborazione dell’Associazione.


Ufficio Stampa FIDC Calabria
Leggi tutte le news

0 commenti finora...