Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Abruzzo: nuove restrizioni in vista Modena, atti vandalici su auto di cacciatori Roccoli. In Lombardia presidio animalista e denuncia all'UeEmilia R. chiede a Ispra riconoscimento braccata per controlloAnche Enalcaccia Marche al Tar per la difesa del calendario Butac svela disinformazione su prima giornata di cacciaMarche: caccia in deroga allo storno in altri tre comuniSergio Berlato Presidente Confavi Roccoli. Fidc Lombardia prepara difesa al TarAbruzzo. Arriva parere Ispra su calendario modificatoLombardia: ricorso al Tar contro riapertura roccoliMinistra Bellanova: "mio padre era cacciatore"Caccia Futura. Michele Merola - Per rinnovare nella tradizioneAssociazioni Lombarde: La realtà contro le bugie sulla cacciaFiocchi: novità per la caccia da BruxellesStagione caccia al via. Partono le strumentalizzazioniFein: catturato primo tordo in migrazioneIl futuro delle GGVV: la collaborazione tra enti ed associazioniSicilia: in calendario venatorio la caccia al coniglio selvaticoCalendario Puglia: associazioni venatorie preparano difesa al TarRicorsi al Tar. Buone notizie dalla CalabriaFidc Lazio: urge regolamento richiami viviLombardia, approvate riduzioni al carniere Apertura. Arci Caccia scrive al Comandante Cufa CarabinieriBruxelles: riparte l'intergruppo Biodiversità, Caccia e RuralitàDal Senatore Bruzzone un richiamo all'unità dei cacciatoriCalendario Abruzzo, Fidc incontra la Regione Eps Arci Caccia: Abruzzo, peggio la toppa del bucoCaccia Futura. Emanuela Lello, la gendarme con la penna verdeArci Caccia Toscana chiede costituzione cabina di regia Il Piemonte chiede più autonomia sulla cacciaMarche: parte la difesa del calendario venatorioSuccesso per la "Braccata rosa" delle donne FidcArci Caccia Puglia sul ricorso al Tar Abruzzo, ancora incertezzePuglia: Tar anticipa udienza contro Calendario Venatorio La caccia in Lituania, patria del neo Commissario Ue all'AmbientePasso. Prime avvisaglie?Ad Alessandria convegno sul futuro della caccia piemonteseL'Intergruppo Ue Caccia e biodiversità verso la sua ricostituzioneNominati Commissari Ue. Ecco chi va all'Agricoltura e all'AmbienteSolidarietà di Arci Caccia dopo i vandalismiFidc: attacchi degli estremisti non ci fanno pauraCosta compiace i pescatori: approvata immissione specie alieneDa Regione Abruzzo nuova proposta di Calendario VenatorioNuovi imbrattamenti contro le sedi FidcCinghiali, Rolfi "In Lombardia abbattimenti raddoppiati"Animalisti imbrattano sede Federcaccia UmbriaCaccia Futura - Federico Scrimieri: bocconiano coi fiocchiArci Caccia Treviso. Successo per il seminario dedicato al cervoIncidente di caccia e assicurazione. Un chiarimento da FidcCst, Marche: ennesima paralisi della cacciaUNA: Inaugurato capanno di osservazione Bocca d'OmbroneAnlc Marche: su preapertura decisione incomprensibileSospesa di nuovo la caccia in preapertura nelle Marche70 mila persone alla Sagra degli Osei di SacileZipponi nuovo Presidente Fondazione UnaA Empoli la nuova casa comune dei cacciatoriCaccia Futura - Pietro Iacovone. Sempre in prima lineaA Capannoli incontro sull'aggiornamento dei Key ConceptsConfagricoltura Toscana: serve nuovo patto tra cacciatori e agricoltoriPeste suina Sardegna. Rinnovata la collaborazione dei cacciatoriColli Euganei, abbattimenti cinghiali aumentati grazie a selcontrolloriVeneto: legittima partecipazione cacciatori al controllo faunisticoConte bis. Riconfermato Costa. All'Agricoltura va Teresa BellanovaPubblicato lavoro sulla beccaccia con telemetria satellitarePepe: calendarizzare subito Piano Faunistico AbruzzoSicilia, piccoli ritocchi al calendario venatorioGoverno M5S - Pd al via. Gli accordi sull'AmbienteMacerata: processione di San Giuliano, protettore dei cacciatoriBenevento, incontro su gestione faunisticaCaccia futura. "Eccomi, sono Maua"Cacce tradizionali. Ompo al lavoroNuovo calendario Abruzzo? Wwf diffida la RegioneDonati oltre 100 mila euro al Gaslini dai cacciatoriSiena: fondi ai cinghialai per i miglioramenti ambientaliFidc Marche: "non ci faremo piegare dai ricorsi animalisti"Berlato: Regione applichi legge su mobilità venatoriaAnuu: ancora stallo nella migrazioneAbbattimento accertato. I chiarimenti della Regione ToscanaFidc Emilia Romagna risponde ad attacco Enpa Federcaccia incontra il Presidente del Parlamento EuropeoArci Caccia ringrazia la Regione Marche per la preaperturaMarche, ok alla preapertura a colombaccio e corvidiFidc Umbria "mancato parere Ispra diritto sottratto ai cacciatori"Fassini (Arci Caccia): l’Apertura consacra il nostro amore per la naturaUmbria, niente da fare per la preaperturaA Crespina proclamati i campioni degli uccelli canoriMarche, la Regione: "la preapertura si farà"Inizio stagione venatoria. Il saluto del Presidente Fidc BuconiCalabria: proroga per i cacciatori di cinghialiGame Fair. Federcaccia incontra i cacciatoriCalabria, cinghiali "un problema di sicurezza pubblica"Toscana approva accordi reciprocità cacciaTar Sicilia respinge istanza associazioni venatoriePreapertura Umbria: si attende ancora il parere IspraSpecie esotiche in declino. FACE aggiorna sulle restrizioni Preapertura Caccia. CCT: ecco le regole da rispettareFidc: Nasce la settoriale cinghialai dell'Emilia RomagnaAbruzzo. Sospeso Calendario Venatorio 2019 - 2020Arci Caccia Marche: "subito nuovo decreto"Sospesa la preapertura della caccia nelle MarcheIl calendario siciliano piace agli animalistiArci Caccia Toscana: "carniere tortora merito nostro"Toscana: preapertura caccia 1 e 8 settembreUtilizzo richiami caccia. Chiarimenti dalla Regione ToscanaPuglia: modifiche calendario venatorio, colombaccio in preaperturaSardegna: Approvato Calendario Venatorio 2019 - 2020Passo. Il caldo fa la differenzaAssessore Mai all'Enpa: no a reintroduzione cinghialiFucecchio. Fidc Pistoia risponde alle accuse ambientalisteSicilia. La reazione delle Associazioni venatorie Incontro a Fano con i rappresentanti della RegioneLa gestione degli Atc secondo Arci Caccia ToscanaContenimento al Padule di Fucecchio. La Lipu alza la voceSassari: approvati piani controllo cornacchia e cinghialiA Crespina campionato italiano uccelli canoriArosio: catturato primo prispolone in migrazione post nuzialeGuardie venatorie in assemblea a MacerataFiocchi: 5 stelle-Pd e la cacciaArci Caccia e Eps "La caccia, una e indivisibile"Ancora proteste per il calendario venatorio sicilianoDal Friuli una proposta di modifica della 157/92Emergenza cinghiali Roma. Ancora nessun interventoOk definitivo in Molise a Calendario Venatorio 2019 - 2020Sicilia, Bandiera "su calendario venatorio abbiamo fatto il possibile"Umbria: Wwf denuncia consiglieri che hanno votato Piano faunisticoSardegna: mozione Piras per pareri tecnici sulla faunaA San Giovanni Val D'Arno assemblea CCT su calendario venatorioIl calendario venatorio siciliano delude le aspettative

News Caccia

RIUNITO IL TAVOLO TECNICO PER PIANO DI GESTIONE DI ALLODOLA, STARNA E COTURNICE


lunedì 12 dicembre 2016
    

Sulle specie in oggetto, individuate criticità e azioni da intraprendere per recuperare presenze e salute delle popolazioni nel nostro Paese. Accolte la maggior parte delle osservazioni e proposte di Federcaccia. Sventato al momento il rischio di una moratoria di 5 anni sui prelievi

Si è riunito nuovamente, questa volta presso la sede della Regione Emilia Romagna a Bologna, il tavolo tecnico sui Piani di gestione di allodola, starna e coturnice, specie le cui popolazioni sono attualmente considerate in uno stato sfavorevole a livello comunitario e nazionale. Questo tavolo è stato istituito dal Ministero dell’Ambiente con ISPRA e le Regioni, sentiti i portatori d’interesse, al fine di predisporre entro fine anno i piani di gestione delle tre specie, a integrazione a livello nazionale del Piano di gestione europeo dell’allodola e dei Piani d’azione italiani della starna e della coturnice.

Questi nuovi piani dovranno essere approvati ufficialmente dalla Conferenza Stato Regioni e impegneranno tutti i soggetti partecipanti (in primis le Regioni) a realizzare le azioni previste per riportare le specie in una condizione favorevole in Italia, contribuendo alla strategia attivata in Europa. Le associazioni venatorie sono state coinvolte e questo è un importante passo avanti, rispetto al passato, per la gestione della fauna in Italia. Infatti, sono state recepite le indicazioni UE in questo senso che la FIdC ha rappresentato al Ministero.

Lo scorso 28 novembre ISPRA ha convocato dunque per la seconda volta i rappresentanti del mondo venatorio e ambientalista, oltre a quelli delle Regioni e dei due Ministeri competenti, Ambiente e Agricoltura. A rappresentare la Federazione Italiana della Caccia erano presenti Michele Sorrenti, Daniel Tramontana e Valter Trocchi.

Per quanto riguarda l’allodola, rispetto alla prima bozza elaborata da Ispra, sono state recepite nel testo della seconda bozza del Piano di Gestione gran parte delle osservazioni tecniche suggerite da FIdC, evitando, attraverso un solido approccio tecnico scientifico, che venisse presa in considerazione la proposta di sospensione del prelievo per almeno un quinquennio (periodo di validità del Piano) richiesta dal rappresentante della LIPU, unica tra le associazioni ambientaliste a chiederne la moratoria.

Tutti i componenti del Tavolo tecnico, nella redazione del piano di gestione nazionale per la specie, hanno indicato nelle moderne pratiche agricole la causa più importante della diminuzione dell’allodola in Italia e in Europa. L’attività venatoria è stata considerata un fattore di rischio di importanza medio-bassa, ma è stata sottolineata la necessità di assicurare e/o mantenere una efficiente raccolta e analisi dei dati relativi ai carnieri realizzati, al fine di valutare in maniera opportuna eventuali effetti “aggiuntivi” della caccia sulla specie.

Le altre minacce individuate nel Piano riguardano l’abbandono delle aree rurali montane e la pressione predatoria da parte delle specie opportuniste. Nondimeno, si è discusso anche dei prelievi effettuati oltre i limiti consentiti, soprattutto in alcune regioni, da cacciatori non corretti. Alla luce dei monitoraggi che si prevedono nel corso del quinquennio di validità del Piano, questi


comportamenti potrebbero riflettersi negativamente in prospettiva anche sulle opportunità di caccia di tutti i praticanti l’attività venatoria.

Importanti contributi sono stati proposti dai tecnici FIdC, con particolare riferimento alla predisposizione di misure agroambientali volte alla conservazione degli habitat utilizzati dai contingenti nidificanti in Italia (popolazione compresa tra le 350.000 e le 500.000 coppie) e agli studi finalizzati a conoscere meglio la condizione delle popolazioni svernanti nel nostro Paese. L’unica valutazione delle popolazioni migratrici in Italia, inserita come parte integrante del Piano, è stata condotta in Campania nell’arco di 16 anni (grazie al contributo di ANUU fino al 2007 e dal 2010 ad oggi grazie al finanziamento di FIdC). Tale corposo lavoro dimostra una relativa stabilità, sia pure con fluttuazioni, dei contingenti (Scebba et al., 2015) svernanti sul territorio italiano.

Le azioni sull’habitat a favore dell’allodola si focalizzeranno in particolare sul recupero degli habitat riproduttivi, di sosta e alimentazione, attraverso incentivi mirati a determinati interventi agricoli.
Federcaccia ha fatto inserire nel Piano il coinvolgimento degli ATC, che dovranno indirizzare i propri fondi in miglioramenti ambientali specifici per l’allodola, sia per le popolazioni nidificanti, sia per quelle in transito o svernanti.

Tra le misure gestionali da mettere in atto particolare attenzione è stata posta alla durata della stagione di caccia e al carniere ammesso. È stato considerato idoneo un prelievo compreso tra il 1 ottobre e il 31 dicembre e FIdC ha proposto alcune metodologie di gestione che possono incrementare il carniere giornaliero consentito rispetto a quanto oggi indicato da ISPRA, in particolare per i cacciatori specialisti di allodole e nelle regioni che dimostrino risultati concreti nel sostenere il miglioramento delle condizioni della specie nel territorio.

Per quanto riguarda la starna e la coturnice è stato con forza sostenuto da parte della FIdC che è indispensabile attivare su tutto il territorio idoneo progetti di reintroduzione (anche nei siti Natura2000 e nelle aree protette con la starna italica) e di “gestione attiva” delle due specie, mantenendo alto l’interesse venatorio e cinofilo, in particolare per le popolazioni di coturnice presenti lungo l’appennino centro-meridionale ed in Sicilia.

In tal senso FIdC ha ricordato la positiva (e unica nel suo genere) esperienza condotta nell’Appennino marchigiano negli anni Cinquanta-Sessanta del Secolo scorso volta all’incremento numerico della coturnice appenninica, che si basava su una “catena” di 12 zone di ripopolamento e cattura distanziate non oltre la possibilità di interscambio degli individui tra le sub-popolazioni (prefigurando quindi la costituzione di una vera e propria metapopolazione), la sistemazione di stazioni di foraggiamento rifornite tutto l’anno e la cattura invernale di intere brigate mantenute per alcuni mesi in cattività a sessi segregati e quindi liberate in coppie costituite al momento in località idonee.

Per questi obiettivi occorrerà attivarsi nel corso del quinquennio con uno sforzo straordinario, per un recupero ragionato delle due specie soprattutto negli ambienti più vocati individuati da una specifica mappa d’idoneità del territorio della Penisola.

Anche in questo caso è prevista l’attivazione delle Regioni, che sottoscriveranno i Piani di gestione, e degli ATC, per progetti organici che partano dalle misure di miglioramento dell’habitat e dall’avvio di seri programmi di monitoraggio, al fine di ottenere informazioni circostanziate sull’entità delle residue popolazioni complessive, ma anche sulla distribuzione, la densità, il successo riproduttivo e il trend dei diversi nuclei riproduttivi in modo da poter così formulare piani

di recupero demografico per quelle popolazioni che versano in uno stato di conservazione sfavorevole.
È stato rimarcato da FIdC che una sospensione (o peggio la chiusura) della caccia alla starna e alla coturnice non servirebbe a nessuno, nemmeno al recupero delle due specie, dal momento che verrebbe meno l’interesse ad investire su di esse.


Federazione Italiana della Caccia - Ufficio Avifauna Migratoria e Ufficio Fauna Stanziale

 

Leggi tutte le news

9 commenti finora...

Re:RIUNITO IL TAVOLO TECNICO PER PIANO DI GESTIONE DI ALLODOLA, STARNA E COTURNICE

Grazie Cacciatore Umbro.

da Cacciatore Toscano 14/12/2016 7.57

Re:RIUNITO IL TAVOLO TECNICO PER PIANO DI GESTIONE DI ALLODOLA, STARNA E COTURNICE

Come erano i territori di caccia negli anni 50/60?????? Se qualcuno si ricorda, vi sarete dati la risposta da soli del perchè queste specie negli anni seguenti sono diminuite.

da Il Nibbio 13/12/2016 11.42

Re:RIUNITO IL TAVOLO TECNICO PER PIANO DI GESTIONE DI ALLODOLA, STARNA E COTURNICE

Giovanni Persona per ANUU e Giovanni Ferrara per ARCI

da Cacciatore Umbro 13/12/2016 10.27

Re:RIUNITO IL TAVOLO TECNICO PER PIANO DI GESTIONE DI ALLODOLA, STARNA E COTURNICE

NESSUNA SA DIRMI CHI ERA PRESENTE ALLA RIUNIONE DELLE ALTRE ASSOCIAZIONI VENATORIE? GRAZIE.

da CACCIATORE TOSCANO 13/12/2016 10.20

Re:RIUNITO IL TAVOLO TECNICO PER PIANO DI GESTIONE DI ALLODOLA, STARNA E COTURNICE

Un ottimo lavoro fondato su innegabili principi, con ottime argomentazioni per salvare la caccia a queste specie, e le specie stesse. Piaccia o non piaccia, Federcaccia un gradino sopra. Ringraziamenti all'ottimo Dott. Sorrenti e al suo Ufficio. Saluti

da ERMES74 13/12/2016 7.59

Re:RIUNITO IL TAVOLO TECNICO PER PIANO DI GESTIONE DI ALLODOLA, STARNA E COTURNICE

Jo a Grosseto quest'anno ho fatto sempre numero...che dici??!!??

da Pratese 12/12/2016 17.41

Re:RIUNITO IL TAVOLO TECNICO PER PIANO DI GESTIONE DI ALLODOLA, STARNA E COTURNICE

Per favore, mi potete dire chi era presente alla riunione in rappresentanza delle altre associazioni venatorie? Grazie.

da Cacciatore toscano 12/12/2016 16.24

Re:RIUNITO IL TAVOLO TECNICO PER PIANO DI GESTIONE DI ALLODOLA, STARNA E COTURNICE

Dalle parti di Grosseto sono anni che non se ne vedono piu'...

da jo 12/12/2016 15.00

Re:RIUNITO IL TAVOLO TECNICO PER PIANO DI GESTIONE DI ALLODOLA, STARNA E COTURNICE

allodole qui al nord sono passate parecchie quest anno.segnatele sul tesserino quelle prese ,non devono poi avere scuse....

da paolobs 12/12/2016 13.04