Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Conferenza caccia Toscana. Wwf e Legambiente si defilanoAl via domani gli Stati Generali della caccia toscanaArci Caccia Marche chiede un calendario "più prudente"Respinto ricorso Rizzi. Diffamò il cacciatore MoltrerFidc Piemonte. Primo incontro con l'Assessore ProtopapaViezzi rieletto alla guida di Fidc FriuliE se non ci fossero i cacciatori?Parlamento Ue. Berlato in codaLa Libera Caccia compie 60 anniCoordinamento Campania commenta ultime novitàFidc, prosegue raccolta dati con i diari di cacciaBrescia, aperta la caccia di selezione al cinghialeSardegna. Ok dal Comitato faunistico al Calendario venatorioPiemonte: in approvazione piani ungulatiPolemiche in Puglia sulla mobilità venatoriaVeneto sollecita riforma 157 "stop alla crescita delle specie nocive"Droni in soccorso dei caprioliFidc: dall'Ue richiesta divieto caccia moriglione e pavoncellaToscana approva caccia in deroga allo stornoBruzzone "La legge ligure sui Parchi rimarrà in vigore"Puglia: ok legge caccia 20 giornate migratoria in mobilitàGoverno impugna legge Liguria su riperimetrazione ParchiFidc Veneto sull'incontro con l'assessore PanA Macerata ripartono i corsi per nuove guardie venatorieAbruzzo. Presentata proposta calendario venatorio Tar Campania ordina ricalcolo del territorio cacciabileCaccia Veneto. Le richieste di Berlato alla RegioneBrescia. Otto rinviati a giudizio per il controllo del cinghiale Roccoli, ancora nulla di fatto in LombardiaFidc Umbria: dalla Regione inutili penalizzazioni sul calendario venatorioFidc Bergamo "i cacciatori siano impiegati nel controllo faunistico"Caccia cinghiale. Regione Calabria sollecita modifica 157 I cacciatori catanesi impegnati nella tutela ambientaleBerlato alla guida di ACRAncora risultati dallo studio sul beccaccinoHabitat floridi nelle zone gestite dai cacciatoriPiemonte. La nuova GiuntaCCT: attenti a ddl tutela animaliModena. Nuove guardie volontarieCalendario Campania: la Federcaccia dissenteFoggia. Corso di formazione per cacciatori di selezioneSvizzera: meno vincoli per l'abbattimento dei grandi predatoriSICILIA. La Regione incontra i cacciatoriFIDC. Si riunisce a Roma il consiglio di presidenza Benevento. Proposte per la caccia al cinghialeCalendario Venatorio CampaniaLARA COMI RINUNCIATOSCANA: PIANO DI PRELIEVO DEL CAPRIOLOPIEMONTE. FEDERCACCIA SUL CAPRIOLOFIDC BERGAMO: UN CORSO DI FORMAZIONE PER LA CACCIA COLLETTIVA AL CINGHIALEUK. I GIOVANI E LA CACCIALOMBARDIA. LO SCIOPERO DEI CINGHIALAI MUOVE LA REGIONESTUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALIArezzo Corso Articolo 37Caccia bloccata. Fidc Piemonte scrive agli associatiDopo servizio de Le Iene dietrofront sulla volpe della RegioneCCT: in Toscana servono convenzioni per superare parere Ispra Atc Firenze Sud, tempo di bilanciIn Senato inizia esame su Ddl proteggi animaliFACE, il progetto del mese è quello di FedercacciaComo: i cacciatori di selezione incrociano le bracciaPiccoli uccelli. Campionato spagnolo di cantoFidc Veneto, Tosi lascia. Possamai nuovo PresidenteUmbria, nuovo sistema informatico per la caccia di selezioneKC: la Spagna dice la sua"Sui calendari venatori il solito terrorismo animalista"Notizie da WeHunter: in Puglia presentate modifiche al Piano faunisticoCalabria, "l'agricoltura si impegni su cinghiale e per la biodiversità"Marche, Regione inserirà tortora in preaperturaSu Instagram la caccia è under 30Francia. La migrazione pre nuziale del beccaccinoBenevento, ancora ferme abilitazioni venatorieGiunta non approva. Caccia di selezione bloccata in PiemonteRavenna, Coldiretti chiede Piani controllo ungulatiLav: Regione Lazio finanzi ricerca su contraccettivi per cinghialiMassimo Bulbi Presidente Fidc Emilia RomagnaCacciatori salentini in campo per la difesa dell'ambienteFidc, Liguria. Sui caprioli pieno appoggio alla RegioneBaggio: attacchi animalisti mi avvicinano ai cacciatori Fauna selvatica. Sul tavolo del Ministro Centinaio la proposta CiaBornaghi (Fidc Bg): novità positive per la caccia lombardaSpecie aliene tra cause principali perdita biodiversitàMazzali "mio emendamento salverà molti appostamenti fissi"Salvini spara sui Ministri Cinque Stelle: "avanti senza Toninelli, Trenta e Costa"Piemonte. Vignale esce dal Consiglio regionaleFiocchi va in Ue "voglio mantenere gli impegni presi"Berlato torna al Parlamento europeoSuggerimenti EPS su Calendario Venatorio CampaniaLombardia, via libera all'Osservatorio. Rolfi "Sarà nostro Ispra"KC, Italia isolata. Commissione UE riapre la partita

News Caccia

RIUNITO IL TAVOLO TECNICO PER PIANO DI GESTIONE DI ALLODOLA, STARNA E COTURNICE


lunedì 12 dicembre 2016
    

Sulle specie in oggetto, individuate criticità e azioni da intraprendere per recuperare presenze e salute delle popolazioni nel nostro Paese. Accolte la maggior parte delle osservazioni e proposte di Federcaccia. Sventato al momento il rischio di una moratoria di 5 anni sui prelievi

Si è riunito nuovamente, questa volta presso la sede della Regione Emilia Romagna a Bologna, il tavolo tecnico sui Piani di gestione di allodola, starna e coturnice, specie le cui popolazioni sono attualmente considerate in uno stato sfavorevole a livello comunitario e nazionale. Questo tavolo è stato istituito dal Ministero dell’Ambiente con ISPRA e le Regioni, sentiti i portatori d’interesse, al fine di predisporre entro fine anno i piani di gestione delle tre specie, a integrazione a livello nazionale del Piano di gestione europeo dell’allodola e dei Piani d’azione italiani della starna e della coturnice.

Questi nuovi piani dovranno essere approvati ufficialmente dalla Conferenza Stato Regioni e impegneranno tutti i soggetti partecipanti (in primis le Regioni) a realizzare le azioni previste per riportare le specie in una condizione favorevole in Italia, contribuendo alla strategia attivata in Europa. Le associazioni venatorie sono state coinvolte e questo è un importante passo avanti, rispetto al passato, per la gestione della fauna in Italia. Infatti, sono state recepite le indicazioni UE in questo senso che la FIdC ha rappresentato al Ministero.

Lo scorso 28 novembre ISPRA ha convocato dunque per la seconda volta i rappresentanti del mondo venatorio e ambientalista, oltre a quelli delle Regioni e dei due Ministeri competenti, Ambiente e Agricoltura. A rappresentare la Federazione Italiana della Caccia erano presenti Michele Sorrenti, Daniel Tramontana e Valter Trocchi.

Per quanto riguarda l’allodola, rispetto alla prima bozza elaborata da Ispra, sono state recepite nel testo della seconda bozza del Piano di Gestione gran parte delle osservazioni tecniche suggerite da FIdC, evitando, attraverso un solido approccio tecnico scientifico, che venisse presa in considerazione la proposta di sospensione del prelievo per almeno un quinquennio (periodo di validità del Piano) richiesta dal rappresentante della LIPU, unica tra le associazioni ambientaliste a chiederne la moratoria.

Tutti i componenti del Tavolo tecnico, nella redazione del piano di gestione nazionale per la specie, hanno indicato nelle moderne pratiche agricole la causa più importante della diminuzione dell’allodola in Italia e in Europa. L’attività venatoria è stata considerata un fattore di rischio di importanza medio-bassa, ma è stata sottolineata la necessità di assicurare e/o mantenere una efficiente raccolta e analisi dei dati relativi ai carnieri realizzati, al fine di valutare in maniera opportuna eventuali effetti “aggiuntivi” della caccia sulla specie.

Le altre minacce individuate nel Piano riguardano l’abbandono delle aree rurali montane e la pressione predatoria da parte delle specie opportuniste. Nondimeno, si è discusso anche dei prelievi effettuati oltre i limiti consentiti, soprattutto in alcune regioni, da cacciatori non corretti. Alla luce dei monitoraggi che si prevedono nel corso del quinquennio di validità del Piano, questi


comportamenti potrebbero riflettersi negativamente in prospettiva anche sulle opportunità di caccia di tutti i praticanti l’attività venatoria.

Importanti contributi sono stati proposti dai tecnici FIdC, con particolare riferimento alla predisposizione di misure agroambientali volte alla conservazione degli habitat utilizzati dai contingenti nidificanti in Italia (popolazione compresa tra le 350.000 e le 500.000 coppie) e agli studi finalizzati a conoscere meglio la condizione delle popolazioni svernanti nel nostro Paese. L’unica valutazione delle popolazioni migratrici in Italia, inserita come parte integrante del Piano, è stata condotta in Campania nell’arco di 16 anni (grazie al contributo di ANUU fino al 2007 e dal 2010 ad oggi grazie al finanziamento di FIdC). Tale corposo lavoro dimostra una relativa stabilità, sia pure con fluttuazioni, dei contingenti (Scebba et al., 2015) svernanti sul territorio italiano.

Le azioni sull’habitat a favore dell’allodola si focalizzeranno in particolare sul recupero degli habitat riproduttivi, di sosta e alimentazione, attraverso incentivi mirati a determinati interventi agricoli.
Federcaccia ha fatto inserire nel Piano il coinvolgimento degli ATC, che dovranno indirizzare i propri fondi in miglioramenti ambientali specifici per l’allodola, sia per le popolazioni nidificanti, sia per quelle in transito o svernanti.

Tra le misure gestionali da mettere in atto particolare attenzione è stata posta alla durata della stagione di caccia e al carniere ammesso. È stato considerato idoneo un prelievo compreso tra il 1 ottobre e il 31 dicembre e FIdC ha proposto alcune metodologie di gestione che possono incrementare il carniere giornaliero consentito rispetto a quanto oggi indicato da ISPRA, in particolare per i cacciatori specialisti di allodole e nelle regioni che dimostrino risultati concreti nel sostenere il miglioramento delle condizioni della specie nel territorio.

Per quanto riguarda la starna e la coturnice è stato con forza sostenuto da parte della FIdC che è indispensabile attivare su tutto il territorio idoneo progetti di reintroduzione (anche nei siti Natura2000 e nelle aree protette con la starna italica) e di “gestione attiva” delle due specie, mantenendo alto l’interesse venatorio e cinofilo, in particolare per le popolazioni di coturnice presenti lungo l’appennino centro-meridionale ed in Sicilia.

In tal senso FIdC ha ricordato la positiva (e unica nel suo genere) esperienza condotta nell’Appennino marchigiano negli anni Cinquanta-Sessanta del Secolo scorso volta all’incremento numerico della coturnice appenninica, che si basava su una “catena” di 12 zone di ripopolamento e cattura distanziate non oltre la possibilità di interscambio degli individui tra le sub-popolazioni (prefigurando quindi la costituzione di una vera e propria metapopolazione), la sistemazione di stazioni di foraggiamento rifornite tutto l’anno e la cattura invernale di intere brigate mantenute per alcuni mesi in cattività a sessi segregati e quindi liberate in coppie costituite al momento in località idonee.

Per questi obiettivi occorrerà attivarsi nel corso del quinquennio con uno sforzo straordinario, per un recupero ragionato delle due specie soprattutto negli ambienti più vocati individuati da una specifica mappa d’idoneità del territorio della Penisola.

Anche in questo caso è prevista l’attivazione delle Regioni, che sottoscriveranno i Piani di gestione, e degli ATC, per progetti organici che partano dalle misure di miglioramento dell’habitat e dall’avvio di seri programmi di monitoraggio, al fine di ottenere informazioni circostanziate sull’entità delle residue popolazioni complessive, ma anche sulla distribuzione, la densità, il successo riproduttivo e il trend dei diversi nuclei riproduttivi in modo da poter così formulare piani

di recupero demografico per quelle popolazioni che versano in uno stato di conservazione sfavorevole.
È stato rimarcato da FIdC che una sospensione (o peggio la chiusura) della caccia alla starna e alla coturnice non servirebbe a nessuno, nemmeno al recupero delle due specie, dal momento che verrebbe meno l’interesse ad investire su di esse.


Federazione Italiana della Caccia - Ufficio Avifauna Migratoria e Ufficio Fauna Stanziale

 

Leggi tutte le news

9 commenti finora...

Re:RIUNITO IL TAVOLO TECNICO PER PIANO DI GESTIONE DI ALLODOLA, STARNA E COTURNICE

Grazie Cacciatore Umbro.

da Cacciatore Toscano 14/12/2016 7.57

Re:RIUNITO IL TAVOLO TECNICO PER PIANO DI GESTIONE DI ALLODOLA, STARNA E COTURNICE

Come erano i territori di caccia negli anni 50/60?????? Se qualcuno si ricorda, vi sarete dati la risposta da soli del perchè queste specie negli anni seguenti sono diminuite.

da Il Nibbio 13/12/2016 11.42

Re:RIUNITO IL TAVOLO TECNICO PER PIANO DI GESTIONE DI ALLODOLA, STARNA E COTURNICE

Giovanni Persona per ANUU e Giovanni Ferrara per ARCI

da Cacciatore Umbro 13/12/2016 10.27

Re:RIUNITO IL TAVOLO TECNICO PER PIANO DI GESTIONE DI ALLODOLA, STARNA E COTURNICE

NESSUNA SA DIRMI CHI ERA PRESENTE ALLA RIUNIONE DELLE ALTRE ASSOCIAZIONI VENATORIE? GRAZIE.

da CACCIATORE TOSCANO 13/12/2016 10.20

Re:RIUNITO IL TAVOLO TECNICO PER PIANO DI GESTIONE DI ALLODOLA, STARNA E COTURNICE

Un ottimo lavoro fondato su innegabili principi, con ottime argomentazioni per salvare la caccia a queste specie, e le specie stesse. Piaccia o non piaccia, Federcaccia un gradino sopra. Ringraziamenti all'ottimo Dott. Sorrenti e al suo Ufficio. Saluti

da ERMES74 13/12/2016 7.59

Re:RIUNITO IL TAVOLO TECNICO PER PIANO DI GESTIONE DI ALLODOLA, STARNA E COTURNICE

Jo a Grosseto quest'anno ho fatto sempre numero...che dici??!!??

da Pratese 12/12/2016 17.41

Re:RIUNITO IL TAVOLO TECNICO PER PIANO DI GESTIONE DI ALLODOLA, STARNA E COTURNICE

Per favore, mi potete dire chi era presente alla riunione in rappresentanza delle altre associazioni venatorie? Grazie.

da Cacciatore toscano 12/12/2016 16.24

Re:RIUNITO IL TAVOLO TECNICO PER PIANO DI GESTIONE DI ALLODOLA, STARNA E COTURNICE

Dalle parti di Grosseto sono anni che non se ne vedono piu'...

da jo 12/12/2016 15.00

Re:RIUNITO IL TAVOLO TECNICO PER PIANO DI GESTIONE DI ALLODOLA, STARNA E COTURNICE

allodole qui al nord sono passate parecchie quest anno.segnatele sul tesserino quelle prese ,non devono poi avere scuse....

da paolobs 12/12/2016 13.04