Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
PSA. Arrivano i VerdiUmbria. Si va verso una proroga per i prelievi di cinghialiBasilicata. Nuovo piano per i cinghialiSparvoli. Niente demagogia sulla PSAPSA. Liguria. In arrivo nuove disposizioniPSA. Incontro formativo in ToscanaPSA. Massa Carrara: sospesa caccia al cinghialeBuconi risponde alla LAV: “non sono fantasiose utopie che salveranno fauna ed economia”Arci Caccia: i fatti per contrastare la peste suina africanaMarche. Task Force a supporto delle IstituzioniPeste suina. Ordinanza congiunta Ministero della Salute e MIPAAFPeste suina africana. Collaborare per il bene di tuttiPeste suina. Anche l'Arcicaccia si allertaArci Caccia e CUFA rinnovano il Protocollo d’IntesaBruzzone (Lega): la PSA circola se manca il controllo della fauna selvaticaFidc: su PSA dal Mipaaf una richiesta di collaborazione Langone e il sugo di cinghialeUmbria mantiene alto livello di guardia su PSAStop Piacenza e Parma a caccia collettiva ai cinghiali e con i caniBuconi "dagli animalisti parole indegne su Sassoli"Sparvoli. Su Psa "attenzione sì, allarmismi no"CCT: PSA, il ruolo determinante dei cacciatoriLa Regione Toscana afferma principio sussidarietà in materia venatoriaPSA: Arci Caccia si mobilita per fronteggiare l’emergenzaPeste suina: Regione Lombardia crea task force114 comuni tra Piemonte e Liguria rientrano nella Zona infetta PSARegno Unito. Fallita la petizione anticacciaToscana, nascono i CavFidc. Peste suina no ad allarmismi e strumentalizzazioniPSA. Agricoltori chiedono nomina Commissario StraordinarioAllerta cinghiale anche nelle MarcheEos slitta nel weekend del primo maggioIn Piemonte scattano misure preventiveRolfi: "Nessun caso di peste suina in Lombardia"Peste suina. Fidc "impegno a fianco delle istituzioni"Questione anellini: Regione Lombardia incontra le Associazioni venatorieCCT. Fagiani e lepri: al via le catture e le immissioni negli ATC toscaniLombardia. LAC impugna il calendarioAree protette. In Campania il TAR dà ragione alla RegioneMarche. Animalisti protestanoGonacon. In North Carolina cervi aumentati dopo progetto Piemonte, nessun accordo tra animalisti e agricoltoriDalla Regione Marche sostegno ai cacciatori su costi per la carne cacciataArci Caccia "accolto Odg su monitoraggio risultati GonaCon"Fidc Brescia: "la beffa della beccaccia a gennaio"Tecnico faunistico Santilli "controllo fertilità cinghiale, strategia efficace?"Lotti (Pd) "valutare se è opportuno avviare sperimentazione GonaCon"Toscana. Nuovo Piano di controllo cinghialiBilancio di stagione nel Canton TicinoEos vende già i bigliettiArci Caccia "Sterilizzazione cinghiali non ha fondamento scientifico"Dreosto e Casanova "soluzione cinghiali ridicola nei confronti dell'Europa"Caretta (FdI), sterilizzazione dei cinghiali ennesimo spreco di denaro senza risultatiBruzzone: "sterilizzazione cinghiali è presa in giro per i contribuenti"Fidc: "l'impegno dei cacciatori una ricchezza da valorizzare"Sicilia. "Il calendario venatorio non andava sospeso"Sicilia. Il CGA dà ragione ai cacciatoriFrancia. I danni degli ambientalistiArci Caccia "mancato Piano di gestione tortora nuoce alla specie"Importante riconoscimento globale per la falconeriaFidc estende ricerca satellitare al tordo bottaccio. Si parte in SardegnaMacerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Stop Piacenza e Parma a caccia collettiva ai cinghiali e con i cani


giovedì 13 gennaio 2022
    
 
 
Nonostante nessun contagio finora si sia registrato in Emilia-Romagna di PSA (Peste Suina Africana), dopo il vertice con il Ministero la Regione ha disposto lo stop nelle province di Piacenza e Parma alla caccia collettiva ai cinghiali e alla caccia con l’ausilio dei cani.

L’obiettivo è limitare il più possibile gli spostamenti dei cinghiali sul territorio e preservare la sicurezza degli allevamenti zootecnici, oltre che  avere una mappatura precisa delle zone a rischio per fermare i contagi.

La malattia, che colpisce suini domestici e cinghiali e non è trasmissibile all’uomo
- scrive la Regione -, se non fermata potrebbe rappresentare un grave danno economico per le aziende emiliano-romagnole che operano nel settore della zootecnia: una seria minaccia che potrebbe mettere in stallo la filiera suinicola, nonché le pregiate produzioni Dop della salumeria nazionale.

Dopo i primi casi rilevati in Piemonte e Liguria, la Regione Emilia-Romagna, in accordo con le regioni confinanti Lombardia e Toscana e sulla base delle indicazioni dell’Unità di crisi nazionale del Ministero della Salute, emana un primo provvedimento tramite un’ordinanza a firma del presidente Stefano Bonaccini e sospende alcune forme di caccia per la caccia al cinghiale nelle due province più a rischio: Piacenza e Parma.

Più in dettaglio, la decisione precauzionale, su disposizione delle indicazioni del Ministero della Sanità, stabilisce un blocco totale dell’attività venatoria nei comuni di Zerba e Ottone, situati lungo il confine della provincia di Piacenza con il Piemonte e la Liguria, e un blocco della caccia collettiva al cinghiale (braccata e girata), la caccia vagante con l’ausilio di cani e l’attività di “controllo” del cinghiale in forma collettiva nel restante territorio delle province di Piacenza e Parma.

Inoltre, sempre su indicazione del Ministero della Sanità, la Regione Emilia-Romagna – al momento fuori dalla zona infetta – assume tramite l’Ordinanza del Presidente anche le indicazioni di intensificare e rafforzare la sorveglianza sul cinghiale anche attraverso l’esecuzione di battute di ricerca attiva delle carcasse di cinghiale, incoraggiare ed accelerare le macellazioni dei suini negli allevamenti familiari, intensificare e rafforzare la vigilanza sulle movimentazioni degli animali sensibili e la vigilanza e verifica delle condizioni di biosicurezza degli allevamenti.

La Regione, nel frattempo, ha convocato per i prossimi giorni la Consulta Venatoria regionale e la Consulta agricola regionale, per informare cacciatori, imprese agricole, rappresentanze professionali e cittadinanza delle disposizioni prese per ragioni di tutela.

A preoccupare la conferma, il 6 gennaio scorso, di un caso di Peste suina africana (Psa) in un cinghiale in Piemonte, ad Ovada (Al) e un altro caso a poche decine di chilometri di distanza. I luoghi di ritrovamento dei cinghiali risultati positivi alla Psa sono relativamente vicini ai confini regionali emiliano-romagnoli, in particolare al piacentino.

“Stiamo lavorando a un approccio unico tra le Regioni interessate- spiegano gli assessori alle Politiche per la salute, Raffaele Donini e all’Agricoltura e Caccia, Alessio Mammi-. Per questo la Regione Emilia-Romagna ha deciso di istituire un’unità di crisi ad hoc, coordinata con le disposizioni del Ministero della Salute. Proprio a seguito delle indicazioni di oggi del Ministero, la Regione ha emesso un primo provvedimento che va nella direzione di una tutela della salute del settore suinicolo dell’Emilia-Romagna, un comparto fondamentale dell’economia emiliano-romagnola, che vale più di 300 milioni di euro.

“Oggi c’è ancora incertezza sull’ampiezza del contagio, anche se non si riscontrano casi sul nostro territorio- proseguono gli assessori - Serve la massima attenzione, in via precauzionale e in particolare nella segnalazione dei cinghiali e delle carcasse o resti. Abbiamo convocato anche la Consulta Venatoria e la Consulta Agricola per condividere le informazioni”.

Quindi massima tutela per la filiera suinicola regionale, che conta circa 1200 allevamenti, 1,2 milioni di capi e una produzione lorda vendibile stimata in 307 milioni di euro, nella quale sono ricomprese le varie Dop regionali: i prosciutti di Parma e Modena e numerosi salumi.

Per fare prevenzione sulla diffusione della Psa, la Regione ha avviato da tempo un servizio telefonico per segnalare eventuali cinghiali morti o resti. La campagna è rivolta ai cittadini, in particolare escursionisti, cacciatori, fungaioli e tartufai. Nel caso in cui ci si imbatta in un cinghiale morto (o nei suoi resti), l’invito è di telefonare allo 051 6092124, dopo aver memorizzato la propria posizione geografica, e di scattare una foto, da poter inviare successivamente ai servizi.

In allegato: Ordinanza regionale e Scheda sulla peste suina africana    

Leggi tutte le news

15 commenti finora...

Re:Stop Piacenza e Parma a caccia collettiva ai cinghiali e con i cani

lupus QUESTO È INDICE CHE CHI LI DOVEVA GESTIRE E SALVAGUARDARE HA FALLITO NONOSTANTE TUTTI I SOLDI CHE SONO COSTATI ALLA COMUNITÀ.

da QUALCNO DI SICURO CI SI È ARRICCHITO 16/01/2022 13.20

Re:Stop Piacenza e Parma a caccia collettiva ai cinghiali e con i cani

Intanto i lupi non li tocchi assolutamente... Se li vuoi toccare emigri... Anche perché ora sei rimasto senza la scusa dei pastori e delle pecore... Dato che con i vostri porcili infetti rischiare di impestargli gli allevamenti ora gli allevatori vi schifano a elica.... Quindi I pastori ti schifano... I lupi non li tocchi assolutamente e speriamo che tutti i lupi vengano tracciato o censiti al fine di immettere a fine anno 10 esemplari di lupi novelli per ogni esemplare mancante per eventuali sfigati che fuorilegge sparano ai lupi... e se vuoi fare diverso emigra... se quando te ne vai ci dici ti portiamo pure le pastarelle... Ciao ciao..

da Luca 16/01/2022 11.45

Re:Stop Piacenza e Parma a caccia collettiva ai cinghiali e con i cani

che i lupi siano fradici lo sa anche al gatto, ISPRA fa orecchio da mercante su una quetsione a dir poco IMBARAZZANTE...poi lupi...mezzi cani , ibridi schifosi , puzzolenti , spellacchaiti , fanno schifo solo a vederli andrebbero ( come fecero i nostri vecchi) eradicati alla radice ,,,una razza inutile a tutti...aspetto l'attacco all'umano e la morte di qualche innocente a breve...sono troppo vicino alle case

da lupus 15/01/2022 22.00

Re:Stop Piacenza e Parma a caccia collettiva ai cinghiali e con i cani

Robivenaticus, quello che hai detto dei lupi, scherzi a parte è da tenere molto in considerazione, visto che si cibano sia di cinghiali sani, sia di quelli malati,e pure delle carcasse,poi si spostano e e, defecano.per i boschi passano non solo cacciatori ma di tutti e di più che se la pestano o l arrotano la possono portare ovunque......

da Francesco 13/01/2022 20.35

Re:Stop Piacenza e Parma a caccia collettiva ai cinghiali e con i cani

i lupi sono sempre meno...sono malati...

da Tap 13/01/2022 20.32

Re:Stop Piacenza e Parma a caccia collettiva ai cinghiali e con i cani

I lupi????? I cinghiali???? Ma se I sacchettari hanno sempre detto che detestano i lupi e ci schiumando di rabbia dietro, solo per solidarietà verso i pastori e le pecore..... E ogni buon sacchettaro della domenica che si rispetti aggiunge che lui vorrebbe sparare si ai lupi, non per il borsone della domenica, bensì disinteressatamente perche lupi non li vogliono i porci....mo che fanno sti lupi li rincorrono perché hanno la peste suina????? Incredibile....

da Luca 13/01/2022 20.30

Re:Stop Piacenza e Parma a caccia collettiva ai cinghiali e con i cani

il fascistello Luca ha parlato! Auuugh!!

da Robert 13/01/2022 20.14

Re:Stop Piacenza e Parma a caccia collettiva ai cinghiali e con i cani

Ai lupi chi lo dice che non devono cacciare e inseguire i cinghiali che fuggendo possono sconfinare in altre regioni?

da Robivenaticus 13/01/2022 20.05

Re:Stop Piacenza e Parma a caccia collettiva ai cinghiali e con i cani

Frank il salame.... I sacchettari della domenica lavorano per il sacchetto pieno... Giusto... La vergogna è che per esercitare la loro passione da nocivo e da sacchetto pretendono di trasformare casa degli altri in sconfinati porcili da amministrare in esclusiva alla domenica per oltre 30 anni... composti da orde di porci completamente fuori controllo causando situazioni aliene e pericolose per gli altri... ovviamente perché poi questi nocivi ovviamente si infettano e mentre i sacchettari si prodigano senza che nessuno gli chieda niente ad affermare che non è colpa loro gli altri pagano... E Mentre sti 4 della domenica insacchettano in casa degli altri.... Cacciatori allevatori contadini automobilisti ecc ecc pagano ... Ma se oramai vi schifano pure gli allevatori il cerchio si stringe sempre di più Frank 44....

da Luca 13/01/2022 17.12

Re:Stop Piacenza e Parma a caccia collettiva ai cinghiali e con i cani

LUCA guarda che i cinghiali non sono stati contagiati dai cacciatori di cinghiali. Caso mai questi ultimi sono le vittime.

da Frank 44 13/01/2022 16.52

Re:Stop Piacenza e Parma a caccia collettiva ai cinghiali e con i cani

Frank peggio ancora!!!! Che vergogna!!!!per colpa dei sacchettari e dei porcili gli amici cacciatori di Piacenza non possono andare a esercitare la loro sacrosanta passione...vergogna... Cosi chi non lo avesse ancora capito ora ha compreso dove portano a noi cacciatori i borsoni e i sacchetti...

da Luca 13/01/2022 14.53

Re:Stop Piacenza e Parma a caccia collettiva ai cinghiali e con i cani

Dovrebbero andare a cercare le autorità i cinghiali morti non stare in ufficio e noi cacciatori lasciar perdere quando anno bisogno chiamano e noi di corsa poi la regione dovrebbe vietare anche chi va a cavallo chi porta i cani a passeggio in campagna in poche parole tutto e tutti non solo la caccia

da Pino 13/01/2022 13.36

Re:Stop Piacenza e Parma a caccia collettiva ai cinghiali e con i cani

LUCA, non hai capito un cazzo,la tua acrimonia verso i cinghiali ti ha impedito di capire che hanno proibito tutte le forme di caccia col cane. Scusa, dimenticavo che tu sei il classico " bruciasiepi " e quindi il cane non ti serve per sparare a quei poveri uccellini.

da Frank 44 13/01/2022 13.30

Re:Stop Piacenza e Parma a caccia collettiva ai cinghiali e con i cani

Soprattutto invidi i cacciatori di beccacce che devono starsene a casa.

da X il beota 13/01/2022 12.51

Re:Stop Piacenza e Parma a caccia collettiva ai cinghiali e con i cani

Un caro saluto agli amici cacciatori di Piacenza e Parma... Non sapete come vi invidiamo a poter esercitare liberamente la vostra passione senza vedere alla domenica ciondolare sul sentiero pubblico e in casa degli altri i sacchettari....un abbraccio anche agli amici allevatori che vedono il loro reddito a repentaglio per colpa di tutti questi porcili causati da un sistema vergognoso che affida l esclusiva gestionale dei porci all unica domenicale categoria al mondo che ha la peculiarità di prosperare al prosperar dei porci e di sparire allo sparir dei porci, buono solo a produrre pesti suine, incidenti mortali, devastazioni agrarie... Saluti

da Luca 13/01/2022 12.39