Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Divieto caccia. Assolti 4 cacciatoriCaccia Toscana, i motivi del Tar e le vie d'uscita per il futuroMarche: mozione indennizzi conduttori e proprietari fondiA ExpoRiva un incontro sulla caccia al cinghialeFidc "Migrazione pre nuziale, i laghi da caccia ospitano i migratori"Caccia. Tar Toscana dà ragione agli animalistiLiguria cancella 1000 ettari di superficie protettaSalvini: "sulla caccia non cambiamo idea"Riforma Parchi Piemonte sottrae 10 mila ettari alla cacciaFace ringrazia Heinz Florenz, storico presidente dell'Intergruppo cacciaFauna selvatica. Costa interviene sulle competenzeAlessandria, animalisti contro l'eradicazione della minilepre Fidc Bergamo: importante avere cacciatori formatiCia Siena: emergenza ungulati causa abbandono delle campagneGallinella (M5S) difende suo ddl "su caccia polemica ideologica"Brescia, processo sui contenimenti affidati ai cacciatoriCosì i College americani incentivano la cacciaCacciatori in Europa, Italia nella mediaCalendario venatorio Toscana: oggi la decisione del TarA Montalto di Castro un convegno sulla sicurezza a cacciaFidc, un video sul progetto AnasatCinghialai perugini sul piede di guerra contro l'Atc"Lepri e pernici, in Sardegna esclusi 22 mila cacciatori"Caretta: cacciatori puliscono laguna di CaorleFidc Lazio "Piano faunistico, la Regione non deleghi l'Ispra"CCT. Piano faunistico…la politica batte un colpoUmbria. Convocata la consulta faunistico venatoriaMinistro, sono questi i problemi, non la cacciaFIdC Marche. Aspettate a ringraziarciToscana: Arci Caccia Firenze proclama lo “sciopero dei contenimenti”Liguria. Altro diniego della CorteCinghiali. Pdl per il selecontrollo. FIdC risponde alla solita ideologia animalistaCalendario Marche. Polemiche a non finireToscana. Necessaria modifica al piano faunisticoCaccia. Divisioni nel Movimento 5 StelleRegno Unito. 14.000 giovanissimi a scuola di cucina di cacciaSardegna. Sospesa caccia lepre e pernice sarde. Chiesti i censimentiAbbiategrasso (MI), la riscossa della caccia giovaneCanton Grigioni. Droni in soccorso dei caprioliStop della Camera all'emendamento di Occhionero (LeU)Cacciatori di sua maestàArgenta (FE). Emergenza nutrie: ok ordinanza di catturaUNCZA. Bando di concorso per tesi di laurea 2019Piemonte. Cinghiali: ora l’imprenditore agricolo ha un ruolo centraleFACE: grazie alle donne il volto della caccia sta cambiandoMarche, le proposte della Libera Caccia per il calendarioCamillo Langone e il coraggio delle donne cacciatriciMarche, Calendario venatorio. Critiche alla proposta Arci CacciaUmbria, quali i tempi per il nuovo Piano Faunistico?Viezzi: "politici appestati e associazioni decapitate"Da CCT e Club Colombaccio un corso per giudici di richiamiPiano Limicoli, via libera a deroghe da BruxellesCabina di Regia ribatte a lettera anticaccia su quotidianiFidc Brescia. Su roccoli e deroghe finora un buon lavoroCCT: la caccia ripensi a strategia per la biodiversita'Conferenza Face "controllo predatori necessario per tutela uccelli"Centinaio "stiamo lavorando per riportare la caccia all'agricoltura"Emilia Romagna: pressing Lega su calendario 2019 - 2020Lo stambecco alpino va censito e gestitoRaid animalista in riserva di caccia nel cremoneseA Caorle la più alta densità di caprioli d'Italia In Piemonte agli agricoltori ruolo centrale nel contenimentoRolfi "appello a parlamentari per modifica 157 su contenimento"Caccia in deroga. La Lombardia ci riprovaMazzali "approvata mia mozione per eradicazione specie novice e invasive"Chiesto divieto caccia a 500 mt dal mare. Protesta Arci Caccia PugliaUmbria: protocollo d'intesa per gestione emergenza fauna Informazioni distorte sui cacciatori. Fidc Marche chiede rettifica La caccia è in cucinaParma, agricoltori chiamati ad abbattere i cinghiali?Tavolo Legge obiettivo. Cct "preambolo di crisi"Così la Francia gratifica e responsabilizza i suoi cacciatoriKc, braccio di ferro tra due ministeriAlessandro Sala alla guida dell'Atc unico di BresciaGoverno impugna norme sulla caccia della LiguriaVeneto, salta la discussione sul lupoPuglia. No di Fidc a estensione divieti di cacciaCalendario venatorio Campania, le proposte dell'AnuuLombardia: stanziati 192 mila euro per la fauna selvaticaAtc Siena: nessuna privatizzazione della cacciaCaccia, da FdI interrogazione a Salvini su violenze animalistiVeneto, in Consiglio proposte su caccia e lupoCCT: Le "capriole rovesciate" della Libera CacciaRiecco lo spauracchio del referendum sulla cacciaSardegna. E' flop del Movimento 5 StelleFace si unisce a campagna Ue #ProtectWaterCacciatori Trentini: sì ad abolizione Comitato Faunistico VenatorioCampania, convocato Comitato faunistico su calendario venatorioLezione di avifauna migratoria per 100 ragazzi delle medie

News Caccia

Arci Caccia Umbria: ancora niente selezione


giovedì 10 gennaio 2019
    

 
Data la chiusura della caccia di selezione a capriolo e daino, in conseguenza di una ordinanza del Tar (su ricorso Wwf), comunicata dalla Regione a fine agosto, Arci Caccia Umbria in una nota segnala che ad oggi ancora non si conosce la sentenza definitiva su questa vicenda.  

“Una sospensione prolungata della caccia di selezione alle specie Capriolo e Daino in Umbria, oltre a poter creare danni all’agricoltura finirà per mortificare la figura del cacciatore di selezione, in cui riponiamo grandi speranze per poter rilanciare una immagine corretta, reale e non manipolata dell’attività venatoria, sostenuta dalla consapevolezza che i cacciatori sono una parte della società utile alla campagna e ai suo abitanti, all’ambiente, al territorio e alla fauna”, scrive Arci Caccia.

L'associazione propone la predisposizione di protocolli tecnici con l’Ispra a livello regionale. “In questo modo ci doteremmo di strumenti di azione univoci su tutto il territorio, aventi un obbiettivo preciso. A questo scopo proponiamo la realizzazione di un “Progetto per la realizzazione di una banca dati sulla distribuzione, consistenza e gestione degli ungulati in tutta l’Italia”. Quindi dovranno essere analizzate la distribuzione e la struttura della popolazione indagata, le sue esigenze ecologiche e l’entità del prelievo nel contesto ambientale in cui si andrà ad operare, nonché il tasso di mortalità in funzione degli obbiettivi gestionali prefissati; questo permetterà di fissare dei valori di soglia limite, rispetto ai quali non sarà opportuno praticare il prelievo.

Arci Caccia Umbria intende, non solo mettere a disposizione di tutti, cacciatori e non, le idee e le esperienze maturate, ma soprattutto ascoltare la voce dei tecnici per raggiungere gli obbiettivi esposti, cosicché, in estrema sintesi, si possa intraprendere la strada per una nuova gestione. Un’iniziativa locale ma che potrebbe risultare vincente anche a livello Nazionale per cercare di dare un migliore futuro all’attività venatoria.
Leggi tutte le news

0 commenti finora...