Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Vignette Satiriche | Nella casa di caccia | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Chiusa caccia ai turdidi in Trentino. Protestano i capannisti I boschi di Capri ripuliti dai cacciatoriRaduno internazionale falconieri in FriuliPosticipo tordi in Lazio pubblicato sul BurFvg, chiusura anticipata beccaccia: Fidc impugna il decretoElezioni: Meloni vuole candidare Berlato Fidc Brescia, "controllo cinghiali? I cacciatori non partecipino"Basilicata, Fidc: una scelta europea per le date su tordi e beccacceBasilicata: pubblicato su Bur posticipo chiusura cacciaDa Siena, Cct, Atc e agricoltori chiedono cambio passoCinghiali Sassuolo, continuano le proteste degli animalistiMigratoria e recupero habitat: A Vicenza il punto di Face Med A Hit l'assemblea del Cic ItaliaFriuli: nasce l'associazione Cacciatori FvgTesserino venatorio, in Toscana mozione per educare i controlloriDella caccia ai tordi e dell'ambientalismo che in Italia non esisteUmbria: modifiche al regolamento sugli AtcSentenza Tar su vigilanza venatoria: condannate Enpa e LacL'Anuu Reggio Calabria adotta un pezzo di verde pubblicoDalla Francia buone notizie su beccaccino e frullinoPiemonte: ok in Commissione alla nuova legge sulla cacciaAmiche di BigHunter, Martina Rebecchi "per me la caccia è vita"In Alaska la selvaggina si macella a scuolaMai: importanti novità per la caccia in LiguriaAddio a Novello NovelliVeneto: Berlato riconfermato alla guida della III CommissioneAbruzzo: Arcicaccia, Libera Caccia ed Eps incontrano PepeSempre più ungulati nei Parchi toscani. Ok piano a San RossoreDirettive Uccelli e Habitat: a Roma l'incontro con la Commissione UEAbilitazioni venatorie: buone notizie dal Friuli Elezioni e caccia: allarme 5 StelleCaccia tordi Lazio al 31 gennaio: Zingaretti firma il posticipoFidc Toscana: dalla Lav a lezione di violenzaArci Caccia Pistoia: in pericolo il Progetto LepreElezioni Politiche 2018. La caccia si unisce in una Cabina di regiaPasso indietro sulla caccia alla volpe in InghilterraControllo cinghiale nei Parchi: i corsi nella Provincia di ArezzoPiemonte: ecco come vanno avanti gli Atc dopo il TarItalia Nostra e Lipu Puglia criticano la nuova legge sulla caccia40 ANNI DI SHOT SHOWLUPO. IN NORVEGIA RIAPRESIENA. PROTESTE PER I PRELIEVI NELLE AREE PROTETTEELEZIONI. SORRENTINO SCRIVE AI PARTITISassuolo: Controllo cinghiali, la Lav denuncerà i cacciatori Toscana: corsi ai cacciatori per il controllo nelle Aree ProtetteFidc Brescia sulle novità introdotte dalla Regione LombardiaSvizzera: diffamava i cacciatori, condannato anticacciaCinghiali, per Confagricoltura "bisogna cambiare la 157/92"Toscana: caccia cinghiale aree non vocate, il Piano per il 2018Abruzzo: nel nuovo Piano stop alle immissioni di selvaggina?Veneto: con i nuovi confini del Parco della Lessinia, più territorio cacciabileToscana, Presidenti Atc in subbuglioProroga per la caccia ai turdidi e beccaccia in BasilicataBeccaccia: il punto di vista di FidcMozione a Varese per chiudere la caccia per due anniVicopisano ringrazia i suoi cacciatoriFagiani in salsa francesePiacenza: a rischio abilitazioni venatorie nel 2018 Giovane cacciatore cade in dirupo. L'ultimo saluto a GabrieleProtocollo fra Arci Caccia e Carabinieri ForestaliCONFAVI. ARCICACCIA RISPONDETAR VENETO BOCCIA ARCICACCIAFEDERPARCHI. UN VIDEO DI CINQUE MINUTI SULLA GESTIONE DEL CINGHIALEBASILICATA. VERSO IL CONTROLLO DEI CINGHIALIPan: Veneto promuove modello di gestione delle tasse dei cacciatoriLa gestione della fauna selvatica ostaggio di pregiudizi animalistiLa differenza fra gestione faunistica e caccia selvaggia spiegata ai Verdi e al GovernoLiguria: ok a emendamento Piana su vigilanza venatoriaLombardia, Sala: annotazione tesserino solo a capo accertatoVeneto: sui fondi alle associazioni venatorie la Lega è divisaLombardia: ok a emendamenti su tesserino venatorio e addestramento caniPericcioli (Fidc Toscana) risponde a SorrentinoMolise: ok al prelievo selettivo degli ungulatiMattia Siri e l'impegno di unire i giovani cacciatoriLa Rai e la caccia: il mondo venatorio scrive alla politicaSorrentino “Fidc vuole privatizzare la caccia”Regione Veneto autorizza corsi per 50 guardie venatorie volontarieIl Pd ritira gli emendamenti di modifica della 157/92Assemblea Straordinaria Federcaccia: "Una visione condivisa da cui ripartire"Misteriosa scomparsa delle specie invasiveStefania Craxi difende la caccia ad Uno MattinaDonazzan "soldi alla caccia? Servono per le crisi aziendali"Atc Umbria: le proposte della Federcaccia regionaleI cacciatori savonesi al lavoro contro i disagi del geloIl prete cacciatore “la caccia è sanità di mente e corpo”

News Caccia

Umbria: modifiche al regolamento sugli Atc


venerdì 12 gennaio 2018
    

Preapertura Umbria
 
 
La Giunta regionale dell'Umbria, su proposta dell'assessore alla caccia, Fernanda Cecchini, ha approvato  la delibera che modifica il regolamento regionale  del 1 ottobre 2008 n. 6 "Norme per la gestione degli Ambiti Territoriali di Caccia": lo rende noto l'assessore Cecchini spiegando che "con il passaggio delle competenze in materia venatoria dalla Provincia alla Regione, il regolamento necessitava di essere rivisto, in modo da attribuire alla Regione tutte quelle funzioni che prima  spettavano alla Provincia".

L'assessore ha inoltre evidenziato, che l'aggiustamento del regolamento ha rappresentato anche l'occasione, "per proporre alla Giunta altre modifiche per consentire una migliore gestione dell'attività venatoria. A tal fine – ha aggiunto l'assessore Cecchini - sono state sentite le associazioni interessate, quindi le associazioni venatorie, agricole ed ambientaliste, che hanno avanzato le proprie proposte di modifica che poi sono state oggetto di discussione in varie sedute della Consulta Venatoria Regionale".

"Di fatto, con tali modifiche – ha precisato l'assessore -  la Regione ha voluto eliminare le differenze che fino ad ora avevano caratterizzato i tre ATC presenti nel territorio regionale al fine di consentire un lavoro congiunto per tutto ciò che attiene la gestione faunistica del territorio. Inoltre, tale regolamento introduce la figura del ‘cacciatore formato' dando la possibilità agli ATC, sempre con la supervisione della Regione, di organizzare corsi di formazione e di aggiornamento sulle materie inerenti l'attività venatoria".

"Relativamente alla gestione delle risorse economiche da utilizzare per il raggiungimento delle finalità previste dalla normativa – ha aggiunto - il regolamento chiarisce in maniera inequivocabile che gli ATC devono operare in analogia con quanto dispone la normativa vigente per le pubbliche amministrazioni".

Nello specifico le modifiche riguardano gli articoli 2, 4 5 6 7, 8, 9, 10, 11, 13, 14, 16, 18, 19, 21, 24, 25,26, 27, 28, 29, 30, 31, 32: in sostanza nella maggior parte degli articoli, si specifica che si sostituisce la Provincia con la Regione per tutta quella serie di competenze che prima facevano capo all'ente provinciale.

Inoltre, è previsto uno Statuto unico per tutti e tre gli A.T.C. della Regione e sono individuate le modalità di consultazione anche per gli agricoltori, mentre per l'approvazione dei bilanci e delle modifiche allo Statuto verrà prevista la presenza di almeno tre quarti dei componenti il Comitato di Gestione ed il voto favorevole della maggioranza dei presenti.

L'articolato introduce la maggioranza di 2/3 dei componenti il Comitato per le modifiche allo Statuto, e la possibilità per l'ATC di stabilire, d'intesa con la Regione, la partecipazione economica dei cacciatori, nonché di poter utilizzare anche per la prevenzione il fondo per il risarcimento dei danni alle produzioni agricole. Con il trasferimento delle funzioni inerenti la gestione venatoria dalle Province alla Regione si è instaurato un rapporto diretto tra la Regione e gli Ambiti Territoriali di Caccia, precedentemente mediato dalle Amministrazioni Provinciali. L'abbreviazione della "filiera gestionale" consentirà, anche grazie all'approvazione di queste modifiche del regolamento regionale, una maggiore snellezza nell'organizzazione  delle attività in materia ed una più diretta e stretta collaborazione tra gli Uffici regionali, aventi funzioni di programmazione, orientamento e controllo e le strutture degli ATC che attuano sul territorio il coordinamento dell'esercizio dell'attività venatoria. Questa rimodulazione di rapporti tra Regione ed ATC, sarà ulteriormente proseguita con la verifica e l'aggiornamento degli altri regolamenti e leggi regionali riguardanti il governo del territorio in ambiente faunistico venatorio. (Regione Umbria)

Leggi tutte le news

2 commenti finora...

Re:Umbria: modifiche al regolamento sugli Atc

Gli ATC ci portano alla rovina.

da Giovanni 13/01/2018 11.52

Re:Umbria: modifiche al regolamento sugli Atc

Ho cambiato idea: gli ATC sono necessari.

da Giovanni 12/01/2018 14.47