Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi | Notizie in Evidenza |
 Cerca
Bilancio sociale Fidc "raddoppia impegno sociale dei cacciatori"Mazzali: animalisti distruggono un altro capannoToscana. Consiglio di Stato respinge ricorso animalistaAcma: in Toscana recuperato beccaccino con trasmettitore satellitare del 2021 Fauna selvatica: Governo annuncia la riforma della legge 157/92Pac, cacciatori partner dei miglioramenti ambientali per la selvagginaCA TO3: "cacciatore circondato da lupi, prestare attenzione"In Gazzetta Ufficiale l'avvio della sperimentazione su contraccettivo GonaConSpiedo bresciano in lista prodotti tradizionali lombardiSimiani (Pd): ripristinare Comitato Faunistico Venatorio nazionaleParlamento UE chiede modifica status grandi carnivoriCaretta: proposta ministro Lollobrigida primo passo concreto su fauna selvaticaLollobrigida in Parlamento "occorre modificare legge 157 per emergenza cinghiali"Rendicontazione storno Toscana, nuove dateBruzzone (Lega) interviene su questione PSA Piemonte e LiguriaFidc: riprendono i monitoraggi sulla migrazione della beccacciaVaccari PD interroga il Governo sull'emergenza cinghialiPSA: Liguria snellisce procedure per i cacciatoriCommercio di animali selvatici: FACE si unisce a partner e governi alla conferenza globaleRegione Marche si adegua a ordinanza Consiglio di StatoColdiretti Torino chiede l'intervento dell'esercito contro i cinghialiDisturbo venatorio al Giglio. Fidc chiede intervento delle autoritàFirenze: nasce Unione Cacciatori Toscani UCTAnlc Marche "sul Calendario attendiamo giudizio di merito"CNCN protesta per gli attacchi animalisti ai cacciatori all’Isola del GiglioMarche: Consiglio di Stato ordina rispetto parere IspraAnziano in fin di vita dopo l'attacco di un cinghiale. Coldiretti "solo la punta dell'iceberg"Lombardia: sdegno dalle associazioni venatorie per voto in CommissioneLombardia: FdI protesta per gli emendamenti sulla caccia bocciatiMinistro Lollobrigida affronta la questione fauna selvaticaBruzzone "Regole cinghiale Liguria dissuadono la caccia, Ministro intervenga"Mazzali "ferito un anziano da cinghiale nel mantovano. Azioni inadeguate"Macerata: progetto scuola delle Federcaccciatrici

News Caccia

Atc 3 Massa: più selvaggina per la caccia in Lunigiana


venerdì 10 dicembre 2010
    
 Il Comitato di Gestione dell’Atc 13 di Massa Carrara sta valutando l'opportunità di aumentare il numero dei capi di selvaggina, in particolare lepri, da immettere nei territori di caccia, attraverso l'impiego di nuove risorse finanziarie. L'aumento della fauna stanziale sarà accompagnato da ulteriori miglioramenti ambientali delle zone agricole (già iniziati nel 2009), possibili grazie allo stanziamento di nuove risorse per il recupero di terreni abbandonati. Grazie ai lavori già messi in opera sono già state istallate apposite strutture di ambientamento per la selvaggina.

Si sta inoltre valutando, fa sapere il Presidente del Comitato Atc 13 Ms, Valerio Poi, l'opportunità “di coinvolgere un istituto agrario che possa individuare delle semine di varietà tradizionali da reinserire nel territorio e che possano essere utilizzate anche per fini non solo faunistici”.

Tra i temi del dibattito anche una porzione della Zona di Ripopolamento e Cattura Fiume Magra per cui la Provincia di Massa Carrara ha richiesto ad associazioni venatorie e di categoria di nominare un componente all’interno della commissione di gestione: “Sulla scelta della destinazione è compito della Provincia decidere cosa farne – spiega ancora Poi – Siamo disponibili a prendere in gestione l’area solo se sarà resa area cacciabile mentre nel caso resti una Zrc c’è già un progetto, vecchio di tre anni, per farne una zona di caccia razionalizzata che prevede il ripopolamento e la caccia con premi agli agricoltori e l’istituzione di un’area di addestramento cani”. Infine il tema dei cinghiali, fenomeno che stando a quanto riportato dai cacciatori, si sta ridimensionando per effetto della presenza dei lupi: “Nelle prossime settimane – conclude Poi – avremo un bilancio dei prelevamenti effettuati dalle squadre nelle zone di competenza, ma stando ai primi riscontri, sono molto diminuiti”.

Sullo sfondo che ha portato alla diminuzione del numero dei cinghiali presenti in Lunigiana, c'è il lupo, sempre più padrone dei boschi, su cui la Provincia di Massa Carrara sta effettuando un censimento nella zona della Lunigiana: “Il numero dei lupi – conclude il Presidente dell’Atc 13 Ms – sta crescendo. Potremo trovarci ad affrontare molto presto una problematica nuova che richiederà da parte di tutti una riflessione”.
Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:Atc 3 Massa: più selvaggina per la caccia in Lunigiana

Aumentare i capi di selvaggina stanziale senza fare prima la caccia ai numerosi nocivi ,serve solo a far ingrassare volpi,faine , cornacchie,gazze,ecc...ecc..,pertanto bisogna prima fare "PULIZIA" di questi nocivi.Per quanto riguarda il dibattito sulla Zona di Ripopolamento e Cattura vanno coinvolte tutte le associazioni venatorie presenti sul territorio provinciale se veramente si vuole dare una svolta alla gestione fallimentare di tutti questi anni,pertanto c'e'bisogno di cambiare sistema se veramente vi sta a cuore la nostra passione,continuando come e'stato fin ora ad arginare alcune associazioni da parte dell'ATC e Provincia sara'ancora una volta una scelta perdente.

da Valerio Ercolini 10/12/2010 10.26