Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
E se non ci fossero i cacciatori?Parlamento Ue. Berlato in codaLa Libera Caccia compie 60 anniCoordinamento Campania commenta ultime novitàFidc, prosegue raccolta dati con i diari di cacciaBrescia, aperta la caccia di selezione al cinghialeSardegna. Ok dal Comitato faunistico al Calendario venatorioPiemonte: in approvazione piani ungulatiPolemiche in Puglia sulla mobilità venatoriaVeneto sollecita riforma 157 "stop alla crescita delle specie nocive"Droni in soccorso dei caprioliFidc: dall'Ue richiesta divieto caccia moriglione e pavoncellaToscana approva caccia in deroga allo stornoBruzzone "La legge ligure sui Parchi rimarrà in vigore"Puglia: ok legge caccia 20 giornate migratoria in mobilitàGoverno impugna legge Liguria su riperimetrazione ParchiFidc Veneto sull'incontro con l'assessore PanA Macerata ripartono i corsi per nuove guardie venatorieAbruzzo. Presentata proposta calendario venatorio Tar Campania ordina ricalcolo del territorio cacciabileCaccia Veneto. Le richieste di Berlato alla RegioneBrescia. Otto rinviati a giudizio per il controllo del cinghiale Roccoli, ancora nulla di fatto in LombardiaFidc Umbria: dalla Regione inutili penalizzazioni sul calendario venatorioFidc Bergamo "i cacciatori siano impiegati nel controllo faunistico"Caccia cinghiale. Regione Calabria sollecita modifica 157 I cacciatori catanesi impegnati nella tutela ambientaleBerlato alla guida di ACRAncora risultati dallo studio sul beccaccinoHabitat floridi nelle zone gestite dai cacciatoriPiemonte. La nuova GiuntaCCT: attenti a ddl tutela animaliModena. Nuove guardie volontarieCalendario Campania: la Federcaccia dissenteFoggia. Corso di formazione per cacciatori di selezioneSvizzera: meno vincoli per l'abbattimento dei grandi predatoriSICILIA. La Regione incontra i cacciatoriFIDC. Si riunisce a Roma il consiglio di presidenza Benevento. Proposte per la caccia al cinghialeCalendario Venatorio CampaniaLARA COMI RINUNCIATOSCANA: PIANO DI PRELIEVO DEL CAPRIOLOPIEMONTE. FEDERCACCIA SUL CAPRIOLOFIDC BERGAMO: UN CORSO DI FORMAZIONE PER LA CACCIA COLLETTIVA AL CINGHIALEUK. I GIOVANI E LA CACCIALOMBARDIA. LO SCIOPERO DEI CINGHIALAI MUOVE LA REGIONESTUDIO COLLI EUGANEI SU EMERGENZA CINGHIALIArezzo Corso Articolo 37Caccia bloccata. Fidc Piemonte scrive agli associatiDopo servizio de Le Iene dietrofront sulla volpe della RegioneCCT: in Toscana servono convenzioni per superare parere Ispra Atc Firenze Sud, tempo di bilanciIn Senato inizia esame su Ddl proteggi animaliFACE, il progetto del mese è quello di FedercacciaComo: i cacciatori di selezione incrociano le bracciaPiccoli uccelli. Campionato spagnolo di cantoFidc Veneto, Tosi lascia. Possamai nuovo PresidenteUmbria, nuovo sistema informatico per la caccia di selezioneKC: la Spagna dice la sua"Sui calendari venatori il solito terrorismo animalista"Notizie da WeHunter: in Puglia presentate modifiche al Piano faunisticoCalabria, "l'agricoltura si impegni su cinghiale e per la biodiversità"Marche, Regione inserirà tortora in preaperturaSu Instagram la caccia è under 30Francia. La migrazione pre nuziale del beccaccinoBenevento, ancora ferme abilitazioni venatorieGiunta non approva. Caccia di selezione bloccata in PiemonteRavenna, Coldiretti chiede Piani controllo ungulatiLav: Regione Lazio finanzi ricerca su contraccettivi per cinghialiMassimo Bulbi Presidente Fidc Emilia RomagnaCacciatori salentini in campo per la difesa dell'ambienteFidc, Liguria. Sui caprioli pieno appoggio alla RegioneBaggio: attacchi animalisti mi avvicinano ai cacciatori Fauna selvatica. Sul tavolo del Ministro Centinaio la proposta CiaBornaghi (Fidc Bg): novità positive per la caccia lombardaSpecie aliene tra cause principali perdita biodiversitàMazzali "mio emendamento salverà molti appostamenti fissi"Salvini spara sui Ministri Cinque Stelle: "avanti senza Toninelli, Trenta e Costa"Piemonte. Vignale esce dal Consiglio regionaleFiocchi va in Ue "voglio mantenere gli impegni presi"Berlato torna al Parlamento europeoSuggerimenti EPS su Calendario Venatorio CampaniaLombardia, via libera all'Osservatorio. Rolfi "Sarà nostro Ispra"KC, Italia isolata. Commissione UE riapre la partita Quasi debellata peste suina in SardegnaSardegna. Parere positivo Ispra su caccia a lepre e perniceLega, in Ue almeno 8 parlamentari pro cacciaPD, riconfermati a Bruxelles De Castro e SassoliForza Italia. Passano Comi* e TajaniEuropee. Fratelli d'Italia, più voti per i pro cacciaCCT: l'animalismo esce sconfitto dalle urneEuropee: netta vittoria per la Lega. Animalisti allo 0,6%In Liguria all'esame nuovo regolamento su richiami vivi

News Caccia

Domenica il via alla caccia: un affare per lo stato da 138 milioni di Euro


mercoledì 17 settembre 2008
    

fidcMolti i temi trattati durante la conferenza stampa tenuta da Federcaccia  il 18 settembre a Roma in occasione dell'apertura della caccia di domenica. Sono circa 800 mila i cacciatori che attendono con ansia il via della stagione all'alba di domenica prossima. Un vero business da 138 milioni di euro raccolti dalle tasse che i cacciatori pagano a Stato, Regioni e zone di caccia. 

Riportiamo di seguito i comunicati stampa Fidc

I CACCIATORI PAGANO ALLO STATO OLTRE 138.000.000,00 DI TASSE

I costi per il nulla osta alla caccia sono continuamente lievitati tanto che oggi in alcune regioni ogni cacciatore spende solo per le licenze l’equivalente di una pensione sociale.
Ecco indicativamente i costi
Porto di fucile: euro 173,16. Calcolando che i cacciatori sono circa 800.000 lo Stato incassa solo per il porto di fucile 138.528.000,00 euro
Tesserino regionale: costo variabile a seconda delle regioni. Lombardia: euro 64,56 – Lazio euro 32,65
ATC: costo variabile a seconda della Regione, da 10,00 a 250,00 euro

In base ad un rapido calcolo risulta che i 60.000 cacciatori del Lazio pagano 10.389.600 euro allo Stato per la licenza di caccia, poi 1.959.000 euro alla Regione per il tesserino su cui indicare i giorni di caccia e le prede. A questo va aggiunto il costo dell’ATC che a Milano, per esempio, costa 130,00 euro a cacciatore.

DALLA CACCIA ALMENO 45.000 POSTI DI LAVORO


La “caccia” dà lavoro ad almeno 45.000 persone. La stima, a ribasso, è stata fatta in base ad uno studio dell’Eurispes edito qualche tempo fa ed ancora oggi valido proprio perché non vi sono stati mutamenti significativi.

1.In base a quanto rilevato dalla Camera di Commercio di Brescia risulta che la produzione italiana è ancora oggi la più importante: per le armi lunghe da caccia e tiro contribuisce per oltre 70% al totale Europa: l’Export supera l’80% del prodotto, con punte oltre il 90% per alcuni tipi di armi (repliche ed avancarica). La produzione è destinata, per la quasi totalità, al mercato ricreativo, sportivo-venatorio internazionale, non essendovi, di fatto, fabbricazione di armi militari. Sempre in base ai dati forniti dalla Camera di Commercio di Brescia, le aziende produttrici di armi e munizioni in Italia contano circa 3.900 addetti.

2.Per quanto riguarda la produzione risulta che:
-Le armi lunghe sportivo/venatorie prodotte nel 2005 sono circa 529.000
-Le armi lunghe sportivo/venatorie prodotte nel 2006 sono circa 498.000
- Le armi lunghe sportivo/venatorie prodotte nel 2007 sono circa 549.000

3.  Attualmente la rete della distribuzione conta circa 2.000 le armerie su tutto il territorio nazionale.

4.Per il mercato della caccia, facendo riferimento ad recente studio dell’Eurispes, risulta che gli addetti dell’intero settore è di circa 45.000.

CACCIA APERTA DA DOMENICA

Circa 800.000 cacciatori al via, dall’alba di domenica, per l’inizio della nuova stagione di caccia: si concluderà per tutti il 31 gennaio prossimo.
Le “doppiette”potranno far preda fra un limitato numero delle oltre 400 specie presenti in Italia. Drastici i limiti di catture quotidiani (2 soli fagiani o pernici) e sono inoltre consentiti nelle regioni 3 giorni di caccia, su 5, a scelta del cacciatore. Severa la legge che punisce con sanzioni, sequestro del fucile e della licenza di caccia, chi contravviene alle norme.
I cacciatori possono far prede solo in particolari zone a cui accedono previo versamento di una quota che varia a seconda delle provincie dai 10,00 a i 250,00 euro. Complessivamente quindi i cacciatori pagano tre “tasse”: una alla Regione, un’altra allo Stato per il porto di fucile ed una alla zona di caccia (in gergo ATC – Ambito territoriale di caccia o CA – Comprensorio alpino). I Federcacciatori italiani (quasi 400.000) svolgono un attivo servizio di gestione dell’ambiente e della risorsa selvaggina, si impegnano nei ripopolamenti con fagiani, pernici, lepri, nella sorveglianza dei riproduttori durante l’epoca della nidificazione e dell’intero territorio difendendolo anche con le Guardie Volontarie della Federazione Italiana della Caccia dalla nefastazione dei bracconieri.
Tutti i Federcacciatori collaborano con la Protezione Civile ed intervengono in caso di incendio dei boschi e durante calamità naturali.
La caccia oggi, infatti, è profondamente mutata e la gestione del territorio e della selvaggina lo sta a dimostrare.
La Federazione Italiana della Caccia ha da tempo intrapreso una profonda opera di sensibilizzazione dell’opinione pubblica anche attraverso le proprie pubblicazioni edite dalla Greentime, editrice di riferimento (Il Cacciatore Italiano – 420.000 copie, Caccia e Tiro) e concorsi letterari fra cui “I racconti dell’ars venandi” formato da una giuria particolarmente qualificata a presieduta fino alla sua morte dal grande scrittore Mario Rigoni Stern.


Roma, 18 settembre 2008

 

Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:Domenica il via alla caccia: un affare per lo stato da 138 milioni di Euro

se i cacciatori vogliono sparare perke' nn si fanno dei poligoni apposta x loro, ke possono sparare fino a un milione di cartucce,uccidere e' incivile e disumano, e con questo ce' lo' anke con gli allevamenti di animali.sempre x il denaro. demenziale.

da ivan rossi 26/08/2010 13.51