Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Calendari Venatori | Essere Cacciatore | Cenni Storici | Falconeria | Racconti | Libri | Arte | Indirizzi | Dati Ispra | Le ottiche di Benecchi |
 Cerca
Friuli: 9 mila euro alla protezione civile dall'EnalcacciaLombardia. Un'app per mappare il rischio CoronavirusAnuu Benevento sollecita Atc a donare fondi per l'emergenzaEmilia Romagna: Assessore alla sanità ringrazia i cacciatoriFedercaccia Friuli Venezia Giulia dona 8mila euro all'Anpas di BergamoCites. Non cambia nienteFidc: un vaccino nel mirino, con lo Spallanzani per combattere il virusRegione Toscana approva proroga scadenze venatorieDa Fidc Campania 20 mila euro al Centro ricerche della Fondazione PascaleCoronavirus. Fidc Lombardia: testimonianza di un medico in prima lineaAnuu: "Domenico Grandini non è più tra noi"Emilia Romagna: quasi 100 mila euro anche dai cinghialaiCuneo: donazione dall'Arci Caccia per l'emergenzaFidc raccoglie quasi 800 mila euro per l'emergenza CoronavirusCampania. Proposte sul calendario venatorio 2020 2021Lazio, proroga scadenze per cacciatori e istituti faunisticiRinviata al 2021 Caccia VillageUn ventilatore polmonare al S. Martino di Genova dalle cacciatriciControllo volpe. Lav attacca Regione LombardiaMazzali segnala Mocavero in ProcuraDonazione alla Croce Rossa da Enalcaccia Una: dal mondo venatorio oltre 1 milione di euro per emergenza covid19La Cultura rurale contro il CoronavirusCct: attenzione alle fake news18 mila euro all'Azienda Sanitaria da Fidc FrosinoneFidc Emilia Romagna: donati 108 mila euro per l'emergenzaLombardia, rinviato termine iscrizione ad Atc e CaVietato spostarsi fuori dai comuni di residenzaDai cacciatori toscani altri 35 mila euro per la lotta al Covid 19Bana, il ricordo di Massimo MarracciBana, altri messaggi di cordoglioDa Federcaccia i primi 500 mila euro in beneficienzaBana: il ricordo della FACEI cacciatori veneti rinunciano a 300 mila euro per l'emergenza Covid-19Addio all'Avvocato Giovanni BanaStiamo a casaFidc Piemonte. Sulle specie cacciabili una risposta agli animalistiFidc: dalla Lipu una proposta sconvolgenteEmergenza Covid: altre donazioni dal mondo venatorioToscana: Arci Caccia in campo contro il Corona VirusDonazione alla Croce Rossa Italiana dalla Cabina di RegiaCovid-19. Raccolta fondi di ItalcacciaServe uno sforzo da parte di tuttiCovid-19: anche i Giovani Cacciatori si attivanoDall'Atc Caserta altri 100 mila euro per l'emergenza Eleonora e la storia di Nello. Un pensiero a tutti i cacciatoriCCT: Cacciatori gente concreta e onestaEps Campania propone fondo Emergenza Covid19Mazzali: le associazioni venatorie si autotassano per donare agli ospedaliAssessore Rolfi "il cuore grande dei cacciatori"Dreosto plaude alla solidarietà delle associazioni venatorieCovid-19. Ancora solidarietà dai cacciatoriAnnullata Assemblea Generale CICLombardia, le nuove disposizioni sulla fauna selvatica100 mila euro per emergenza sanitaria anche dai Cacciatori TrentiniRolfi: restituzione tesserini venatori al 20 aprileBerlato: Raccolta fondi dalle attività portatrici della cultura ruralePiemonte, per la Giunta 15 specie devono tornare cacciabiliFidc Sardegna "cacciamo il coronavirus"Veneto: sospesa caccia di selezione e censimentiBergamo: da Enalcaccia 5 mila euro all'OspedaleEmergenza Covid-19. Da Fidc nazionale altri 100 mila euro Covid-19. Da Arci Caccia Marche donazione al servizio sanitarioFidc Marche invita a donare il sangueCovid-19: 5 respiratori anche dall'Atc Unico di BresciaPiani di prelievo ungulati e galliformi. Indicazioni da Ispra CoronaVirus, CCT: "insieme per l'Italia"CoronaVirus: le cacciatrici si organizzano su facebookAnlc: "Tutti insieme contro il CoronaVirus"Da Fidc Bergamo 30 mila euro per l'emergenza CoronaVirusAnuu Lazio: Regione al lavoro per proroga tesseriniSvezia, a caccia fin dai 15 anniFidc Brescia dona 8 respiratori all'OspedaleCovid-19: raccolta fondi Fidc Friuli Venezia GiuliaEmilia R. Pompignoli chiede proroga termini tesserino venatorioNorvegia. 70 mila cacciatriciLombardia, consegna tesserini slitta al 20 aprileCoronaVirus: rimandata operazione Paladini del territorio Caccia di selezione sospesa. Un chiarimento dalla CCTFrancia, assemblea FNC: cacciatori in campo contro l'ecologia da salottoVeneto: Zottis (PD) chiede proroga termini riconsegna tesseriniPAC post-2020. Scienziati chiedono impegno per la biodiversitàRichiami vivi: Commissione Ue risponde a interrogazioneCovid-19. Sospesa caccia di selezioneFidc Umbria, vertici sospesi. Elezioni da rifareLiguria: incostituzionale caccia dopo tramonto. Ok accertamento capiAnuu: un febbraio da ricordareFidc Brescia: poco utili controlli a campione su tesserini venatoriCaccia in cucina. Ecco i ristoranti aderentiAbruzzo: approvato disciplinare caccia di selezione cinghialeAncora catture caprioli nell'area dell'ospedale di PistoiaStudiare la pernice elbana per salvare la specie in ItaliaSalerno, iniziate le immissioni di 4 mila fagianiMilioni di visualizzazioni per il video di "cucina" di un cacciatoreAnnullata Assemblea nazionale Anuu MigratoristiMolise, proroga per i corsi caccia selezione al cinghialeUe: nuova interrogazione contro bando del piomboToscana. Eps e CCT si confrontanoCinghiali. Assessore Mai "va cambiata la legge sulla caccia"Salvatore La Spada. Scultore e cinofiloM5S Piemonte: "sventato blitz su specie cacciabili"Cinghialai abruzzesi contro il Piano faunistico e IspraFassini: “Verifichiamo condizioni per Cabina di Regia in VenetoCinghialai puliscono le strade di Genga (AN)Specie simili, studio scientifico cita esempio italianoCinghiali, Remaschi smentisce Coldiretti "in Toscana 160 mila cinghiali"Piemonte: ecco le modifiche alla legge sulla cacciaCuneo, rinviati esami abilitazione venatoriaCacciatori arruolati contro le nutrie

News Caccia

Rudy De Candido: Lo scultore di Cadore


venerdì 24 marzo 2017
    



Se io fossi stato un grande mecenate del Rinascimento ed avessi avuto immense possibilità finanziarie, non mi sarei lasciato andare a sfarzi, feste mondane o spese folli, ma mi sarei circondato di grandi artisti.
 
Perché, oltre ad amare la caccia ed il magico mondo venatorio in tutte le sue forme, ho una passione viscerale per tutte le opere d’arte che hanno come soggetto la selvaggina ed il suo habitat. Che sia un bronzo, una ceramica, una scultura, un’incisione su legno o un’opera su tela non ha importanza, quel che conta è che gli scenari e le forme siano riportate in armonia e con bravura, e questo accade soltanto quando chi li crea è spinto da una profonda ispirazione oltre che, naturalmente, da doti innate. E tra gli artisti che avrei voluto vicino ci sarebbe stato sicuramente anche lo scultore cadorino Rudy De Candido.
 
Purtroppo la timidezza e la modestia di questo simpatico ragazzone (Rudy è nato a Santo Stefano di Cadore il 25 giugno del 1967!) ha limitato notevolmente la sua notorietà, ma, credetemi, Rudy nel campo delle sculture in legno è veramente uno dei più grandi in assoluto. Rudy de Candido intaglia il legno e lo fa, oltre che con grande passione, con una facilità ed una maestria fuori del comune, come se gli venisse spontaneo farlo. Noi due ci siamo conosciuti in occasione di una delle prime edizioni della Fiera della Caccia di Longarone ed immancabilmente visto che tra l’altro Rudy è anche cacciatore, col tempo siamo diventati ottimi amici. Sono andato a trovarlo a Santo Stefano di Cadore, dove vive con la sua bella moglie Nadia (famosissima cacciatrice della zona!) e con le sue due splendide figlie Sabrina e Valentina, per cercare di capire come può una persona dare vita ad un semplicissimo pezzo di legno raccolto nel bosco. Rudy è nato e vissuto nelle dolomiti bellunesi dove i lunghi e freddi inverni spesso costringono persone ed animali a muoversi poco ed a rimanere rintanati nelle loro case e nei loro rifugi.
 
Così Rudy (che tutto gli si può dire ma non che sia pigro o fannullone), quando il gelo e la neve l’obbligava a rimanere in casa, scendeva nella legnaia, sceglieva un pezzo di legno che l’ispirava particolarmente e lo trasformava in un capriolo che si gratta, in un cervo che bramisce, in un numeroso gruppo di camosci che si scaldano sulle rocce o in un maestoso cedrone al canto. A Rudy riesce più facile trasformare un “ciocchetto” di cirmolo in un animale selvatico che a molti di noi di disegnarlo su carta. Ho sempre ammirato tutti gli artisti che gravitano intorno al mondo della caccia come pittori e incisori, ma lo scultore è forse quello che ammiro di più. Chissà, forse perché possiede la dote unica e particolare d’interpretare e di saper gestire alla perfezione le giuste proporzioni. Sono decenni che immancabilmente tutte le estati vado in vacanza in montagna, e tutte le volte, puntualmente, dedico molto del mio tempo libero a visitare mostre, laboratori e negozi di artigiani ed artisti.
 
Ho viste centinaia di sculture in legno e qualcuna, quando ho potuto, l’ho anche acquistata per la mia piccola collezione. Ho preso sempre sculture a soggetto venatorio che riproducono caprioli (il mio preferito!), cervi, camosci e cinghiali sia in semplice color legno sia dipinte, ma quel che distingue questo genere lavori e che ne caratterizza la “mano”, è la cura dei particolari. Soltanto un  profondo conoscitore degli animali selvatici e delle loro abitudini riesce a riprodurre così fedelmente le loro fattezze e le loro espressioni.
 
Quanti scultori, incisori e pittori riescono a cogliere alla perfezione un’espressione, un gesto o lo sguardo allarmato o incuriosito di un capriolo? Quelli che lo sanno fare è soltanto perché è come se avessero sempre il soggetto sotto gli occhi. Quanti artisti si ricordano di riprodurre i fasci muscolari presenti sul collo di un cervo, la criniera di un camoscio, le anche spigolose di un capriolo o la barba di un muflone? Rudy è uno di quelli, perché sin da piccolo, attratto dalla natura alpina, della flora ed in particolare della fauna selvatica, come gli si presentava l’occasione si faceva accompagnare nei boschi e sulle Dolomiti per osservare attentamente gli animali.
 
In mezzo a paesaggi meravigliosi e incontaminati imparava a conoscere camosci, cervi, caprioli, galli forcelli e cedroni e come posseduto da una passione irrefrenabile e da una vocazione interiore, ha cominciato a riportare le sue emozioni sul legno, trasformandosi in breve tempo in uno dei più bravi scultori del settore. Rudy alla scultura è riuscito ad abbinare un tocco magico che pochi sono in grado di imitare; non esagero affermando che i suoi lavori ti trasmettono l’amore che lui ha per la montagna e per le sue creature.
 
Rudy è completamente autodidatta e specifica sempre con vigore che non ha mai seguito mode o stili e che non è mai stato influenzato dagli altri colleghi. Dopo averlo conosciuto a fondo e dopo aver ammirato molti dei suoi lavori, mi è ancora difficile capire come un artista tanto bravo possa essere così modesto. Rudy alza immancabilmente le spalle a tutti i miei complimenti, come se per lui intagliare in un modo  così bello sia la cosa più naturale del mondo. Forse Rudy è inconsapevole di saper creare degli oggetti unici che sono in grado di dare ai loro possessori una felicità impossibile da descrivere. Può capirmi soltanto chi ha la mia stessa passione per l’oggettistica venatoria e per tutte le cose belle di questo genere. Quando passo vicino ai “miei” caprioli che mi ha fatto Rudy, tutti tassativamente frutto della sua ispirazione (come ogni buon artista che si rispetti, le sue opere migliori sono quelle che non fa su ordinazione!) devo sempre fermarmi  ad ammirarli e ad annusarli perché, oltre alla magica bellezza, mantengono il profumo caratteristico delle meravigliose foreste dolomitiche da dove vengono. Recentemente, mentre discutevo con Rudy di caccia, di selvaggina e di sculture, mi ha confidato che ha intenzione di prendere una nuova carabina con cui poter far tutto sulle sue amate montagne.
 
Gli ho consigliato il 7 mm Remington Magnum, ma penso di aver fatto male! Perché so che in mano sua,  ad un abile cacciatore com’è lui, atletico, arrampicatore e con  la vista acuta, potrebbe dare troppo filo da torcere a tutti i signori del bosco e delle montagne cadorine! Ormai è diventata una simpaticissima tradizione il nostro scambio, quasi quotidiano, di saluti. Lui mi racconta del tempo che fa nelle Dolomiti e a quali soggetti sta lavorando, mentre io, invece, gli descrivo come va la caccia in Maremma. Ma tutte le volte che il postino suona alla mia porta con un pacco e vedo che proviene da Santo Stefano, devo mettermi seduto prima di aprirlo!    

                                                                  
Marco  Benecchi
 
 
 

Get Adobe Flash player Install latest flash player if you can't see this gallery.

Leggi tutte le news

1 commenti finora...

Re:Rudy De Candido: Lo scultore di Cadore

Opere bellissime!

da Martino, Bologna 26/03/2017 14.37