HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | Foto | I Video | Sondaggi | Quiz | Forum | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Downloads | Fresco di Stampa | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani |
  Cerca

Marco Fabbri

"Romagnolo purosangue, nasco  come cacciatore  migratorista , esperto per la caccia al campo soprattutto  pavoncelle e pivieri. Dietro l’insegnamento di vecchi cacciatori , imparo a fischiare a quasi la totalità dei migratori ,eccetto le anatre . Sbarco , per caso , alla caccia a palla all’estero. Malattia alla quale rimango piacevolmente  “incollato”.  La mia passione per piume , corna e pellicce mi ha portato a spasso in svariati luoghi della nostra penisola e nel Mondo da quando avevo poco più di dieci anni con il babbo. Credo , senza falsa modestia, di essere un “viaggiatore” venatorio e non un turista.  In Europa amo  la Scozia che visito regolarmente anche più di una volta all’anno. Posseggo  quattro cani. Tre cocker springer  e un bassotto da traccia. In ogni caso, non mi ritengo  un esperto cinofilo.  Tordi , colombi e anatre , sono il mio chiodo fisso.  Uccelli che inseguo in Italia e all’estero con grandi sacrifici. Tra gli ungulati sono affascinato dal capriolo e camoscio . Come tanti,  ho conseguito quasi tutti i trofei europei ,molti africani e alcuni del Nord America. In ogni caso, non disdegno le cacce minori come le allodole e , dove consentito, anche i fringuelli. Perché no?  Sicuramente, credo di essere, senza falsa modestia,  un cacciatore a  360 gradi in grado di comprendere molte delle problematiche legate ai variegati mondi della canna liscia e rigata.  Nella vita , oltre ad essere padre di due splendide figlie Martina e Matilde e compagno della paziente  Cristina , figlia di un grande cacciatore, sono un export-manager nella nostra azienda familiare che vanta  quasi 60 anni di storia.  Questo lavoro mi ha portato e mi porta ancora in giro per il mondo. Al giornalismo sono arrivato alla fine degli anni ottanta per una rivista di pesca diretta dall’amico  Antonio del Campana , scomparso in giovanissima età,che mi ha incoraggiato a intraprendere questa avventura. Nel 1990 sono diventato  giornalista pubblicista iscritto all’ordine. Di quegli anni , ricordo le mie centinaia di pubblicazioni su itinerari di pesca a mosca , grandissima passione appresa in Scozia,  trekking e  alcuni di mountain bike. Dietro un grave lutto ho interrotto la mia attività giornalistica .   L’amico  Direttore di Caccia+ , Lorenzo Baldi, però mi aiutato a riprendere per mano carta e penna. Da allora collaboro attivamente alle due testate Weidmansheill e Caccia+ con grande entusiasmo, umiltà  e passione. Scrivo di viaggi , itinerari, personaggi, tecniche , con molta semplicità ma competenza . Mi piace  trascrivere sulla carta  notizie e curiosità del nostro mondo".

Marco Fabbri