Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Schede Fucili | Cartucce | Prove | Codice di sicurezza | Libri | Pallini d'acciaio |
 Cerca
Un po' di balistica
mag3


03/05/2019 8.11 

 
 
Cari amici di Bighunter per chiudere gli argomenti trattati ultimamente non manca che affrontare le nozioni connesse ai rimbalzi dei proiettili.

Se per le schegge il comportamento era piuttosto intuitivo ed intuibile, tutto cambia per ciò che concerne i rimbalzi.

Innanzitutto definiamo il campo di azione dei rimbalzi che certamente oltre alla conoscenza prettamente teorica di balistica esterna ha una grande importanza pratica sia per la realizzazione dei poligoni di tiro, in particolar modo di quelli a cielo aperto, sia per la balistica forense (nello studio dell’azione di un’arma da fuoco delle traiettorie, del punto di origine dello sparo ecc.) che per tutti i cacciatori in materia di sicurezza nell’uso delle armi da caccia.

L’argomento è molto complesso sia perché i parametri di cui tener conto sono molteplici (innanzitutto il tipo di proiettile con tutte le sue caratteristiche specifiche, l’angolo di impatto e la velocità, ma anche il tipo di substrato sia solido che liquido, la dimensione di quest’ultimo, la reazione del materiale impattato ecc.) sia perché non è semplice fare dei pronostici sui rimbalzi giacché al minimo variare di uno dei parametri di cui sopra l’effetto finale sarà diverso.

Per prima cosa occorre individuare i vari tipi di superfici che ricevono il colpo distinguendole in 4 grandi gruppi:

A) Superfici liquide (non solo fiumi o laghi ma anche piccole raccolte di acqua).

Molto spesso si tende a ritenere che il proiettile affondi sempre se sparato nell’acqua e che questa non possa essere una superficie “rimbalzante”, ma così non è.

Se infatti l’impatto avviene con un angolo limite piuttosto piccolo, < 10°, il proiettile si immerge per pochi cm e riemerge con un angolo di poco maggiore di quello di ingresso. (Quindi può risultare pericoloso un piccolo specchio d’acqua o anche una pozzanghera durante la caccia!).

Rimbalzo in acqua

B) Superfici rigide (quelle che non subiscono modifiche significative al momento dell’impatto).

Non esiste un elenco certo di quelle che possono essere considerate superfici rigide, per così dire refrattarie al colpo d’arma da fuoco (anche una lastra di acciaio può avere resistenza balistica differente al variare del proprio spessore o del calibro dell’arma utilizzata), ma di solito vengono considerate tali le lastre di acciaio, alcuni tipi di rocce e minerali ecc.
 
 

Rimbalzo su superficie rigida non cedevole
 

 
C) Superfici cedevoli (quelle che all’impatto subiscono un’evidente modifica).

Non bisogna pensare che rientrino in questa categoria solo quelle superficie che si deformano o si schiacciano all’urto ma bisogna considerare anche quelle che vengono spostate nell’impatto.

Per quello che interessa a noi in particolare la terra come pure la sabbia nei campi di tiro che vengono erroneamente considerate materiali assorbenti per antonomasia, non considerando che non tutti i colpi che andranno ad impattare con il terreno saranno trattenuti e si potranno generare, quando l’angolo di impatto è all’interno di un certo range (che muta da calibro a calibro anche in funzione delle caratteristiche merceologiche della palla ma non è così limitato come si potrebbe credere - anche + di 20°) dei colpi di rimbalzo molto pericolosi.

Questo perché il proiettile si ficca nel terreno spostando in avanti una certa quantità di quest’ultimo che si accumula, gli fa da trampolino di lancio, e quindi non solo il proiettile rimbalzerà ma l’angolo di fuoriuscita sarà più ampio di quello di entrata.

Generalmente per ciò che concerne lo studio dei rimbalzi di distingue il munizionamento dell’arma corta da quello per arma lunga.

Nel nostro caso però sarebbe più pratico distinguere l’effetto del munizionamento per il fucile rispetto a quello per carabina di precisione, distinguo che potrà orientarci nella scelta dell’arma a noi più congeniale. Mentre infatti il primo genera rimbalzi più frequenti ma letali a distanze decisamente più contenute (da poche decine di metri a un paio di centinaia a seconda del munizionamento scelto) il secondo, che nella maggior parte dei casi ha un proiettile che si frantuma nell’impatto o penetra più facilmente il bersaglio, quando questo non avviene e rimbalza intero (o produce schegge di una certa entità) sarà letale o pericoloso anche a distanza ben oltre i 1000 metri. Di contro il suo angolo limite sarà più contenuto, inferiore ai 10°.


Rimbalzo su superficie rigida non cedevole



D) Superfici frangibili (quelle che si frantumano nel punto d’impatto) La particolarità di questo materiale è che, pur frantumandosi nell’impatto, non genera materiale da dislocare in avanti, per cui la parte più profonda del solco si troverà nell’area vicina al punto di ingresso del proiettile. Presentano una variabile di rimbalzo piuttosto varia, sebbene infatti la maggior parte dei colpi di rimbalzo su superfici frangibili genera angoli di uscita più piccoli di quelli di entrata a volte questa legge si smentisce.


Rimbalzo superficie cedevole e frangibile

Raffaella Sorropago

Tags:

Tuo Nome:
Your email:
(Optional) Email used only to show Gravatar.
Your website:
Titolo:
Commento:


162.158.79.87
Aggiungi un commento  Annulla 

8 commenti finora...

Re: Un nemico subdolo: il rimbalzo

Mah, io da produttore di munizioni scriverei sulla confezione "vietato sostare nel raggio d'azione del proiettile".... Voila'
Comunque avete ragione.

da Alessio M. Piemonte  26/06/2019 0.17

Re: Un nemico subdolo: il rimbalzo

Io direi che al contrario di quanti la pensano per la palla unica di tutti i tipi sarebbe molto meglio cacciare il cinghiale con la canna liscia e cartucce a pallettoni. Non c'è paragone tra fucili a canna rigata che tirano anche a 2 Km di distanza e il pallettone che al massimo dopo 100 metri diventa innocuo, per cui mettendo alla posta cacciatori a distanza di 100 metri uno dall'altro neanche il rimbalzo può essere pericoloso. Pace e bene cari salsicciai.

da jamesin  20/06/2019 13.23

Re: Un nemico subdolo: il rimbalzo

Visto il successo che incontrano questi articoli, forse sarebbe il caso di parlare d'altro.

da bansberia  12/06/2019 12.09

Re: Un nemico subdolo: il rimbalzo

figurarsi se con l'ignoranza che c'è in Italia in tema di caccia al cinghiale si arriverà a proibire la palla asciutta nella canna liscia e la canna rigata semiautomatica, chissà quanti morti ancora !

da Simon mago  06/06/2019 10.22

Re: Un nemico subdolo: il rimbalzo

Ci vuole una legge NAZIONALE. Al cinghiale si spara solo con la rigata.

da Mauro  05/06/2019 16.03

Re: Un nemico subdolo: il rimbalzo

proibire subito la palla asciutta nella canna liscia e la canna rigata semiautomatica !!!!!

da Albert  20/05/2019 10.09

Re: Un nemico subdolo: il rimbalzo

Sono pienamente d'accordo nel proibire l'uso della canna liscia per la caccia al cinghiale, la palla asciutta, data la bassa velocità è pericolosissima.

da Mauro  11/05/2019 17.36

Re: Un nemico subdolo: il rimbalzo

Ben scritto.
Come in gran parte d'Europa Proibirei subito in battuta l'uso delle palle asciutte per i fucili a canna liscia ed i fucili semiautomatici a canna rigata.
Per la sicurezza Solo espress e carabine a ripetizione manuale.

da Vecchio cedro  07/05/2019 12.57
 
Blog_List
 
New_Blog
Devi aver effettuato l'accesso ed avere il permesso per creare o modificare un blog.
 
Search_Blog
 
Blog_Archive
Archivio
<ottobre 2019>
lunmarmergiovensabdom
30123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031123
45678910
Mensile
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007