Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Archivio News | Eventi | Blog | Schede Fucili | Cartucce | Prove | Codice di sicurezza | Libri | Pallini d'acciaio |
 Cerca
Un po' di balistica
gen7


07/01/2019 15.41 

 
Se, prima di andare a caccia, sapessi già in anticipo cosa mi abbia riservato il destino, credo che preferirei rimanermene a letto. Sono una specialista della caccia, nel senso che, prima di partire per una qualsiasi battuta, dal fagiano all’alce, cerco sempre di organizzarmi al meglio, preparandomi al prevedibile nei minimi particolari, ma comunque il mio pensiero è sempre lo stesso: chissà cosa mi riserverà il destino, il fato?

Dopo tantissimi anni di caccia e di esperienze venatorie in generale, più o meno positive, sono arrivato alla conclusione che nella caccia c’è solo una certezza: “Che non esistono certezze!”. Infatti puoi fare tutti i preparativi che vuoi o i pronostici più ottimistici e poi ritrovarti a vivere l’imprevedibile, anzi a volte l’impensabile. Per confermare ciò voglio raccontarvi cosa mi è capitato di vivere durante una piacevolissima battuta di caccia al cinghiale, ma prima di procedere con la fedele cronaca, devo spiegarvi alcune cose.

Tanti anni fa dovetti imitare gli Indiani d’America, da molti ritenuti i migliori cacciatori del mondo. Quegli uomini indomiti, fieri e tenaci, che dalla caccia traevano tutto il loro sostentamento, al punto che, se per caso venivano feriti od erano malati, non potendo aggirarsi furtivi per i boschi, la loro esistenza e quella dell’intera famiglia era messa in grave pericolo. Per questo motivo curavano molto la salute del loro corpo. In modo particolare si preoccupavano di proteggere: i piedi, fondamentali per inseguire la selvaggina e le mani, insostituibili per lanciare le loro armi. Ma la caratteristica che distingueva quei formidabili cacciatori era un’altra: erano nomadi. Seguivano le migrazioni degli animali e non si fermavano mai a lungo in una zona dove questi, per un motivo oppure per un altro, scarseggiavano. Delle loro prede non sprecavano niente, perché ne recuperavano ogni minima parte, ma appena le catture diventavano rare o troppo difficili, caricavano i loro pochi averi e partivano alla ricerca di territori nuovi e più ricchi di selvaggina. Ed è stato proprio per questo motivo perchè anch’io, seguendo i loro insegnamenti, sono stato costretto a cercarmi nuove zone di caccia, ma il mio cuore e sempre rimasto ai Monti della Tolfa, a quelli che vedo tutti i giorni affacciandomi alla finestra di casa.
 
 
Negli ultimi trent’anni ho cacciato prevalentemente in Toscana, nella provincia di Grosseto, nel mio ATC di residenza e con la mia Squadra di Cinghialai del posto, ma ogni tanto mi piace ritornare alle origini, parlare con i vecchi amici d’infanzia nel nostro dialetto e ripercorrere insieme gli aspri sentieri percorsi in gioventù. Così, una bella domenica di fine novembre mi sono fatto convincere a partecipare ad una battuta organizzata dalla squadra di Allumiere ma, nonostante il mio entusiasmo, la giornata iniziò tutt’altro che bene.

 
Purtroppo (si fa per dire perché tutte le volte che una delle mie cagne partorisce è come se io diventassi nonno), prima di andare a caccia dovevo accudire i miei cani e governare una mamma con sette cuccioli, il padre, altri quattro, tutti singolarmente non è mai semplice. Specialmente di mattino presto, quando ancora non ci si vede bene e non viene neanche l’acqua corrente! Vabbé, sono i piccoli problemi della vita, non è il caso di farne una tragedia. Ma poi, arrivati ovviamente in ritardo al raduno alla casa di caccia, io e i miei due amici del cuore, Alfonso e Romano, scoprimmo con orrore che il sorteggio delle poste era già stato fatto e che a noi tre erano toccate le ultime. Praticamente saremmo stati attaccati alla bracca urlante per tutta la durata della battuta e non solo, dulcis in fundo, saremmo stati anche a vento cattivo. Cominciamo bene pensai, ci sarebbe voluto che non mi sparasse la carabina o che il mio nuovissimo Punto Rosso facesse i capricci per essere davvero a posto.



Dopo un lunghissimo tragitto in salita arrivammo in cima al monte delle Granciare, a ridosso di un vecchissimo muro fatto con delle pietre a secco in puro stile maremmano. Con il mio vecchissimo amico Sandro Papa, il Capocaccia, decidemmo come sistemarci alla meglio, così lasciammo Alfonso dove c’era più visuale, subito dopo si fermò anche Romano, mentre al sottoscritto non gli rimase altro da fare che presidiare un pezzo di muro franato con Sandro a poche decine di metri di distanza che, dopo aver dato le ultime disposizioni per radio, liberava i suoi cani e iniziava a berciare! Che bellezza…. Una bella giornata come quella, gettata al vento. Ero l’ultima posta, praticamente attaccato ai bracchieri che strillano e pure col vento sulla nuca. In pratica la battuta non era neanche iniziata che io, Alfonso e mio cugino Romano eravamo già esclusi dalla cacciata.

Ma con chi avresti voluto prendertela? Sperai con tutto il cuore che almeno i cani avessero trovato subito qualcosa per gustarmi almeno una bella canizza. Per come la vedo io, sarebbe andata più che bene anche così. Comunque, quasi con rassegnazione, sistemai il mio bel seggiolino a treppiedi, controllai che il punto rosso fosse a posto, cercai di individuare degli ipotetici passi per avere una certa idea da dove sarebbero “potuti arrivare” i cinghiali ed infine camerai una 30.06 ricaricata con palla Nosler Ballistic Tip da 165 grani nella mia amata BAR Long Trac Composite. Poi cercai d’individuare dov’erano mio cugino Romano e Sandro, grazie all’alta visibilità dei loro indumenti. In battuta la prudenza deve MAI essere considerata troppa.
 

Avuta la certezza che tutto fosse a posto mi concessi un bel cornetto alla crema. Cosa volete? La vita è già tanto amara, perché privarsi dei piccoli piaceri di gola? Fortunatamente i cani, sciolti sopra le tracce fresche, non tardarono a scovare i cinghiali, arrivarono sulle lestre aggressivi e compatti, mettendo subito in movimento un buon numero di animali senza che si fossero fatti abbaiare un solo minuto a fermo. A malincuore li sentii latrare verso le poste “basse”, dove, da lì a poco, se tutto fosse andato per il verso giusto, avremmo dovuto sentire anche i primi spari. Ma come dice il saggio? “a caccia non esistono certezze!” Infatti, in men che non si dica, la canizza compì un ampio cerco per tornare indietro, praticamente verso di noi, o meglio verso la bracca, che presa alla sprovvista non riuscì a pararla, facendo uscire cinghiali e cani dalla battuta. Ho sempre definito il cinghiale come il vero e indiscusso RE della Macchia, perché nel fitto del bosco fa davvero quel che vuole. E’ un animale forte, scaltrissimo, intelligentissimo e soprattutto imprevedibile. In pochi minuti, quella che si preannunciava essere una bella battuta s’era invece trasformata in un vero disastro. Sentivo i cani dietro di me, ma impercettibilmente….. mi sembrò che fossero in avvicinamento, che stessero rientrando! Ora la situazione s’era capovolta, le nostre poste da pessime erano diventate le migliori dello schieramento!
 


Il primo a tirare fui proprio io, abbattendo un porcastro di una venticinquina di chili, poi tirò Romano ed anche Alfonso, colpendo rispettivamente un altro rosso ed una bella scrofa. Non feci neanche in tempo a rimpiazzare i due colpi sparati, che vidi il fratello del cinghiale abbattuto affacciarsi furtivo sul muro diroccato. L’abbattei con un preciso colpo al collo. E due! Vai un po’ a raccontarle certe azioni di caccia! Non era trascorsa neanche un’ora dall’inizio della battuta, che noi tre, gli ultimi arrivati, le ultime poste messe a vento sfavorevole, contro ogni previsione avevamo abbattuto già quattro cinghiali!

E il meglio doveva ancora venire. I bracchieri erano così vicini che per recuperare i cani impiegarono pochissimi minuti. “Te l’avevo detto che questo erano poste buone” disse Sandro facendomi l’occhiolino. “Come no. Solo che non sono venuti come avrebbero dovuto!”. Gli risposi sorridendo.


Quando hai già sparato un colpo, o meglio ancora due ed anche i tuoi amici più cari hanno avuto l’occasione di divertirsi, sei molto, ma molto più rilassato. Davvero! Ipotizzai di godermi il resto della battuta seduto sul mio traballante seggiolino ammirando le prede abbattute che, se pur “modeste”, erano comunque arrivate come il cacio sui maccheroni. Nel monte delle Granciare le canizze imperversavano e non mancavano neanche gli spari. Finalmente tutto girava per il verso giusto e se ognuno avesse fatto il proprio dovere, alla fine i risultati ci sarebbero stati.

Ero tutto preso con le mie riflessioni filosofiche che una “raffica breve” di tre colpi tirata sotto di me mi fece sussultare. Doveva essere stato Mauro a sparare, la posta prima di Alfonso, e quegli spari mi fecero scattare il campanellino d’allarme. Non è che per caso a qualche cinghiale, magari più furbo degli altri, gli era venuta la voglia di forzare l’accerchiamento nel punto più debole della battuta, dove sono i battitori a parare? Io ero più o meno schierato con loro, ma armato con una carabina semiautomatica potente, affidabile e perfettamente tarata e non con un “tronchino” sovrapposto caricato a salve!
 
 
Lentamente mi alzai dal seggiolino e stetti pronto ad ogni evenienza, Come al solito furono le spie alate del bosco, le ghiandaie e i merli, ad avvisarmi che qualcosa nel folto stava venendo verso di me. In quel punto la macchia era fittissima così aspettai già imbracciato verso l’unico spazio aperto nella vegetazione. Finalmente udii il familiare rumore provocato da un grosso selvatico e subito dopo vidi apparire nel varco tra due cespugli una testa irsuta. Il colpo partì subito, quasi da solo, appena il Red Dot  si sovrappose a quella sagoma scura, ma il risultato non fu quello sperato. O almeno non fu uno degli esiti più comuni che abitualmente seguono lo sparo. Sappiamo tutti che se il colpo va a segno, novanta volte su cento senti il selvatico cadere, magari scalciare, a volte anche grugnire o rigirarsi su se stesso, se invece il colpo va a vuoto, quasi sempre è seguito dal rumore provocato dalla fuga vertiginosa del selvatico. Io, al contrario, non udii niente. Aspettai qualche secondo poi mi feci coraggio ed andai a vedere. Il cinghiale era là…. letteralmente fulminato sul posto! Involontariamente lo avevo centrato perfettamente tra la testa ed il collo abbattendolo all’istante. Ed era davvero enorme! Ottimisticamente lo stimai sui centoquaranta chili di peso, ma centoventi doveva farli davvero tutti. Era un grosso, poderoso, astutissimo solengo con delle difese eccezionali, che aveva deciso di forzare l’accerchiamento nel punto che, secondo lui, era il meno pericoloso, dove doveva esserci soltanto la bracca a gridare, invece aveva trovato me. Avete capito il furbacchione? Il vecchio cinghiale aveva preferito andare verso una folla urlante di cacciatori piuttosto che dirigersi in un’infida zona silenziosa e come si fa a non avere un riverente rispetto per un selvatico così?

Verso l’ora di pranzo Sandro decretò la fine della battuta, per procedere con calma al recupero dei cani e dei cinghiali abbattuti, ma i monti della Tolfa non sono come quelli toscani…. Per descrivere l’asprezza del territorio è sufficiente che vi racconti una vecchia storia. Si dice che tanti anni fa, ad un allumierasco sotto Naja, chiesero da dove provenisse e lui in dialetto stretto rispose: “dal paese dove i somari mangiano i sassi”! Non potete immaginare che razza di mazzo ci toccò fare per portare giù dal monte i cinghiali abbattuti, in particolare il mio più grosso. L’unica cosa che raccomandai ai miei vecchi amici maremmani prima di scendere a valle fu di avere un occhio di riguardo per il trofeo. Perché ne ho visti danneggiare davvero troppi durante tanti lunghi e laboriosi recuperi. Per fortuna quel giorno, che non era iniziato proprio benissimo, finì invece nel migliore dei modi,”coi piedi sotto il tavolino”, a brindare col vino rosso novello alla salute della ritrovata, vecchia compagnia!


Marco Benecchi


 

Tags:

Tuo Nome:
Your email:
(Optional) Email used only to show Gravatar.
Your website:
Titolo:
Commento:


162.158.79.141
Aggiungi un commento  Annulla 

14 commenti finora...

Re: E' proprio vero che il buon giorno si vede dal mattino?

Sono d’accordo.. tutto ciò che è superfluo non serve. Io ho preso una bar modello hunter e non ci penso proprio a cambiarla

da Little John  22/01/2019 12.03

Re: E' proprio vero che il buon giorno si vede dal mattino?

Tolti la canna e l'otturatore,
Sono molto diversi tra loro,
Il gruppo scatto, la carcassa, asta e calciatura.....

In una armeria prova a confrontarli,
Anche se sta diventando difficile perché di MK II Long Trac se ne trovano sempre meno...
M

da Marco B x Andrea  21/01/2019 16.04

Re: E' proprio vero che il buon giorno si vede dal mattino?

Ciao Marco, da profano, non capisco in cosa la Bra mk 3 sia inferiore alla mk 2, mi dai qualche chiarimento?
Grazie
Andrea

da Andrea  21/01/2019 15.24

Re: E' proprio vero che il buon giorno si vede dal mattino?

Ciao Marco, da profano, non capisco in cosa la Bra mk 3 sia inferiore alla mk 2, mi dai qualche chiarimento?
Grazie
Andrea

da Andrea  21/01/2019 15.02

Re: E' proprio vero che il buon giorno si vede dal mattino?

A malincuore devo darti ragione,
Anche le mitiche BAR stanno....
Scivolando nel baratro "concorrenziale",
Io, ad esempio, una MK III non la vorrei neanche in regalo,
Si sta perdendo la concezione BASILARE nella costruzione delle armi.
La NECESSITA' di produrre "ad ogni costo" strumenti affidabilissimi,
Anche se questo vuol dire guadagnarci un po' meno......

Guardate le HK 770 e 940, ad esempio?

Quando non è più stato possibile costruirle e venderle a prezzi competitivi, hanno cessato la produzione
Perché certe lavorazioni e certi materiali non potevano permettere risparmi o economie.
M

da Marco B x Ghas  21/01/2019 7.46

Re: E' proprio vero che il buon giorno si vede dal mattino?

le browning problemi? e' certo!! come tutte le cose moderne anche i grandi iniziano a fare schifezze

da ghas  20/01/2019 14.29

Re: E' proprio vero che il buon giorno si vede dal mattino?

Va bene, ti ringrazio. Ma ho letto che è successo a molti altri e tutte con lo stesso problema della regolazione.

da Luca Gualt  10/01/2019 18.32

Re: E' proprio vero che il buon giorno si vede dal mattino?

Tienimi informato,
Perché...
Anche se non sono delle HK 770
le BAR è MOLTO raro che s'inceppino....

Saluti
M

da Marco B x Luca Gualt  10/01/2019 16.17

Re: E' proprio vero che il buon giorno si vede dal mattino?

Non mi permetterei mai di toccare la presa a gas. Andrà alla Browning settimana prossima, dove hanno sistemato un’altra carabina di un mio compagno di caccia. Hai colto, canna da 47. Per quello ho deciso di usare la N140. Provate anche le 150 grani con la sua dose da 52 grani. Inceppava ad ogni colpo. I bossoli non vengono mai espulsi in avanti ma sempre indietro o al massimo di lato. La ricarica è bella potente ma non ne vuole sapere di espellere i bossoli come si deve. Quando tornerà dalla browning la riproverò sperando si risolva il problema.

da Luca Gualt x Marco B  10/01/2019 14.52

Re: E' proprio vero che il buon giorno si vede dal mattino?

NON TOCCATE MAI LA PRESA GAS,

Per me hai sbagliato anche la dose della ricarica
La N 140 è TROPPO VIVACE per palle superiori ai 150 grani!
Non so chi te l'abbia consigliata ma io NO di sicuro
Per la BT da 165 usa 59 grani di N 160 e vedrai che andrà molto meglio...

Ma io ti ho già capito al volo...

La tua Tracker è a CANNA CORTA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Pazienza,
Vai comunque tranquillo, tanto per i cinghiali non fa differenza..
Mi RACCOMANDO invece la cura del bossolo!!!!!

Prova magari le BT da 150 grani con 52 grani di N 140, nella tua BAR sarebbero perfette..

Un'altra cosa:

E QUESTO LO DICO PER TUTTI!!!!!!!!!!!!!!!!

Sapresti descrivermi la "parabola" del bossolo sparato?
Per farmi capire meglio..
Dopo lo sparo il bossolo dove va?
In AVANTI, verso la canna a SX?
Di lato a SX?
Oppure indietro a SX?

Se il bossolo va violentemente in AVANTI vuol dire che la cartuccia è MOLTO potente,
se va di lato un po' meno,
mentre se il bossolo viene espulso "all'indietro" la carica è piuttosto scarsa

Fammi sapere
Buona
M

da Marco B x Luca Gualt  10/01/2019 11.29

Re: E' proprio vero che il buon giorno si vede dal mattino?

Buongiorno Marco (ti do del tu). Non sapendo come contattarti scrivo sul blog, così posso condividere le esperienze anche con gli altri amici. Volevo innanzitutto ringraziarti per i tuoi scritti, sempre interessantisimi e ricchi di particolari da cui trarre spunto. Quest’anno ho usato una browning bar tracker, tolte le mire metalluche e montato un bel punto rosso.. soddisfattissimo!! Camerata in 30-06 con due ricariche, provata solo una sugli irsuti.. nosler b tip 165 grani e 50 grani di viht. N140.. micidiali! Su 5 cinghiali arrivati 4 caduti, e in due casi presi un po’ dietro, ma la b tip serve proprio a questo. Il quinto è tornato da dove e venuto e la browning mi ha “lasciato a piedi”. Si inceppava continuamente. Problema? Regolazione presa di gas. La mia domanda è questa.. dalle mie parti (appennino reggiano) in molti hanno avuto problemi con le browning, soprattutto con le ultime, problemi appunto della regolazione della presa di gas... qualcuno sa come mai?

da Luca Gualt  10/01/2019 10.54

Re: E' proprio vero che il buon giorno si vede dal mattino?

Perché mi fai queste domande?
Vuoi farmi litigare con Frederic Colombiè della Browning?

Vediamo...

Forse potrei risponderti così..
A ME non piacciono le Novità..
Preferisco sempre i modelli PIU' COLLAUDATI, quindi le Penultime versioni?
Che dici?
Potrebbe andare bene come risposta?
Un abbraccio
M

da Marco B x Andrea  08/01/2019 14.35

Re: E' proprio vero che il buon giorno si vede dal mattino?

Complimenti per l’abbattimento! È proprio vero che il bello della caccia è la sua grande imprevedibilità!

da Little John  08/01/2019 13.43

Re: E' proprio vero che il buon giorno si vede dal mattino?

Ciao Marco, quale preferisci tra la browning mak 3 e la 2, credi che i due centimetri di canna in più servano? Credi che i due centimetri in più possano sbilanciare la carabina ancora di più in avanti?
Grazie

da Andrea  08/01/2019 10.30
 
Blog_List
 
New_Blog
Devi aver effettuato l'accesso ed avere il permesso per creare o modificare un blog.
 
Search_Blog
 
Blog_Archive
Archivio
<marzo 2019>
lunmarmergiovensabdom
25262728123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031
1234567
Mensile
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007