Logo Bighunter
  HomeCacciaCaniFuciliNatura
Editoriale | Blog | Eventi | Meteo | I Video | Sondaggi | Quiz | Le Leggi | Parlano di noi | Amici di Big Hunter | Amiche Di Big Hunter | Solo su Big Hunter | Tutte le news per settimana | Contatti | BigHunter Giovani | Sondaggio Cacciatori |
 Cerca
Archivio
<ottobre 2020>
lunmarmergiovensabdom
2829301234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930311
2345678
Mensile
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
dicembre 2012
novembre 2012
ottobre 2012
settembre 2012
agosto 2012
luglio 2012
giugno 2012
maggio 2012
aprile 2012
marzo 2012
febbraio 2012
gennaio 2012
dicembre 2011
novembre 2011
ottobre 2011
settembre 2011
agosto 2011
luglio 2011
giugno 2011
maggio 2011
aprile 2011
marzo 2011
febbraio 2011
gennaio 2011
dicembre 2010
novembre 2010
ottobre 2010
settembre 2010
agosto 2010
luglio 2010
giugno 2010
maggio 2010
aprile 2010
marzo 2010
febbraio 2010
gennaio 2010
dicembre 2009
novembre 2009
ottobre 2009
settembre 2009
agosto 2009
luglio 2009
giugno 2009
maggio 2009
aprile 2009
marzo 2009
febbraio 2009
gennaio 2009
dicembre 2008
novembre 2008
ottobre 2008
settembre 2008
agosto 2008
maggio 2008
aprile 2008
marzo 2008
febbraio 2008
gennaio 2008
dicembre 2007
novembre 2007
ottobre 2007
settembre 2007
agosto 2007
luglio 2007
giugno 2007
feb15


15/02/2017 11.41 

Cane da ferma

La ferma conclude il lavoro del cane da caccia e da quel momento il successo dell'azione venatoria dipende dal cacciatore, dalla sua tecnica di avvicinamento, dalla sua esperienza e anche dal suo "sesto senso".

Con ciò non voglio negare che in alcuni casi il comportamento del selvatico sia imprevedibile, ma sono convinto che nella maggior parte dei casi il modo di avvicinarsi del cacciatore al cane fermo possa in buona misura determinare la reazione della selvaggina nel senso voluto.

Devo premettere che le mie opinioni sono maturate sulla caccia alle starne (praticata in Italia fino agli anni '80 e poi in alcuni paesi dell'Est Europa), selvaggina che conosco meglio.

Credo di poter dire che le famiglie delle starne, sia quando si alimentano che quando si spollinano, delegano ad alcune di esse (le "vedette") la sorveglianza sia per evitare la sorpresa di eventuali pericoli, e l'iniziativa per le tecniche difensive o elusive da adottare.
 
Ed è la necessità difensiva di poter avvistare tempestivamente il pericolo che induce le starne a prediligere terreni con vegetazione adatta a celarle, ma non così alta o folta da impedire loro di scorgere per tempo il pericolo che si avvicina.

Pertanto il cane in ferma viene tempestivamente avvistato e la immobilità del cane determina la reazione istintiva delle starne di avvalersi della difesa passiva dell'immobilità.

In questo caso il cacciatore che si avvicina al cane da dietro (come avviene di regola) viene scorto dalle starne molti metri prima che giunga all'altezza del cane, ed esse si involano subito a distanza di sicurezza (fuori tiro).

Per poter giungere a tiro occorre una nuova strategia perchè le situazioni difficili esigono contromisure adeguate.

Per chiarire il concetto farò un esempio paradigmatico.

Nelle sterminate steppe dell'Est Europa la bassissima vegetazione consente alle starne di avvistare il cane da lontano, e questi, se è di buona qualità, per evitarne l'involo, deve imparare a fermarle a non meno di 30 metri, ma il cacciatore in avvicinamento avvistato già a grande distanza, ne provoca l'involo precoce.

Per questo i cacciatori locali cacciano le starne non con il cane, ma facendo dei grandi semicerchi di 10/20 persone, che avanzano sparando all'involo.

Ma le difficoltà stimolano ad escogitare contromisure e progressivamente ho capito che le "vedette" delle starne sono così concentrate sul cane fermo che trascurano di vedere cosa accade intorno e dietro di loro, e così per giungere a tiro è sufficiente fare un largo semicerchio (60/80 metri) intorno al cane e poi avvicinarsi a lui in modo da "stringere" le starne tra il cane e il cacciatore che si avvicina, obbligandole ad improvvisare una difesa diversa da quella loro congeniale.

In sostanza quello che intendo è che andare a "servire " il cane non è un semplice avvicinamento per la via più breve, ma richiede una speciale "tecnica venatoria" che ha le sue regole: occorre evitare andature veloci, tenere in conto le caratteristiche dell'ambiente, la consistenza della vegetazione, il vento, il presumibile stato di allarme o di quiete del selvatico.

Comincio dall'andatura: tutti i cacciatori sanno che i selvatici si lasciano avvicinare senza timore dagli uomini di campagna, dai contadini, dai pecorai, dai fungaioli, tutta gente che cammina lentamente a passi scanditi e che ha imparato a non temere, mentre si invola lontano dal cacciatore che riconosce dal passo energico e dalla velocità dell'andatura di avvicinamento al cane.

Per quanto riguarda il vento, di regola l'animale affida la salvezza alla velocità del volo, che è maggiore con il vento in coda, e tenendo conto di ciò il cacciatore può con una certa approssimazione prevedere la direzione della fuga.

Questi accorgimenti sono ignoti a chi ha praticato la caccia alle starne (quando ancora c'erano in Italia) perchè allora bastava solo avvicinarsi al cane fermo per sparare.
    
Ricordo loro che in quei tempi lontani l'ambiente faunistico era totalmente diverso, l'agricoltura si avvaleva di lavoro umano o animale, i cicli agrari (che lasciavano periodici terreni incolti) coincidevano con quelli riproduttivi dei selvatici; esistevano siepi, stoppie alte, l'antropizzazione del terreno era all'inizio e quindi i selvatici potevano ancora disporre di un ambiente che assicurava loro protezione e alimentazione e le loro tecniche difensive erano adeguate a quel tipo di ambiente.

Con l'avvento dell'agricoltura intensiva (arature precoci, sovvertimenti dei cicli agrari, fertilizzanti e antiparassitari chimici che hanno portato poi all'estinzione delle starne) anche il comportamento difensivo dei selvatici si è adeguato al nuovo ambiente che non assicura più protezione, e la difesa più efficace è divenuta l'involo a distanza di sicurezza (con una modificazione comportamentale che ormai è divenuta genetica).

Concludendo, poichè nulla avviene per caso, le modificazioni dell'ambiente comportano una correlativa modificazione del comportamento della selvaggina, e per conseguenza anche il cacciatore deve modificare la sua tecnica venatoria.

Roma, 8 febbraio 2017

Enrico Fenoaltea

Tags:

Tuo Nome:
Titolo:
Commento:


162.158.78.232
Aggiungi un commento  Annulla 

Cerca nel Blog
Lista dei Blog